Ma la scandalosa “razza” di Fontana è la stessa tutelata dalla Costituzione nata dall’antifascismo?

Di Mauro Bottarelli , il - 171 commenti


Io Attilio Fontana lo capisco. Provate voi a vedervi catapultato dalla sera alla mattina dal ruolo di pressoché eminente sconosciuto a quello di candidato presidente della Regione Lombardia, dopo il forfait esistenziale di Bobo Maroni. Come minimo, un po’ sei sballottato. Ok, sei un avvocato, sei stato sindaco di Varese e presidente del Consiglio regionale ma qui la faccenda è diversa: in due mesi rischi di bruciarti l’occasione della vita. Oltretutto, quegli stronzi del PD hanno così poca decenza che quasi stappano lo champagne, ringalluzzendosi di colpo e mandanti l’ego sotto i coglioni. E anche i tuoi alleati non è che di te offrano al pubblico un’immagine scintillante: l’aggettivo più utilizzato è “moderato”. Insomma, un modo carino per dire che sei il prototipo di Medioman della Gialappa’s Band. Poi, mentre cerchi di capire cazzo fare, ecco che Donald Trump conquista l’attenzione e il disprezzo del mondo con la sua uscita sui “Paesi-cesso”: ideona!

E tu cosa fai? In diretta su “Radio Padania”, dopo un’ora di trasmissione che avrebbe ammazzato anche il più masochista dei maratoneti da comizio del Partito Radicale, te ne esci con un bel “razza bianca”, parlando della necessità di evitare una deriva da società multirazziale a causa dell’immigrazione indiscriminata. Boom! Quei DIGOS mancati dell’Espresso beccano la registrazione dello streaming e l’attentato alla tenuta democratica e antifascista del Paese è servito anche stavolta, oltretutto nel giorno dedicato a Martin Luther King. Tutto perfetto, un assist da spingere dentro a porta vuota: non a caso, Giorgio Gori, competitor PD per il Pirellone, non perde tempo per indignarsi, così come il 90% dell’arco parlamentare, già in modalità sproloquio h24 da campagna elettorale.

Ora, l’uscita di Attilio Fontana non sarà stata delle più felici ma per favore evitiamo l’indignazione: al netto dei soliti noti che non hanno perso occasione per ricordare come quest’anno cada l’ottantennale delle leggi razziali, basta l’immagine che ho scelto per la copertina per scoprire quanto l’ipocrisia ormai regni strumentalmente e ideologicamente sovrana. I sinceri democratici e le anime belle dei miei coglioni che nei casi estremi hanno già chiesto a Fontana di ritirarsi dalla corsa al Pirellone, hanno mai letto l’articolo 3 della Costituzione italiana? Sì, proprio quella “più bella del mondo” come diceva Roberto Benigni, quella figlia della resistenza e dell’antifascismo, quella di De Gasperi e Calamandrei, quella che andava difesa dal golpe renziano del 4 dicembre 2016 a tutti i costi, quella che prevede il bicameralismo, il CNEL e anche la natura fondativa sul lavoro.

Bravi, proprio quella: all’articolo 3, un articolo fighissimo e stra-democratico, tutela -verbo e agire positivo – i cittadini in base a tutti quelli che oggi vengono declinati come “diritti”, quelli che piacciono una cifra alla Boldrini. E tutela – udite, udite – anche in base alla razza. Giuro che c’è scritto, non l’ha aggiunto nottetempo Attilio Fontana con l’inchiostro simpatico. E adesso come cazzo la mettiamo? Io capisco che ultimamente vanno forte le disposizioni transitorie, su quelle fanno pure i seminari rieducativi in tv tipo Angelo Lombardi con gli animali ma l’articolo 3 tocca conoscerlo, è proprio all’inizio: lo eliminiamo? Lo emendiamo? Sicuramente la scusa è da ricercarsi nel contesto storico dell’epoca, anche linguistico e nell’accezione certamente differente che avevano i padri costituenti rispetto a Fontana nell’utilizzo di quella parola: razza, ripetetelo con me.

Il problema non sono i costituenti. Né tantomeno il povero Fontana, il quale ha pestato la proverbiale merda. Il problema è il mondo che lorsignori hanno creato e contro cui adesso si ribellano: hanno voluto l’annientamento delle differenze per legge, inventandosi persino il “gender” e ora, convinti di poter crocifiggere il leghista di turno, si ritrovano a fare i conti con una realtà delirante. D’altronde, la Corte di Cassazione con sentenza numero 50659 ha disposto che “nel presente contesto storico è da escludere che il termine omosessuale abbia conservato un significato intrinsecamente offensivo come, forse, poteva ritenersi in un passato nemmeno tanto remoto”. Per la Suprema Corte, “questa parola – diversamente da altri appellativi che invece mantengono un carattere denigratorio – è entrata nell’uso corrente e attiene alle preferenze sessuali dell’individuo, assumendo di per sé un carattere neutro e per questo non è lesiva della reputazione di nessuno, anche nel caso in cui sia rivolta a una persona eterosessuale”.

Insomma, se vi danno dell’omosessuale ve lo dovete tenere, non potete portare la faccenda in tribunale: diverso se vi danno della “checca”, del “culattone” o del “bulicio”, in quel caso c’è denigrazione ma se vi danno dell’omosessuale, ve lo tenete perché è una condizione che non ha nulla di intrinsecamente offensivo, è una condizione naturale dell’essere anche se non è la vostra. Insomma, tra poco potranno darvi dell’afro-americano anche se siete caucasico, perché è una condizione umana e non offende. Già, caucasico: in base al “teorema Fontana” occorrerebbe tagliare tutte le scene dei film e telefilm polizieschi nei quali il medico legale, leggendo ai detectives le risultanze dell’autopsia, parla del cadavere come di “razza caucasica”. Non si fa, tagliare, doppiare, utilizzare il termine “bianco”. Anzi no, anche quello è razzista: meglio pallido. O slavato.

E’ così, c’è poco da fare: hanno creato la società del piagnisteo e adesso rompono i coglioni. Come con le baby-gang che stanno dando il meglio di sé in questi giorni in tutta Italia, con epicentro nel napoletano. Ragazzini giovanissimi che non si fanno nessuno scrupolo a menare perfetti sconosciuti per noia, per prova di coraggio o, nel caso più agghiacciante, per accreditarsi come duri nei confronti dei clan malavitosi. E non parliamo di bulletti di quartiere ma di giovanissimi pronti anche ad ammazzare, gente che mena 15 contro 1 e spesso e volentieri accoltella o picchia con mazze da baseball e altre armi improprie. E la situazione è talmente fuori controllo che domani il ministro dell’Interno, Marco Minniti, presiederà un vertice ad hoc. Che perdita di tempo, ministro! La soluzione è già qui, ce la offre lui:


scuole aperte, anche oltre l’orario delle lezioni! Giusto, cazzo! Almeno possono vandalizzare cessi e palestre, mentre ingannano l’attesa di un bel pestaggio in pieno centro, ovviamente a cui nessuno ha mai assistito! D’altronde, non è colpa loro: è il contesto sociale che li porta a delinquere, povere anime! Non magari dei genitori che consentono loro di tutto, arrivando a picchiare il professore che si è permesso di punirli o sospenderli. Non di una società femminizzata che tutto scusa, relativizza, ingentilisce, perdona e contempla, bollando come retrogrado e maschilista qualsiasi cosa imponga ordine, disciplina, onore e codici morali. Non ultimi, pena ed espiazione della colpa. Non magari una società che doveva pensarci 1000 volte prima di abolire il servizio di leva obbligatorio. Non magari una società che erge a massimo esempio di condanna, questo:


per favore, almeno evitiamo di pubblicizzarle certe cose, perché rischiamo che all’estero le vedano e poi hai voglia a spiegargli la situazione. Viviamo nella società in cui Maria De Filippi viene dipinta come l’eccezione del rigore, come il sergente di “Ufficiale e gentiluomo”, come l’esempio mediatico e accettabile socialmente di “rieducazione”, termine utilizzato dalla stessa conduttrice per descrivere la sua scelta verso gli alunni ribelli: a pulire le strade, quindi non una pena ma uno spot sociale, roba da servizi sociale nei film americani ma con un bel richiamo all’attualità di Roma zozza e della Raggi incapace. Un capolavoro.

E voi rompete i coglioni a Fontana perché si è permesso di ricordare che esistono bianchi e neri? Sarà ma di fronte a certe notizie di cronaca, viene quasi nostalgia di certe cadute accidentali sulle scale delle Questure, quando tratti in stato di fermo… Ma si sa, io sono notoriamente un fascista. E come scrisse Nicolàs Gomez Dàvila, “spasmi di verità ferita o di brama repressa, le teorie democratiche inventano i mali che denunciano per giustificare il bene che proclamano”.

Sono Mauro Bottarelli, Seguimi su Twitter! Follow @maurobottarelli

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Lucio

    la parola “razza” per quanto riguarda l’uomo è stata abolita anche scientificamente. Ma nessuno sa spiegare in maniera definitiva il motivo. Tanto più che non ci sarebbe nulla di male a parlare di razze anche per l’uomo. Del resto abbiamo caratteristiche che ci differenziano pesantemente da uno all’alto. Perchè per cani e gatti va bene e per noi no? E’ solo una convenzione buonista questa dell’avere eliminato questo termine.

    • marcoferro

      se esiste il razzismo esistono le razze.

      • what you see is a fraud

        Se esistono le razze esiste anche il razzismo .

        • LucaF.

          Se esistono le razze e il razzismo esistono anche i razzisti. 😀

          • what you see is a fraud

            Normale. E’ stato cosi’ da molto tempo e ora si sono poteri che vogliono meticizzare l’ Europa ma non Israele . Quindi i razzisti per definizione sono solo gli Europei non quelli che li mandano nei mercati degli schiavi dopo averli espulsi dallo stato canaglia . …..

    • maboba

      Infatti , è solo questione di convenzioni. Le razze esistono nelle specie animali che hanno una grande distribuzione territoriale ed ecologica. Non fa eccezione la specie umana. Purtroppo la politica, o meglio la politica ideologizzata, ha demonizzati il termine e tutti coloro che la usano, cadendo anche nel comico come rileva Bottarelli (e anche lo stesso Fontana)

  • ws

    Anche un politico da 4 soldi impara presto l’ uso “politico” delle parole e che il cittadino italione “pensa” solo la merda che la TV gli percola nel cervello .
    Quindi con le sue “parole a bischero sciolto” o ‘sto fontana è un pirla , o ha volutamente fatto danno al suo partito ben sapendo l’ occasione che forniva al sistema massmerdiatico”
    In effetti il leghismo valligiano di cui questo carneade e’ “esponente delle prima zolla” è tradizionamente pieno di simili pirla , ma temo si tratti proprio di sabotaggio , coordinato da bossi e per conto di berlusconi ; il primo dei tanti prossimi “danni mirati” che salvini dovrà incassare da parte dei ” padioni verdi”.

  • marcoferro

    come spesso succede è sempre la semantica quella che ci fotte. tutti gli idioti perbenisti che sono dichiarati “scioccati” dalle parole di questo leghista non sanno andare oltre. non vedono il pericolo che l’immissione di stupidi negri violenti e nullafacenti sta facendo al paese. portano degrado e insicurezza sociale, ormai andare di sera tranquilli non si può più. oggi si rischia di venire importunati, derubati, malmenati e violentati. la gente non sta uscendo più regalando il territorio a spacciatori e sbandati.
    per gli stronzetti vigliacchi invece che si mettono in 10 contro uno servirebbe solo spezzargli le gambe e carcere duro, altro che le kazzate del sionista saviano. tutta la feccia della periferia di napoli, grazie al collegamento rapido con la metro, si riversa al centro e nei quartieri bene a fare danni. ma il vero problema con questa teppaglia, i negri, etc…è la totale assenza dello stato, i cittadini abbandonati a se stessi, ormai siamo diventati il Bananastan.

  • LucaF.

    E’ probabile che Fontana difenda la “razza bianca” come i leghisti hanno difeso la Lombardia e il Nord dalle infiltrazioni mafiose italiche e straniere.

    https://uploads.disquscdn.com/images/5f953e06d9db6e2c4bcd5746d0c6a7b51be80c64a013c9af2a01578d6485f355.png

  • LucaF.

    Con questa “articolata esternazione” di Fontana, la campagna elettorale lombarda è già finita.
    Gori può già festeggiare ad Arcore la sua vittoria in regione, portandosi al seguito consorte e cognata…

    https://uploads.disquscdn.com/images/a62610cc25be1cae430637fe5666db628c89199d6fd6cd1a30477289c7a90216.png

    • Sergio Andreani

      Sicuro, come no !

      Invece Fontana vincerà: grazie a questa esternazione ora in Lombardia lo conoscono tutti: e la maggioranza lo voterà.

      • LucaF.

        Grazie a questa esternazione lo conoscono tutti come un pirla che non conta fino a 10 prima di parlare.
        La maggioranza dei lombardi diserterà le urne, solo le minoranze clientelari andranno a votare simili personaggi.

        • Sergio Andreani

          I lombardi che non vanno a votare sono dei grandissimi coglioni.

  • LucaF.

    Sulle esternazioni dell’Ucei circa le leggi razziali è sufficiente ricordare a loro i requisiti riservati per legge ai soli ebrei dalla legge del ritorno: https://www.jstor.org/stable/25812524?seq=1#page_scan_tab_contents

    https://uploads.disquscdn.com/images/a469079189a0212f784d9b2da2000f397bcc3ac58f930b567aa33c3c4640abce.png

  • LucaF.

    Sulle esternazioni dell’Ucei circa le leggi razziali è sufficiente ricordare a loro i requisiti riservati per legge ai soli ebrei dalla legge del ritorno israeliana: http://www.jstor.org/stable/25812524

    https://uploads.disquscdn.com/images/d32d0583ae9d654d485595503a8494b2b90fe2a6fc1830d57caeb03fdc133941.png

  • Sergio Andreani

    Ottimo Fontana.

    Ha ottenuto una grande visibilità e si è fatto conoscere da migliaia e migliaia di lombardi che ancora non lo conoscevano.

    Avanti così !

    La parola “razza” non è un bestemmia, come vorrebbero farci credere gli ebreucci alla Saviano. ( il plagiaro )

    • LucaF.

      I lombardi che ancora non lo conoscevano, ora eviteranno con più motivazione le urne.

      Usare la parola razza come “argomentazione” per impedire l’arrivo di immigrati clandestini è il più grande regalo che la Lega potesse fare a Fiano, Saviano, Boldrini & Co., i quali ora camperanno su tali dichiarazioni per mesi e mesi prendendo i voti degli indecisi.

      • Ale C.

        Io non lo conoscevo. E il fatto che fosse stato imposto da SB non depone certo a suo favore.
        Dopo quest’uscita, penso abbia conquistato il mio voto.
        L’unica cosa è che mi spiace che abbia ritrattato.

        • LucaF.

          Il danno era già stato fatto, ma Fontana lo ha pure peggiorato sostenendo che sia stato un lapsus e che in realtà lui con “razza” intendesse “riorganizzare un’accoglienza diversa rispettosa della storia”.
          Così ogni qualvolta qualcuno nel cdx parlerà di rispetto della nostra storia e della nostra società, scatterà automaticamente il pensiero-accusa che questi sia un razzista.

          https://uploads.disquscdn.com/images/dba4a6f58fc84ad77c7b3146e62aaf87534d48abadcb4e4c0a05037f540d8947.png

          In realtà Fontana è stato scelto da Salvini, ma Berlusconi non ha fatto troppe resistenze sul nome consapevole che il rivale era l’attuale sindaco di Bergamo.

          • Ale C.

            Battute a parte, sono d’accordo con te.
            O ci credeva e allora non ritrattava (tanto è inutile che ci nascondiamo dietro un dito, avrebbe comunque attirato le simpatie di tanta gente).
            Oppure non ci credeva ma allora non doveva nemmeno tirar fuori una boiata così.
            Però sappiamo bene tutti e due che l’accusa automatica di razzismo a chiunque parli di cultura e storia non è dovuta allo strafalcione di Fontana, tanto quanto alla rabbia ideologica della sinistra che non ammette contraddittorio.

            Cioè, mi sono beccato pure io del razzista per aver fatto notare che l’afflusso di clandestini degli ultimi tre anni ci costa circa 4 miliardi di € l’anno.

          • LucaF.

            A proposito del sindaco di Bergamo, dopo la frase di Fontana sta già cercando voti all’Anpi con il più classico dei voti di scambio politicamente corretti:
            https://uploads.disquscdn.com/images/a509af2cbb9dc9c3e600ad0282b6251b53857b37da562f31ee962473e0b0749c.png
            Si noti la discrezionalità del provvedimento e della definizione di “neofascista”.
            E questo è solo un assaggio di come Gori amministrerà la Lombardia grazie ai “lapsus” radiofonici di Fontana…

          • Ale C.

            Infatti mi piacerebbe vedere qual è il criterio di applicazione di tutto ciò.
            Ovvero qual è la definizione di “fascisti”.
            Coloro che controllano tutti i poteri dello Stato, compresa magistratura e giornali?
            Coloro che applicano metodi violenti alla controparte politica?
            Oppure, molto semplicemente, coloro che non sono di sinistra?
            Ho già da parte i miei 2€ per la scommessa.

          • what you see is a fraud

            Ecco un’altro che non ha il coraggio delle sue opinioni ! Avrebbe dovuto dire ” Si ho detto razza ! Qual’e il problema ? Forse non avete gli occhi o forse non avete il cervello ? Buffoni !

      • Sergio Andreani

        Sono molti di più gli indecisi nella scelta tra Lega o Forza Nuova.

        Non ci avevi pensato ???

      • what you see is a fraud

        Fiano e Saviano con i loro compari quinti colonnisti dovrebbero considerare di andarsene in quel paradiso giudaico che si chiamo Israele .

    • Davide

      Si ottimo Fontana.

  • biafra66

    Bhe’ ….la fotonotizia e quel kretino di Calenda(non era quello che non faceva più politica?) insieme ai “compagni di merende” cazzaro+ cazzaro2 Gori+utile idiota Sala.
    Poi… per i “sud-dici” del “Regno delle 2 Sicilie” made in Naples che dire…a furia di indotrinarli tra Gomorre by Saviano e Gomorre by Sky ,il risultato non può essere che questo. ..TRUMP direbbe city”shithole”!

    • Bruno Rosso

      Gomorra è prodotto dalla Weinstein.

      • biafra66

        Bingoooo!

        • LucaF.

          Eppure c’è gente qui tra i commenti che crede che Salvini e Fontana (il cui partito è da oltre due decenni finanziato da Arcore) ci salveranno da Saviano (i cui libri sono pubblicati dalla casa editrice del finanziatore della Lega)…

          • biafra66

            Nessuno salva più nessuno….la salvezza è individuale!
            Tutto il resto “parole” e “parolai”…..e cialtroni of course!

          • LucaF.

            Esatto, ma c’è ancora chi non lo capisce e viene qua a fare l’ultras in favore di qualche cosca politica…

          • biafra66

            Il dado è tratto:
            ormai i numeri sono chiari,l’unico partito che può balzare ancora in avanti è l’astensione. Il resto sono percentuali ininfluenti che passano da uno “schifo” all’altro schifo!
            Coraggio “poi passa”….il peggio deve ancora venire dal 5 marzo in poi!…naturalmente per molti, ma non per tutti!

          • what you see is a fraud

            La stessa persona che governo’ l’Italia per oltre dieci anni badando solo ai suoi interessi commerciali ?

          • LucaF.

            Peraltro badando male ai propri interessi: i suoi titoli sono sempre calati a Piazza Affari ogni volta che ha governato…

      • what you see is a fraud

        Non conta la produzione , conta il contenuto !

  • Gianox

    Ma si può criticare Fontana per non aver detto che la verità?
    Viviamo in un confortanti assurdo che il dire

    • LucaF.

      Bisognerebbe chiedersi se fa guadagnare più voti dire un rozzo slogan o se invece non sia il caso di ponderare meglio le parole, e articolare delle spiegazioni in grado di mettere a tacere i propri avversari anzichè ringalluzzirli.
      Fontana ha optato per la prima soluzione, e così indirettamente ha dato argomenti ai suoi avversari per poterlo demonizzare, il tutto senza che il primo abbia minimamente intaccato il sistema dell’accoglienza della sinistra e delle Coop.
      Un qualsiasi spin doctor con un briciolo di cervello gli avrebbe sconsigliato simile uscita, ma evidentemente in via Bellerio si crede che facendo le campagne in stile Jean-Marie Le Pen l’esito nelle urne possa essere differente…
      Con Gori a Palazzo Lombardia, la sinistra imporrà ancora più politicamente corretto e restrizioni alla libertà di pensiero, il tutto con i soldi dei lombardi, e solo perché abbiamo dei politici di cdx che sono l’esatta rappresentazione degli stereotipi della sinistra.

      • Gianox

        Il problema è la mancanza di leader capaci a destra.
        Fontana ha detto quello che io mi aspetto che dica un leader politico a cui dare il mio voto.
        E sono convinto che la maggior parte delle persone la pensi come me.
        Il problema sta nel fatto che questi leader non sono sufficientemente capaci di argomentare le proprie posizioni.
        Ma forse non sarebbe neanche sufficiente essere leader capaci. Con tutti i massmedia che spingono in una direzione, anche il leader politico capace non avrebbe la possibilità di farsi intendere dal pubblico.
        Verrebbe demonizzato a prescindere. Ed in ultima istanza ci sarebbe il trattamento alla Haider o alla Bonanno.
        In definitiva, queste tue considerazioni lasciano il tempo che trovano. Non perché non siano corrette, da un certo punto di vista. È che stiamo parlando di qualche cosa che non c’è, la cosiddetta democrazia.
        Tanto meglio allora avere un Fontana che la butta in caciara.
        Ma chi se ne frega di Gori?
        Come quasi tutti i politici di sinistra, Gori merita di essere appeso ad un lampione. E questo è l’unica cosa che conti veramente.

        • LucaF.

          Sulla mancanza di leader capaci a dx concordo, il problema è che tale deficienza è il risultato di un sistema politico democratico marcio che ha prodotto la situazione che stiamo vivendo.
          I politici sono solo dei camerieri dei gruppi di potere che gestiscono il baraccone, ergo non sono motivati a fare l’interesse della popolazione, sicché non risolveranno mai il problema dell’immigrazione clandestina (sulla quale in troppi campano).
          Con simili sparate si dà solo un alibi e un autodafé alla vulgata politicamente corretto (un pò come Trump che prima spara a zero contro il Daca e i Paesi cesso salvo poi salvaguardarlo nelle successive 24 ore mettendosi ad elogiare quel comunista di MLK).
          Fontana ha già ritrattato le parole pronunciate, e sono sicuro che da qui alla fine della campagna elettorale lo vedremo fotografato con qualche Toni Iwobi del partito o che porta fiori anche lui a qualche sinagoga per redimere la colpa verbale…
          E’ illusorio che votando Fontana (o qualsiasi altro politico) si possa risolvere dei problemi sistemici che toccano gruppi di interessi e potentati nazionali e sovranazionali ben più in alto di lui.
          Nemmeno Trump (la figura istituzionale in teoria più potente del mondo) riesce a cambiare il trend avviato dalle élite e dal Deep State, figuriamoci un ex sindaco di Varese che crede di poter ottenere voti usando slogan da George Wallace!.
          Fontana non era obbligato a dire tutti i suoi pensieri più intimi e personali, poteva essere comunque preoccupato per l’invasione di immigrati irregolari senza tirare fuori argomentazioni da Manifesto della Razza (certe cose lasciamole a Scalfari & Co. http://www.storiologia.it/apricrono/storia/a1936h.htm ), operando una volta eletto nel contenimento del problema.
          I cittadini lombardi vogliono un governatore che tenga un basso profilo e che faccia funzionare bene la regione, con poca tassazione e burocrazia, e con più sicurezza.
          Fontana parli di quello, anziché mettersi a fare discorsi da bar, dato che lui non punta al ruolo del barista, ma di governatore…
          Che fine ha fatto il referendum sull’autonomia lombarda e la questione del residuo fiscale che diamo a Roma? Parli di quello anziché usare la “razza” come specchietto per le allodole per nascondere l’ennesima presa per il culo partorita dal suo partito.

          • LucaF.

            Tirando fuori la sparata sulla razza, Fontana ha solo dimostrato di essere a corto di idee, di argomenti e di lucidità, rivelandosi inadatto per la carica a cui concorre (ricordo che se lui è candidato governatore, questo è solo perché a Berlusconi va bene che perda un incapace, dato che ritiene Gori il suo uomo di fiducia, come dimostra il suo CV https://it.wikipedia.org/wiki/Giorgio_Gori#Carriera_televisiva ).
            E dire che Fontana non doveva nemmeno recuperare voti per arrivare a simili dichiarazioni! Quattro giorni fa, secondo questo sondaggio, il candidato del cdx era in netto vantaggio di 5 punti percentuali, sicché tale esternazione gli può solo far perdere voti: http://www.milanotoday.it/politica/elezioni-regionali-lombardia-2018/sondaggio-fontana-gori-12-gennaio.html

          • Ale C.

            “I cittadini lombardi vogliono un governatore che tenga un basso profilo e
            che faccia funzionare bene la regione, con poca tassazione e
            burocrazia, e con più sicurezza.”
            Applausi!

      • maboba

        Ho ascoltato a fatti e misfatti la registrazione completa del discorso di Fontana il cui contenuto è molto chiaro e quello detto non era uno slogan, bensì un’affermazione insieme a molte considerazioni, assolutamente non razziste, e tutte condivisibili sul tema dell’accoglienza. E’ stato un pollo a usarla e anche dopo a chiedere scusa, pur ricordando che il termine esiste anche in Costituzione. Non era però uno slogan, né per il contesto né per il tono usato.

    • Paolo Venturini

      Più che svegli…con le palle!

  • + latte – cacao.
    Fontana studia lo slang giusto!
    Dolce mi è naufragar nel lampione elettoral….

    • Cruciverba

      Illuminante !

    • marcoferro

      ah ah ah…

  • robert

    Bottarelli, sei geniale.

  • Luigi Zambotti

    La ‘soluzione finale’ per la demenza catto-comunista verra da qui:

    ….: sia in Iran sia in Tunisia, circa il 40% della popolazione ha meno di 25 anni.
    Ed è qui che dovremmo guardare, altro che velo. È quella demografica la
    vera bomba che scuote il Medio Oriente,,,,,
    e che deflagherà in Europa.

    http://www.linkiesta.it/it/article/2018/01/15/in-tunisia-come-in-iran-stiamo-regalando-i-giovani-alla-jihad/36791/

    • gino monte

      del resto i libbberisti non dicono sempre che la moneta migliore scaccia quella peggiore? ihihih!

      • Nieuport

        Non i liberisti ma gli economisti, ed è il contrario: la moneta cattiva scaccia quella buona.

  • Davide

    La palude parla ma con la sua sparata Fontana parla alla pancia della gente e ha fatto centro.

    • what you see is a fraud

      Ci sono tanti senza cervello nella nostra societa’ che ignorano la realta’ .
      Gli immigrati illegaii sono persone senza arte ne’ parte , Ineducati , non parlano la lingua , socializzati in societa’ competamente diverse con costumi diverse e religioni diverse . In conclusione non sono integrabili , non importa cio’ che le belle anime pensano .. loro sbabliano e sono fuori di testa .

  • Gianox

    “Ma il vostro parlare sia: Sì, sì; no, no; poiché il di più viene dal maligno”, Matteo 5,37.
    Ecco, per quanto non abbia fiducia in Fontana, egli ha parlato come si deve: sì sì, no no.
    E’ la sinistra che parla come il maligno.
    E la cosa tragica di questi tempi è che quasi tutti si fanno abbindolare da questo linguaggio maligno, che la sinistra ha fatto suo.

    • PdL

      Ed in chi avresti fiducia ?

  • lupodeicieli

    Come hanno sottolineato Gianox e LucaF il problema è anche nel linguaggio e nel saper argomentare: da tempo sottolineavo che nei talk show e nelle interviste , gli esponenti di Lega e della Destra in genere , non erano in condizioni di argomentare, di spiegarsi, di sostenere ciò che dicevano. Di più, dato che spesso usavano slogan invece che frasi complete e compiute. Che poi Fontana fosse stanco e sotto pressione, stressato o scazzato, il risultato è che c’è gente che ,sentendosi sotto osservazione, fa retromarcia (stile anche Di Maio) o non è in condizione di difendere il proprio pensiero. In entrambi i casi il rischio è di perdere consensi.

    • Goffry

      Nessun politico mainstream ha la capacità di argomentare.
      Non a caso, sono dei dilettanti che pretendono di fare la Champions League.

      • Stopensando

        Sono d’accordo, non c’è paragone con la classe politica della prima Repubblica in quanto a cojones.

  • Scrillo

    Fontana ha detto la sacrosanta verità, in un paese normale ci si dovrebbe preoccupare di questa invasione che ci sta spazzando via dalla storia, invece si continua a discutere del sesso degli angeli, sembra il preludio di Costantinopoli…

    • Goffry

      Repubblica farà un’articolo anche sulle scorregge di Fontana tra qualche giorno.

  • Cruciverba

    Nell’epoca dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario .
    Fontana ha detto oltre che un inconfutabile verità un ovvietà palese ( basta prendere quattro dati demografici in croce ) .
    Ovvio che i politically correct della società multiraziale non possono accettare questa verità perchè loro vivono in un mondo di pensieri ed ipotesi totalmente slegato alla realtà empirica del mondo contingente . Un paraculo milionario come Gori cosa volete che ne sappia della vita reale . Vivrà in centro con autista e inservienti vari . I Migranti li avrà forse si e no visti su una cartolina o in televisone .

    • Paolo Venturini

      Come avessi scritto io.

    • LucaF.

      Vero, ma dire la verità in maniera così “cruda” rischia solo di far perdere consensi e le elezioni
      (questo tralasciando il fatto che Fontana e il cdx vogliano effettivamente, aldilà delle chiacchiere, cambiare lo status quo in maniera rivoluzionario, cosa che personalmente dubito visto il loro record pregresso e le loro proposte politiche elettorali).

    • biafra66

      Il Gori la “vita reale” (degli altri) la sfrutta, (con consorte compresa a libro paga RAI),con azienda Magnolia produzioni tv ….per capirci sfruttando l’ignoranza dei teledipendenti italioti, con stile tipo “isola dei famosi” e fogna del “genere” trash.

      • Goffry

        Con casa “quasi” blindata in città Alta a Bergamo…

        • biafra66

          Vicini di casa del mitico Vittorio Feltri?

          • Goffry

            Non proprio, lui vive in prima periferia nord (Ponteranica).

          • biafra66

            Ah….Ponteranica, “comune degorizzato”. Bene

          • Goffry

            Ma il sindaco dovrebbe essere di una lista di centro-sinistra, hihihi…

          • biafra66

            Feltri direbbe: “…..cosa vuoi che me ne frega del sindaco di centro sinistra…e dei negri”

          • Goffry

            Ed è l’approccio perfetto, hahahaha… non la classica boutade politically incorrect, che poi provi a rettificare, ma io volevo dire, hanno capito male … eccheccazzo, ci vogliono le palle…

          • biafra66

            Top! Siamo al top.

          • Goffry

            Perchè non c’è un politico come il sergente istruttore Hartman?!?! Perché???????

          • You are entitled to nothing

            Almeno Feltri si batte contro L invasione !!! Leggilo e vedrai che e’ dalla ns parte in questa lotta

      • LucaF.

        Anche la cognata è sul libro paga Rai, ambedue conducono Domenica In.

        • biafra66

          Ancora un paio di mesi ed entrambe alla Regione Lombardia in qualche ufficio di merda costruito ad acta ….scommettiamo?

    • Stopensando

      In Irlanda il nome più diffuso tra i nascituri negli ultimi anni è Mohamed, vedi te.

  • Austrian school

    Fontana ha detto una cosa assolutamente naturale. Occorre difendere la razza bianca dall’invasione della razza nera. E allora? Dove è lo scandalo?
    Se avesse detto che occorre difendere la razza Chianina dall’estinzione si sarebbe scandalizzato qualcuno? Forse avrebbe avuto anche il plauso del WWF.
    Il problema è sempre il solito che per molti la seconda guerra mondiale non è mai finita e fa comodo che non sia mai finita.
    Parlare di razze umane agita i finti benpensanti che mai e poi mai ritengono che le razze umane esistano, salvo poi incazzarsi come iene se la figlia si fidanza con l’africano.
    Fontana ha detto una frase sacrosanta, la razza bianca è in pericolo anche di estinzione ma nel minimo di invasione e sottomissione. Questo è razzismo? Manco per il cavolo questo è prendere atto che alcune razze umane stanno avendo la meglio su altre razze umane, con l’aiuto di gente che per interesse economico o di destabilizzazione politica sta incentivando questa invasione.
    Per concludere ho sentito anche dello sdegno della comunità ebraica italiana verso la frase di Fontana. Allora cara comunità ebraica accogliete in Israele tutti i neri sub sahariani che ci invadono, invece di respingerli brutalmente, forse dareste per primi un buon esempio invece di dare cattivi consigli.

    • Goffry

      Lo scandalo è, banalmente, sempre quello (ovviamente è l’ossessione solo di una minoranza): contrapporre i poveri neri con la supremazia dei bianchi… la solita apoteosi del vittimismo. I neri, si sa, sono sempre deboli e oppressi.

    • what you see is a fraud

      Secondo Israele loro possono disfarsi degli invasori Africani , ma l’Italia non puo’ perche’ deve obbedire ai lavati nel cervello da Soros , Merkel , Juncher e altri notabili idioti che hanno gia’ rovinato la Germania , la Francia , la Svezia eccetera . ecc . Ora nel nome della integrazione con i non integrabili anche l’Itaglia verra buttata sotto l’autobus dei politicamante corretti corrotti .

    • Sergio Andreani
      • Goffry

        Soprattutto quando sono gli italiani che l’hanno portata a Bruxelles.
        Comunque, tranquillo, la tizia è morta due anni fa di infarto.

    • lusc sbar

      Ah, ah, ah. Pericolo di estinzione? Ma va ciapà i ratt bigul.

    • marcoferro

      la razza eletta massacra allegramente i palestinesi senza che nessuno dica ba…

  • Antonello S.
  • Sergio Andreani

    Leggete cosa scriveva l’eurodeputata dal Partito Democratico(?) sugli italiani: http://www.lindipendenzanuova.com/italiani-bastardi-italiani-di-merda-firmato-dacia-valent/

    Non mi pare che nessuno si sia mai scandalizzato.

    Piddioti, andate affanculo che ci avete già rotto abbastanza !!!!

    • Goffry

      Soprattutto quando sono italiani quelli che l’hanno portata a Bruxelles.
      Comunque, la tizia è morta due anni fa di infarto.

      • UnionJack

        “Comunque, la tizia è morta due anni fa di infarto.”

        Dannazione, mi sono perso i festeggiamenti.

        Ricordo questa bestia immonda teneva un blog di qualche tipo che non si cagava nessuno, pertanto sentiva la necessità di andare a rompere in cerca di attenzioni insieme agli altri fanatici maomettani della iadl…

        il delirio politically correct che sta imperando ora era già stato previsto almeno un decennio fa, ma chiaramente nessuno ha cercato di impedirlo davvero.

        l’aspetto positivo è che almeno la diceria che “muoiano sempre i migliori” viene finalmente smentita.

        • Goffry

          Era un membro attivo dell’UCOII (unione comunità islamiche), praticamente la costola dei Fratelli muslim… tonnellate di sterco…

      • Davide

        Quando la Divina Provvidenza ci mette la mano!

  • Tex42

    La parola “razza” può anche essere abolita dall’uso comune, ma ciò è inutile. Perchè essa esprime un concetto che tutti possono vedere. Cioè che le persone della specie umana si possono raggruppare in base ai tratti fisici, e che tali tratti fisici non sono mera estetica ma hanno un riflesso, ad esempio, sulle prestazioni sportive.
    Quindi, la differenza c’è, e questa non può essere abolita. Difatti si usa il termine di etnia.

  • You are entitled to nothing

    Leggendo solar te il giornale uno si fa una cultura. Si dell invasione nn solo accettata ma coccolata gente che ruba spaccia picchia impunemente ! E ora ai soliti coglionazzi del centro sx la parola razza scatena il putiferio ?!! Ma allora aboliamola ma ciò nn toglie che si neri e’ permesso tutto a noi bianchi solo zitti lavorare e mantenerli ! Eh no forza il partito dei fucili e dei lampioni !!

    • PdL

      Guarda che l’immigrazione incontrollata viene direttamente da Washington…..

      • Scrillo

        Se ti riferisci in particolar modo alla precedente amministrazione e ai disastri iniziati dai francesi in libia, non posso che concordare.

        • PdL

          Esattamente…. infatti non riesco a non guardare al Presidente Donald Trump con estremo interesse e simpatia.
          E i continui attacchi che riceve sia dai neo-con del suo partito, che dai liberal Dem.; non fa che confermarmi che è nel giusto.

  • enricodiba

    Fontana ha guadagnati un bel po’ di voti dopo questa uscita, per renzi e gori invece si mette sempre peggio.

    • zhoe248

      Penso che dopo la marcia indietro li avrà persi. Si è lasciato subito intimidire dal politicume corretto, dimostrando di non avere i cosidetti.
      Uno così non ci serve, spero cambino candidato in lombardia.

      • Scrillo

        Nessuna marcia indietro, è solo la stampa che travisa il senso del discorso. Fontana si è dimostrato fermo e incoercibile su temi di assoluta importanza.

        • zhoe248

          ho letto che dope le critiche del solito ipocritume corretto si è scusato ed ha parlato di “lapsus”….
          Altro che scuse e lapsus, avrebbe dovuto rincarare la dose!

      • enricodiba

        Si in effetti si è giocato gran parte dei voti guadagnati.

  • SDM

    Zingarelli, vocabolario della lingua italiana, edizione 2005 (forse dopo l’hanno purificato, chissà)- RAZZA: 1 “l’insieme degli individui di una specie animale o vegetale che si differenziano da altri gruppi della stessa specie per uno o più caratteri costanti e trasmissibili ai discendenti”. 2 “Tradizionale suddivisione della specie umana in base a caratteri morfologici quali il colore della pelle, la forma degli occhi o del cranio, la statura media, ecc: r. bianca, nera, gialla”.
    Quindi nella lingua italiana il concetto di razza al di là di cultura esiste, e non lo nega nemmeno Wikipedia. Ma se vogliamo possiamo parlare di etnia, il discorso non cambia: esistono gruppi di esseri umani diversi, le cui diversità sono palesi, ricorrenti e in grado di favorirli o sfavorirli in ambienti differenti. LA SCIENZA DIMOSTRA CIO’. Dimostra che esistono diverse razze con diversa massa muscolare media, robustezza della dentatura e… udite udite, diverso quoziente intellettivo medio.

    https://uploads.disquscdn.com/images/1db2d739d1dfd174ce9324f6f3067fca55cb4e3a78b319092def49aa9c28558e.png

    https://en.wikipedia.org/wiki/IQ_and_the_Wealth_of_Nations#Criticism

    Gli scienziati hanno dimostrato che la stessa razza, posta in ambienti differenti, non varia il proprio IQ oltre il 20%, ovvero che diverse razze in uguali ambienti, continuano a mostrare le medesime divergenze nelle prestazioni mentali attribuibili prevalentemente al funzionamento della corteccia, sempre nell’ambito della curva statistica, per cui esisterà comunque il genio africano ed il cinese idiota. Io stesso, che per lavoro conosco bene la genetica, posso testimoniare che già oggi esistono numerosissime prove di come le differenze etniche, o razziali, abbiano conferma in manifestazioni genetiche individuabili, tali per cui un individuo ad esempio brasiliano, attraverso un’analisi del sangue, può facilmente scoprire quali ascendenze etniche abbia, ed addirittura la provenienza geografica degli antenati, ma non a livello di continente, bensì di area territoriale (gli afroamericani verrebbero dall’ovest della Nigeria, gli afrobrasiliani in parte dalla stessa regione della Nigeria, in parte dall’Angola).
    L’assurdità in cui è caduto il mondo moderno sta nel fatto che, innanzi a dimostrazioni scientifiche palesi, una nazione non possa nemmeno discutere a livello teorico su quale ceppo razziale possa dare maggior beneficio alla nazione in cui si trovi, di fronte ad uno scenario migratorio massiccio con sostituzione etnica (e culturale).
    E comunque Fontana è stato un po’ idiota, perché doveva aspettarsi quello che è successo, oggi dire certe cose è proibito; non mi stupirei se perdesse le elezioni per aver detto questa (verità) gaffe.

    • gino monte

      wow! dalla mappa abbiamo un QI maggiore di americani e tedeschi 🙂
      il punto è che i parametri su cui si misura il QI sono stabiliti da UNA cultura e basati sulla definizione di “intelligenza” che quella cultura dà.
      quindi è tautologico che se la definizione la dà la cultura “del progresso tecnologico”, i più intelligenti risulteranno i componenti di tale cultura.
      per cui, per un antropologo culturale, tutto il discorso sarebbe inutile.

      ad esempio per me (vivo in brasile) è molto più intelligente il famigerato zio anacleto, zio della mia compagna, che si trombò 1500 donne e fece 68 figli, che non il più grande informatico del mondo inventore di blockchains segaiolo col pene di 7cm (eretto), perchè io ho una diversa definizione di intelligenza, ahahah!

      p.s. in brasile ci sono afro provenienti da moltissime aree, non solo nigeria e angola.

      • hurom

        è proprio questo il punto, il concetto di intelligenza è tarato sui nostri standard. prendi un genio metropolitano piazzalo nella foresta equatoriale e guardalo morire di paura e stenti, mentre il negroide locale se la cava egregiamente.

        • You are entitled to nothing

          bene. Allora qualcuno mi elenchi le INVENZIONI fatte da …colorati …… grazie. Cosi almeno vediamo cosa hanno inventato di buono per il ns pianeta in toto. Mai sentito di … giungla metropolitana ?

          • Stemby

            È proprio qui il punto: per noi “intelligente” è chi trova soluzioni a quesiti tecnico-scientifici. In un altro ambiente o cultura la definizione potrebbe divergere.
            Aggiungo un esempio: i nativi americani vivevano in equilibrio con la natura. È davvero più intelligente l’odierno guidatore di SUV che l’ha rimpiazzato?

          • Emilia2

            Vivevano in equilibrio con la natura perche’ erano pochi (anche grazie al fatto che la maggioranza dei loro bambini non raggiungeva l’eta’ adulta)

          • Stemby

            È il contrario: erano in pochi perché erano in equilibrio con la natura.
            Altre culture (come la nostra) funzionano invece in modo analogo a un virus, dove l’organismo ospite è prima il territorio circostante, poi l’intero pianeta, poi (se si riesce) l’universo; oppure si schiatta assieme all’ospite.

      • PdL

        Sicuramente se puoi postare i tuoi commenti anche dal Brasile lo devi a qualche genio informatico (anche se impotente), piuttosto che a tuo zio anacleto che si tromba 10 donne/giorno.

        • gino monte

          verissimo! però preferivo quando non avevo il computer ma mi trombavo 2 pischelle a settimana, tornasse quell’epoca il computer lo getterei volentieri nella monnezza. gusti personali eh! ahah!
          resta il fatto che il QI è una bufala.

          • PdL

            Oddio… non credo che nessuno ti punti un fucile alla schiena costringendoti a collegarti a RC e chattare con noi; o almeno lo spero sinceramente!!!
            Per il QI non mi pronuncio, riconoscendo la mia più completa incompetenza in materia.

          • gino monte

            ti spiego: dati i nefasti cambiamenti culturali in brasile (religioni protestanti puritane, femminismo, obesità femminile) non si tromba più e allora mi comprai il computer per passare il tempo

          • PdL

            Ne deduco allora che dovresti essere d’accordo con me che è meglio ringraziare quei geni informatici che, invece di trombare (causa pisello corto e/o impotenza congenita) si sono messi a inventare/migliorare internet ?
            🙂

          • gino monte

            ma certo! mica li ho condannati! ben venga l’utilità sociale anche dei MENO intelligenti, ihihih!

  • Pieretto

    Fontana ha detto una cosa di semplice buon senso.

    Al suo posto avrei usato altre parole esprimendo lo stesso concetto per evitare strumentalizzazioni anche se non è detto che queste polemiche tanto demenziali quanto prevedibili gli facciano davvero perdere voti.
    L’importante comunque sarebbe tener duro sui fatti.

    Una vota esternato ha fatto male a fare quella retromarcia.

    Sull’esistenza della parola razza in Costituzione come lei ha già accennato le risponderebbero che era un’altra epoca, d’altra parte fino a non molto tempo fa l’omosessualità veniva considerata in maniera ben diversa da adesso anche dalla “scienza” fino a quando quelle organizzazioni internazionali del menga sotto la spinta di lobbies potenti non hanno imposto il loro volere ma tanto se una cosa è rossa e ti fanno dire che è bianca sempre rossa rimane.

    Le baby gang di Napule lo faranno per noia o per accreditarsi presso i camorristi, di sicuro non per coraggio, 10 contro 1 è pura vigliaccheria ( anche 1 contro 1 se tu sei armato e l’altro no, se tu sei una testa di cazzo grossa e cattiva che aggredisce a sorpresa e l’altro un normale bravo ragazzo che gira tranquillamente, ecc. il vero coraggio rispetto a un altro lo mostri a parità di condizioni, es assaltare una postazione sotto il fuoco nemico, le pallottole non fanno distinzioni, o stando più leggeri, affrontare sul ring uno di pari peso, esperienza e con abilità simili ecc. )

    Alle parole di Saviano e alle solite elucubrazioni dei sociologi d’accatto, detto che agire su scuola, cultura, retroterra familiare e sociale è doveroso come prevenzione risponderei che fondamentalmente per i peggiori di quei criminali, cioè la grande maggioranza, la soluzione migliore alla fine sarà sempre più bastone e carote solo nel culo ( cit. mio cugino carabiniere ).

    • Stopensando

      Prima devi sparare in testa a chi non rispetta le leggi, secondo lo lasci alcuni giorni per terra che tutti lo vedano, poi vedi che tutti rispetteranno la legge in religioso silenzio. Questo vale dalle baby gang alle onorate persone che siedono in parlamento.
      Senza versare sangue non si è mai ottenuto NIENTE

  • Uto Uto

    “E’ una scelta – aggiunge Fontana – se una maggioranza degli italiani
    dovesse dire ‘dobbiamo auto-eliminarci’, vuol dire che dobbiamo andare
    da un’altra parte”. Rispondendo a un ascoltatore che lo interpellava
    sulla questione immigrazione, Fontana ha detto che “viviamo una realtà
    che è anche questa irracontabile”. “Uno Stato serio dovrebbe progettare e
    programmare anche una situazione di questo tipo – ha proseguito il
    candidato presidente della Lombardia -. Dovrebbe dire quanti riteniamo
    giusto accoglierne e quanti immigrati non vogliamo fare entrare, come li
    vogliamo assistere, che lavori dare loro, che case o scuole dare loro. A
    quel punto quando un governo fa un progetto di questo genere lo
    sottopone ai suoi cittadini”. Secondo Fontana, non ha senso “fare il
    discorso demagogico e assolutamente inaccettabile per cui dobbiamo
    accettarli tutti”. “E’ un disegno a cui bisogna reagire, a cui bisogna
    ribellarsi – ha concluso l’esponente leghista -. Perché non
    possiamo accettarli tutti, perché se dovessimo accettarli tutti, non ci
    saremmo più noi come realtà sociale, come realtà etnica. Perché loro
    sono molti più di noi e molto più determinati nell’occupare questo
    territorio. Qui non è questione di essere xenofobi o razzisti, ma è questione di essere logici o razionali”.

    • Uto Uto

      Uno Stato serio dovrebbe progettare e
      programmare anche una situazione di questo tipo. Dovrebbe dire quanti riteniamo
      giusto accoglierne e quanti immigrati non vogliamo fare entrare, come li
      vogliamo assistere, che lavori dare loro, che case o scuole dare loro. A
      quel punto quando un governo fa un progetto di questo genere lo
      sottopone ai suoi cittadini. CHIARO? Ma soprattutto quando cazzo ci costerebbe e a cosa adremmo incontro a non importare merda umana a gogo dal resto dle mondo? Ma se la maggioranza approva……
      E’ questione di essere logici o razionali….

      • what you see is a fraud

        Vero ma i leaders e i poltici di merda sono allergici ai referenda popolari , ma questa dovrebbe essere la strada da intraprendere prima di mandare la Marina Militare a fare i tassisti per il selvaggi .

  • lusc sbar

    Articolo ridicolo come al solito quando si tenta di difendere l’indifendibile. Il problema non è se le razze esistano o meno, o se esistano come vengono intese nella costituzione o nel dizionario. Il problema è che secondo alcuni la “razza” debba essere a tutti i costi difesa, spesso anche con mezzi poco democratici. Questo è il terribile concetto che passa ed è chiaramente un concetto fascista. Inutile negarlo. Sarebbe stato più corretto parlare di società occidentale che deve essere preservata da certi oscurantismi dell’altro mondo (ma a quanto sembra anche di questo). Fontana ha quantomeno toppato alla grande nella scelta delle parole, ma secondo me è ha caccia di voti, quindi “dagli al negro che paga sempre”…

    • Scrillo

      “debba essere a tutti i costi difesa, spesso anche con mezzi poco democratici”. Che debba essere difesa o meno si può discuterne. Ma per “i mezzi poco democratici” è una tua aggiunta, del tutto personale, che travisa di molto il senso del discorso come ha fatto la stampa con indigniazione a telecomando mainstream. Mezzi poco democratici, che effettivamente visti i tempi in cui viviamo, (vedi La Grande Sostituzione, di Camus; o il piano del 2015 della Merkel per imporre a tutta la zona europa la sua idea di arricchimento interculturale), è una considerazione del tutto lecita, da applicarsi a quei gruppi parlamentari di superiormente morali (sboldrina&co), che continuano a blaterare di accoglienza e organizzare manifestazioni pro accoglienza, nonostante tutti i sondaggi da oltre un ventennio che danno gli italiani in netta maggioranza contrari alla immigrazione di massa.

      • lusc sbar

        Tant’è che alla fine sempre lì si finisce, ai mezzi poco democratici. E le persone come Fontana che fanno passare simili idee solo perché loro si ritengo in buona fede sono quelle che mi fanno più schifo.

    • maboba

      Lei straparla. Ascolti l’intervista intera e si accorgerà, se avrà l’intelletto libero da pregiudizi, che “il terribile concetto che passa, quello della difesa della razza con mezzi poco democratici” è del tutto inesistente, tant’è che alla fine afferma che se di fronte alla eventuale sostituzione etnica gli italiani decideranno di approvarla e sostenerla allora pace e bene. Le sembra un discorso “fascista” ?. Il dibattito serio è quindi se si accetta di continuare con un’immigrazione incontrollata che potrebbe avere quelle conseguenze oppure no. Continuare a sproloquiare di fascismo ad ogni stormir di vento rende inefficace il concetto stesso.
      Poi che il termine più corretto fosse appunto quello di cultura occidentale sono d’accordo, ma continuare a sproloquiare di fascismo ad ogni stormir di vento rende inefficace il concetto stesso.

      • Sandro B.

        Non solo, ma a forza di sproloquiare di fascismo in maniera insensata come stanno facendo più o meno tutti ad ogni occasione c’è il rischio che uno pseudo fascismo storpiato post moderno si manifesti in una sorta di nuova moda trasgressiva. Non mi stupirei affatto se accadesse.

      • lusc sbar

        Il concetto di difesa della razza è un concetto fascista, non c’è molto da discutere. È uno dei capisaldi del pensiero fascista.

        • Scrillo

          la difesa del proprio popolo, che è legato oltre che alla cultura, religione, tradizione, anche alla propria terra ed al proprio sangue, è un concetto che qualsiasi civiltà che abbia voluto definirsi tale è talmente antico quanto il concetto stesso di civiltà. Anzi una civiltà che vuole distruggere sé stessa suicidandosi e non sapendo più riconoscere una propria visione, in nome di una presunta superiorità relativistica, non andrà molto lontano.

          • lusc sbar

            Mica ha usato l’espressione popolo italiano, ha usato l’espressione razza bianca. È un politico, ci si aspetterebbe che sappia usare le parole appropriate per esprimere correttamente un concetto

          • Scrillo

            la frase è stata estrapolata dal contesto e ripresentata in diversa forma dai soliti giornalisti che cercano lo scoop. Il discorso di Fontana è molto più profondo ed il senso è stato totalmente travisato. La difesa della identità popolare che è seriamente minacciata da una elites di politici progressisti e intellettuali di mezza europa. Parlare solo di razza bianca è riduttivo, perché il popolo italiano non può essere incanalato in questa definizione, che oltretutto è la solita semplificazione americana della realtà. Ma al di là del termine in sé la questione è molto importante, mentre la sterile strumentalizzazione che ne è stata fatta ha aggiunto nulla. C’è un popolo che sta scomparendo, non per cause naturali, ma addirittura sono gli stessi rappresentanti del potere ad organizzare questo vero e proprio genocidio, presentando il tutto come un vero e proprio piano progressista, in cui cambiare geneticamente il proprio popolo, perché la diversità è considerata da loro un valore.

          • lusc sbar

            Ma la vedere solo voi questa scomparsa

          • Scrillo

            fai un giro fuori dal centro di milano o torino. Anzi puoi benissimo farlo anche in centro ormai, basta togliere il paraocchi.

          • lusc sbar

            Sono di Milano. Insisto, secondo me avete le allucinanti

          • Scrillo

            Nella babilonia milanese gli italiani sono sempre meno: non è stato il sindaco Sala a fare l’organizzazione pro accoglienza degli stranieri proprio l’anno scorso a Milano ? Vuoi dire che anche lui sarebbe allucinato ?

          • lusc sbar

            Certo che ci sono immigrati, ma Milano resta Milano. Se a te sembra di girare per Bagdad continuo a ritenere che soffri di allucinazioni

          • Scrillo

            Certo 50 anni fa non era come è ora. Ma per questo basta guardare l’elenco telefonico. Forse non te ne sei accorto perché questi cambiamenti avvengono lentamente, ma neanche troppo vista l’ideologia multiculturale di molti centri del potere europee applicati a pieno regime. Ma la domanda vera che i nostri politici dovrebbero farsi è come sarà tta 50 anni. Tu continua a sostenere che siano tutti sotto l effetto di allucinazioni, poi vai a vedere le classi elementari a milano (6 italiani il resto stranieri).

          • lusc sbar

            Puoi leggere migliaia di Adbul, Ivanovic o Chang sull’elenco telefonico, quello che vedo e vivo è una città italiana, in tutto e per tutto, a prescindere dai cognomi. Capisco che per certi fini ideologici si voglia far credere che questa società si sta islamizzando o roba del genere, ma non è affatto così.

          • Scrillo

            “Puoi leggere migliaia di Adbul, Ivanovic o Chang sull’elenco telefonico”, sono più che d’accordo. Questo non è il futuro che augurerei ai miei figli.

          • lusc sbar

            Come la mettete giù dura

          • Scrillo

            Non so cosa intendi, continuando ad insistere con quel plurale che mi attribuisci: io parlo solo per me stesso. Forse credi che ce ne siano molti di più come me, ma mi dispiace proprio deluderti, io sono uno solo. Dovresti provare a confrontarti con un po’ di tutta quella babilonia di persone dell’elenco telefonico di cui mi dicevi prima; sono sicuro che tanti alibabà non vedono l’ora di potersi mettere a spolverare i nostri monumenti e costruirci un bell’altarino alla nostra cultura bimillenaria.

          • lusc sbar

            Io penso che non gliene frega un beneamato cazzo delle lotta tra civiltà. Hanno altre priorità, molto più terra terra.
            Comunque, visto che sei solo… come la metti giù dura.

        • Antonello S.

          Io sono per la salvaguardia del panda gigante.
          Sono un fascista?

          • lusc sbar

            Probabile

        • Davide

          Emigrate dai vostri paesi degradati e distrutti a caccia di civiltà e venite qua da noi e ve la divorate, quello che fate non va bene per nessuno , se avete bisogno chiamateci e noi ritorneremo la da voi a colonizzarvi di nuovo.

          • lusc sbar

            A Milano?

        • Emilia2

          Allora parlavano di difesa dalla razza ebraica (che non esiste). La situazione attuale e’ del tutto diversa

    • Uto Uto

      esatto. se i ‘mandarini’ fossero benestanti, educati, profumati, gentili, efficienti, privi di stronzate religiose nella testa, acculturati, disponibili, sottomessi, simpatici, che problema si sarebbe? A si, che ruberebbero il lavoro a molti stronzi, ignoranti, mal vestiti e rozzi italici. Il solo motivo per cui difendo tutti i componenti della mia etnia è che siamo in emergenza genetica. Passata l’emergenza, tra indignei negri gialli o mulatti (mulatte…) vince chi ha maggiori qualità anche estetiche. Una chimera, chiaramente. La società occidentale si sta fottendo da sola a causa dei suoi idioti sensi di colpa.

      • lusc sbar

        Emergenza genetica? Troppa fantascienza amico

        • Scrillo

          Mai stato nel sud della Francia o a Londra vero ? Chiamala come vuoi, ma alcuni stati europei stanno cambiando il proprio codice genetico/cultura/etnia/religione/civiltà in poche parole la loro identità. A molti cittadini (la maggioranza da tutti i sondaggi mai fatti) non sembra che il nuovo che avanza sia tanto meglio, tranne che per qualche sparuto progressista del “meticciato”, qualche ideologo del multiculturalismo e qualche altro politico. Se la tradizione la abbiamo buttata nel cesso, la religione è tutta una balla, il papa è islamico, che cosa resta se non l’etnia e i tratti somatici ? Nessuno difenderà una terra e un popolo di traditori, ma quelli che sapranno stare uniti potranno farcela, gli altri andranno incontro al loro glorioso destino, in una terra ormai straniera.

          • lusc sbar

            I tratti somatici? Oddio dovremmo considerare “altra razza” anche parecchi meridionali.

          • Scrillo

            E’ il tuo punto di vista, possiamo discuterci quanto vogliamo, per me puoi considerare altra razza anche il tuo vicino di casa, tuo fratello e pure tuo padre se vuoi. Ci sono diverse cose che definisco l’identità di un popolo: cultura, religione, filosofia, lingua, letteratura, storia, terra e sangue.

          • lusc sbar

            Sul sangue noi italiani dovremmo stare zitti, ne abbiamo di tutte le qualità che ci scorrono nelle vene.

          • Scrillo

            Così facendo si fa di tutta l’erba dei popoli un bel fascio. Noi abbiamo una storia che è unica rispetto ad altri (che hanno a loro volta le loro uniche storie). E non è che possiamo vantare tra i nostri antenati i Syoux, i Bantù, gli Uighiri, i Tartari e tanti altri ancora. A uno può far comodo pensarlo, ma non è neppure così nelle americhe. Ma anche fosse stato tanto secoli fa, questo potrebbe al massimo stabilire un legame di parentela remoto, non certo sarebbe possibile vantarsi di avere la stessa identità e storia comune; un grado di parentela come ad esempio è per molti popoli europei (tra cui molti popoli italiani prima della unificazione del XIX secolo).

          • lusc sbar

            Sei tu che hai parlato di sangue. Adesso tiri fuori storia e cultura. Se vuoi marcare differenze fallo nel modo corretto. Culturalmente c’è una bella differenza tra la società europea e quelle arabe. E questa differenza anch’io voglio mantenerla. Lasciamo stare però razze, colore e sangue che non c’entrano niente.

          • Scrillo

            Io faccio un discorso generale, percui un popolo secondo me è identificato da diversi fattori di contesto: storia, cultura, tradizioni, religione, filosofia, lingua,letteratura, terra e sangue. Non riesco a capire come si possa lasciar fuori da questo discorso (a tutti i costi) il sangue, per quanto riguarda l’europa (quando le parentele sono di solito i legami più forti tra gli individui), mentre sarebbe altresì quasi impensabile per quanto riguarda l’arabia e tanti altri popoli del mondo.

          • kikko19

            Sicuramente! Ma è la cultura la discriminante di cui i fighetti si dimenticano sempre.

          • lusc sbar

            Nessuno si dimentica della cultura

          • kikko19

            Dovrebbe essere l’unica discriminante. Il colore non c’entra nulla.

  • Sandro B.

    Beh, vediamo gli elettori come la pensano. Se la maggioranza la pensa come Fontana è inutile che i sinistri e non solo si indignino ad cazzum, non cambierà nulla nelle intenzioni di chi la pensa come Fontana e quindi lo voterà. Il guaio ci sarà in base a quanti fra i sinistri avranno patito di persona le scelte scellerate della politica pdiota dell’accoglienza a tutti i costi e faranno una pernacchiona a Renzi. La gente ne ha piene le scatole del politically correct. Sarà il caso di tornare a chiamare le cose con il loro nome e a definire le situazioni per quello che realmente sono.

  • ex2sl24

    Si discute molto, in queste ore, dell’uscita sulla “razza bianca“ da parte di Attilio Fontana,
    leghista e candidato presidente alla Regione Lombardia in quota
    centrodestra. Un’espressione che, al di là del contesto in cui è stata
    pronunciata e della consapevolezza di chi l’ha utilizzata, ha riaperto
    il decennale dibattito sul termine “razza”.

    Gli appelli degli esperti per dichiarare scientificamente inservibile il termine si susseguono da anni.
    Si tratta di tesi a cui ovviamente devono rispondere altri scienziati,
    con gli argomenti della scienza, anche se, va detto, ogni volta che
    qualcuno ci ha provato è scattata una messa al bando molto politica e
    molto poco scientifica. Ad ogni modo, se la “parola” è imprecisa,
    obsoleta, superata, squalificata o anche se si ritiene che sia
    politicamente non più appropriata, se ne trovi un’altra per designare
    una “cosa” che, però, non può essere messa in discussione. E questa cosa
    è la biodiversità umana. Un fatto incontestabile, che
    fa parte non solo dell’esperienza comune di ogni persona che non sia
    completamente accecata dall’ideologia, ma anche della vita dei genetisti
    che, pur con le dovute prefazioni di rito sulla presa di distanza dal
    razzismo, continuano a scrivere libri sulle loro ricerche sulle differenze genetiche tra le popolazioni.

    L’esistenza di una fatto, ovviamente, non implica che esso si dia “in purezza”: identità e differenze sono sempre relative, mai assolute. Eppur ci sono.
    Esistono, “funzionano”, producono senso e generano conseguenze. Nessuno
    ha mai visto il punto esatto in cui la pioggia cessa di cadere, non c’è
    mai una linea netta al di là della quale inizia il sereno, ma tutti
    sappiamo che c’è differenza tra bello e cattivo tempo e non cessiamo di
    uscire in canottiera o con l’ombrello, a seconda dei casi, solo perché a
    qualcuno è venuto in mente di “decostruire” i concetti meteorologici.
    Tutti noi vediamo alla tv i telefilm americani in cui i poliziotti
    diramano ordini di cattura per individui “caucasici”, “afroamericani” o
    “asiatici”. E magari, per esempio in Csi, riescono anche a
    risalire all’appartenenza di un sospettato a una di queste categorie
    attraverso l’analisi di un reperto genetico lasciato dallo stesso sul
    luogo del delitto. Constatiamo pure che, quando alcune associazioni di
    neri decidono di organizzare meeting “vietati ai bianchi” (è
    recentemente successo in Francia) o quando gli attori di Hollywood
    decidono di protestare perché nelle nomination ci sono pochi neri, le reciproche appartenenze sembrano chiare a tutti, a cominciare dagli antirazzisti stessi.

    Ma come è possibile che i neri esistano quando si afferma che sono
    troppo pochi, mentre cessino di esistere quando si afferma che sono
    troppi? Un attore bianco che vincesse l’Oscar e che, alle recriminazioni
    razziali, rispondesse che lui non è bianco e che la razza non esiste,
    sarebbe giustamente preso a pernacchie. Ma, ripetiamolo: se è il termine in sé ad agitare i sonni politicamente corretti, allora cambiamolo pure. Se
    ce n’è un altro più preciso e meno equivoco, che lo si usi. Se la
    questione è puramente nominalistica, ci vorrà poco a superarla. A meno
    che, invece, il problema non sia relativo alla “parola”, ma proprio alla
    “cosa”. Se si sta dicendo che la biodiversità umana non esiste o, più
    plausibilmente, che non deve esistere, allora il discorso assume tutta un’altra dimensione. In questo caso, siamo in prossimità dell’etnocidio. Qui non si hanno più argomenti, si ha l’autodifesa.

    Adriano Scianca

  • Uto Uto

    L’europpa sta importando milioni di extranei da tutti i più luridi angoli del mondo. A cosa serviranno?
    1- a sostituire gli operai/impiegati invecchiati. A pagarci la pensione indsomma….ih ih ih ih….. .peccato che l’industria 4.0 della forza umana se ne faccia nulla. Automazione, informatizzazione, razionalizzazione, l’uomo serve sempre meno. Quindi?
    2- come badanti degli over 75, la maggioranza della popolazione futura in pannolonia.
    Altre idee? No perchè i tedeschi mica sono dei pirla. Se si sono presi 1 milione di siriani ci sarà un motivo.

  • Uto Uto

    Attilio Fontana (Lega), candidato governatore della Lombardia, quando
    era sindaco di Varese girava con la sua Porsche. Oggi, con l’anti
    politica che galoppa, ha lasciato la fuoriserie in garage e si sposta
    con la Fiat 500, con cui è andato pure ad incontrare Berlusconi ad
    Arcore.

    Un’opportunista, demagogo, paraculo. Fontana, sei fuori!

  • RUteo

    La chiamata alle armi significa che dei bianchi di pelle mandano dei neri di pelle a fare la guerra contro dei gialli di pelle, per difendere la terra che loro hanno rubato a dei rossi di pelle .
    Murales in Vietnam ai tempi dell’invasione dei Banditi Uniti D’America ,

  • Uto Uto

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi