MI HA INTERVISTATO MESSORA

Di Maurizio Blondet , il - 64 commenti

Esclusiva intervista al grande vecchio eretico del giornalismo italiano, Maurizio Blondet, seguitissimo in rete, autoesclusosi dal circo mediatico italiano a causa della sua natura ostinatamente in direzione contraria e delle sue idee politicamente scorrette per antonomasia.
___

byoblu
Pubblicato il 11 feb 2018
Dona oggi, resta libero domani. Con Paypal: https://www.paypal.me/byoblu. Con altri mezzi: http://www.byoblu.com/sostienimi#come…
___
E
Vieni a discuterne qui, siamo già a migliaia: http://www.byoblu.com/unisciti-alla-g…

L’articolo MI HA INTERVISTATO MESSORA è tratto da Blondet & Friends, che mette a disposizione gratuitamente gli articoli di Maurizio Blondet assieme ai suoi consigli di lettura.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Paulo Paganelli

    Stavo per uscire, ma ho levato le scarpe e sto guardando l’intervista, bravo Direttore.

  • Duilio Savignani

    Grazie direttore e grazie anche a Messora!

  • Paulo Paganelli

    Caro Direttore, finito la visione, 68 minuti molto interessanti. Direi che Lei è più un guerriero che un militare, la sua disciplina viene da una visione chiara.

  • Gianox

    La visione di questo video mi ha messo tristezza. Non è bello sapere che la gente di questo paese è priva di nerbo e che non ci sono soluzioni all’orizzonte, così come afferma il direttore.
    Non è bello sapere che presto verremo soppiantati dai negri africani.
    Vorrà dire che le porte degli Inferi avranno prevalso.

    • RC18

      No, non è bello, ma è così.
      Addirittura credo che Blondet sia anche troppo buono, a frequentare le nuove generazioni, il quadro che ne esce è di molto peggiore della sua disamina.

      • Gianox

        Non ci resta che sperare nella terza guerra mondiale.

        • Natalis

          Che arrivera’ tra non molto, temo…

          • Gianox

            Guarda, se l’alternativa è quella delineata qua sopra, una guerra è sono una benedizione dal cielo.

          • Carlo Robotti

            Dipende da che parte stai e come sei messo….

    • Carlo Robotti

      Non so se ci soppianteranno perchè sono preticamente solo maschi senza possibilità di riprodursi (1 su 1000) quindi l’altra possibilità è che possano venire armati.

      • nemo_propheta_in_patria

        Scommetti che troveranno qualcuna con la quale riprodursi?

        • Carlo Robotti

          qualcuna, come in USA, ma poi come la mantengono? raccogliendo pomodori, spacciando?

          • nemo_propheta_in_patria

            E perché dovrebbero mantenerla?

          • You are entitled to nothing

            Infatti lamanderanno in rovina i negri sono boni da ninte X quel che riguarda il lavoro anche se secondo Grasso pagano tasse per 130 ghizilioni di baluboni di euro .. ahhhh

          • Carlo Robotti

            Ma il senso l’hai almeno capito un poco o stai qui a fare le pulci ai dettagli?

    • deadkennedy

      gianox abbi fede

    • silvia

      Credi in Cristo o in Blondet?

      • Gianox

        Ok.
        So dove vuoi andare a parare. Ed hai ragione.
        Però, a volte ti fai prendere dallo sconforto.
        Io spero in una guerra mondiale, non tanto per disfattismo, ma credo che una guerra possa essere, allo stesso tempo, il giusto castigo per un’umanità ormai corrotta sino al midollo ma anche lo strumento di redenzione.

        • silvia

          E’ quello che penso anche io. Ma non credo avremo una guerra “tradizionale” . Piuttosto un crollo del sistema seguito da rivolte e guerre civili. E alla fine si salveranno quelli che hanno saputo preservare umanita’ e vincoli di solidarieta’ autentica: non perche’ saranno i piu forti, intelligenti, o meglio armati ma perche’ saranno in grado di aiutarsi e proteggersi a vicenda. E forse ci saremo anche noi a dare una mano. Meglio concentrarsi su questo pensiero fin d’ora invece di deprimersi ; )

    • Luca

      stai sereno e confida in Maria consacrandoti a Lei (scapolare) ed indossando al collo la medaglietta Miracolosa…(tante grazie) ne succederanno di davvero grosse e per questo ti do questo consiglio… ma credimi poi quando sembrerà tutto perduto Maria vincerà con potenza…le porte degli inferi sono aperte dagli anni 50 e molti diavoli si sono introdotti nel mondo creando quello che stiamo vedendo, anche soprattutto perché la gente si è allontanata dalla vera fede pregando poco o nulla…secondo la mia esperienza ti posso anche dire che il Padre eterno non vuole che vinca il diavolo ma vuole solo metterci alla prova, ha tutto sotto controllo e dipende da noi con le nostre preghiere abbreviare, mitigare o cancellare la guerra mondiale…sia Lodato Gesù e Maria

      • nathan

        “il Padre eterno non vuole che vinca il diavolo ma vuole solo metterci alla prova, ha tutto sotto controllo

        Tanto per sapere, un bambino malato di cancro fa parte del suo controllo?

  • E’ un bel Direttore!
    😀

    • You are entitled to nothing

      Questa L hai presa da Calboni …. ahhhhhh la scena che invita tutti a casa sua X la famosissima scena della partita a biliardo !!!

      • Mario Rossi

        Puccettone mio…

  • silvia

    Condivido tutto. Soprattutto la parte finale in cui lei Blondet dichiara con una punta di tristezza di essere pessimista sul futuro dell’Italia. Ammiro chi ha il coraggio di ammetterlo.Ammiro il guerriero che combatte fino alla fine anche se sa di aver già’ perso.

    • Caio Giulio

      Non credo che gli UK siano messi tanto meglio in prospettiva, tra sindaco musulmano e meticcia nella casa reale, senza contare il fiume dei soldi dei beduini che alimenta la city e le risorse presto maggioranza. Che dire poi del brexit ormai sabotato con quella donnucola al comando? Siamo tutti nella merda, nessuno escluso.

      • silvia

        in UK e’ completamente diversa la situazione.e’ vero che di problemi ce ne sono, ma c’e’ anche la voglia di risolverli e parecchie soluzioni a disposizione.
        non potrei elencare qui tutto ciò’ che e’ diverso rispetto all’Italia , ma in genere a chi mi chiede di farlo rispondo che in Italia e’ come stazionare in una palude asfittica, in UK e’ come navigare in mare aperto.

        • Caio Giulio

          Un mare sempre più oscuro letteralmente in tutti i sensi. E’ solo una questione di tempo, ma il politicamente corretto e i beduini vari sono ormai all’opera da un pezzo in maniera irreversibile con Elisabetta prossima al congedo. Ma tu questo già lo sai e non per niente sei pronta a partire quanto prima.

          • silvia

            Gli inglesi sono scaltri subdoli, e in definitiva degli ottimi strateghi. Il Brexit sta già’ avvenendo e si concluderà’ formalmente tra un anno.La May e’ stata messa li’ non a caso , per far sbollire gli animi e dietro i tentennamenti ( ostentati ad arte per dare un taglio soft all’operazione e tenere buoni i sinistrati) ,Brexit sta procedendo a grandi passi.l’UK sta consolidando rapporti commerciali con il mondo intero, rapporti che ha sempre mantenuto nonostante l’EU.
            A Londra, ma solo a Londra c’e’ un’alta percentuale di stranieri, ma fondamentalmente sono monitorizzati dal sistema inglese che e’ molto forte.Loro sono abituati a gestire schiavi, ricordatevelo, e non si mettono mai in posizione di essere schiavizzati.Gli inglesi dominano il mondialismo attuale mente gli Italioti lo subiscono .Questo e’ il tratto fondamentale che contraddistingue gli Inglesi dagli italiani.
            Londra e’ anche piena di europei PIGS (scandinavi francesi e tedeschi se ne vedono pochi), i quali dopo il Brexit hanno fatto un gran casino….sono i soliti europeisti del cazzo presenti anche in Italia, quelli che partecipano alle sfilate per i diritti….sono sempre loro, NON SONO INGLESI.
            In UK c’e’ comunque molta libertà’ (di espressione, di movimento, di impresa), Banche e servizi sono corretti.Non ci sono i balzelli,le scuse, gli imprevisti.Il sistema fila liscio come l’olio, nonostante ci siano qui dei problemi piu’ che altro legati alla sovrapopolazione di Londra.Comunque sembra che gli europei stiano andando via da UK (uno degli effetti della Brexit), Molti dichiarano di non sentirsi più’ benvoluti, e hanno ragione, fanno bene a ritornarsene nel loro paesello.
            Detto questo, confermo che me ne andrò’ quanto prima, dopo aver ottenuto il passaporto British (che mi consentira’ di girare nel Commonwealth senza visti.Ma manterrò’ comunque una base in Inghilterra.
            Sono una persona cosmopolita nell’accezione ottocentesca del termine,e avendo assorbito da diverse culture durante i miei viaggi e permanenze in giro per il mondo, mi e’ difficile identificarmi in una nazionalità’, e la mia scelta di andare in oriente e’ dettata dall’esigenza di un maggiore contatto con la natura e un ambiente incontaminato, lontano dalle masse….. che non ne posso piu’!

    • gior

      Sei un animo nobile.

  • silvano

    Non sono un convinto estimatore di Blondet per via delle sue posizioni troppo cattolico conservatrici, ma la disamina politico economica sociale sopra descritta, calza a pieno con la realtà attuale è descritta con una lucidità disarmante anche se purtroppo debbo dire a me già in parte conosciuta! Ce ne fossero di giornalisti o comunque professionisti dell’informazione di questa caratura culturale che pur rischiando del loro si impegnassero a portare una visione più nitida nel marasma attuale….che dire, tanto di cappello sperando che sia da esempio!

    • Nicola Albano

      Io al contrario ne apprezzo il fatto che si dica cattolico in una società dove chi non è cattolico ti guarda come un appestato e chi si dice cattolico quasi si vergogna di esserlo.

      • silvano

        Non considero nessuno appestato, ho solo espresso una posizione diversa tutto qui….e per fortuna che ci sono varie opinioni se no sai che noia!

    • nemo_propheta_in_patria

      Penso che uno dei motivi principali per cui Blondet può permettersi di dire quello che dice è che ormai rischia molto poco.. lo dice lui stesso nell’intervista.

  • Rifle

    Grande e profonda intervista di Blondet.

    Quando la vedremo riprodotta integralmente su una rete Rai o Mediaset ?

    • Andrew

      Ah ah! Bellissima battuta Mr. Rifle.
      È più facile che il famoso dromedario passi dalla cruna di un ago che vedere Blondet donato di alcuni minuti di visibilità sulle “grandi” televisioni.
      (Che poi forse al Blondet gliene fregherebbe peraltro anche poco…)

  • Stefano

    So neanche chi è.

    • gior

      Fai una breve ricerca su internet.

  • Angeles Negre Cuevas

    Sempre un piacere vedere Bondet, la sua conoscenza della storia e della realtà, da dove deriva la sua amarezza sul presente!

  • Piergiorgio

    Grazie direttore, Lei è una persona rara e preziosa!

  • valentino

    Bel video riepilogativo del lavoro del Direttore, mi permetto una lieve critica, l’aspetto religioso, nel quale Blondet eccelle, è stato solo sfiorato, vabbè ci rifaremo nei suoi prossimi articoli. Noto, nei commenti precedenti, un senso di amarezza generale a seguito delle conclusioni del Direttore, perciò concludo con un massima: ” La guerra è persa, ma è anche vero che non si è vinti finchè non ci si dichiara tali”

    • gior

      ” La guerra è persa, ma è anche vero che non si è vinti finchè non ci si dichiara tali”.
      Vero, ma una marea di italiani manco sa che è in corso una guerra. Come dice Blondet, le case distrutte dai bombardamenti si vedono, ma, aggiungo, i negozi sfitti e i “vendesi” non dicono ormai più nulla di impressionante. Ci si è abituati.

      • Caio Giulio

        Magari non vede la guerra, ma magari si è decisamente rotta i coglioni,
        e non sono pochi nonostante la propaganda dei media.

  • Davide

    Intervista che da merito a un grande giornalista quale è Maurizio Blondet, prendiamone l’ esempio.

  • Annibale Mantovan

    Beh dai, la parte più bella e quando dice che l’ Italia ce la può ancora fare. Consoliamoci.

    • RC18

      Si certo, la speranza è l’ultima a morire, ma prima di INIZIARE bisogna risolvere i seguenti punti:
      1) parte della popolazione non ha idea che esistono i problemi
      2) parte della popolazione è parte del problema e lo foraggia costantemente
      3) gli impavidi stanno morendo mentre i pavidi aumentando
      4) i media mostrano il problema in quelli che vogliono risolvere i problemi
      5) gran parte della popolazione ascoltando i media remano contro a coloro che vogliono risolverli
      6) importiamo continuamente altri problemi che si sommano a quelli irrisolti

      Quando questi punti saranno risolti allora si può iniziare qualche tentativo.

      • Annibale Mantovan

        Il paese ha 2 possibilità: 1) Euro; 2) non Euro. Chi vuole il cambiamento deve votare un partito nettamente NO EURO. Dx o Sx non importa, l’ importante è uscire da questo lager infernale.

        • RC18

          Su questo concordo..
          Blondet cerca spesso di far notare che gli “intoppi” legati al liberismo sfrenato non sono solo di natura economica, i suoi principi sono stati inseriti dentro la testa delle persone, ormai molti pensano, vivono e desiderano in nome di quelle “idee”.
          Non cambi l’aspetto esterno senza intervenire nel profondo.
          Per arrivare alla situazione attuale, forze quasi sovra umane ci hanno impiegato dei decenni, le nuove generazioni sono totalmente frutto di certe dinamiche.
          Queste generazioni non hanno neanche un metro di paragone diverso, per loro la vita è questa e il “male” è rappresentato dal non riuscire a raggiungere il famigerato sogno americano, di non spassarsela come vorrebbero.
          Cosa si può fare? La si considera una generazione fallace e la si estromette da qualunque decisione?
          Aspettiamo che ci sbattano il muso sperando che capiscano e sperando nel frattempo di non superare il punto di non ritorno?
          Come vedi la situazione è abbastanza intricata.
          Qualsiasi altro intervento rappresenterà un tecnicismo fine a se stesso.

          • Annibale Mantovan

            Le nuove generazioni devono avere fiducia dei loro padri…non della TV. Se sei giovane e incerto vota per uscire dall’ euro senza se e senza ma. Dx o Sx non importa. Non sarà facile uscire e sicuramente ci saranno degli scombussolamenti (forse) ma ripartirà il lavoro…quello PAGATO!

          • Stemby

            …con una moneta che perde valore più velocemente di uno starnuto.

            È proprio così che si risolvono i problemi: nascondendoli sotto al tappeto, come fatto da decenni in questo decadente paese.

          • Annibale Mantovan

            Se hai una moneta tua sei INDIPENDENTE e puoi fare una politica economica. Diversamente ti trovi obbligato a fare la politica economica dei lobbisti di Bruxelles. L’ Euro è il primo dei problemi perchè ti lega le mani. E non credere sulla debolezza della lira…negli ’60 era più forte del marco tedesco!

        • nathan

          Domanda,
          il giorno prima della conversione alla Neolira sovrana od all’Euro 2, passerà allo sportello?
          Voglio la telecamera per tutti quelli della moneta sovrana.

          • Ale C.

            ma no dai… questa era semplice: risorse boldriniane…

          • nathan

            🙂

          • Annibale Mantovan

            Non conosco nulla di te, sei in modalità chiusa, scusami…non ti rispondo.

        • Stemby

          L’euro è l’ultimo dei problemi. Quelli che contano sono tutti endogeni.

  • Semplice

    Bella intervista.

  • luis

    Grande Blondet !!!!
    video da diffondere su Facebook. Se ogni italiano lo vedesse, anche solo uno per famiglia, sarebbe stupendo.
    Sono più pessimista di lui, non vedo speranze per l’Europa, non parliamo dell’Italia

    • Semplice

      Se non vedi speranza per l’europa allora non sei pessimista !

  • nathan

    Sto scorrendo i vari commenti al video, su Youtube..

  • Caio Giulio

    Naturalmente è un piacere vedere il Direttore in forma e sempre lucido, anche se non condivido il suo pessimismo limitato solo agli italioti, quando altri sono messi ben peggio con il lavaggio del cervello sociale del politicamente corretto. Da noi , almeno per ora, ha attecchito meno, e forse anche per questo ci hanno ammollato l’omino bianco attuale, anche lì non capendo che i tempi della DC sono finiti. Certo siamo messi male, ma diciamo che dalla caduta di Roma ne abbiamo passate parecchie e possediamo, al contrario dei nostri vicini, una capacità di adattamento ai cambiamenti di gran lunga superiore e quindi non sarei così pessimista in partenza.

  • Stiv de Biasio

    lunga vita a blondet,inesauribile fonte di notizie vere…ma, che fine ha fatto mauro bottarelli?

  • You are entitled to nothing

    mettere a nudo i problemi italiani oramai e’ uno sport nazionale.
    trovarne le soluzioni …… un’altra cosa su cui quasi nessuno tenta qualche
    timida risposta.
    Per il resto vedo tanto odio verso gli Ebrei siano essi Americani o di Israele.
    Ma questo e’ un parere del tutto personale e nn voglio dare adito a baruffe interminabili. senza senso.

    • You are entitled to nothing

      stando cosi le cose assisteremo ad una morte lenta e sanguinolenta del nostro paese. A proposito il 1 ottobre era’ usanza festeggiare …il RISPARMIO …..che fine ha fatto?. Gia’ questo un interrogativo che porta con se minacciose risposte.

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi