Il problema è che un CC cerchi il senso di giustizia nel Secondo Reich. E non una bandiera da 40 euro

Di Mauro Bottarelli , il - 40 commenti


Ormai non c’è più dubbio, siamo alla patologia ossessiva. A “La Repubblica” hanno bisogno di aiuto, cure amorevoli, pilloline di tutti i colori che consentano loro un attimo di requie dal delirio antifascista in cui sono precipitati da qualche tempo, forse mal consigliati e irretiti da qualche vecchio attrezzo dell’ultrasinistra milanese con la coscienza non esattamente cristallina. Sembrano i “Ghostbusters”, girano con il loro aspira-cazzate sulla schiena e appena qualcuno grida al “fascista”, come tanti cani di Pavlov cominciano a sparare: in questo caso, non raggi in grado di catturare gli ectoplasmi. Ma minchiate. Tante. E sonore. Ecco la prima pagina di oggi,

addirittura con un appello di Walter Veltroni nel titolo di apertura, sintomo – grazie al cielo – che si sta raschiando il fondo e, quindi, a breve si cercherà un filone ossessivo diverso. Magari le scie chimiche. O l’annoso problema delle macchie di calcare nel box doccia. Oggi, poi, abbiamo la perla. Nei giorni che hanno visto il ritorno all’attenzione dei media del caso delle stupro delle due studentesse americane a Firenze da parte di due carabinieri, ecco che sempre il capoluogo toscano e i CC fanno parlare di loro per questo:

un ineffabile giornalista, con timing perfetto, mentre guardava in aria cercando ispirazione per il prossimo articolo, si è imbattuto in una bandiera “neonazista” all’interno di una caserma dell’Arma. Golpe!!!! Il tam tam è partito in un attimo, lanci di agenzia, fotografie del vessillo incriminato e, automatica, la caccia alle streghe. Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, ha immediatamente chiesto pene severissime al capo dell’Arma, quel Tullio Del Sette implicato nel caso Consip che ora si trova a gestire un’altra patata bollente.

Ora, in punta di storiografia, pene severissime per cosa? Perché potrei capire una punizione per aver appeso materiale alla parete della caserma, se questo fosse vietato dal regolamento ma la famosa bandiera “neonazista” è in realtà il vessillo del Secondo Reich, quindi qualcosa che appare vagamente forzato far passare come passibile di reato per le leggi Scelba, Mancino o anche Fiano. A meno che la Prussia non sia divenuta fuorilegge negli ultimi giorni, caso in cui chiedo scusa per la mia ignoranza. Ora, parliamoci molto chiaro. Si è scoperto che la bandiera appartiene a un militare poco più che ventenne, in servizio da poco e che accanto al simbolo degli Hohenzollern c’erano anche – a compendio della pericolosità generale del contesto – una sciarpa della Roma e un poster di Matteo Salvini che imbraccia un mitragliatore stile Rambo. E fin qui, ritengo che la bandiera del Reich sia la cosa meno grave.

Ora, non sono così fazioso o stupido da pensare che il milite in questione sia un fine germanista che passava il tempo libero fra un turno di lavoro e l’altro impegnato in dotte analisi su Bismarck, la vittoria di Koniggratz e il concetto di Sonderweg come specificità tedesca all’unità nazionale, quindi è ovvio che quella bandiera l’ha comprata come simbolo di un concetto di estrema destra. Di legge e ordine, ignorandone la vera natura e origine. Ma si sa, in tempi in cui l’informazione la garantisce un tanto al chilo “La Repubblica”, ci vuole poco a confondere croci uncinate e croci di ferro: forse al mercatino militare dove si era recato, le bandiera con la svastica o la celtica erano finite (sapete, c’è molta richiesta ultimamente) e allora si è accontentato di quella. Tanto è tedesca ed è vecchia (quella nuova la conosce, avendola vista sventolare allo stadio in occasione degli ultimi Europei): quindi, è certamente nazista. Pavolv al cubo. Di fatto, lo stesso processo di elaborazione di “La Repubblica”. Ne più, né meno.

Ora, in un guazzabuglio simile voi ci vedete gli estremi di un pericolo per le istituzioni? Ma, soprattutto, vi stupite che all’interno delle forze dell’ordine ci sia un prevalente sentimento di estrema destra? E ancora, lo scopriamo ora? Io, in tutta onestà, mi preoccupa di casi come la scuola Diaz durante il G8, quello mi inquieta. Sia per le torture e i pestaggi ma, soprattutto, per la tacita copertura dello Stato a quello scempio, bugie della polizia comprese quando piazzava le molotov e inventava accoltellamenti di agenti. Quello mi fa paura, non un ventenne che confonde Bismarck con Hitler e lo accompagna con la sciarpa della “magggica” e un poster di Salvini (un mix che nemmeno Hofmann strafatto di acidi nei suoi esperimenti).

E sapete perché? Perché nei pochi mesi o anni di servizio nell’Arma, con ogni probabilità quel ragazzo ha fermato decine di spacciatori, vagabondi, rapinatori e quant’altro la nostra società sappia offrirci come campionario di degrado e il giorno dopo li ha visti ancora liberi, per strada o al parco, che gli ridevano in faccia, grazie alle decisioni illuminate e progressiste di qualche giudice. Magari quella bandiera è la reazione impulsiva – ancorché totalmente ignorante e irricevibile nel contesto – a uno Stato che stai servendo come milite a venti anni o poco più (a casa il pane va portato e siamo tornati nella braccia dell’Esercito per farlo, Pasolini e Valle Giulia docet) e che permette questo:

è giustizia, forse? E, come vedete, per non ingenerare elucubrazioni xenofobe, ho scelto un caso che vede il carnefice di nazionalità italiana e non straniera. Lo so, in punta di diritto è tutto sacrosanto ma, altrettanto, in punta di realtà e percezione è una merda. Quei termini di querela di parte ci vuole molto ad allungarli, per crimini così odiosi? O in questo Stato malato si allungano solo quelli di prescrizione per i reati fiscali? E poi vi lamentate e gridate all’allarme di tenuta democratica delle istituzioni che un ragazzo appenda al muro una bandiera, anche se la divisa che porta dovrebbe ricondurlo a più miti consigli? Proprio sicuri che da crocifiggere sia lui? Lo chiedo al ministro Pinotti, anzitutto. E lo chiedo anche al solerte giornalista che non aveva un cazzo di meglio da fare, magari una bella inchiesta sullo spaccio o sul degrado, piuttosto che lanciarsi nella nuova pratica del “flag watching”, sicuramente meno compromettente per il potere.

Poco fa, il comando dell’Arma ha fatto sapere che sta valutando provvedimenti disciplinari per il giovane militare: va bene, se non si può appendere bandiere o poster al muro, giusto così. Ma non mischiamo anzitutto il Secondo Reich con il Terzo per criminalizzazioni un tanto al chilo e per far vendere due copie in più a “Repubblica” ma, soprattutto, non nascondiamo e confondiamo la malattia dietro un sintomo risibile come questo. Anche perché la cosa pericolosa è il germe invisibile della patologia che sta crescendo nel Paese, fra le forze dell’ordine come fra i cittadini: l’esasperazione per un letamaio di società dove delinquenti e furbi la fanno sempre franca e dove i cittadini per bene vengono massacrati da Equitalia per due multe per divieto di sosta.

Avete tanta paura di quella bandiera, che nemmeno conoscete? Si compra con 39.39 euro su Amazon e ve la consegnano in 6-10 giorni, ho controllato poco fa, mentre bevevo il caffè. E’ questo il fascismo che tanto vi spaventa? Aspettate dopo le elezioni e quando la BCE finirà di tenerci in vita artificialmente (ma non usate mai il paragone con Weimar per spiegare il timore ontologico della Bundesbank verso il rischio di iper-inflazione, con l’aria di pressapochismo storico che tira, quantomeno “La Repubblica” vi dedica un editoriale di Roberto Saviano sui rischi di deriva nazista). Solo allora saprete cos’è davvero la paura per la rabbia sociale.

Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • aq

    Peraltro per chi non e’ ignorante come il carabiniere e’ difficile pensare che non vi fosse molto piu’ onore nella Kriegsmarine o in uno zoccolo di cavallo dell’esercito tedesco di allora che nelle gerarchie attuali. E la ministra, una che non ha mai fatto il servizio militare, ma pretende di essere ministra della difesa, queste cose dovrebbe saperle o farsele spiegare. Rommel, Cadorna, i vergognosi e superficiali politici attuali e il popolo ignorante e stupido. Ecco i termini della questione.

  • kikko19

    Beh dai una volta se non eri un tarun ignorante non ti avrebbero nemmeno considerato alla selezione per diventare caramba. Adesso almeno prendono gente s’interessa di storia.

    • Picelli Seller

      “tarun”… ;))) tu sei piemontese, vero?
      Perché se no, avresti scritto “terun”

  • johnny rotten

    Mi sembra di ricordare, ma potrei anche sbagliare, che Pavlov concluse che un eccesso di imput porti ad un trend verso lo zero dell’output naturale, ovvero a forza di menarlo sempre con le stesse paranoie si finisce che non producano più quell’effetto desiderato, per dirla meglio, come suggerisce la saggezza degli antichi, a forza di gridare al lupo! al lupo! quando non è il caso, si finisce per cancellare la paura del lupo, e mi domando se non sia proprio questo che stanno cercando, ma se lo fanno solo per cercare di racimolare un pugno di voti, come il Botta suggerisce, allora significa che sono davvero troppo stupidi, e la loro stupidità verrà ripagata, un giorno non lontano, quando il lupo tanto evocato se lo troveranno sulla soglia di casa.

  • Albert Nextein

    E’ una vittoria del conformismo socialista.
    D’altronde repubblica non potrebbe far diversamente, se non altro perché il padrone è un ebreo.
    Arriveremo al punto in cui si faranno processi alle intenzioni.

    • Ale C.

      Mi sembra che questo del cc lo sia già

      • Albert Nextein

        Intendevo processo penale, in tribunale.

        • Ale C.

          Si sa che il passo e breve. Vuoi non trovare un solerte magistrato?

    • marcoferro

      creeranno la psico-polizia. oppure faranno come in quel film minority report dove ti arresteranno prima ancora di aver commesso il reato…

  • Mi fanno ribrezzo i rimestatori nel torbido, i “tempestaioli del bicchiere d’acqua”…
    Assurdo, vedo i sommari dei tiggi di regime, le rassegne stampa e i televideo con i titoloni scatolati su quella ridicola faccenda.

    Ma non ci avevano menato i coglioni (o garün in un dialetto valtellinese) sulle fake-niùs??

    C’è voglia di lampionismo…

    • Dimenticavo pure il comunicato letto dai skinhead di recente a Como… ma quando la menavano sul pericolo “nazisssta”

  • Caio Giulio

    Cazzo, complimenti al segugio che si è appostato per spiare e fotografare la finestra della stanza! Ormai queste patetiche puttanazze sono ridotte allo “sgooop” voyeuristico.
    Direi che è materia del mondo dei pazzi di Nuke, ma in questo caso dei cagnolini pazzi, compresi quei militi che adesso se la prenderanno con il giovanotto.

  • silvia

    E meno male che gli Italiani amano i soprusi….come dicono i napoletani “trica e vene pesante” cioe’ piu’ tarda ad arrivare piu’ sara’ pesante.

  • silvia

    Comunque non bisogna essere cosi faziosi e stupidi da pensare che un milite non possa interessarsi di storia…

    • enricodiba

      Vista la selezione bassa con cui in italia si danno via le divise sarei stupito, alla fine hanno ragione quelli che dicono, che non si può pagare meglio un appuntato dei carabinieri che un maestro di scuola.

  • lupodeicieli

    Magari quella bandiera è la reazione impulsiva – ancorché totalmente ignorante e irricevibile nel contesto …: Quale reazione o cosa dovrebbe fare il giovane carabiniere o chi per lui? Non ditemi di aspettare le elezioni e di stare attenti a chi si vota. Preferirei che qualcuno, da Renzi alla Meloni o Di Maio o chi volete, mi dica, spiegandosi e facendosi capire, che cosa suggerisce, che cosa c’è nel suo programma, e come lo vuole attuare: mi stuprano dopo che lui o lei sono al governo, diciamo 100 giorni dopo; io vado e denuncio, tutto per bene, con tanto di richiesta di avviso “se le indagini vengono archiviate” (così non mi illudo che stiano sempre indagando: a proposito, qualcuno sa come vengono svolte le indagini, su qualunque reato, sia furto o rapina o scomparsa e omicidio? perché si sente e si legge, le indagini sono ancora in corso ma poi non so cosa fanno, e il lavaggio del cervello lo ricevo, di norma ,dai telefilm americani): che cosa succede se il tipo o la tipa vengono presi ? me lo dicano loro.

  • Natalis

    Ieri ho casualmente aperto il sito di repubblica e le due principali notizie erano l’appello di Bergoglio a favore dei poveri perseguitati rohingya (ormai la maschera e’ caduta e si sa che e’ un agente del dipartimento di stato) ed il presunto carabiniere nazista. Ora la bandiera esposta come detto giustamente e’ quella della Kaiserliche Marine, la marina imperiale tedesca, in uso con varianti nel 1871–1918, ben prima della presa del potere di Hitler nel 1933, tutte informazioni facilmente reperibili da wikipedia. Si tratta quindi di una fake news, spero che il carabiniere adesso chieda un risarcimento miliardario a repubblica per diffamazione.

  • Anto Nella

    Rischio di ripetermi ma non posso farne a meno:la cosa che mi fa davvero incazzare non son tanto le cazzate di Repubblica(sai che novità),piuttosto il codazzo di vestali,popolino,intellettualoidi vari che si unisce scandalizzato al coro.
    Ecco io temo piú la loro ignoranza che quella, eventuale, del carabiniere.

    • Albert Nextein

      E’ il conformismo ipocrita corrente.
      Quello della vulgata catto-socialista.

  • formic

    Solo il fatto che in certi corpi presieda una ministressa, se poi sono come gianna e pinotta, dovrebbe essere la ribellione del corpo stesso!!!
    leuroPa è in decomposizione, sapevatelo.

  • Scrillo

    Il problema è un carabiniere con le idee chiare, questo è inammissibile! Un membro dello stato che dovrebbe essere assunto solo per le sue qualità intellettive ben al di sotto della media e pronto ad eseguire gli ordine delle oligarchie del nostro apparato religio-politico-giudiziario. Ora anche le forze dell’ordine hanno capito che i traditori sono quelli a montecitorio, che tutta la loro retorica antifa, altro non è che la svendita di una nazione, che di fatto non esiste più e la cui bandiera, non ha più alcun valore. Perché uno stato che organizza una invasione militare sul proprio suolo non è più uno stato, ma una cricca di criminali.

  • Rifle

    Ma chi la legge più la Repubblica …

    Ormai fa funzione di organo del partito (come una volta l’Unità o la Pravda) del PD oppure delle sotterranee (neanche tanto) istanze laiciste-massoniche.

    Viene letto dagli insegnanti e dai pensionati, tutta gente che, dopo le elezioni, vedrà falcidiato lo stipendio e la pensione dalla troika che verrà mente ora la Repubblica dice loro di stare tranquilli perché i diritti acquisiti (di pensionati e dipendenti pubblici) sono acquisiti per sempre.
    Li tengono buoni solo fino alle elezioni.

    Dopo le elezioni il prossimo parlamento sarà debole e frazionato finché vorrete ma state sicuri che durerà tutti i 5 anni , in base al principio dell’autoconservazione della poltrona, e voterà qualsiasi cosa gli diranno di votare dall’estero.

  • Lucio

    anche su Il Tirreno, noto giornale toscano orientato a sinistra, tutti ad urlare al nazista.

    Quel simbolo risale ad almeno 70 anni prima del fascismo. Ma del resto noi siamo stati bravi a rendere fuorilegge un saluto che risale all’antica Roma, culla della nostra civiltà e storia. Ma se saluti in quel modo… ZAAAC, sei fascista e rischi condanne penali.

  • Franco Maraschi

    Io i non ho capito, non ho letto se quella stanza era la sua privata in uso. Se era la sua camera, non vedo il problema, non era ostentata fuori. la bandiera del kaiser e’ un processo alle intenzioni, non si vede la differenza tra quella, il poster di topo gigio o quello del rito iniziale della nazionale di rugby neo zelandese. E’ evidente che in vista delle elezioni la sinistra ha bisogno di compattare le sue logore e stanche truppe, i pidioti insomma. Ecco quindi il proliferare delle fake news.

    • Filippo Candio

      sicuramente era così .Un locale adibito ad alloggio.Impossibile che fosse una stanza aperta al pubblico

    • Goffry

      Siamo in piena campagna elettorale o qualsiasi possibile stronzata viene buttata nel ventilatore… senza ritegno…
      Hai presente quando un branco di ratti vede il DDT che si avvicina? Ecco, è la stessa frenetica irrazionalità…

  • davide

    All’epoca in cui sventolava quella bandiera, in Germania vigeva un ordine, una disciplina di popolo e una pax sociale che i Savoia se la sognavano.
    Adesso invece che sventola la bandiera blù con le dodici stelle, in Germania è pericoloso per le donne attraversare la piazza centrale di Colonia.

  • Buon Giorno

    Voi non capite perché siete razzisti/fascisti/nazisti e negazionisti, quindi ve lo spiego: Hitler ha combattuto nella Prima Guerra Mondiale per il Secondo Reich Tedesco che quindi era giá nazista perché c’era Hitler anche se il Kaiser non lo sapeva e manco il portamessaggi Adolf che voleva ancora fare il pittore.

    Pure le forze armate tedesche di oggi sono naziste perché hanno la croce di ferro
    https://uploads.disquscdn.com/images/e1cab36b5a7f731654911e806c4e2f476921f0e9bd06bb7eac1f4fb7dbce4fc4.jpg

    che era del Secondo Reich che era nazista perché Hitler non ancora Fuhrer ci combatteva e quindi era portatore di nazismo retroattivo.

    Voi a questi ragionamenti raffinati non ci arrivate ma i giornalisti si: per questo lo scrivono sui grandi quotidiani che informano il bobbolo mentre voi commentate su un blog.

    • Ronf Ronf

      Ok, ma la foto va messa SOTTO il messaggio (non tutti ci arrivano che devono guardare SOTTO la foto per poter leggere tutto il resto del messaggio perchè il messaggio, cioè la parte SOPRA la foto, sembrava completo).

      • Buon Giorno

        Vero

  • marcoferro

    un carabiniere tifoso della roma di destra e allora dove sta il problema ? in camera sua potrà appendersi quello che vuole. se proprio vogliono indignarsi lo possono fare sul concorso di bellezza per uomini in friuli dove hanno fatto vincere un negro del senegal …..

    • Riccardo

      Io eliminerei il problema alla fonte abolendo i concorsi di bellezza, emblema della società macchiettistica, in toto.

  • –<>– –<>–

    Una bandiera in una camera da letto non è niente in confronto al pericolo rappresentato dalle soffitte degli italiani, dove si annidano gli spettri del passato ( per esempio, le pagelle di mio padre).
    A breve l’inchiesta su ” la rebufala”.

  • cipperimerlo

    Hitler è arrivato al potere dopo la cura Brauning, con la deflazione dovuta a una disoccupazione al 30%.
    Ma Bottarelli non può dirlo…

  • cagliostro

    Tutto fumo x nascondere le caxxate della letterina di smaila.

  • hurom

    e nel frattempo la germania paga 3000€ a ogni risorsa che accetti di tornarsene a casa sua…
    http://www.foxnews.com/world/2017/12/03/germany-offers-money-for-migrants-who-go-back-home.html

    come mai da noi queste notiziole non passano?

    nota bene…pagamento effettuato una volta rientrati in patria… voi vi fidereste?!? :DDD

  • kobayashiSak

    Outside of educational, artistic or scientific contexts, selling and showing symbols of Nazi Germany, including the Reichskriegsflagge, is illegal in Germany according to Strafgesetzbuch section 86a. This covers the version used after 1935 with the swastika. However, the original black-white-red tricolour flag used between 1871 and 1919 can be shown depending on circumstances in different states of Germany. Because members of the far right have used the imperial war flag as a symbol, its use is considered to be a “breach of the public order” in seven states, and flags could be confiscated. In the other nine states, any provocative misuse of the flag can be prosecuted as an Ordnungswidrigkeit (summary offence).

    • Goffry

      Attendiamo la risposta del TAR del Lazio, allora…

  • Mauro Rossini

    Una chicca che ho trovato alla Feltrinelli (eh si, proprio quella!) di Assago.
    Guardate bene al centro dello scudo del Samurai.
    Come minimo mi aspetto la sBoldra ad officiare un rito di purificazione
    https://uploads.disquscdn.com/images/93eee0785b33cb63707cbb2f354294a93cf432404d4c7b6618f56303dbe68b89.jpg

  • Sandro

    Se continuano così, il fascismo tornerà davvero. Che imbecilli. Più demonizzi qualcosa e più il popolo la desidera, i giovani specialmente che nemmeno sanno bene di cosa si tratti, ma non importa, non è mai importato, si sentiranno irresistibilmente attratti. Pazzi, incoscenti, cialtroni quelli di Repubblica e tutti i politici che gridano contro i fascismi solo per mascherare la loro idiozia ed il fallimento delle loro politiche scellerate. Saranno i primi a finire appesi come pipistrelli ai distributori di benzina.

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.