SANTITA’, detti a Scalfari un’enciclica. anzi, un Vangelo.

Di Maurizio Blondet , il - 360 commenti

Santità, inutile le dica che lei ha suscitato grandi speranze in noi malvagi e impenitenti annunciando la sua nuova rivelazione per bocca del suo evangelista, Eugenio Scalfari: l’inferno non esiste, le anime dai cattivi vengono semplicemente annichilite.

E’ una bellissima scoperta, che non solo rende inutile il sacrifico di Gesù e la fede cristiana, ma ogni possibile religione.  E dà molta  nuova forza e potere ai malvagi,  quei pochi che ancora fossero trattenuti dal timore  di una punizione per i loro omicidi, infanticidi, genocidi (ne abbiamo molti in corso), guerra scatenate contro i deboli  basate su presti di menzogna – Insomma grazie. Immagino   la consolazione che deve aver  provato il suo evangelista, Scalfari, che  a 90 anni e prossimo al trapasso, con un bel carico di porcate   nell’anima,   avendo da lei la conferma che lui finirà nel nulla e non pagherà niente.

Gli uffici vaticani hanno diramato una smentita che non smentisce niente.

 

Essa  conferma che “la conversazione tra papa Bergoglio e il fondatore” del quotidiano c’è stata; nulla importa che si  trattasse di  “un incontro privato in occasione della Pasqua”, e che il pontefice, secondo il comunicato, non intendeva “rilasciargli alcuna intervista” e “quanto riferito dall’autore nell’articolo odierno – dunque – è frutto della sua ricostruzione, in cui non vengono citate le parole testuali pronunciate dal Papa. E nessun virgolettato dell’articolo deve essere considerato quindi come una fedele trascrizione delle parole del Santo Padre”.

Non  saranno parole “testuali” quelle che l’evangelista Scalfari – ma  il senso globale non viene  smentito: del  resto, come disse il capo dei gesuiti padre Sosa  amico suo, anche gli evangelisti di duemila anni fa non hanno riportato le vere parole di Cristo, “mica avevano il registratore”. Al massimo siccome oggi registratori ci sono, lei Santità potrebbe, se vuole  nella sua divina autorità,   ordinare al suo Evangelista Eugenio – che a quanto  pare così  spesso equivoca le sue testuali parole, ed è naturale in un novantenne che si affida alla sua decrepita memoria –  di portarsi un registratore quando lei lo riceve perché raccolga le sue eccezionali Rivelazioni.

Se non lo fa,   vuol dire che lei, come Cristo, affida la sua parola al suo privilegiato interlocutore perché non ne riporti le “testuali”, ma il senso complessivo. Onde noi, a cui viene riferito il senso, possiamo “contestualizzarlo” ed esercitare il nostro “discernimento”, secondo le sue esortazioni autorevolissime.

La sua identificazione e competizione con il  Cristo storico diventa così ogni giorno più evidente. Non solo lei rinnova il messaggio,  abolendo l’inferno mostrandosi così più buono di Gesù e di Dio Padre – in  vittoriosa concorrenza con la Trinità quanto  a misericordia

“In principio c’è l’Energia”:  grandiosa cosmologia

No, non solo:  lei ha tratteggiato davanti al suo Evangelista Eugenio una grandiosa cosmologia, una spiegazione completa della Creazione, appianandone una volta per tutte i misteri. Riporto le sue parole:

“Francesco ascolta questa mia domanda e poi mi risponde in modo completamente diverso da quello  che di solito viene raccontato. «La creazione – mi dice – non si compie in questo modo descritto. Il  Creatore, cioè il Dio nell’alto dei cieli, ha creato l’universo intero e soprattutto l’energia che è lo  strumento con il quale il nostro Signore ha creato la terra, le montagne, il mare, le stelle, le galassie  e le nature viventi e perfino le particelle e gli atomi e le diverse specie che la natura divina ha messo in vita. Ciascuna specie dura migliaia o forse miliardi di anni, ma poi scompare. L’energia ha fatto  esplodere l’universo che di tanto in tanto si modifica. Nuove specie sostituiscono quelle che sono  scomparse ed è il Dio creatore che regola questa alternanza». 

Santità, restiamo soggiogati da questa sapienza  sugli inizi:  non il “Verbo”, ma l’Energia ha creato il mondo.  Che grande e consolante rivelazione! Non la Ragione, bensì la cieca Forza ha creato l’universo intero, montagne  galassie e particelle, specie viventi – che durano “miliardi di anni”  e poi “sono sostituite da nuove specie”.

Quale grandiosa visione,  Santità! Si intuisce che lei  era presente alla  creazione  stessa; che anche lei potrebbe dire “Prima che Abramo fosse, IO SONO”.    E solo la sua proverbiale modestia la raffrena da dichiararsi per quello che  è: la Quarta Persona della Trinità. Quella che “parla con autorità”, che ha il diritto di migliorare   l’aldilà abolendo l’inferno, proprio perché ha visto che negli inizi, nella creazione, c’era solo Energia  e nessun Logos.  E non perché ha ricevuto una rivelazione, ha sentito dlele voci, no: perché Lei ne ha l’autorità, da pari a pari.  Glielo chiediamo,implorandola in ginocchio, noi malvagi che lei ha liberato:  si   dichiari, Maestà divina! Bando all’umiltà. Non ci tenga nell’incertezza affidando il suo “contesto” a Scalfari. Ci scriva un’enciclica: “Damnatio Non Est”. Che dico?  Il Titolo dev’essere “Deus   Bergoglio Sum”.    Si  riveli, Santità Suprema!

 

Presente alla Creazione

L’articolo SANTITA’, detti a Scalfari un’enciclica. anzi, un Vangelo. è tratto da Blondet & Friends, che mette a disposizione gratuitamente gli articoli di Maurizio Blondet assieme ai suoi consigli di lettura.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi