“Lo sterminio dei Romanov fu omicidio rituale”- Protesta la comunità ebraica…

Di Maurizio Blondet , il - 72 commenti

“Stiamo considerando la versione dell’omicidio rituale nel modo più serio. Ma non solo, un gruppo considerevole della commissione della Chiesa non ha alcun dubbio su questa spiegazione”. Lo ha dichiarato lunedì il vescovo Tikhoon (Skekunov), che non solo è segretario della Commissione patriarcale  che  continuagli studi sui resti della famiglia dello Zar  massacrata nel  1918, ma è anche ritenuto il consigliere spirituale di Vladimir Putin.    Ciò, durante  un  incontro   nel monastero Sretenski  di Mosca, e alla presenza del patriarca Kirill, che condivide la spiegazione. Tra i resti della famiglia massacrata,   lcuni sono identificati in modo incerto – sarebbero lo zarevic Aleksei e la sorella Maria – per iquali la Chiesa russa non ha ancora datoil permesso di sepoltira. La Chiesa ha canonizzato la  famiglia imperiale.

Gli esecutori e i mandanti della strage. Da sinistra, in alto, (Yankel Solomon) Yakov Sverdlov, Philippe Goloshchyokin (Shaya-Isay Fram Goloshchekin) and Pyotr Voykov (Pinhus Wainer). Sotto: Beloborodov Alexander Georgievich (Vaisbart Yankel Isidorovich), Konstantin Myachin (Vasily Yakovlev) and Georgy Safarov (Voldin).

Per padre Tikhon,  “il solo fatto che qualcuno abbia ucciso lo zar, anche se dopo la sua abdicazione, in questo modo e che gli assassini si siano divisi le vittime – la testimonianza di Yuroski (il capo del gruppo di bolscevichi che guidò l’esecuzione, ndr) – e che erano in molti a voler essere gli assassini dello zar, dimostra che consideravano l’omicidio come un rituale particolare”.

Immediatamente  la comunità ebraica nella Federazione russa, per bocca del rabbino Baruch Gorin, ha protestato con un comunicato all’agenzia Interfax: “Queste dichiarazioni sono un chiaro esempio di oscurantismo medievale. Una teoria del complotto antisemita”.

Il sospetto di un massacro rituale ebraico non è di oggi. Il plotone  d’esecuzione che alle 2.30 del 17 luglio 1918, nei sotterranei della casa Ipatiev a Ekaterinburg uccise lo zar, la zarina, i cinque figli, il medico di famiglia ed alcuni servitori, era composto di 12 persone –  si disse, a rappresentare le 12 tribù di Israele. I cekisti assassini (alle persone del luogo fu detto che erano “fucilieri lettoni”, ma fra loro c’era anche l’”ungherese” Imre Nagy, futuro capo del governo a Budapest. Molti parlavano tedesco o yiddish. Lasciarono sui muri simboli o segni che furono interpretati come kabbalistici. Soprattutto, l’ufficiale bianco Nikolai A. Sokolov (1882-1924) che, quando le truppe anticomuniste ripresero brevemente Ekaterinburg ai bolscevichi,  condusse la prima inchiesta,trovò sul muro, fra l’altro, una scritta in tedesco: “BelsaTZAR ward in selbiger Nacht  von seine Knechten umgebrat,  “BaldaZAR venne assassinato  dai suoi servi nella notte”:  erano versi del poeta ebreo Heine ed è una parafrasi della Torah, nel libro di Daniele, “Quella stessa notte Baldassarre re deiCaldei fu ucciso”. E’ il passo dove a re Baldassarre dei caldei viene annunciata l’imminente rovina con le parole “Mene, tekel, peres”, che il profeta ebraico interpreta così: “Mene:  YHVH ha computato il tuo regno e vi ha posto fine. Tekel: tu sei stato pesato sulla bilance e trovato scarso. Peres: il tuo regno è diviso e dato ai medi e ai persiani” (Daniele 5, 26-28).

Qualcuno degli assassini bolscevichi  aveva interessanti conoscenze  rabbiniche. Il capo del plotone d’esecuzione, Yakov Yurovskij (1878-1938) era nato Jankel Movsev,   e aveva fatto studi n sinagoga. Il suo braccio destro quella notte, Mikhail A. Medvedev, eraa probabilmente ebreo, nato Kudrin; fu lui a sparare alla testa dello zar e della  granduchessa Marija con la pistola Browning n. 389965 che egli stesso consegnò, nel 1964, prima di morire, al Museo della Rivoluzione.  L’incarico di scogliere i corpi nell’acido solforico   se lo accollò il chimico Petr Voikov, nato Pinkus Weiner; Philiph  (in realtà Isay, un diminutivo yiddish)  Isaevic Goloshchyokin, che divenne poi un pezzo grosso della rivoluzione  (si deve a lui la morte di 1-2 milioni di persone in  Kazakhstan nel 1932-33),  si vantava di conservare a testa dello Zar nel suo archicio, in un boccale pieno d’alcol. Il più alto caporione a dare l’ordine del massacro, Yakov Sverdlov, nato Jankel Solomon  nel 1885 daun ricco mercane, massone, il più feroce organizzatore del Terrore Rosso contro i contadini e i cosacchi del Don, primo capo dello stato s sovietico: per la parte che ebbe nell’eccidio dei Romanov,la città dove avvenne,Ekaterinburg, venne ribattezzata col suo nome, Sverdlovsk;   il poeta giudeo David Bergelson lo celebrerà come “orgoglio del popolo ebraico”.

 

Del resto, prima della Grande Guerra (1914-18)  a Varsavia, nei negozi ebraici, si vendeva una cartolina di auguri per lo Yom Kippur in cui si vedeva un rabbino che con la Torah in una mano e un uccello sull’altro braccio: l’uccello portava la testa coronata dello Zar Nicola. E’ l’allusione ad un sacrificio  di una gallina bianca praticato dagli ebrei più religiosi nello Yom Kippur: il fedele si fa passare la gallina sopra la testa poi la  sgozza e la dissangua, pronunciando la formula: “Questa  è una bestia sacrificale, così sia  la mia purificazione”. Un tipico sacrificio rituale di sangue,non privo di contatti psichici col voodoo.

Hanno fatto bene gli ebrei russi  a protestare. Cosa c’entrano  loro con la strage dei Romanov? Sono tutte superstizioni antisemite.

L’articolo “Lo sterminio dei Romanov fu omicidio rituale”- Protesta la comunità ebraica… è tratto da Blondet & Friends, che mette a disposizione gratuitamente gli articoli di Maurizio Blondet assieme ai suoi consigli di lettura.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • what you see is a fraud

    Quando la tribu’ o is suoi memberi sono scoperti di aver fatto qualche cosa terribile e’ sempre propaganda inventata da anti semiti ( quali ? ) o una interpretazione oscurantista . I fatti sono i fatti e anche una certa storia che i membri della tribu’ ci fanno ricordare annualmente , fu’ propgata originariamente dopo la prima guerra mondiale . http://goyimgazette.com/six-million-jewish-holocaust-myth/
    citazione ” is an important piece of the revisionist puzzle. Heddesheimer cogently documents the slew of previous attempts by Jews to disseminate deceitful and untrue atrocity propaganda before, during and after World War I. The First Holocaust features an amazing collection of press clippings and propaganda articles dating back to the late 19th century that make claims of the suffering and imminent extermination of European Jewry ”

    https://www.stormfront.org/forum/t929782/
    Zionist Mind Control and The Perpetual “Holocaust of Six Million Jews”

  • Edoxxx

    Papa Bergoglione come la penserebbe in merito?

    • Il Cercatore

      Lui si inginocchia solo davanti agli islamici…

      • Edoxxx

        Hai visto il video dove bacia le mani ai Rothshild?

        • silvia

          Vabbe’ non occorreva la prova video per capire da che parte sta 😉

        • Il Cercatore

          No, ma non ne sarei per niente sorpreso

        • maboba

          Bergoglio mi sta sugli zebedei, ma il video di cui parlate è una mistificazione clamorosa. Non ci sono né Kissinger, né gli altri due. Come si fa a costruire una falsità così smaccata?

    • ilDemiurgo

      Non pensa, il Pampero: esegue gli ordini che riceve.

  • johnny rotten

    Non ho alcuna difficoltà ad accettare la descrizione fatta da Blondet, anche se completamente all’oscuro dei fatti proposti, difficile che l’essere umano prescinda dal simbolismo, perchè simbolica è la natura del linguaggio e quindi di ogni forma comunicativa, riscontrabile ancor di più in fatti di enorme portata comunicativa come l’uccisione di uno Czar, lascio però agli esperti definire il senso del messaggio implicito.

  • Luigi Zambotti

    Presto gli ‘eletti da dio’ non avranno più bisogno di scagnozzi e rituali, ormai hanno robot.
    Israel is the first country in the world to use unmanned ground vehicles (UGVs) to not only patrol its borders but also to replace soldiers on missions, as well. The new Border Patroller model can be armed with remote-controlled weapons, reconnaissance means, and additional components that cannot be fitted on the traditional Guardium model it had been using for years prior.
    ….
    These robots can be given pre-designated routes for their patrol, making them more or less autonomous.

    http://www.zerohedge.com/sites/default/files/images/user3303/imageroot/2017/12/01/20171202_israel1.jpg

    http://www.zerohedge.com/news/2017-12-02/israel-has-built-robot-army-and-it-should-scare-sht-out-you

    • what you see is a fraud

      Dimentichi che anche i loro opponenti hanno i Robot e Hi tech .

    • deadkennedy

      sai quanti hacker russia e cina possono mettere sul terreno di guerra?

  • Albert Nextein

    Le religioni monoteiste sono mortali.

    • Il Cercatore

      La vita è mortale

      • Joe

        Uff, anch’io voglio scrivere delle frasi WOW così. Devo accumulare like ad ogni costo.

        • Il Cercatore

          Evidentemente non funziona poi così tanto, dato che non ho riscosso nemmeno il tuo apprezzamento, che poi sarebbe quello cui tengo di meno.

          • Joe

            Sbagli, io adoro le banalità. Sono così rassicuranti. Ti darei anche il mio voto, ma preferirei che forgiassi il tuo ego con altri mezzi.

          • Il Cercatore

            Dunque dalla tua risposta si evince che non comprendi neanche il sarcasmo. Non posso mica spiegarti tutto Eh!

          • Joe

            Aaah, okkey. Purtroppo i device attuali non trasmettono ancora la mimica facciale, o il tono di voce sarcastico. Cercherò di prestare maggiore attenzione, ecskusemuà.

      • Albert Nextein

        Sono un veleno mortale.

      • Paulo Paganelli

        “La vita è una malattia genetica, sessualmente trasmessa che ha come esito la morte” 🙂

  • silvia

    Considerato chi e’ il vescovo Tikhon, questa mossa della Chiesa Ortodossa non e’ affatto da sottovalutare: l’omicidio dello Zar e’ la chiave per per aprire le porte di archivi da cui si leverebbe un tanfo puzzolente e sulfureo, capace di disciogliere la maschera d’agnello che copre il grugno del lupo

    • Joe

      Non cambierebbe proprio un bel nulla, neppure di una virgola. Ok, 5 minuti di tanfo, e poi il solito nulla eterno.

      • silvia

        Le narrative sono alla base del potere: se si sfaldano crollano imperi e si rompono alleanze

  • lupodeicieli

    Non so perché facciano, se li fanno, questi sacrifici, perché compiano queste azioni : e questo vale anche per chi , sopratutto vip , attori , cantanti,politici eccetera, pare sia dedito a riti strani, satanici e similari. Tra l’altro ,appunto, non sapendo perché mi chiedo se ne vale la pena: alcuni di quei tali, presunti assassini , non è che hanno poi vissuto a lungo. Non so poi se e come siano passati nell’aldilà. Uccisi? Morti di morte naturale?

    • silvia

      Lo fanno perche’ credono, perche’ sono “pensatori religiosi”. Quindi compiono riti per ricevere “grazie”. I quadri intermedi di solito finiscono uccisi, solo gli alti gradi muoiono nel loro letto

      • lupodeicieli

        Cara Silvia, questo vorrebbe dire che questi poteri e queste grazie, esistono per davvero. Sto cercando di capire quindi abbia pazienza .

        • silvia

          Non ti proeccupare: volevo solo dire che fanno quello che fanno perche’ pensano di “modificare” la realta’ a loro favore agendo in una dimensione sopra-sensibile. questo e’ quello che pensano ‘loro”

          • lupodeicieli

            Perdonami: pensano di “modificare” o riescono anche a modificare? Se così fosse, riescono in qualche maniera a fare ciò che vogliono.

          • silvia

            Dipende da come la vedi tu: ad ogni modo no, non riescono a fare quello che vogliono, non fino in fondo e non per sempre

          • lupodeicieli

            Grazie.

          • Pirgopolinice

            Se vuoi segui su youtube le conferenze di Gianfranco Carpeoro, uno studioso massone, (non aver paura della parola massone perché lui è molto critico della piega che ha preso la massoneria negli ultimi secoli). Cerco di ricordare a braccio.
            Dopo il nomadismo (pastorizia e caccia), si sono cominciate a formare le città-stato dapprima raccoglitori e poi agricoltori, che avevano bisogno di vivere su una determinata terra. C’era bisogno di difendere la terra, di creare un esercito, una gerarchia religiosa ed una statale; insomma un potere.
            La magia nasce quando l’uomo ha bisogno del potere. L’effetto magico è una costruzione di potere e serve per far fare a qualcuno quello che il potere vuole, per far fare alla natura un percorso che il mago ha disegnato, perché con la magia si modifica la vita degli altri, il corso delle cose.
            La manipolazione è la costruzione di un effetto magico.
            Potere, guerra, religione tutte componenti magiche perché devono modificare,in base a delle conoscenze, il corso naturale degli eventi.

          • Pirgopolinice

            La fiaba inizia con : ” C’era una volta un paese che viveva sotto l’incantesimo di una strega cattiva…”
            E’ una questione di modi d’esprimersi e di interpretare.
            E’ una realtà libera quella di lavorare come somari, sempre in preda alla paura, in cambio di pezzettini di carta colorata di nessun valore, in cambio soprattutto della cosa più preziosa, il tempo, asfissiati da regole assurde…?
            Il dominio è una pratica magica.
            La città è il tipico simbolo di dominio. (Caino subito dopo aver ucciso Abele fonda una città.)
            Quando un mago disegna un cerchio (Doris :-))e si pone all’interno significa che all’interno di esso valgono le regole del mago. però COSA IMPORTANTISSIMA è il soggetto passivo che attiva il mago; senza di esso la magia non funzionerebbe. Per questo un buon mago è tanto più efficace quanto più riesce a costruire un effetto magico.
            Ecco perché in immaginari? racconti fantastici, visitatori che arrivano da altre dimensioni, osservano soltanto,senza modificare nulla della realtà terrestre per non creare un effetto magico, cioè per non creare sopraffazione ed ecco perché G.C.
            è critico verso la deriva che ha preso la massoneria, perché ha preso un percorso di potere-magia sopraffazione.
            E’ importante studiare la magia, è dannoso praticarla per sè
            e per gli altri.

          • lupodeicieli

            Grazie. Cercherò anche i video su youtube.

          • Pirgopolinice

            Di nulla, piuttosto complimenti per lo splendido nick.

    • Blondet

      Per avere un potere magico.

      • lupodeicieli

        Signor Blondet, questo quindi significa che i poteri magici esistono davvero.

        • Noel

          dipende cosa intendi per “magico”!

          • lupodeicieli

            Noel sono un asino, perché ciò che potrei intendere per magico mi viene dal cinema americano, dal mondo marvel , dai libri della de vecchi, dal giornale dei misteri. Perciò non so niente, purtroppo ma,come nel caso della vita dopo morto, vorrei sapere e capire, più che altro mi farebbe piacere che le mie convinzioni si sposassero con quello che, per davvero succederà.In ogni caso per magico non posso intendere tutto ciò che non capisco, che sfugge alle leggi fisiche che conosco.

        • alex

          Se per magico, intendi vivere 10.000 anni, ed essere evoluto come un uomo in confronto di una formica, allora è MAGICO per tanti esseri umani odierni, se invece cominci a “pensare”, si tratta di inimmaginabile (per noi) livello tecnologico,ben fisico e terreno.

    • alex

      “non è che hanno poi vissuto a lungo. Non so poi se e come siano passati nell’aldilà.”
      Semplice, non sono ancora passati in realtà, nell’aldilà e non passeranno ancora per molto tempo nostro. Tornano a scadenza sotto certe forme e volti, ma sono sempre loro.

  • Gianox

    Oh, ma tu guarda che novità?! Gli ebrei che addossano agli altri le proprie responsabilità?! Mai successo nella storia dell’umanità. Gli ebrei per definizione sono lindi e pinti.
    Potrebbero mai aver commesso omicidi rituali a favore di Lucifero?
    In realtà è solo dei tempi dell’Esodo che sono soliti adorare il vitello d’oro.
    È più forte di loro: periodicamente devono adorare il vitello d’oro tanto che ormai da secoli c’è una percentuale endemica di ebrei che preferisce il culto di baal e delle astarti a quello di YHWE.
    Non possono proprio farne a meno.
    D’altro canto che ci vuoi fare? Loro sono il popolo eletto virgola superiore a tutti gli altri.
    Quando hai questo complesso di superiorità per cui gli altri rispetto a te non sono che animali parlanti, è naturale che finisci con l’addossare agli altri le tue colpe personali.
    Tu non ha mai colpe, anche nel momento in cui sgozzi un bambino. È sempre colpa dell’altro perché l’altro è ti è inferiore.

  • Giovanni Netto

    bah!! notizie oserei dire da seghe mentali (tipo discutere sul sesso degli angeli) in un mondo che cambia al fulmicotone

    le VERE notizie (sempre date se va bene sottotraccia – se va male IGNORATE) che sconvolgeranno nel medio lungo periodo i delicatiisimi equilibri nel mediterraneo sono queste:

    https://www.controinformazione.info/laccordo-russia-egitto-cambia-la-situazione-strategica-in-medio-oriente/

    L’Accordo Russia-Egitto cambia la situazione strategica in Medio Oriente

    La Russia ha reso pubblico un accordo raggiunto con l’Egitto in base al quale sarà consentito all’aviazione militare russa di utilizzare qualsiasi base aerea all’interno del territorio egiziano e di avere libero accesso nello spazio aereo dell’Egitto.
    Questo accordo si è concretizzato soltanto 24 ore dopo che il ministro della Difesa russo, Serguei Shoigu, aveva fatto una visita ufficiale al Cairo per riunirsi con il presidente egiziano Abdul F. Al-Sisi e con il suo ministro della Difesa.

    Secondo il New York Times, la cooperazione fra Russia ed Egitto che permette ai russi di utilizzare le basi e lo spazio aereo dell’Egitto, presuppone che Mosca disporrà della maggiore presenza miltare in Egitto dal 1973, nell’epoca dei vecchi accordi con l’URSS. Questo significa che la Russia godrà in Egitto degli stessi privilegi di cui gli USA hanno usufruito per diversi anni (decenni).

    Anche il “Times” ricorda la forte relazione personale intercorrente fra Putin ed Al Sisi, segnalando che loro hanno sottoscritto un accordo per la fornitura di armi russe all’Egitto per un valore di 3.500 milioni di dollari ed appoggiano il generale Jalifa Haftar in Libia di fronte al governo di Riconciliazione Nazionale appoggiato dagli USA. Il giornale sottolinea che Mosca ha stabilito una presenza limitata nel deserto
    egiziano per appoggiare Haftar.

    Il sito segnala che l’accordo permetterà alla Russia di estendere la suainfluenza sulla Libia, sul Mar Rosso e sul Corno d’Africa e sul Mediterraneo e rivela che Mosca si appresta a realizzare una base militare navale nel Sudan.

    http://www.occhidellaguerra.it/putin-incontra-al-bashir-sudan-sempre-piu-vicino-alla-russia/
    https://it.sputniknews.com/mondo/201711255325496-base-russa-sudan-quando/

    http://www.nigrizia.it/notizia/sudan-khartoum-rafforza-i-suoi-legami-con-mosca

    • Rifle

      L’atteggiamento sostanzialmente coerente e leale della Russia nella questione siriana le fa guadagnare rispetto e alleanze in tutto il teatro del M.O.

      Viceversa l’America che ha praticato la politica imperiale del “divide et impera” senza avere la forza, l’opportunità o la volontà di arrivare fino in fondo comincia a pagare pegno.

      • Giovanni Netto

        commento sintetico, stringato MA che in due righe fa la summa nella differenza tra la politica estera PREDATORIA dei nostri padroni e quella collaborativa dei russi

        quello che mi stuisce è che a fare sti ragionamenti siamo noi poveri e umili quaqqaraquà mentre quelli della BELTWAY hanno un’ottusità siderale da solo INCOMINCIARE a pensarci.

        voto al commento: 110 con lode

        • deadkennedy

          non hanno storia…. non hanno memoria…. che vuoi pretendere? per capire chi sono e la loro puerilità vediti una puntata di serial tipo “affari di famiglia” e ti sei ampiamente e amaramente rassegnato al livello congenito di imbecillità e ipocrisia in cui è caduto l’occidente

    • Gianox

      Ti sbagli. Non è una questione da poco. È la questione per eccellenza.
      Se viene confermata l’ipotesi dell’omicidio rituale, la Russia non potrà che fare una cosa sola: rinnegare l’intero suo passato sovietico.
      Ed il passo successivo, dopo aver rinnegato il passato sovietico, sarà giudicare Israele come nemico pubblico numero uno.

      • what you see is a fraud

        citazione ” rinnegare l’intero suo passato sovietico. ” E’ cio’ che dovrebbe succedere perche’ la Russia sovietica ancora oggi ha un brutto nome specialmente nei paesi baltici e Polonia . MA a quei tempi ” i prescelti dal dio canaglia ” controllavono la Russia e uccisero milioni di cittadini . Rinnegare il passato sarebbe la logica conclusione .

      • Noel

        pure io l’ho pensata!

      • davide

        attenzione! non passato sovietico ma passato bolscevico che vogliono processare.

        • silvia

          Ottimo distinguo!

      • silvia

        E non dimentichiamo che i 6 milioni apparirono per la prima proprio alla vigilia della rivoluzione bolscevica. Se i Russi aprono gli archivi qui salta tutta la religione dell’olocausto

        • what you see is a fraud

          Incluso il fatto che Stalin ordino’ la costruzione della camera a gas di Auschwitz nel 1946 !

    • davide

      Bada Giovanni che questa è una notizia politica da non sottovalutare!
      Pensa se in Russia mettono su un bel faldone per una Norimberga sul passato bolscevico (J) e tutte le volte che il pezzente di Tel Aviv si presenta a Mosca per pretese glielo sbattono sul tavolo in bella vista.
      Altro che Wikileaks.
      Ricordati quel che diceva il fù Klausewitz: la guerra è in subordine alla politica. la guerra è uno dei mezzi della politica.

    • Caio Giulio

      Non ti sembra che stiano mettendo il bavaglino intorno a taluni?
      Così per dire, mentre si vaneggia di Gerusalemme capitale e riconoscimento, intanto si lascia fare 😉

  • Rifle

    Vedo un parallelismo tra la figura di Nicola II e Luigi XVI, due sovrani personalmente onesti ma caratterialmente deboli che hanno avuto la sfortuna di vivere in epoche di grandi rivolgimenti sociali e politici. Cambiamenti che non hanno saputo prevedere né governare.

    Hanno fatto entrambi la triste e immeritata fine dei capri espiatori.

    Uccisi per impedire alle fazioni controrivoluzionarie di usarli come bandiera.
    Sia in Francia che in Russia una larga fetta della popolazione era ancora legata emozionalmente al loro sovrano, se questi fossero stati alla teste delle armate controrivoluzionarie forse avrebbero potuto prevalere.
    I rivoluzionari sapevano questo e hanno agito di conseguenza.

    • silvia

      Luigi XVI non volle mettersi alla testa di armate contro-rivoluzionarie perche’, avendo un’alta concezione dell’autorita’ divina della monarchia, gli ripugnava l’idea di un re che spara sul suo popolo. Anche a seguito della fuga di Varennes fu sempre sospettoso delle intenzioni degli emigrati e degli altri sovrani che dicevo di voler correre in suo aiuto. Costoro cercavano appunto un “re martire’ per poter poi punire meglio la Francia e ridimensionarne il peso geopolitico.

  • Noel

    hè!…avevo detto che Blondet vedeva “oltre”…e le altre Monarchie europee???

    • silvia

      Le altre? Vendute! Borboni di Francia, Asburgo e Romanov sono stati sterminati proprio perche’ non volevano piegarsi

      • Gianox

        Più che altro, il vero Sangue blu è stato diluito attraverso tutta una serie di matrimoni combinati che hanno portato al trono quelli che non sono propriamente i legittimi discendenti degli antichi re.
        In Svezia, ad esempio, la famiglia regnante si chiama Bernadotte, e non è per nulla svedese visto che sono i discendenti di un generale francese che Napoleone mise a capo della Svezia.
        Ma il caso eclatante è ovviamente quello dei Saxo-Gotha-Coburg, che da 100 anni a questa parte si fanno chiamare Windsor. Si spacciano per inglesi ma non lo sono visto che sono tedeschi.
        Leggevo un fatto curioso pochi giorni fa.
        Recentemente il principe Harry, che probabilmente non è neanche un Windsor essendo facilmente nato da una tresca della madre con una guardia del corpo, ha annunciato il suo fidanzamento con un’attrice americana, tale Meghan Markle.
        Fatto curioso, costei da parte di madre ha sangue afroamericano nelle vene.
        E già lì la cosa mi sorprende, dal momento che i teorici della cospirazione affermano che uno dei motivi per cui la famiglia reale avrebbe voluto la morte di Lady Diana era il fatto che si accingeva, a quanto pare, a mettere al mondo un fratellastro del re musulmano, figli di Al Fayed, cosa che la regina non poteva tollerare.
        Quindi è sorprendente che Harry possa figliare con una che ha sangue afroamericano nelle vene, anche perché se succedesse qualcosa a William e ai suoi bambini, sarebbe la discendenza di Harry a salire al trono.
        Ma poi ho scoperto che la Markle a sangue blu nelle vene, ma sangue veramente blu, più di quello dei Windsor.
        Infatti Meghan Markle è la discendente di lord Hussey, un nobile inglese che fu decapitato da Enrico VIII durante una congiura tesa a ristabilire la religione cattolica come religione prevalente in Inghilterra.
        Ma soprattutto, lord Hussey era diretto discendente di Giovanni I Plantageneto, detto Giovanni senza terra, il fratello di Riccardo Cuor di Leone.
        Insomma, c’è veramente più sangue blu inglese in questa Markle che nel principe Harry.
        A questo punto ho il sospetto che questo matrimonio, che sicuramente è combinato perché c’entra il fatto che questa tipa abbia sangue dei Plantageneti nelle vene, crli un secondo fine.

        • Ronf Ronf

          Fanno i matrimoni combinati al giorno d’oggi? Cioè, il popolo bue deve sopportare le “nazi femministe” idiote mentre le elites no?!?

          • Gianox

            È così, da sempre.
            A noi, popolo bue, raccontano solo bufale e ci dicono che dobbiamo crederci.
            Invece loro fanno quello che gli pare. Ma tu pensi veramente che re Edoardo VIII fu costretto ad abdicare solo per sposare Wallis Simpson? Nessuno sano di mente abdicherebbe dal trono di Gran Bretagna solo per sposare una sciacquetta per di più neppure di primo pelo.
            È che a noi fanno credere che abdicò per amore. Ed allo stesso tempo ci dicono che i regnanti si sposano per amore.

  • marcoferro

    talmente fecero schifo nell’ammazzare la famiglia reale a sangue freddo e senza alcuna pietà, fucilarono perfino il cane di famiglia. inoltre questi cani ebraici stanno sempre a protestare come checche isteriche e a indignarsi per le stronzate tipo come la maglietta d ella roma a anna frank, ma non dicono nulla sul fatto che israhell abbia attaccato la siria bombardando una base iraniana in spregio a ogni buon senso o per l’ennesimo contadino palestinese assassinato dai coloni razzisti nasoni.

  • Caio Giulio

    Senza nessuna dietrologia, ma basta guardare i volti nelle immagini sopra per vedere l’immensa differenza tra i personaggi in questione: secondo voi chi erano i veri “eletti”?

    • silvia

      Razzista!! sostenitore del white privilege!! …e anche un po’ omofobo ; )

    • alex

      A “NASO” non saprei di sicuro, ma tentare una attenta osservazione, potrebbe rivelare molte cose.

    • Ronf Ronf

      Non ho capito cosa ci vuoi dire con questa tua frase: puoi spiegarti meglio?

  • alex

    Ecco dov’era scappato BelsaTZAR, (o i suoi sudditi) e dove Yhvh lo ha trovato attraverso i suoi protetti. Interessante, sempre le solite guerre, sempre i soliti ELOHIM.
    Vi sono pochi dubbi sulla matrice israelita/sionista.

  • Giulio Larosa

    non mi convince, La famiglia reale fu uccisa perche’ cosi’ non c’era discendenza e quindi fu un colpo di mano di alcuni che volevano dimostrare a tutti che erano i piu’ duri e puri e quindi per guadagnarsi posizioni di potere.
    A quanto pare Lenin e la dirigenza bolscevica fu presa di sorpresa e accetto’ la cosa.
    D’altra parte questo e’ stato sempre il destino di tutti i capi spodestati, anche se in un primo tempo hanno la vita salva, poi all’improvviso arriva sempre qualcuno che per fare lo svelto li fa uccidere, sapendo che se tutto va bene acquista potere e se tutto va male non rischia niente perche’ il nuovo potere non si sporca le mani per difendere l’ex re o capo di stato. C’e’ sempre un Sant Just che arriva a posteriori per fare strage.

  • Mariana Erdei

    E’ improbabile che sia vero questa sua affermazione. “I cekisti assassini (alle persone del luogo fu detto che erano “fucilieri lettoni”, ma fra loro c’era anche l’”ungherese” Imre Nagy, futuro capo del governo a Budapest.”

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.