LA VERITA’ SULLE “STRAGI DI GOUTHA”.

Di Maurizio Blondet , il - 78 commenti

“Strage di civili a Goutha: 300 vittime, tantissimi bambini” (Huffington Post).  “il massacro di Goutha” (il Post). “ 200 persone, tra cui 57 bambini e adolescenti, sono state uccise nei bombardamenti governativi in corso da domenica sulla Goutha orientale, alle porte di Damasco”.  Ovviamente ricompare la Goracci la quale da Istanbul, dove non  vede niente, strilla: “Ghouta, “bagno di sangue” nell’ultimo forte dei ribelli anti-Assad Ghouta”.  Anche lei da conto di “almeno 200  morti di cui 60 bambini”.  “Goutha, un’altra Srebrenica” (The Guardian), “250 uccisi a  Goutha” (BBC).

Si ricalcano tutti,  i gridi d’orrore e di sdegno. Perché le loro fonti sono le stesse: L’Osservatorio siriano per i Diritti Umani che ha sede a Londra, e gli Elmetti Bianchi, la nota  formazione umanitaria di jihadisti fondata da “James Le Mesurierex ufficiale dell’esercito inglese, consulente del ministero degli Esteri e del Commonwealth. Ha iniziato a lavorare in Siria nel 2011, proprio in occasione delle Primavere Arabe” (Gli occhi della guerra).

Propaganda decisa a Washington l’11 gennaio

Tutte queste lacrime mediatiche sono state pianificate in un incontro riservato avvenuto a Washington  fra diplomatici dell’autodefinito “Piccolo gruppo americano sulla Siria” (Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Arabia Saudita e Giordania),  e di cui il  giornalista Richard Labeviére ha ottenuto una minuta della  riunione. Ve ne ho parlato anch’io  il 20 febbraio nell’articolo “Aria nuova in Siria – salvo che per gli occidentali”.

In quella riunione si è deciso (come ho riportato) di “mantenere la pressione sulla Russia, anche se  non può  si può  convincere Mosca ad abbandonare  il regime come speravamo”. A questo proposito,    “dobbiamo continuare – ciò che stiamo già facendo –   a  denunciare l’orribile situazione umanitaria e la complicità russa nella campagna di bombardamento di obiettivi civili”.

La RAI-TV esegue, come sapete”, avevo scritto. Facile previsione.

Sono i jihadisti  di Goutha che ammazzano i civilia  Damasco

Bisognerà ricordare che Goutha Est  è un vasto quartiere di Damasco,  occupato dai terroristi sunniti jihadisti che non solo tengono in ostaggio  la popolazione civile che non è riuscita a scappare (in tempo di pace ci abitavano in  400 mila), ma che da anni sparano  tiri di artiglieria contro la parte civile e pacifica di Damasco, uccidendo ogni volta una dozzina di passanti – fra cui molto bambini che la Goracci non vede, perché non le arrivano i servizi video degli Elmetti Bianchi.

Un casco bianco  salva il bambino di prammatica a Goutha Est   nei bombardamenti il 19 febbraio
(ABDULMONAM EASSA/AFP/Getty Images)

Il 4 febbraio, per esempio, i mortai dei terroristi di Goutha hanno ucciso 4 persone e ferite almeno 9 tirando su una folla che si era raccolta “per la distribuzione di aiuto umanitario da parte di un’organizzazione religiosa russa”. E’ stata danneggiata anche la chiesa.

https://www.telesurtv.net/english/news/Terrorist-Attacks-Against-Damascus-Syria-Cause-Four-Deaths-20180205-0019.html

Il 9 febbraio, 11  civili  abitanti in quartieri residenziali di Damasco  sono stati feriti da colpi di mortaio lanciati daGoutha Est.

(Syrian Civil Defense White Helmets, via AP)

https://sana.sy/en/?p=126755

L’11, è stato ucciso un civile. Il 12, tiri di mortaio hanno danneggiato l’ospedale di Ibn Sina. Il 14, un bambino è stato ferito da razzi lanciati  sul quartiere di  Esh al-Warwar.  Eccetera. E’ difficile far capire l’incubo che questo stillicidio impone alle vite degli abitanti civili di Damasco – specialmente alla Goraccci, che ha lacrime solo per Goutha e le  foto di Caschi Bianchi.

E’ come se  dei  terroristi islamici avessero occupato Trastevere e da lì sparassero colpi di mortaio su via del Corso  e il Pantheon.

In un raro servizio della tv msn, di due giorni fa, potete constatare cosa  pensano gli abitanti di Damasco di quelli di Goutha Est.

E’ ovvio che il  governo  stia facendo uno sforzo supremo  per liberare questa ultima sacca di jihadisti cari all’Occidente insediati in un quartiere della capitale da 4 anni, che uccidono l popolazione libera di Damasco .

L’ulteriore prova della falsità  dei reportags lacrimosi su Goutha è che tutti,  con lo stampino, evocano “l’agosto 2013, quando il regime di Assad bombardò con armi chimiche questa stessa zona”.  Ora, l’attaco con armi chimiche, che era il pretesto scelto da Obama per invadere la Siria (insieme a Hollande e a Erdogan),   è stato comprovato essere un false flag organizzato, soprattutto fotograficamente,  dagli Elmetti Bianchi.  In queste ore,  i comandi russi segnalano che gli Elmetti Bianchi avendo distribuito maschere antigas, possono preparare un altro false flag “chimico”.

 

L’articolo LA VERITA’ SULLE “STRAGI DI GOUTHA”. è tratto da Blondet & Friends, che mette a disposizione gratuitamente gli articoli di Maurizio Blondet assieme ai suoi consigli di lettura.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi