UCCISO SALEH, YEMEN SI DISSANGUA IN GUERRA CIVILE. UNA VITTORIA PER JARED E MbS

Di Maurizio Blondet , il - 48 commenti

Avevamo appena raccontato che, grazie alla probabile mediazione russa, l’ex dittatore dello Yemen Ali Abdallah Saleh, aveva lanciato un  messaggio  pacificatore all’Arabia Saudita e che questa era stata  lesta ad accettare,  ed  ecco che Saleh è stato ucciso, a Sanaa,   da gruppi combattenti Houti  (Ansar Allah) mentre cercava   di lasciare in convoglio ilpalazzo presidenziale, sotto colpi di mortaio Houti.

Immediatamente, i propagandisti di Israele (leggi giornalisti mainstream) hanno strillato che dietro questo omicidio eccellente  c’è l’Iran – quindi bisogna fare la guerra al regime di Teheran, eccetera. Dubito molto che Teheran  abbia istigato, e veda con favore, la scomparsa di Saleh.

Discutibile personaggio, Saleh ha dalla sua la Guardia Repubblicana (l’ex esercito regolare di Yemen)  e quindi i grossi depositi di armamenti  che Saleh aveva accumulato nei suoi 34 anni di “presidenza”, fra cui i missili (vecchi Scud) che, usati in alleanza di fatto con gli Houti, hanno inflitto ai sauditi i gravi danni d’immagine. Ora questi armamenti saranno diretti contro gli Houti.    La kabila di Saleh  è al centro di complesse alleanze tribali;  queste saranno unite contro gli Houti. Comincia una guerra fra clan che dissanguerà tutti,   l’unità della resistenza anti-saudita è volata in pezzi, la stessa  legittimità di tale resistenza viene a mancare, giustificando le atrocità   che i sauditi  hanno commesso contro   quel popolo, il più povero dell’area.  Non a caso l’aviazione saudita ha  subito cominciato intensissimi bombardamento sulla capitale Sanaa, dove sono in corso gravissimi combattimenti fratricidi, con l’uso di artiglieria pesante.  E il loro fantoccio, il “primo ministro” Hadi   che col loro aiuto rovesciò Saleh ed ora è ridotto in un governo in esilio ad Aden, ha fatto appello – della tv saudita  Al Arabiya – a tutti gli yemeniti perché si uniscano – nella guerra contro  gli Houti.

Hadi, l’uomo di Ryad.

Questo è un grosso aiuto per il progetto strategico  concepito dal principino  Bin Salman   con il principino  Jared Kushner:  l’alleanza   israelo-saudita per trascinare Washington  nel conflitto con l’Iran.

Lo ha detto lo stesso Jared  in un “Saban Forum”  (un ramo della lobby)  pochi giorni fa: i sauditi hanno bisogno   che Israele impapocchi una cosa che sarà fatta passare per  “pace coi palestinesi” per poter chiamare  a raccolta il  mondo sunnita contro l’avversario principale.

I particolari di questa strategia fra i due principini sono ignoti. Lo sono anche per    Rex Tillerson, che  dovrebbe essere il ministro degli Esteri  della superpotenza. “Il problema è che il consigliere più importante del presidente [Jared] non si consulta col Dipartimento di   Stato, non è chiaro fino a che punto riferisca al Consiglio di Sicurezza Nazionale (ossia  a McMaster e Mattis) –  e il problema  per uno e l’altro è che non ha facile soluzione”. Trump infatti sta con Jared e non lo sconfessa.. anzi.  L’annuncio che Trump dichiarerà Gerusalemme “capitale indivisa” del solo stato ebraico  fa parte di questa “strategia d i pace”  che  incendierà i palestinesi in un’ultima intifada soffocata nel sangue? Ancora non l’ha fatto. Un giorno o l’altro lo farà: da giungo il Congresso Usa ha  sancito che gli Stati Uniti spostino l’ambasciata da Tel Aviv alla città santa, e la decisione viene solo rimandata di sei mesi in sei mesi.

Mike Pompeo, il capo della Cia, s’è portato  avanti: il 2 dicembre ha mandato una lettera al generale iraniano Soleimani, il vincitore di Daesh in Siria, minacciando che “  riterrà responsabile l’Iran per ogni attacco agli interessi americani in IraK”. Soleimani s’è rifiutato di aprire la lettera. Mike Pompeo è in predicato per prendere il posto di Tillerson al Dipartimento di Stato.

Intanto  i caccia israeliani hanno di nuovo bombardato in Siria, un centro di ricerche scientifiche vicino a Damasco.  Un’altra provocazione diretta nel sedo della strategia Jared-MbS.

L’articolo UCCISO SALEH, YEMEN SI DISSANGUA IN GUERRA CIVILE. UNA VITTORIA PER JARED E MbS è tratto da Blondet & Friends, che mette a disposizione gratuitamente gli articoli di Maurizio Blondet assieme ai suoi consigli di lettura.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Covpepe

    Sarò anche cinico, ma se la guerra in Yemen proseguirà allora l’Arabia Saudita perderà anche le sue ultime speranze di salvarsi.
    Lo Yemen sarà il l’Afghanistan saudita. A ben vedere, lo è già adesso.

    • Gianox

      Non ricordo dove ho letto le seguenti cifre, forse proprio in un articolo di blondet, ma so che spendono 800 milioni di dollari al giorno per questa guerra.
      Bin salman, arrestando i suoi avversari politici, contava di rientrare in possesso di 800 miliardi ma pare ne abbia recuperati molti meno.
      E quindi sì, se non porranno termine il prima possibile alla guerra sono fottuti.
      Il fare subito la guerra all’iran potrebbe essere una sorta di All in: meglio farla adesso, che ci sono ancora i soldi per poterla fare, che aspettare in un prossimo futuro quando forse la guerra in Yemen avrà completamente eroso le finanze del regno.

      • Covpepe

        Ormai i sauditi si stanno rapinando tra parenti. In precedenza avevano fallito anche il saccheggio dell’ex alleato qatariota, poi entrato nell’orbita iraniana.

        • Buon Giorno

          Con grande gioia dei produttori di petrolio russi e statunitensi se quei missili incendiassero pozzi ed oleodotti. A propositó: converrá comprare adesso titoli petroliferi in attesa dei fuochi artificiali? Se si di che tipo secondo gli esperti? Azioni di aziende petrolifere o futures sul petrolio?

    • Caio Giulio

      Il che non sarebbe neanche un male sinceramente.

  • Cruciverba

    Portano avanti il progetto della Grande Israele ma finirà per loro male .
    Questa volta la Bestia non tornerà mai piu’ .

    • Alice Tarrini

      E’ sicuramente l’inizio della fine. Attenzione, il 2017 è il centenario di Fatima. I 100 anni concessi all’Avversario stanno scadendo.

  • Gianox

    Io voglio vedere quali sviluppi potrà avere la notizia, riportata anche da Blondet, che la chiesa russa ortodossa intende riaprire il caso dell’omicidio della famiglia Romanov.
    Se venisse confermata l’ipotesi dell’omicidio rituale, la Russia intera, intesa come comunità storica ed etnica precisa, non potrà che prendere atto del fatto che la rivoluzione bolscevica è stata una congiura ordita contro di essa da una minoranza, i cui membri oggi perlopiù si sono trasferiti in un piccolo paesino mediorientale, allo scopo di infliggerle quante più sofferenze possibili, dal momento che la guerra strisciante tra il popolo Russo e questa comunità minoritaria è iniziata praticamente nel IX secolo dopo Cristo, cioè ai tempi della Rus di Kiev e del khanato di Kazaria.
    A quel punto, chi di guerre proxy ferisce di guerre proxy perisce.
    Magari, giusto per togliersi qualche sassolino dalle scarpe, i Russi potrebbero decidere di armare pesantemente, anche con qualche bel missile ultrasonico, quella grossa potenza regionale da sempre avversa al suddetto paesino mediorientale.

    • Alice Tarrini

      Sono curiosa anch’io, grazie per le dritte. E, cambiando per un attimo latitudine…a proposito della nuova fidanzata cripto-blasonata del piccolo Windsor, hai scritto che temi un nuovo omicidio dopo quello, presunto, di Diana. Contro chi? Chi potrebbe essere la vittima stavolta e perché? Certo non Harry, bastardo o meno (sarebbe stato tolto di mezzo da tempo) né la fidanzata (non avrebbe senso). William, attuale erede al trono o i suoi figli? E per cosa, ripristinare la linea dinastica antica per mezzo della discendente (parecchio annacquata ormai) dei Plantageneti? Come potrebbe andare secondo te?

      • Gianox

        Mah, secondo alcuni l’omicidio di Lady D è stato un omicidio rituale.
        https://neovitruvian.wordpress.com/2016/02/22/lady-diana-il-significato-occulto-della-sua-morte/
        Si dice che il luogo dove trovò la morte la principessa, il pont de l’Alma, fosse in epoca precristiana sede di un tempio pagano dove venivano effettuati sacrifici rituali alla divinità conosciuta dai Romani appunto come Diana.
        Qualche giorno fa, invece, ho letto questo articolo:
        http://www.whatdoesitmean.com/index2444.htm
        In esso si adombra la possibilità che certi omicidi rituali vengano eseguiti sulla base delle carte dei tarocchi.
        In particolare, si accosta il nome di Lady Diana, la principessa di coppe, con quella della nuova principessa, la principessa di spade.

        • Alice Tarrini

          Letto, la teoria è così pazzesca che alla fine risulta plausibile.
          Naturalmente sapevo già di questi riti oscuri preclusi ai comuni mortali praticati nelle alte sfere. Mi torna in mente anzi un dettaglio bizzarro letto su William, che la vigilia delle nozze con Kate pare si sia chiuso in una stanza per mangiare da solo un dolce preparato apposta per lui secondo una ricetta segreta, come hanno fatto gli eredi al trono precedenti e come faranno quelli futuri. Non è dato sapere cosa ci fosse in quel dolce e il senso di questo strano pasto solitario. Che “deve” essere consumato -un rituale, appunto.
          Ora, il sacrificio della principessa di spade. Posto che la prescelta ha davvero poche possibilità di salire al trono e quindi non costituisce un pericolo per gli attuali reali, l’obiettivo può essere uno solo: cementare col suo sangue la dinastia Windsor al trono d’Inghilterra. Un grosso favore che può ottenersi in cambio di un sangue ‘speciale’ come può esserlo ad esempio quello di chi ha nelle vene un dna regale.
          Tutte fantasie, s’intende. Buona fortuna, miss Markle.

    • silvia

      La riapertura del “cold case” dell’omicidio dello Zar dopo 100 anni e’ l’ultimo avvertimento che Putin manda a chi di dovere. Se insistono avranno qualcosa di molto piu’ devastante di una guerra…per quale ragione i media si danno da fare a screditare i Russi e a parlare di fake news? Per difendere il fake piu grosso della storia, quello che ha consentito di distruggere l’orgoglio occidentale…cosa succederebbe se si scoprisse che erano tutte balle? Nessuno lo sa, la reazione non sarebbe controllabile…e’ questo che fa paura ai padroni del discorso che restano padroni solo finche’ la gente gli crede

    • Mariana Erdei

      l’ Iran ?…indovinato ???…la vendetta va servito sempre a freddo !……Putin è semplicemente GENIALE !!!….credo che Bibi lo abbia già capito….

      • Gianox

        Non sono ancora riuscito ad inquadrare Trump.
        Però una cosa è certa: anche quando sbaglia, non fa altro che favorire la Russia, tanto che sembra lo faccia apposta. Ma probabilmente proprio perché è così.

  • Ale C.

    Intanto Hariri ritira le sue “strane” dimissioni.
    Non si capisce più nulla.
    Se non che, se fosse per me, lascerei sciiti e sunniti a scannarsi per cazzi loro.

    • AnonimoSchedato

      Divide et impera. Francamente, preferirei vedere sciiti e sunniti convivere pacificamente, senza cadere nella trappola di chi li vuole mettere uno contro l’altro così da far ammazzare i propri nemici tra loro…

      • Ale C.

        Oh certo. Ma non sono stile 1400 anni che ci provano a farsi fuori l’un l’altro?

        • AnonimoSchedato

          Vero. Ma ultimamente mi sembra che siano tanto sobillati dall’esterno. Ma sarò un malpensante 🙂

          • Ale C.

            Assolutamente d’accordo. E’ proprio quello che intendevo dicendo che li lascerei per c###i loro senza immischiarsi per miope calcolo politico.
            (sì ok era un po’ criptico ma intendevo proprio la stessa cosa).

        • Mariana Erdei

          Forse da 1400 anni c’è un disegnino dietro…..fatta dalla stessa mano ????

    • paolinks

      Ci pensa Trump a risolvere la situazione. Tra poco sposterà l’ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme, facendo di colpo unire sciiti e sunniti al grido di “morte all’America”.

      Blondent sopravvaluta i nasoni. Alla fin fine sono solo fanatici assassini assetati di dominio e con poca lungimiranza strategica.

      • Noel

        poca lungimiranza strategica: è l’esatto contrario!…riguardati un po la storia…

        • paolinks

          La storia e’ che finiscono per farsi odiare pure dalle loro madri. E poi arriva il redde rationem, le purghe, i campi di concentramento e una nuova era di piagnistei e vittimismo da parte loro.

  • Caio Giulio

    Certo comunque questi cammellari alla fine fanno sempre il gioco dello statarello con le loro perenni lotte intestine.Metterli l’uno contro l’altro è fin troppo facile, alla faccia della religione dell’amore.

  • deadkennedy

    l’analisi di blondet è solo parziale… in quel pezzo di terra oramai coagulano tali e tanti interessi che li vengono fagocitati… muove denaro, ma lo muove… andare contro l’Iran vuol dire tirare nella guerra USA, Russia e Cina…. a meno che certe elite non abbiano le astronavi non vedo come ne possa uscire un vincitore….

    • Il problema della strategia del Caos è che l’obiettivo è non avere un vincitore (nel frattempo vendi armi, controlli meglio il prezzo del petrolio, tieni armate in loco, impegni gli avversari ecc ecc). Alla fine lasci un sacco di rovine e si ricomincia con una terra celeste vicina che se la gode……….

  • johnny rotten

    Sia Ansarullah che gli iraniani affermano che il colpo di stato, orchestrato da Saleh con uae e sauditi è fallito, i pochi miliziani che combattevano per il defunto ex-presidente sono stati bloccati e a Sana’a non si combatte più, sembra che i combattenti per la libertà dello Yemen siano uniti più che mai, vedremmo gli sviluppi.

  • ws

    Tecnicamente quello di salah è tradimento o come minimo “badoglismo” . In effetti quel
    “furbacchione” di salah aveva chiamato la sua kabilia ad attaccare
    gli Huti che dopo essere stati espulsi da Sana sono tornati in forze e la sua kabilia non ha reagito “abbastanza” per difenderne la fuga ( e non credo reagirà più di tanto).

    E cosa pensa lei Blondet che avrebbero fatto i tedeschi se avessero potuto mettere le mani addosso al “convoglio reale” in fuga per Ortona?.

    • Pirgopolinice

      Mi pare di ricordare di un vecchio documentario RAI che commentava che per tutto il viaggio fino ad Ortona il corteo reale abbia avuto un ricognitore tedesco sulla verticale.
      “Fuga”: la famiglia reale ad un certo punto si è fermata per pranzare presso nobili amici.

      • Ronf Ronf

        E come mai i tedeschi non hanno catturato la Famiglia Reale d’Italia?

  • Pareggiamoiconti

    OT: aspetto con ansia il commento di Nuke sul numero da circo del suo amico Saakaschvili a Kiev 😉

    • Gianox

      Io mi aspetto invece il suo commento circa la notizia dell’esclusione degli atleti russi dalle olimpiadi.
      Come no, solo i russi si dopano. Gli altri sono tutti puliti.
      Battute a parte, certo che gliene stanno facendo di tutti i colori…

      • Pareggiamoiconti

        la cosa più vergognosa è che lo str*nzo di presidente del Comitato Olimpico dice alla Russia di mandare comunque gli atleti a partecipare (senza bandiera, né inno nazionale, né divise), per non “alzare muri”

        fossi in Putin, gli manderei un unico lottatore di sumo a mettergli le mani in faccia… quell’uomo ha una pazienza formidabile

        • Gianox

          Ma la cosa assurda è il fatto che, a poco più di due mesi dall’inizio delle olimpiadi in Sud Corea, nessuno può mettere la mano sul fuoco che si facciano effettivamente.
          Se all’improvviso da qui a febbraio vi è un’escalation, per qualsiasi motivo, nelle tensioni tra Nord Corea e Usa, c’è il rischio che le olimpiadi saltino.
          E cosa fa Bach, il presidente del CIO? Invita Putin, appunto, a non alzare muri.
          Fossi in lui, mi preoccuperei veramente del fatto che Trump non faccia una qualche cazzata e non dia il la alla guerra in Corea. No, quello invece accusa Putin.
          Hanno veramente la faccia come il culo. Scusate il francesismo, ma non c’è altro modo per farsi capire.

        • Nikolai

          Che Dio ce lo preservi…senza Putin, il mondo lo vedo messo molto male…

        • Covpepe

          Sarebbe divertente se i russi esibissero comunque la loro bandiera, magari dopo averla tenuta nascosta sotto gli indumenti sportivi, e cantessero il loro inno ad alta voce.
          Sarebbe un bello schiaffone alla mafia yankee olimpica.

      • Cristiano

        Olimpiadi Invernali????
        Mi spiace per gli atleti ma… qualcuno guarda le olimpiadi invernali???

        • Gianox

          A me piacciono.
          Lo sci è uno dei miei sport preferiti.

    • Covpepe

      Una buffonata degna di una società in completo disfacimento.

  • marcoferro

    devo dire che si stanno mettendo di impegno per procurare la guerra quei criminali dei sionisti e dei merighi sotto scacco dalla lobby talmudica, il tutto contro gli interessi del popolo statunitense al quale non gliene frega niente di israhell, dell’iran, e di tutto il resto del mondo. spostare la capitale a Gerusalemme scatenerà ovviamente reazioni rabbiose. ricordando poi che Gerusalemme est fu occupata illegalmente nel 67′ così come le alture del Golan che è terra siriana. poi vigliaccamente i nasoni dagli occhi a palla talmudici lanciano missili contro la siria dal libano standosene al sicuro perche la contraerea abbatterebbe i loro aerei. forza continuando così ce l’ha dovrebbero fare…

    • RC17

      Se ricostruiranno anche il tempio inizierò a credere all’Armageddon e tutto il resto.

  • davide

    Prezzo del petrolio al rialzo…..

  • eusebio

    A me sembra una strategia disperata, non dimentichiamo che gli sciiti zayditi (antichi alleati con il loro imamato dell’Italia contro i britannici durante la seconda guerra mondiale) sono una popolazione compatta di 10-12 milioni di persone attorno a Sanaa,
    che con i loro adiacenti confratelli dello Asir saudita possono arrivare a 14-15, e che Ansarullah li rappresenta per intero.
    Inoltre l’Iran non ha possibilità di appoggiarli e rifornirli visto il blocco, quindi difficile dimostrare che dietro la loro ribellione ci sia l’Iran.
    Inoltre i sauditi hanno un esercito mediocre in mano ai mercenari non in grado di occupare l’area montana dello Yemen del nord, la grave crisi economica del regno potrebbe bloccare i pagamenti dei mercenari, far sfaldare l’esercito e permettere agli zayditi di arrivare perfino ai Luoghi Santi islamici.

  • Rifle

    Da ricordare che l’area nordorientale dell’Arabia Saudita, quella più ricca di petrolio, è abitata in gran parte da sciiti, potenziali alleati dell’Iran.

  • ThreeFiddy
  • johnny rotten
  • Cristiano

    Domanda…

    Gli Israeliani continuano a compiere raid aerei in Siria…
    Ma questi famosi missili russi… questo “ombrello” sulla Siria… dov’è?
    I missili, li hanno bruciati nel camino per scaldarsi?
    Non pretendo che PERSONALE MILITARE RUSSO, usando missili russi, abbatta aerei israeliani… Questo sarebbe un bel casino.
    Ma personale militare siriano, usando missili russi, ne avrebbe tutto il diritto.
    Non li hanno? Non sono capaci? Le istruzioni sono solo in cirillico?
    Perché mi sembra che USA (vedasi pioggia di tomahawk) ed Israele nei cieli siriani, se vogliono, facciano quello che vogliono.
    Vedrei bene due o tre aerei con la stella di Davide disintegrati nei cieli siriani… così… per ristabilire un po’ di ordine.
    Anche solo intercettati dai radar delal contraerea, o schivare per un metro un missile terra aria…
    Insomma, strizzare un po’.

    Ma non è che questi missili (al di là delle descrizioni, dei proclami, delle esercitazioni, dei bei filmatini su you tube), come ha dimostrato anche il fatto che Kim sparacchi un giorno si e l’altro pure un missile verso il Giappone senza che venga mai intercettato, vanno bene solo come fermacarte, e per portare in nero il bilancio di chi li produce?

  • Cristiano

    Leggere questo blog e poi dare un’occhiata ai siti dei giornali italiani è imbarazzante (per i giornali italiani, ovvio)
    Il medio oriente va in pezzi, e da stamattina non faccio altro che trovare articoli su Pisapia e Alfano.

    Agggghhiaggiande!

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.