PROVOCATORIA MANOVRA MILITARE USA-UE IN GEORGIA

Di Maurizio Blondet , il - 152 commenti

Da Deutsche Wirtschafts Nachrichten:

L’ esercito americano riporta:

Il 5 agosto 2018 i soldati tedeschi con il 391 ° battaglione meccanizzato di fanteria hanno fornito supporto al fuoco durante un’esercitazione delle forze speciali georgiane nella Waziani Training Area, Georgia. La Germania si è unita ad altre 12 nazioni per partecipare all’operazione Noble Partner 18, “Questo è molto importante perché abbiamo una visione approfondita dei piani di sviluppo di altre nazioni ed è un’ottima esperienza lavorare con le multinazionali e le aree straniere”, ha affermato il capitano Mathias Stürmer, comandante della compagnia del 391 ° MIB. Più di 100 soldati tedeschi  della fanteria  meccanizzata, con 13 vecicoli da combattimento,  hanno preso parte all’esercitazione.

la Georgia non fa parte della NATO

Il blog “Eyes straight” riporta: “La Bundeswehr sta attualmente praticando in Georgia – un paese che, sebbene non faccia parte della NATO, è strettamente legato all’Alleanza attraverso il programma di Partnership for Peace (PfP) e, soprattutto, al sostegno del alleanza transatlantica contro la Russia. Bad Salzungen 391 Il battaglione Panzer Grenadier partecipa all’esercitazione Noble Partner 2018, guidata dalla Georgia e dall’esercito degli Stati Uniti, anche in previsione di un imminente schieramento in Lituania da parte del gruppo tattico EFP della NATO. ”

Secondo la portavoce di Foreign Office degli Stati Uniti, Heather Nauert, la Georgia dovrebbe diventare un membro della NATO. Questo è stato deciso in un incontro della NATO a Bucarest.

 

Le manofre sono apertamente provocatorie. Avvengono sulla frontiera dell’Osetia del Sud, dove esattamente 10 anni fa (ill 7 agosto 2008) il regome georgiano allora  guidato da Saakasvili,  con un esercito armato  dagli Usa ed addestrato da Israele,   cercò  di prendersi quella enclave russa  la cui popolazione, un gruppo etnico distinto che aspira a unirsi alla Russia, avevano dichiarato la secessione dalla Georgia  negli anni ’90. Erano quasi tutti forniti di passaporto russo,  Il contrattacco delle forze armate di Mosca fu schiacciante e risolutivo: la prima sconfitta di Israele (che aveva addestratori  operativi durante il colpo), in certo  modo.

A suo tempo, il vostro cronista ne ha scritto:

http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&task=view&id=5486&Itemid=100021

“Il  confine dell’Ossezia meridionale è lungo circa 440 chilometri, il suo confine con la Russia si estende per oltre 74 chilometri. Negli ultimi anni, l’Ossezia del Sud ha esortato la Georgia ad aprire negoziati sulla demarcazione e sulla demarcazione del confine, ma Tiflis, secondo la TASS, è riluttante ad entrare in trattative sul conflitto” .  Ovviamente, dato che l’irresponsabile avventurismo eurocratico, complice di quello americo-israeliano, eccita nel regime georgiano la speranza pericolosa di una rivincita. Germania e tutti i paesi NATO stanno cercando con forza irresponsabile di reinfiammare la ferita aperta.

Tutte le velleità tedesche di  “autonomia” da Washington  mopstrano così quello che sono.

La  UE   affama i siriani – e la Siria  sarà ricostruita da Pechino.

Non è di meno la cosiddetta “Unione Europea”, che continua a mantenere le sanzioni contro la Siria, in tal modo impedendo , come ha ricordato lambasciatore siriano all’ONU  Bashar al-Jafaari,  il ritorno dei siriani fuorisciuti, ora che nel paeese sta tornando la pace.  – e la Cina ha promesso di invetsire nella ricostruzione. Damasco ha invitato tutti i profughi siriani all’estero a tornare in Siria la scorsa domenica, riferisce l’agenzia di stampa siriana dello stato SANA. Al-Jaafari ha sottolineato che il ritorno dei rifugiati siriani è impedito dalle  cosiddette “misure coercitive unilaterali” contro il popolo siriano che non sono basate sulle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Il diplomatico siriano ha sottolineato che il ritorno dei rifugiati siriani dipende direttamente dalla revoca delle sanzioni economiche contro la Siria.

Sull’impatto delle sanzioni UE sulla Siria, Dr. Joseph Fares, direttore dell’ospedale italiano di Damasco ha riferito al Middle East Eye: “Non possiamo importare l’ossido di azoto necessario per gli anestetici perché si dice che fabbrichi bombe. Abbiamo bisogno dell’elio per raffreddare i nostri scanner MRI, ma non ci è permesso importarli. Molti centri di risonanza magnetica sono fuori servizio in tutta la Siria “. In passato, l’ospedale italiano di Damasco era in parte finanziato da donazioni dall’Italia, ma “non possiamo ottenere più denaro dall’Italia perché non possono trasferire denaro alle banche siriane”, ha detto Fares. “Le sanzioni erano dirette al governo siriano, ma non riesco a capire perché tutti i siriani dovrebbero soffrire”, dice.

l dignitario cristiano-arabo Giovanni X di Antiochia, Gregorio III. Laham e Mar Ignatius Aphrem II hanno chiesto l’immediato cessazione da parte della comunità internazionale nel 2016 delle sanzioni contro la Siria. Hanno invitato la comunità internazionale a porre fine all ‘”assedio del popolo siriano”, poiché le sanzioni guiderebbero l’isolamento della Siria e colpiranno i più poveri tra i poveri.

Bergoglio tace…

Asia Times cita la dichiarazione: “Sebbene l’obiettivo principale di imporre queste sanzioni sia politico, la loro influenza influenza la vita dell’intero popolo siriano, specialmente i poveri e la classe lavoratrice (…) che stanno soffrendo la situazione sociale e la povertà e la sofferenza del popolo siriano costantemente chiuso Pertanto, noi, i tre patriarchi che vivono a Damasco, dove sentiamo la sofferenza del popolo siriano, (…) eleviamo la nostra voce in questo appello umanitario e chiediamo la revoca delle sanzioni economiche sulla base della Carta dei diritti umani e di altri patti internazionali “.

 “Sebbene l’obiettivo principale di imporre queste sanzioni sia politico, la loro influenza influenza la vita dell’intero popolo siriano, specialmente i poveri e la classe lavoratrice (…) che stanno soffrendo la situazione sociale e la povertà e la sofferenza del popolo siriano costantemente chiuso Pertanto, noi, i tre patriarchi che vivono a Damasco, dove sentiamo la sofferenza del popolo siriano, (…) eleviamo la nostra voce in questo appello umanitario e chiediamo la revoca delle sanzioni economiche sulla base della Carta dei diritti umani e di altri patti internazionali “.

Il 28 maggio 2018 il Consiglio dell’UE ha esteso le misure restrittive dell’UE contro la Siria fino al 1 ° giugno 2019.

L’economia siriana era prospera, prima

Nel 2010, il PIL siriano era di $ 60 miliardi, pari allo 0,12% dell’economia globale. Tra il 2006 e il 2010, il tasso di crescita annuale del PIL è stato del 5%, salendo al 5,9% nel 2009. Ancora nel 2010 la Siria ha esportato il 32% delle sue fonti energetiche in Germania e il 31% in Italia,  seguiti da Francia (11%) e Olanda (9%) .

Durante il periodo di sanzioni dal 2011 al 2016, il tasso di crescita è diventato negativo

Il costo degli alimenti base è aumentato di otto volte nel 2016,  rispetto al 2011, poiché le sanzioni economiche hanno innescato un’inflazione massiccia. Alla fine del 2016, il Programma alimentare mondiale ha riferito che quattro siriani su cinque vivevano in condizioni di povertà e avevano difficoltà a comprare abbastanza cibo al giorno, mentre il tasso di povertà è passato dal 12,4% nel 2007 all’83% nel 2014.

Secondo le Nazioni Unite, prima del conflitto in Siria, 22 milioni di persone vivevano in Siria. Nel frattempo, 13,5 milioni di siriani dipendono dagli aiuti umanitari. Il numero di sfollati interni è di sei milioni di persone, mentre cinque milioni di siriani sono fuggiti all’estero. Ci sono 3,53 milioni di rifugiati siriani in Turchia. In Giordania ci sono 668.123 e in Libano 976.002 rifugiati siriani. Secondo l’UNHCR, il numero totale di rifugiati in Germania ammonta a 970.365. Secondo il servizio di integrazione dei media, circa 700.000 rifugiati siriani sono venuti in Germania dal 2011″. (DWN).
La disumana crudeltà delle oligarchie europee, tanto “umanitarie”,   è nota – l’abbiamo vista in Grecia – e, come sempre, anche in Siria si unisce alla stupidità politica.   Bruxelles e Berlino lasciano il Paese alla Cina,  come del resto hanno lasciato a Pechino il Pireo,  che così avrà unaltro importante sbocco nel Mediterraneo.

L’articolo PROVOCATORIA MANOVRA MILITARE USA-UE IN GEORGIA proviene da Blondet & Friends.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi