ANCHE I LIBERI PROFESSIONISTI SCHIFANO LA CONCORRENZA

Di Leonardo , il - Replica

di MATTEO CORSINI

In Italia, come noto, abbondano gli ordini professionali, tipica espressione del modello corporativista. Col passare del tempo, invece che diminuire, il numero degli ordini tende ad aumentare, anche se non al pari delle richieste provenienti da questa o quella associazione volta a ritenere il riconoscimento pubblico di ordine professionale. Altrettanto nota è la lamentela da parte degli esponenti degli ordini in merito alla mancanza, peraltro in essere da pochi anni, di un tariffario minimo vincolante, oggi definito “equo compenso”.

Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, sembra sensibile alle richieste dei professionisti: “C’è spazio per lavorare sul tema dell’equo compenso”, argomento che “va giustamente affrontato in quanto è legittimo che ci sia qualche “standard” cui riferirsi per definire il livello che tutti quanti definiamo equo compenso”.

In realtà ogni compenso è equo quando concordato volontariamente tra le parti. Quella che va sotto la richiesta di introduzione di un “equo compenso” non è altro che la volontà protezionistica di reintrodurre un tariffario minimo.

I professionisti sostengono che a prezzi bassi corrisponde una qualità altrettanto bassa della prestazione professionale. Il che può essere vero, ma lo stesso si può affermare riferendosi ai prezzi praticati da un ristorante o da un negozio di abbigliamento. Nulla vieta a un cliente di rivolgersi a un professionista che pratica prezzi più elevati di altri in virtù di competenze riconosciutegli superiori a quelle dei concorrenti.

E forse è proprio questo il problema: la concorrenza. Una brutta bestia, che piace solo quando si è consumatori.

The post ANCHE I LIBERI PROFESSIONISTI SCHIFANO LA CONCORRENZA appeared first on MiglioVerde.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi