38° SEGNALE DELLA RIPRESA: CAUSA TROPPA AUSTERITY RECORD DEL DEBITO PUBBLICO

Di Leonardo , il - Replica

di LUIGI CORTINOVIS

Ma va? Che strano, con tutta l’austerity che c’è in Italia, come è possibile?

Il debito pubblico a maggio ha toccato un nuovo massimo storico di 2.278 miliardi di euro.

Secondo l’ultimo bollettino di “Finanza pubblica” pubblicato dalla Banca d’Italia, il debito ha raggiunto un nuovo picco, soprattutto a causa dell’aumento del fabbisogno mensile della PA (7 miliardi). L’aumento è stato inoltre determinato dalla crescita delle disponibilità liquide del Tesoro (per 0,5 miliardi) e per l’effetto della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione del tasso di cambio (0,7 miliardi).

Il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 8,1 miliardi e quello delle Amministrazioni locali di 0,1 miliardi, mentre il debito degli Enti di previdenza è sostanzialmente stabile.  Sempre Bankitalia rileva che le entrate tributarie a maggio sono calate a 33,5 miliardi (inferiori di 0,3 miliardi a quelle rilevate nello stesso mese del 2016). Nei primi cinque mesi dell’anno però risultano in crescita dell’1,4% a 154,4 miliardi.

The post 38° SEGNALE DELLA RIPRESA: CAUSA TROPPA AUSTERITY RECORD DEL DEBITO PUBBLICO appeared first on MiglioVerde.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi