20 Lire in Oro di Papa Pio IX – (1846-1878)

Di Monete Top , il - Replica

20 Lire in Oro di Papa Pio IX – (1846-1878)

Durante il suo lungo pontificato, “Papa Pio IX” nel 1866 introdusse il sistema decimale anche per la monetazione pontificia.

Furono quindi create monete in Oro da 100, 50, 20, 10, e 5 lire; in Argento da 5 lire, 2.50 lire, 2 lire, 1 lira, 50 centesimi, 25 centesimi e 20 centesimi (quest’ ultima è stata una moneta mai entrata in circolazione e di cui si conoscono non più di 5/6 esemplari). Le monete coniate in rame furono: 20 centesimi, 10 centesimi, 5 centesimi, 2.50 centesimi e 1 centesimo.

In questo nostro breve “post” vi parleremo della moneta in oro da 20 lire o marengo “papale”.

Caratteristiche della moneta: diametro 22 mm. – peso 6.45 grammi – oro 900 millesimi.

Sul diritto della moneta compare il “busto” a sinistra del papa con la scritta “Pio IX Pon. Max. An. e anno di pontificato”; sul rovescio tra rami di “lauro e di quercia” compare la scritta 20 Lire e l’anno di coniazione; mentre nel giro esterno intorno ai rami troviamo la scritta “Stato Pontificio” ed in basso “R” che indica la zecca di Roma. Il contorno della moneta è rigato.

Nel 1866 furono coniati degli esemplari con “l’ anno 20° di pontificato” e “contorno liscio più una stella” posta sotto il busto del papa. Di tale moneta si conoscono ad oggi solo 2 semplari considerati come “prove” o monete campione.


Sempre in quest’ anno furono coniate anche 20 Lire con l’ anno 20° di pontificato e contorno rigato e con l’ anno 21° di pontificato.

  • Nel 1867 furono coniate monete da 20 Lire con anno 21° e 22° di pontificato.
  • Nel 1868 con anno 22° e 23° di pontificato.
  • Nel 1869 con anno 23° e 24° di pontificato; ed infine nel 1870 con anno 24° e 25° di pontificato.

Per quanto riguarda la valutazione di queste monete, a parte il “1866 anno 20° contorno rigato” che risulta essere sensibilmente più rara rispetto agli altri anni, tutte le altre annate di coniazione si reperiscono abbastanza facilmente, anche se il discorso “Qualità” premia notevolmente gli esemplari in perfetto stato di conservazione.

Alcuni esemplari sono stati aggiudicati in recenti aste in conservazione “Fdc” ad oltre 1000,oo euro.

Il consiglio per gli amici di MoneteTop.it è quello di acquistare questo bel marengo “papale”, almeno in qualità “Spl”, in quanto le tirature annuali di dette monete sono assai limitate e se paragonate a marenghi italiani dello stesso periodo risultano notevolmente più basse.

Quindi l’ acquisto di questo tipo di moneta si potrebbe rivelare un ottimo investimento sia nel breve che nel lungo periodo.

 

 

Guest post di Monete Top, visita il suo blog se sei un appassionato di numismatica e vuoi collezionare monete moderne straniere o del Regno d’Italia

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi