Bitcoin dominerà nel campo monetario, Parte #1

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di Vijay Boyapati

Con il prezzo di un Bitcoin salito sopra $9,000, il motivo per cui gli investitori sono così interessati potrebbe sembrare talmente ovvio che non ha bisogno di essere spiegato. In alternativa, può sembrare sciocco investire in un bene digitale che non è supportato da alcuna bene fisico o governo e il cui aumento dei prezzi ha spinto alcuni a confrontarlo con la mania dei tulipani o con la bolla dot-com. Nessuna delle due ipotesi e’ vera; il caso rialzista per Bitcoin è convincente, ma tutt’altro che scontato. Ci sono rischi significativi per investire in Bitcoin, ma, come andremo a vedere, c’è ancora un’immensa opportunità.

Genesi

Mai nella storia del mondo è stato possibile trasferire valore tra popoli lontani senza fare affidamento su un intermediario di fiducia, come una banca o un governo. Nel 2008 Satoshi Nakamoto, la cui identità è ancora sconosciuta, pubblicò una soluzione di 9 pagine su un problema scientifico di lunga data noto come Problema dei Generali Bizantini. La soluzione di Nakamoto e il sistema da lui costruito — Bitcoin — hanno permesso a valori, per la prima volta, di essere rapidamente trasferiti, a grande distanza, in un modo completamente privo di fiducia. Le ramificazioni della creazione di Bitcoin sono così profonde sia per l’economia che per l’informatica che Nakamoto dovrebbe essere giustamente la prima persona a qualificarsi sia per un premio Nobel in Economia che per il premio Turing.

Per un investitore il fatto saliente dell’invenzione di Bitcoin è la creazione di un nuovo bene scarso e digitale — bitcoin. I bitcoin sono token digitali trasferibili creati sulla rete Bitcoin in un processo noto come “mining”. L’estrazione di bitcoin è più o meno analoga all’estrazione dell’oro, tranne per il fatto che la produzione segue un programma programmato e prevedibile. Secondo la progettazione, solo 21 milioni di bitcoin verranno mai estratti e la maggior parte di questi lo sono già stati — circa 16,8 milioni di bitcoin sono stati estratti. Ogni quattro anni il numero di bitcoin prodotti dalle miniere viene dimezzato e la produzione di nuovi bitcoin termineranno completamente entro il 2140.

I bitcoin non sono supportati da alcun bene fisico, né sono garantiti da alcun governo o società, il che solleva l’ovvia domanda per un nuovo investitore di bitcoin: perché hanno valore? A differenza di azioni, obbligazioni, immobili o anche materie prime come petrolio e grano, i bitcoin non possono essere valutati utilizzando l’analisi standard del flusso di cassa scontato o la domanda per il loro uso nella produzione di beni di ordine superiore. I bitcoin ricadono in una categoria di prodotti completamente diversa, nota come beni monetari, il cui valore è stabilito in base al gioco teorico. Ad esempio, ciascun partecipante nel mercato valuta il bene in base alla propria valutazione e quanto gli altri partecipanti lo valuteranno. Per capire la natura teorica del gioco dei beni monetari dobbiamo prima esplorare le origini del denaro.

Le origini del denaro

Nelle prime società umane, il commercio tra gruppi di persone avveniva attraverso il baratto. Le incredibili inefficienze inerenti al commercio tramite baratto limitavano drasticamente la portata e l’ambito geografico in cui il commercio poteva verificarsi. Lo svantaggio principale del commercio basato sul baratto è la doppia coincidenza del problema dei desideri. Un coltivatore di mele potrebbe desiderare di commerciare con un pescatore, ad esempio, ma se il pescatore non desidera le mele nello stesso momento, lo scambio non avrà luogo. Nel corso del tempo, gli esseri umani hanno sviluppato il desiderio di tenere alcuni oggetti collezionabili per la loro rarità e valore simbolico (conchiglie, denti di animale, pietra focaia etc etc). Infatti, come sostiene Nick Szabo nel suo brillante saggio sulle origini del denaro, il desiderio umano del collezionismo ha fornito un vantaggio evolutivo distinto per l’homo sapiens rispetto ai suoi concorrenti biologici più prossimi, l’homo neanderthalis.

La principale e cruciale funzione evolutiva del collezionismo era come mezzo per immagazzinare e trasferire ricchezza.

Gli oggetti da collezione servivano come una sorta di “proto-denaro” rendendo possibile il commercio tra tribù altrimenti antagoniste e consentendo il trasferimento di ricchezza tra generazioni. Il commercio e il trasferimento di oggetti da collezione erano piuttosto infrequenti nelle società paleolitiche e questi beni servivano più come “riserva di valore” che come “mezzo di scambio” che riconosciamo ampiamente essere il ruolo del denaro moderno. Szabo spiega:

Rispetto al denaro moderno, il denaro primitivo aveva una velocità molto bassa — poteva essere trasferito solo una manciata di volte nella vita media di un individuo. Tuttavia, un oggetto da collezione durevole, quello che oggi chiameremmo un cimelio di famiglia, potrebbe persistere per molte generazioni e aggiungere un valore sostanziale ad ogni trasferimento, spesso essendo l’unico mezzo per rendendo il trasferimento possibile.

L’uomo primitivo affrontò un importante dilemma teorico del gioco nel decidere quali oggetti collezionabili raccogliere o creare: quali oggetti sarebbero desiderati da altri umani? Prevedere correttamente quali oggetti potevano essere richiesti per il loro valore da collezione, conferì un enorme vantaggio al possessore nella capacità di completare il commercio e di acquisire ricchezza. Alcune tribù native americane come i Narragansetts, si specializzarono nella produzione di oggetti da collezione altrimenti inutili semplicemente per il loro valore nel commercio. Vale la pena notare che prima si anticipava la futura richiesta di un bene da collezione, maggiore era il vantaggio conferito al suo possessore; può essere acquistato a un prezzo inferiore rispetto a quando è ampiamente richiesto e il suo valore commerciale è apprezzato dal momento che la popolazione che lo richiede si espande. Inoltre, l’acquisizione di un bene nella speranza che sarà richiesto come una futura riserva di valore accelera ulteriormente la sua adozione. Questa apparente circolarità è in realtà un anello di feedback che spinge le società a convergere rapidamente in un unica riserva di valore. In termini teorici di gioco questo è noto come “Equilibrio di Nash”. Raggiungere un equilibrio di Nash per una riserva di valore è un vantaggio importante per qualsiasi società in quanto facilita enormemente il commercio e la divisione del lavoro, aprendo la strada all’avvento della civiltà.

Nel corso dei millenni, man mano che le società umane crescevano e si sviluppavano le rotte commerciali, le riserve di valore emerse nelle singole società venivano a competere l’una contro l’altra. Commercianti si trovano a dover scegliere se salvare i proventi del loro commercio nella riserva di valore della propria società o nella riserva di valore della società con cui commerciavano, o un certo equilibrio di entrambi. Il vantaggio di conservare i risparmi in una riserva di valore estera era la maggiore capacità di completare il commercio con la società straniera associata. Anche i commercianti che detenevano risparmi in una riserva di valore estera avevano un incentivo a incoraggiarne l’adozione all’interno della propria società, poiché ciò aumentava il potere d’acquisto dei loro risparmi. I vantaggi di una riserva di valore estera venivano accumulati non solo per i commercianti la detenevano, ma anche per le società stesse. Due società che convergono su un singola riserva di valore vedevano una sostanziale diminuzione del costo del completamento degli scambi commerciali e un conseguente aumento della ricchezza basata sul commercio. In effetti, il 19 ° secolo fu la prima volta in cui la maggior parte del mondo convergeva su una singola riserva di valore — l’oro — e questo periodo vide la più grande esplosione di scambi nella storia del mondo. Di questo periodo prospero, Lord Keynes ha scritto:

Che episodio straordinario nel progresso economico dell’uomo quell’epoca è stata … per ogni uomo, di estrazione media o alta, con capacità o carattere che superasse la media, la vita offriva, a basso costo e con il minimo disturbo, comodità, comfort e servizi oltre la portata dei più ricchi e potenti monarchi di epoche passate. L’abitante di Londra poteva ordinare per telefono, sorseggiando il suo tè del mattino a letto, i vari prodotti di tutta la terra, nella quantità che avrebbe potuto ritenere opportuno, e ragionevolmente aspettarsi la consegna sulla soglia di casa.

La Parte 2 di questa serie di quattro articoli verrà pubblicata domani e parlerà delle caratteristiche che rendono un bene un’ottima riserva di valore e come Bitcoin si rapporta a tali caratteristiche rispetto all’oro e alle valute fiat.

[*] traduzione di Francesco Simoncelli: https://francescosimoncelli.blogspot.it/

=> Potete leggere la Parte 2 a questo indirizzo:

=> Potete leggere la Parte 3 a questo indirizzo:

=> Potete leggere la Parte 4 a questo indirizzo:


BLOCKCHAIN TOP
Investire in Ƀitcoin, Ethereum e le altre criptovalute, in modo semplice, veloce e pratico. Ora puoi!

⇒ Scarica GRATIS il piano d’azione ⇐


Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi