“Ci sono infermiere che hanno paura di essere ricoverate, sanno di rischiare l’eutanasia”

Di Maurizio Blondet , il - 248 commenti

Ai tempi del referendum sul divorzio (io feci lo scrutatore, ero contro), l’argomento di chi era a favore fu: ma per voi cattolici, che credete  al matrimonio indissolubile, non cambia nulla! Mica vi vien tolta la libertà di  contrarre matrimonio sacramentale  – siete voi invece che volete   togliere la libertà ai laici.

Era una  menzogna.   L’esistenza della legge sul divorzio  ha “promosso” il  divorzio stesso, l’ha moltiplicato ,  ha   fatto scadere il matrimonio con le  conseguenze che vediamo oggi: denatalità ,  mariti   che  vivono in  miseria –  il danno sui figli è  immedicabile, la devastazione del tessuto sociale ha raggiunto un punto di non ritorno. Dopo decenni di matrimoni che finiscono in 4-5 anni, il matrimonio  stesso  ormai è pochissimo praticato.   Io stesso sono un divorziato, non risposato, senza figli; dei miei amici più giovani, quaranta-cinquantenni,  uomini e donne, sono non sposati e senza figli  –  senza pensarci troppo ne posso contare già cinque.  E  sono cattolici.   Grandi solitudini più o meno coraggiosamente affrontate, ma il deserto che cresce in questa società è evidente.

Quando ci fu il referendum sull’aborto, ci fecero lo stesso discorso:  nessuno vi obbliga ad abortire, voi bigotti reazionario  legati a tabù superstiziosi;  è che voi non godete, e volete impedire agli altri di godere – della libertà sessuale testé conquistata dalle donne  (una militante radicale, dopo un dibattito,  cercò di farmi ragionare: “Potresti averne bisogno anche tu…”, mi sussurrò).  Del resto,  la legalizzazione riguarderà solo casi estremi..

Altra   menzogna. Ci mancano sei milioni di italiani,   che  stanno rimpiazzando centinaia di migliaia di clandestini stranieri non integrabili nella nostra “cultura” (quale cultura,ormai, del resto? Quella che era la nostra,  era cristiana, l’abbiamo rigettata).  Le devastazioni intime che ha prodotto nelle donne  sono incalcolabili e incalcolate. Accenno solo al fatto che per le ragazze che cessano di   custodire la propria verginità (anzi, sono soggette ad una pressione sociale contraria:  “Dàlla,  sii libera!”),  la possibilità di porre termine a gravidanze indesiderate con contraccezione ed aborto le rende più soggette ai desideri e prepotenze dei maschi.  La “liberazione sessuale della donna” è una liberazione sessuale del maschietto, in realtà –  ed in misura crescente,  fa della donna una “schiava sessuale”, più o  meno consenziente  – per paura della solitudine, sempre più spesso, negli strati sociali bassi, per conformismo (la famosa pressione sociale a non resistere…).  Sulla devastazione morale e spirituale, che ha sporcato e reso derisori fedeltà, lealtà, fiducia, amore,  cavalleria e nobile rispetto, si potrebbero scrivere volumi.

Il numero di aborti legali è calato sì, nei decenni:  nel 1983, erano pari a 233.976;  nel 2014 sono scesi  sotto i centomila (97.535)  nel 2015 sono stati 87.639.  L’internazionale femminista ha spinto l’ONU a “censurare l’Italia:  da noi troppi medici obiettori”.  Nessuno che abbia obiettato  che il calo è in relazione all’invecchiamento generale della popolazione. Le donne   sopra i 35 anni, anche “sessualmente liberate”, non hanno più tanto bisogno di abortire.  Al grido di “Aborto diritto negato!” (così i titoli di La Stampa e Repubblica) quel che   volevano,  in realtà, era cominciare a negare il diritto all’obiezione di coscienza  dei medici : una violazione rivoltante di un diritto molto più fondamentale del “diritto all’aborto”, la coscienza morale individuale non viene più ritenuta insindacabile. Si potrà essere obbligati a farsi  omicidi.

Adesso  infatti, ci si è arrivati con queste legge  sull’eutanasia.  Abbiamo sentito proporre per la terza volta gli stessi argomenti: volete imporre a chi non crede le sofferenze inenarrabili, avete visto il Dj Fabo che ha dovuto andare a morire in Svizzera! Caso pietosissimo, e voi, cuori di pietra. Del resto,  potete scrivere sul vostro bio-testamento che non volete che si allevino le vostre sofferenze. Del  resto, si praticherà solo nei casi estremi…Sì, vero? Abbiate la pazienza di guardare questo video. In paesi dove l’eutanasia è legale, Belgio e Olanda, ci sono inferniere che   dicono: non so dove mi farà ricoverare quando sarò malata io  ho paura, non mi fido … ho visto eutanasie illegali.

Concludo postando  laconclusione di un lettore:

Ciò che mi fa schifo non è tanto la “legalizzazione della morte” in sé…  Ciò che noto è che nessuno pensa più al diritto a una vita dignitosa: nessuna pietà per i suicidi e i fallimenti causati da tasse, banche, Europa. Nessun aiuto ai terremotati, nessun sostegno ai giovani senza lavoro e che non possono mettere su famiglia. Insomma, secondo Bonino & Co. l’unico diritto fondamentale è quello di levarsi dalle palle, possibilmente senza sporcare il tappeto. La nostra è una cultura che sotto il pretesto del laicismo, dei diritti fondamentali e così via, pratica in realtà una sistematica distruzione dell’individuo, della famiglia e della società. Una cultura che con una mano ti offre il diritto di morire e con l’altra ti porta via, uno dopo l’altro, tutti i diritti fondamentali può essere solo definita come una cultura della morte.

Eutanasia degli infanti. “Chi tace acconsente”

L’articolo “Ci sono infermiere che hanno paura di essere ricoverate, sanno di rischiare l’eutanasia” è tratto da Blondet & Friends, che mette a disposizione gratuitamente gli articoli di Maurizio Blondet assieme ai suoi consigli di lettura.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi