La Sicilia: voragine infinita

Di Lorenzo Marchetti , il - Replica

La notizia che ha fatto scattare la mia curiositá é questa, e riguarda l’indagine per peculato dell’ex PM Ingroia. Io mi ricordo quando i miei lo osannavano come paladino della legalitá. Aspettiamo la fine delle indagini, ma insomma…se si muovono sequestrando centocinquantamila euro per peculato ad un ex magistrato, ora avvocato, vuole dire che qualche base esiste.

Sapete che io ho giá pessime opinioni sui magistrati italiani in generale. E’ veramente un settore che se solo provi a scalfirlo arrivano ritorsioni a non finire. I magistrati italiani sono strapagati e non hanno uno straccio di metrica di valutazione dell’operato. Almeno un politico, se sbaglia, ha il rischio di non venire riconfermato durante le votazioni. Un magistrato praticamente non corre rischi.

Oggi vorrei parlare di quel buco nero monetario che é la Regione Sicilia. E siccome vorrei separare il concetto di Sicilia geografica dalla popolazione siciliana, ci tengo a precisare che la Sicilia come ricchezza naturale e architettonica é forse la regione piú bella d’Italia. Qua mi riferisco al siciliano medio. Anzi, mediano.

Il reddito mediano lordo di una famiglia siciliana é di 22mila euro all’anno. Basso, diremmo. Poco per tirare su una famiglia di due genitori con un figlio.

Quando si leggono le notizie sulla Sicilia si ha la sensazione che esistano ancora le aristocrazie di una volta, con i nobili che percepiscono rendite e i poveracci che si arrangiano come possono cercando la protezione del nobilotto di turno.

Elenchiamo alcuni fatti:

La regione Sicilia, tra quello che prende dallo Stato e quello che dá allo Stato, ogni santo anno si prende 8.9 miliardi.

Considerando che la popolazione é di 5 milioni, significa che ogni donna, uomo, adulto, bambino o neonato riceve un bel regalo dalle regioni virtuose pari a:

8.900000/5000 = 1780 euro.

Una famiglia di tre persone (con bimbo piccolo) cioé, ha un regalo di 5340 euro all’anno. ALL’ANNO!

Poi la gente si meraviglia perché con la storia del reddito di cittadinanza (ne ho scritto qui)il M5S ha fatto cappotto con il 50% in Sicilia.

Al che, uno potrebbe obiettare: sono soldi utilizzati per realizzare infrastrutture e investimenti stimolando l’impresa privata.

No. In Sicilia un dipendente su cinque é nel pubblico (20%). E il numero di dirigenti del pubblico impiego é la SOMMA dei dirigenti  che ci sono in altre QUINDICI regioni in Italia

Ricordo che la Sicilia é una regione a statuto speciale, quindi gode di parecchie agevolazioni fiscali. Le regioni a statuto speciale sono una manna per i dipendenti pubblici.

Ora, con una tale mole di agevolazioni (tra soldi netti presi dal resto dell’Italia, enormitá di posti fissi ultragarantiti con pensione, maternitá, permessi, malattia retribuita etc.) come se la passa il siciliano mediano?

A dar retta a questi dati (del 2006, piú recente organizzata per regione non l’ho trovata) se la passa pure male!

L’indice di Ghini (o Gini) é una misura della disuguaglianza del reddito: piú alto é, maggiore é la disparitá fra chi ha e chi non ha.

Dal diagramma scatter qua sopra  si vede che il siciliano mediano percepisce un reddito di merda (il piú basso di Italia) e convive con concittadini che se la passano molto ma molto meglio di lui. Ricorda un po’ l’aristocrazia descritta nel Gattopardo.

L’aristocrazia da latifondiaria si é trasferita nei gangli della Regione Sicilia. Dalle decime che percepiva dai raccolti alle decime di Stato.

E calcolate che la crisi dal 2009  ha colpito duro nel Mezzogiorno! Quindi oggi i siciliani stanno decisamente peggio di quando que. Evidentemente ha colpito quelli che non erano al riparo del pubblico impiego.

Un altro modo per vedere la stessa informazione é con questo istogramma.

Ci dice che ci sono un sacco di poveri in Sicilia, molto piú percentualmente che nel resto di Italia.

Conclusione? Centocinquant’anni di Italia unita non sono serviti a nulla alla Sicilia, che é cresciuta molto meno di tutte le altre zone europee. In questi 150 anni, si é solo impoverita rispetto a tutto il resto d’Europa.

Quindi, potete metterla come volete: reddito di cittadinanza (altri soldi oltre a quelli che giá percepiscono con lo Statuto Speciale), Cassa per il Mezzogiorno, Piano di emergenza per la Sicilia…non cambierá niente. Perché una volta che la gente é assuefatta alla droga di Stato in cambio di voti politici, non é certo stimolata a cambiare. Non solo: stante l’incredibile numero di dirigenti nella PA, la gente é invitata a cercare il favore di turno dal dirigente di turno. E’ l’unico lavoro che paga bene in Sicilia, quello del dirigente PA!

Io la penso come Luttwak: che la Sicilia si sganci dall’Italia.  Provocazione? Mica tanto, considerati i pessimi risultati socioeconomici degli ultimi anni. A mali estremi, estremi rimedi. Altrimenti per altri 150 anni sentiremo parlare di emergenza, ovviamente perenne.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi