Puttanazze e puttanate: gas, missili e politici di merda

Di Nuke The Whales , il - 149 commenti

“Possa tu vivere in tempi interessanti

possa tu essere notato da coloro che sono al potere

possano i tuoi desideri essere esauditi”

Antica maledizione cinese

Ragazzi, viviamo proprio in tempi interessanti.

Inglesi inetti

Beh, i servizi inglesi fanno davvero schifo quando diffondono veleni nervini.

come potete vedere a Salisbury c’era una leggera nebbia e una umidità del 98% quando i due Skripal sono stati trovati privi di sensi su di una panchina intrisa di umidità nel parco, dopo giorni di pioggia e la nebbia mattutina.

Un tasso di umidità così alto rischi di disattivare in pochi secondi il composto nervino.

Ma ecco una sorpresa i russi accusano gli inglesi di avere architettato tutto utilizzando un composto disabilitante, il BZ (1). I russi affermano che tale composto , rilevato dal laboratorio svizzero che ha analizzato i campioni prelevati a Salisbury non è mai stato fabbricato in Russia, ed è un prodotto militare NATO. Il fatto che non siano arrivate smentite da parte inglese è notevole. Difficile, dato che c’è un laboratorio terzo di mezzo. Si spiega anche che i risultati del laboratorio siano stati segretati dal governo inglese, si parla solo di “composto purissimo prodotto presumibilmente in ambienti militari”.

Il composto BZ ti rende incapace per un certo tempo, ma non ti uccide, inoltre è estremamente resistente all’umidità e i suoi effetti non sono immediati, come quelli di un composto nervino, che ti uccide entro un paio di minuti dall’esposizione, ma appaiono lentamente dopo ore. Tutto torna. (2) Aspettiamo sviluppi.

Quindi, se la notizia venisse confermata, si tratterebbe di agenti russi che cercano di uccidere un disertore e sua figlia usando un composto di origine occidentale non letale… inspiegabile.

Se non arrivano smentite credibili da parte inglese mi sa che la situazione diventerà molto, molto imbarazzante. Così come imbarazzante è la mancanza di copertura della notizia da parte dei media occidentali. Appena posso vi mando in rete i verbali del laboratorio svizzero, ok?

Ranocchiate 2 la vendetta.

I ranocchi pubblicano il loro “rapporto segreto” sui fatti del 7 aprile a Douma, in Siria.(3)

La seconda pagina del rapporto è esauriente, le fonti del presunto attacco sarebbero Sirian American Medical Society(4) e Union de Medical Care And Relief Organization(5).

Per il resto sono state usate foto e video prelevate dalla rete…

Con tutto il bene che voglio alle ONG, (che andrebbero tutte chiuse d’imperio), queste due organizzazioni non hanno la benché minima credibilità, in quanto sono loro il tramite usato dai famigerati “elmetti bianchi” per riportare le notizie degli “attacchi con il gas”, quelli veri fatti da loro stessi e quelli del tutto inventati. Le denunce di quelle due ONG, emanazioni del governo americano il primo e quello francese il secondo sono nei link che posto, alcune foto di archivio a corredo e un video “non confermato”. E assolutamente nessuna prova a corredo che dimostri il tipo di gas usato, se provenisse o meno dal governo siriano o dai ribelli. O addirittura se l’attacco ci sia stato davvero.

Torniamo al famoso attacco del 7 aprile. la mattina dell’otto aprile i militanti jihadisti che controllavano la zona se ne sono andati, in quanto si erano già arresi e avevano raggiunto accordi per andarsene con il governo siriano. Che motivo c’era per attaccare con il gas?

Inoltre i giornalisti russi e siriani arrivati in zona non sono riusciti a trovare traccia di gas, in alcuni casi hanno intervistato alcune delle vittime “decedute” nell’attacco…

I gruppi combattenti in quella zona appartenevano a tre fazioni distinte, se anche alcuni irriducibili avessero voluto rimanere, meglio lasciar partire gli altri.

A chi giova l’affaire Skrypal e questi attacchi con il gas? ai ribelli jihadisti e ai governi occidentali, non certo al governo siriano e a quello russo. Basta solo usare un minimo di logica.

Missili “intelligenti”

L’ondata punitiva occidentale è arrivata, i primi rapporti occidentali parlano di 107 missili lanciati da navi, aerei e sottomarini.

Il governo siriano parla di 103, e afferma di averne abbattuti la maggior parte.

l’osservatorio Siriano per i Diritti Umani, ovvero il sarto londinese che riceve per mail e telefono notizie dalla Siria, para di 67 missili abbattuti dal governo siriano. E a lui, che non è certo amico di Assad possiamo crederci.

Si parla di tre civili feriti e di nessuna perdita nelle forze militari siriane, durante l’attacco, ma forse qualcuno dei militari, mentre sia allontanava nottetempo dalle basi avvertito all’ultimo momento  può avere avuto un incidente stradale. O qualche missile colpire il bersaglio sbagliato.

Attacco inutile dal punto di vista militare e forse simbolico dal punto di vista politico.

 

(1) https://en.wikipedia.org/wiki/3-Quinuclidinyl_benzilate

(2) https://www.rt.com/news/424149-skripal-poisoning-bz-lavrov/

(3) https://www.defense.gouv.fr/content/download/528742/9123389/file/180414%20-%20Syrie%20-%20Synthe%CC%80se%20-%20Les%20faits.pdf

(4) https://www.sams-usa.net/press_release/sams-syria-civil-defense-condemn-chemical-attack-douma/

(5) http://myemail.constantcontact.com/PRESS-RELEASE.html?soid=1125761508982&aid=Lzt4NhXj_aI

 

 

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi