In attesa del complotto prussiano dietro il crac di Banca Etruria, godiamoci il pragmatismo comasco

Di Mauro Bottarelli , il - 65 commenti


C’è poco da fare, il 4 dicembre non porta bene a Matteo Renzi e Maria Elena Boschi. Nel giorno che sanciva il primo anniversario dalla clamorosa sconfitta nel referendum istituzionale, quella che avrebbe dovuto sancire la fine della carriera politica dei due esponenti PD, un nuovo scandalo legato al caso Banca Etruria arriva a turbare la rinnovata serenità che si era instaurata sull’argomento nel partito di maggioranza relativa del Paese. Dopo l’audizione in Commissione d’inchiesta sul sistema bancario del procuratore di Arezzo, Roberto Rossi, infatti, il segretario PD era ringiovanito di vent’anni e dimagrito di dieci chili: a detta dell’ex consulente di Palazzo Chigi, alla faccia del conflitto d’interessi, la colpa dell’accaduto nella picoola banca toscana erano pressoché interamente di Bankitalia.

Evvai! Renzi, con l’aplomb britannico che lo contraddistingue, aveva cominciato una serie di sketch celebrativi, di fatto augurando incubi a go-go a Ignazio Visco, gridando che il problema di Etruria non era il PD e accennando il tipico festeggiamento dell’elicottero con il pisello, antica pratica rituale di Rignano sull’Arno: la vendetta su Bankitalia era servita, ora erano tutti cazzi di Visco a gestire la patata bollente. Nemmeno una settimana e tutto è finito: non solo il procuratore di Arezzo si vede costretto a scrivere la letterina di chiarimento a Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione d’inchiesta, rispetto lo status di indagato – per la seconda volta – del padre della Boschi, rivelato da uno scoop del quotidiano “La verità” ma la stessa Maria Elena Boschi, a sfregio del ridicolo, dopo 7 mesi annuncia querela contro Ferruccio De Bortoli per aver svelato – per ora, ancora presunto – famoso incontro fra l’allora sottosegretaria e Federico Ghizzoni, presidente di Unicredit. Querela civile, visto che i tempi per quella penale, la Boschi li aveva fatti magicamente scadere, senza intentare la causa. Insomma, navigano a vista. Nella merda.

Ma tranquilli, alla fine ci penserà il tempo a mettere più o meno a posto le cose. Già, perché casualmente la Commissione d’inchiesta ha stilato il suo crono-programma per gli ultimi dieci giorni di lavoro – che riprenderanno oggi, ieri si sono riposati, alla faccia della corsa contro il tempo – e, casualmente, l’audizione di Ghizzoni non è prevista. Verrà sentito Ignazio Visco, verrà sentito Vegas, verrà sentito Padoan: ma non Ghizzoni. E come ci mostra il titolo nel boxino riquadrato sotto il titolo di apertura de “La Stampa” di oggi,

è proprio il vice-presidente della Commissione, il piddino Mauro Maria Marino, a esortare l’universo mondo a non rompere più i coglioni sull’argomento: basta audizioni su Etruria. Insomma, quello che sembrava un incubo scampato, è uscito dalla finestra per rientrare trionfalmente dalla porta. Portando con sè, però, un piacevole effetto collaterale: da qualche ore, Pinotti permettendo, l’allarme fascista è sparito dalle prime pagine. La Prussia nonè più una priorità. Nessun tweet sdegnato. Nessuna chiamata alla resistenza. Anzi sì, una c’è: la manifestazione prevista sabato a Como, su proposta di Walter Veltroni, come reazione al blitz skinheads nella sede dell’associazione pro-migranti. Le sirene romane parlano di adesioni di massa, stile sfilata di Martin Luther King per i diritti civili in Alabama ma la verità è un’altra, debitamente nascosta da tutti i grandi media, fatta eccezione per “L’Espresso”. Eccola,

in tutto il suo plastico pragmatismo lariana. Ovvero, andate cagare voi e la vostra manifestazione, il prossimo weekend è il primo di vero shopping natalizio e se sfilate per la città ci rompete soltanto i coglioni. Parola di Confesercenti di Como, nota associazione neo-nazista, uscita finalmente allo scoperto riguardo le proprie finalità statutarie: riportare il fascismo sul Lario, attraverso vili atti di boicottaggio del rito laico veltroniano. Viene da ridere ma ci sarebbero da piangere. Non tanto per l’allarmismo in atto, ormai talmente ridicolo e parossistico da essersi ridimensionato da solo ma per il fatto che se nella ricca Lombardia e nella ancora più ricca Como, più Svizzera che Italia, gli esercenti sono terrorizzati dal perdere un singolo giorno di vendite, fossero anche quelle natalizie, vuol dire che non è la narrativa dell’allarme neofascista ad andare a puttane ma quella, ben più seria (anche a livello elettorale) della famosa “ripresa economica” spacciata a piene mani dallo stesso governo che chiede l’intervento dell’ONU per due teste rasate e un volantino dal testo scombiccherato.

Certo, le anime belle e impegnate, tacceranno immediatamente gli esercenti comaschi di insensibilità, citeranno Bertolt Brecht e la parabola dell’indifferenza di fronte all’ascesa nazista, scomoderanno gli anatemi d’antan contro la borghesia cieca e ottusa che garantì l’ascesa di Mussolini in nome del quieto vivere, manderanno inviati fuori dalle chiese e dai caffè per cogliere la natura intimamente e ontologicamente ottusa, razzista e retrograda della provincia del Nord, tanto opulenta quanto umanamente e culturalmente deteriore. Faranno di tutto per nascondere la realtà. Ma il tappeto, ormai, non ce la fa più a nascondere la merda che è stata ramazzata sotto per mesi. Il Re è nudo, piaccia o meno.

Perché è facile prendersela con l’indifferenza piccolo borghese del bottegaio comasco, piuttosto che fare i conti con i propri fallimenti politici. In economia, nel campo della gestione dell’immigrazione, in quello strettamente correlato dell’insicurezza sociale. Vedrete se mi sbaglio: già mi sto pregustando la scomunica urbi et orbi di Corrado Formigli a “Piazza Pulita” giovedì sera, già sto leggendo gli strali via Twitter di Enrico Mentana, già sento nelle orecchie Gad Lerner e il suo odio di classe in cachemire e tweed. Ma tranquilli, sono solo rantoli. Di fronte alla realtà onesta e pragmatica di chi tutti i giorni deve fare i conti con la saracinesca da alzare e abbassare, con le tasse da pagare, con i fornitori, gli stipendi dei dipendenti e le tasche vuote dei clienti potenziali, l’armamentario ideologico dell’intellighentzia di sinistra può poco. Possono scomodare tutti gli ideali del mondo, la gente ha bisogno di andare a fare la spesa per mangiare e di pagare affitto e bollette per vivere.

E ho la quasi certezza che, dopo aver presentato alla cassiera la Fidaty Card, non si sufficiente citare Nelson Mandela per poter uscire con il carrello pieno senza pagare. Chissà, magari nei prossimi giorni salterà fuori su “La Repubblica” un demoniaco complotto prussiano su Banca Etruria o un piano destabilizzante di skinheads della Val di Non per taroccare i dati dl PIL, sfruttando tecnologia hacker russa messa a disposizione da un intermediario neonazista di Codroipo con simpatie leghiste. Quasi certamente, la manifestazione di sabato a Como verrà dipinta come la marcia dei quarantamila della FIAT, un evento spartiacque nella storia contemporanea del Paese e Walter Veltroni verrà incoronato leader della nuova resistenza, con tanto di intitolazione di una piazza e battesimo laico con nome di battaglia, tipo “Fulmine del VHS”. Ma la realtà è un’altra ed è testarda. E sta tutta nel pragmatismo del comunicato della Confesercenti di Como: lasciateci lavorare in pace, che qui c’è gente che deve mantenere la famiglia. Altro che fascismo. E poi si chiedono perché a ogni tornata elettorale prendono gli schiaffi.

Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Gianox
  • Massimo

    circo piddino

  • Albert Nextein

    I comaschi dovrebbero disertare in massa le elezioni politiche.
    Fintanto che si affidano ai partiti, per poi lamentarsi del loro operato , saranno sudditi compartecipi della loro vessazione.

    • Goffry

      Il sindaco di Como è di Forza Italia (con coalizione Lega e FdI), mentre il vicesindaco è una leghista pura. Avevano già avuto le idee chiare (vabbé, col 36% di affluenza al ballottaggio).

    • marcus_cn

      Ancora con questa storia del disertare le urne???!?!? BISOGNA ANDARE A VOTARE E BISOGNA VOTARE ALTRO. A disertare le urne gli si fa sono un favore.

      • Goffry

        Esatto.

      • hurom

        ancora con sta solfa… la nave è marcia e deve essere abbandonata e lasciata colare a picco. col vostro patetico voto con il sistema elettorale perverso che vi viene imposto continuate a dare ossigeno allo zombie decomposto.
        astensione= delegittimazione. QUESTO SISTEMA ITALIA NON MI RAPPRESENTA, NON LO RICONOSCO E NON PARTECIPO AI SUOI RITUALI.

        • Apartitico

          L’astensione e’ una cazzata. Poi il sistema dira’ che sei andato al mare o che non ti interessa decidere. Si deve invece andare a votare e scrivere quanto hai scritto sopra a caratteri cubitali sulla scheda.
          Un bel vaffanculo o il disegno di un pene vanno bene uguali.
          Guai invece a lasciarla bianca, perche’ poi bianca non ci rimane.

      • maboba

        Bravo!

    • Francesco Talarico

      IMPORTANTE: se non si intende votare si vada ad ANNULLARE LA SCHEDA

    • Covpepe

      Tranquillo, tanto ci sarà sempre un sinistronzo che voterà per te.

  • Goffry

    L’avevo detto qualche giorno fa che lo show quotidiano delle puttanate e della macchina del fango era iniziato, e infatti mi sto godendo lo spettacolo con birra & popcorn. Il PD è davvero una macchietta degna dei film di Lino Banfi.

  • Francesco Talarico

    Vorrei girare queste piccole perle di verità a più persone possibile ma NESSUNO ha tempo e anche se ne avesse – letto l’articolo – risponderebbe: “non ti riconosco più, sei diventato un fascista!”.

    • Goffry

      Hai ragione, perché è questo il tipico lavaggio del cervello che è stato fatto negli ultimi 25 anni. Abolire il concetto di nazione, cultura, patria, scuola e soprattutto di pena e giustizia.

    • hurom

      è esattamente quello che mi dice mio padre, ottantenne che ha perso tutto nella guerra e dunque ” di sinistra” da sempre. anche se ora si trova confuso davanti alle perle renziane, e medita il voto ai pentastellati

      • maboba

        Invece quelle di Bersani erano diamanti. Come quella del PD di Roma con Buzzi o ancora peggio quella del MPS. Sempre del partito di Bersani e D’Alema si trattava. Sono passati di peggio in male.

  • Cruciverba

    Poi mi verrebbe pura da chiedermi che cazzo centra Veltroni con Como .
    Ma si sa le zecche vanno laddove annusano sacche di sangue .
    L’altro giorno ero in grande magazzino dalle mie parti che è sempre stato un istiuzione da 30 anni circa è l’ho trovato oltre che vuoto , mal organizzato , molti spazi vuoti con molti articoli non disponibili . Alla richiesta dell’articolo risposte del personale sempre uguali : deve arrivare .
    Quoto 10 a 1 che il grande magazzino chiuderà o venderà ( se trova qualche pazzo disposto a comprare ) nel 2018 .
    E questi sinistrati mentali pensano che i problemi siano i nazisti e i fascisti ?
    Spero che la gente si ricordi chi ci ha portato in miseria con la balla dell’Euro ( il Mortadella ancora se la ride ) . Hanno fatto piu’ danni ( e morti ) loro che un bombardamento a tappeto con bombe a grappolo . Altro che teste rasate e nazisti …

    • Goffry

      Non a caso, sulla stampa mainstream i vari Mortadella, Amato, Monti, fu Ciampi e compagnia cantante sono osannati come grandi soloni.

      • aiccor

        sogno un tribunale ad hoc, una Norimberga, per i traditori qui sopra…

        • rossana

          Anche no, ché i tribunali che contano sono già quelli dei numeri. Numero di negozi chiusi, numero dei disoccupati, numero dei non-pensionati Fornero&Co, numero dei tagli alla sanità pubblica che costringono i poveri a non curarsi, numero delle famiglie impiccate dai debiti che non riescono a pagare, numero dei poveri in costante aumento e abilmente occultati da statistiche farlocche, numero dei suicidi della disperazione di cui le cronache non danno più notizia per non turbare il racconto di una realtà che è sotto gli occhi di chiunque gli occhi li voglia aprire.
          Pedate e ad asfaltare strade a vita, se mai a ripiantare gli alberi tagliati per far posto (ancora) a sempre nuovi centri commerciali che toglono il pane di bocca ai negozi di quartiere per assumere gente pagata a ricatto e da fame certa a vita.
          No, niente tribunali.
          La giustizia sociale non è cosa che possa decidere un tribunale costretto a sentenziare in base a leggi fatte da chi ha tutto l’interesse a rimanere criminale impunito…

        • Il ‘lampionismo’ non ha bisogno di tribunali e processi, se ho capito bene, il nostro commentatore con l’avatar di Bakunin (@Consulentedeinuovischiavi) ci deluciderà.

          Aderite in molti al lampionismo!

    • maboba
  • Gianox

    E tutti a parlare di pericolo nero, quando è risaputo che l’ideologia che ha causato storicamente più morti è il comunismo e che le peggiori atrocità degli anni della seconda guerra mondiale sono state commesse dai cosiddetti liberatori…

    • maggioranza_silenziosa

      E’ vero, il baffetto non va oltre la medaglia di bronzo.
      https://www.darlin.it/wp-content/uploads/2014/03/tumblr_mclm5napY91rd0f8xo1_1280.jpg

      • paolinks

        Chissà a quanto arriverebbe l’impero americano se non fosse lui a scrivere la storia…

        • Gianox

          Iniziamo ad aggiungere al conteggio dagli ottocentomila al milione di prigionieri tedeschi uccisi da Eisenhower a seconda guerra mondiale già conclusa, in quelli che erano diventati veri e propri campi di sterminio, e non di prigionia, visto che a centinaia di migliaia di tedesch ivi rinchiusi, non solo soldati ma anche civili, furono deliberatamente negati cibo, medicinali, acqua e un tetto sotto cui ripararsi, dato che l’intento per nulla malcelato di Eisenhower era di sterminarne il più possibile.
          Ah, il segretario al Tesoro di quegli anni era Morgenthau, di chiara origine ebraica, autore di quel famigerato piano Morgenthau che aveva lo scopo di impedire la rinascita industriale della Germania.
          Evidentemente il piano Morgenthau contemplava per la propria riuscita anche l’uccisione di qualche milione di innocenti tedeschi.
          Poi ci parlano di Auschwitz…

          • Ronf Ronf

            Ma magari il piano Morgenthau fosse stato eseguito! Invece con il “buonismo” dell’Amministrazione Truman (Dem, 1945-1952) cosa si è fatto? Si è consentito alla Germania di diventare in 7 decenni il nemico numero 1 degli USA e dei suoi alleati (tra cui l’Italia); infatti si doveva radere al suolo tutta l’industria tedesca (Churchill l’aveva detto…) che oggi sta distruggendo l’industria italiana, concentrati su questo invece che su cose accadute 7 decenni fa. Gli italiani finiranno in miseria a causa dell’Euro e della Germania… e tu perdi tempo con queste cose vecchie?

          • Gianox

            Ronf ronf, oggi è il tuo giorno fortunato.
            Inspiegabilmente anche per me, sono riuscito a contenermi.
            Eh sì, perché la tentazione di mandarti a quel paese era veramente forte, tanto mi hai fatto incazzare.
            Prima di tutto ritengo quello che hai scritto sopra così vergognoso che non sto neanche a ribattere nel merito.
            Ma soprattutto, quante volte ti ho già detto che non mi devi stuzzicare su questo genere di argomenti? Non voglio essere offensivo, anche perché alla fine mi stai simpatico, ma fondamentalmente quello che scrivi su questo genere di argomenti non solo non mi interessa affatto, ma lo ritengo – per utilizzare un’espressione cara a Fantozzi – una cagata pazzesca!
            Non che sia un problema che tu abbia opinioni che io non condivido, ma se ti ho già fatto presente – non so, 15 volte? – che queste sono per l’appunto opinioni che non condivido, perché devi insistere nel ripetermi queste solite cose che, come ti scrivevo sopra, reputo fondamentalmente una cagata pazzesca?
            Se io dico ad una persona che su un determinato argomento non sono d’accordo con lei, mi aspetto che questa persona intenda che su questo determinato argomento non sia d’accordo con lei. Soprattutto se glielo ripeto per 15 volte.
            Invece tu hai la pretesa di convincermi di aver ragione tu.
            E non mi è stato sufficiente dirtelo già 15 volte che sui tedeschi e sulla seconda guerra mondiale non c’è verso che io possa arrivare a pensarla come te.
            Potrai scrivere fiumi di parole, ma io continuerò a non pensarla come te, almeno su questo genere di argomenti.
            Ma il problema è un altro. Il problema è che non posso scrivere una sedicesima, e poi una diciassettesima, e poi una diciottesima, e poi ancora una diciannovesima e magari ancora una ventesima volta, e via discorrendo, che su questi argomenti non c’è verso che io vada d’accordo con te.
            Perché alla fine mi sembra di essere preso in giro. E la cosa mi fa incazzare.
            Mi auguro veramente di non arrivare al punto di dirti per la 16esima volta quanto ho appena scritto.
            Perché la prossima volta non mi sforzerò di contenermi, ma ti manderò direttamente e con fare poco cortese a quel paese.
            Come si suol dire, uomo avvisato mezzo salvato.

          • Ronf Ronf

            Riformulo meglio cosa intendevo dire io: certamente è stato un gravissimo errore (anzi, un gravissimo crimine) uccidere tutte le persone da te citate. Infatti io mi sarei limitato all’altra parte del Piano Morgenthau che l’Amministrazione Truman però NON ha applicato, ovvero la de-industrializzazione forzata dei tedeschi e la trasformazione della Germania in un paese agricolo di tipo non industriale. In questo modo ci sarebbe stata la pace in Europa e i tedeschi non avrebbero potuto rialzare la testa (e, a dirla tutta, la de-industrializzazione andava già fatta nel 1919 al posto di tutti i pagamenti per i danni di guerra. Infatti i francesi volevano che la Germania o venisse divisa negli Stati preunitari perchè così non ci sarebbero state più guerre tra la Francia e la Germania oppure che la Germania unita venisse definitivamente de-industrializzata: gli USA con il Democratico Wilson però dissero alla Francia che bastava fare i trattati per imporre alla Germania di pagare i danni di guerra e in pochi anni tutto si sarebbe risolto anche lasciando la Germania unita e soprattutto industrializzata… De Gaulle in seguito disse, a proposito della vicenda del 1919, che gli USA avevano complottato contro la Francia tramite gli UK, che non avevano sostenuto la Francia contro il delirio di Wilson, e la Germania, che per colpa di Wilson non era stata de-industrializzata e divisa negli Stati pre-unitari)

          • Gianox

            Ronf ronf, te lo ripeto – e siamo a 16 – ancora una volta: queste non sono cose di cui voglio discutere con te.
            Non so più cosa fare per fartelo capire; non li sto neanche più a leggere, i tuoi commenti.
            E sai perché?
            Perché me l’hai già detto un’infinità di volte qual è il tuo punto di vista, e per altrettante volte ti ho risposto che il tuo punto di vista è completamente diverso dal mio.
            Che il tuo punto di vista sia diverso dal mio non è un problema; è lecito che tu abbia il tuo punto di vista ed io il mio.
            Ma siccome sono punti di vista inconciliabili, è solo fatica sprecata parlarne tra di noi e mi irrita profondamente il fatto che tu ti ostini a pensare di potermi portare sulle tue posizioni, quando già ti ho già fatto chiaramente intendere che non sarà mai così.
            Ti comporti come quegli operatori di call center che ti telefonano a casa ad ogni ora per proporti una qualche offerta promozionale. Tu rispondi loro gentilmente di no, che non ti interessa, che ti lascino in pace, ma questi il giorno dopo imperterriti ti richiamano, ti richiamano e ti richiamano, finché tu non ne puoi più, sbotti e li mandi a quel paese, quando hai sempre cercato di rispondere con rispetto e cortesia.

        • maggioranza_silenziosa

          Vediamo:
          sterminio dei nativi americani, desaparecidos e squadroni della morte in centro e sud america negli anni ’70, guerra all’Iraq nel 2003, vari colpi di stato in giro per il mondo più naturalmente i morti indiretti derivanti dall’esportazione del loro modo di mangiare (Mc Donald + Coke)…
          si, sicuramente entrerebbero nella hit parade.

          • Goffry

            Mettici pure le bombe gratuite a Hiroshima e Nagasaki e la pessima guerra in Vietnam.

          • maggioranza_silenziosa

            ‘azzarola..: mi ero dimenticato il Vietnam!

          • paolo

            proprio gratuite (penso ti riferissi al senso di inutili) non lo sono state

          • Goffry

            Il Giappone, già nel giugno 1945, era praticamente in ginocchio e senza alcuna speranza.

          • paolo

            l’utilità pratica nasce dal fatto che gli yankess da qualche parte dovevano pur testarla (la bomba) e quella morale che l’attacco di Pearl Harbor doveva essere vendicato e, è noto, gli yankees non fanno prigionieri (chiedere a hitler, mussolini, saddam, gheddafi, osama bin laden ecc)

          • Goffry

            Diciamo che dovevano mostrare – come sempre – i muscoli ai russi e al resto del mondo… la guerra nipponica si sarebbe conclusa senza quelle bombe ai primi di settembre al massimo…

          • Mela

            Quello di Maya, Inca e Aztechi è stato un genocidio bello e buono, nel giro di pochi anni sono stati sistematicamente sterminati più di 100 milioni di individui.

          • Goffry

            Mica sono stati gli Stati Uniti d’Amerigga però…. 🙂

          • Mela

            Sempre in America però… Gli USA possono vantare i quasi 20 milioni di indiani sterminati

          • Goffry

            Vabbé… non facciamo però confusione con la Spagna del 1500…

  • Noel

    basta parlare di cose superficiali!…a proposito chi ha vinto il GF VIP?

    • Ronf Ronf

      Daniele Bossari (ex conduttore di Top of the Pops – su Wikipedia potete leggere tutta la biografia di lui e soprattutto la classifica intera del reality).

      Comunque, 2 cose le dobbiamo dire: è stato un miracolo che la Yespica sia arrivata in finale e per fortuna le femministe non l’hanno insultata (mi sa che anche loro sono rimaste colpite https://www.grandefratello.mediaset.it/video/preparativi-per-la-finale_7090.shtml dalla sua fisicità)

      • Noel

        wow…che popolo che siamo noi!

  • paolosenzabandiere

    Deh Matteino,
    amor mio genuino,
    nel nostro procelloso navigare
    cerca con meco un poco ragionare.
    Che strano mare è questo
    dove lo iodio sembra sparito lesto,
    e in questo triste ondeggiare
    si sento solo tanto tanfo primeggiare?
    Forse il mitico oceano di merda
    riservato a colui che tutto perda?

  • You are entitled to nothing

    A me fa più Paura L apertura dei grulloni a grasso !!! E’ la fine anticipata ma forse meglio così hanno gettato la maschera quei 4 ignoranti boni da ninte !

    • deadkennedy

      ma li hai visti? ma li hai senti parlare? sono paraculi senz’arte ne parte alla ricerca di un posto fisso….. pontificano sul niente e non possono offrire nulla di concreto….non hanno nemmeno un costrutto ideologico alle spalle… sono la plastica rappresentazione dell’analfabetismo funzionale prodotto dalla società italiana negli ultimi 20 anni

  • biafra66

    http://www.wikimafia.it/wiki/index.php?title=Mafia_a_Como
    ….naturalmente i cialtroni non manifestano per questo eh?…no, contro i “fascisti”(il trapassato remoto)e per i negri(il presente pesante)
    Siete un paese di merda.

  • Alex

    Due pdm che prima o poi scompariranno dalla faccia della terra. Non vedo l’ora di vederli fuori dai coglioni sti due pagliacci (senza offesa per i pagliacci)

  • Gianox

    E comunque, dopo il carabiniere italiano che espone una bandiera del Secondo Reich tedesco, io voglio un poliziotto tedesco che espone la bandiera di uno Stato preunitario italiano. Va bene tutto, la bandiera del Regno delle Due Sicilie, il leone di San Marco, il vessillo del Granducato di Toscana…

  • Caio Giulio

    E intanto il loro miserabile bonus bebè già è andato a puttane: chissà perchè?
    http://www.ilmessaggero.it/pay/edicola/bonus_bebe_al_palo_soglia_troppo_bassa_poche_le_richieste-3408336.html

  • paolo

    la gente ha bisogno di lavorare per andare a fare la spesa per mangiare e di pagare affitto e bollette per vivere, e soprattutto recuperare risorse x pagare le tasse (+ alte del mondo) non tanto per ricevere servizi all’altezza dell’esborso quanto per mantenere una miriade di parassiti e zecche (autoctoni e di importazione)

  • hurom

    “Chissà, magari nei prossimi giorni salterà fuori su “La Repubblica” un demoniaco complotto prussiano su Banca Etruria o un piano destabilizzante di skinheads della Val di Non per taroccare i dati dl PIL, sfruttando tecnologia hacker russa messa a disposizione da un intermediario neonazista di Codroipo con simpatie leghiste.”
    ….. il botta al suo best :DD

  • marcoferro

    la ripresa c’è lo ha detto poco fa il tg1. ha detto che la ripresa esiste, etc….per poi dire più avanti nel servizio che i calcoli si basano su previsioni ah ah , ma questi stanno fuori, fanno una propaganda indecente ormai ..

    • Sergio Andreani

      Hanno imparato da Mario Platero di Radio24.

      • marcoferro

        credo che ormai ci indovinano di più se guardassero nella palla di vetro….

    • Davide

      Il mago Otelma farebbe meglio.

  • Fabrizio de Paoli

    L’ipotesi complottista più attendibile è questa:

    Veltroni voleva organizzare una manifestazione con partecipanti a pagamento, metà dei quali già regolarmente assunti nella guardia di finanza, l’altra metà avevano il compito di entrare nei negozi, comprare delle caramelle, imboscare lo scontrino e con la complicità dei finanzieri in borghese denunciare il negoziante in modo da rinvigorire le casse dei parassiti (eh dai ragazzi, è Natale anche per loro no?…).

    Han fatto bene a mandarli affanculo!

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.