ANCHE IL CORRIERE SE N’È ACCORTO: IL VENEZUELA È UNA NARCO-DITTATURA

Di Leonardo , il - 12 commenti

di REDAZIONE

Narcostato. Narcodittatura. Lo si legge sui muri di Caracas, lo si ascolta dalla voce di analisti e politici d’opposizione. «C’è un Pablo Escobar al vertice dello Stato in Venezuela», ha attaccato il senatore Marco Rubio, estrema destra della Florida, riferendosi al potente Diosdado Cabello. Quanto c’è di vero nelle pesanti accuse sul vertice del potere chavista, che arrivano soprattutto dagli Stati Uniti? Molti indizi e alcuni testimoni di peso, finora, collegano al regime il traffico di ingenti quantità di polvere bianca verso l’Europa e gli Usa. Il Venezuela ha una geografia privilegiata: un lungo confine incustodito con la Colombia, produttore numero uno di cocaina, e un litorale molto esteso. Se poi politici e militari sono complici, garantendo il lasciapassare su porti e aeroporti, ecco che il gioco è fatto. C’è anche chi spiega l’escalation degli ultimi mesi con l’avanzare delle indagini. «Al vertice del Venezuela ci sono uomini i quali, alla caduta del regime, potrebbero finire i loro giorni in una prigione Usa. Resisteranno fino alla fine», ci spiegava nei giorni scorsi a Caracas un osservatore dall’interno del chavismo.

Dai primi indizi nel 2008, con Chávez ancora al potere e tre militari di alto rango indiziati per traffici illeciti con la guerriglia delle Farc, fino alle accuse odierne che arrivano al vicepresidente Tareck El Aissami e a Cabello, l’uomo che ha voluto la Costituente e conta almeno quanto Maduro. Nel mezzo due vicende che sembrano tratte da serie tv. L’arresto di due nipoti della moglie di Maduro, i narcosobrinos. Detenuti a New York, la sentenza per narcotraffico è attesa tra un mese. Prima ancora la scoperta di un carico di 1,2 tonnellate di coca su un aereo Air France a Parigi. Imbarcata come se nulla fosse a Caracas.

El Aissami è il vice di Maduro dallo scorso gennaio. La sua nomina ha suscitato vari interrogativi: perché la scelta è caduta su un personaggio così discusso? L’uomo, di origini siriane, era governatore dello Stato di Aragua quando il suo nome venne fatto da Rafael Isea, suo predecessore ed ex ministro delle Finanze. Fuggito negli Usa nel 2013, Isea raccontò che El Aissami era l’uomo di riferimento del più potente narcotrafficante del Paese, Walid Makled. Grazie a lui tonnellate di cocaina venivano imbarcate a Puerto Cabello in direzione Messico e Centroamerica, previo pagamento di ingenti percentuali al politico. La settimana scorsa, dopo essere stato incluso nella lista Trump dei 13 sanzionati del regime, El Aissami è stato colpito da congelamenti di beni «da centinaia di milioni di dollari», tra case a Miami e un jet privato, secondo il Tesoro Usa. Lui ha smentito. «Non ho nemmeno un conto. È un attacco dell’impero alla nostra rivoluzione. Come i due ragazzi di Maduro, un falso positivo creato dalla Dea».

Quanto hanno raccontato agli americani Efrain Campo e Francisco Flores, nemmeno trentenni, arrestati ad Haiti nel novembre 2015 mentre negoziavano la spedizione di 800 chili di cocaina? I due nipoti della first lady Cilia Flores, cresciuti da Maduro come figli, rischiano vent’anni di galera a testa dopo essere caduti in una trappola dell’antidroga Usa, che ha registrato mesi di negoziazioni sulla maxipartita. Già sull’aereo che li deportava negli Stati Uniti i due avevano confessato che la coca arrivava da ambienti vicini a Cabello, all’epoca presidente del Parlamento. Secondo 007 americani sarebbe lui il capo assoluto del cartello «de los Soles», un gruppo formato da militari, paramilitari e politici in grado di far transitare senza controlli la coca dalla Colombia e poi imbarcarla verso l’estero. Un’altra accusa circostanziata su Cabello è arrivata dal suo ex guardaspalle, Leamsy Salazar, un militare fuggito anche lui negli Stati Uniti e sotto protezione: ha raccontato di aver sentito in più occasioni Cabello dare ordini su spedizioni di cocaina, attraverso Cuba. Salazar è stato per anni anche al fianco di Chávez, era un uomo di assoluta fiducia del regime.

La vicenda dei due nipoti è ancora in divenire. Sapremo a breve cosa hanno raccontato per tentare di ridurre la loro pena, così come sono attese le dichiarazioni di Yazenky Lamas, un pilota venezuelano che la Colombia ha appena estradato negli Stati Uniti. Lamas ha pilotato un centinaio di voli della droga tra il Venezuela e i Caraibi. Guarda caso anche lui ha un legame diretto con la moglie di Maduro: era il suo pilota personale. Il governo di Caracas ha fatto di tutto per evitare che Lamas fosse spedito negli Usa, chiedendone l’estradizione in Venezuela. Com’era riuscito a fare con il boss Makled, anch’egli catturato in Colombia. Ma i rapporti tra i due Paesi oggi sono molto più tesi e il governo di Bogotá non ha avuto dubbi. Il pilota dirà tutto quello che sa alla Dea.

di Rocco Cotroneo – Corriere.it

The post ANCHE IL CORRIERE SE N’È ACCORTO: IL VENEZUELA È UNA NARCO-DITTATURA appeared first on MiglioVerde.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • mau

    Il solito articolo stronzata di Leonardo, che a quanto vedo commentano e quindi leggono, in pochissimi. Allora la Colombia protettorato USA produce la droga, la mafia Americana la smercia negli Stati Uniti (col permesso della CIA, NSA, ecc.) ma la colpa è dei venezuelani. E’ il Russiagete 2 sviluppatosi nel cervello dell’autore.

    • marcoferro

      concordo, anzi aggiungo solo che l’ex presidente colombiano Alvaro Uribe era nella lista dei ricercati più pericolosi del mondo negli anni 90′ poi è diventato presidente incredibile. oggi sta alla frontiera del venezuela organizzando milizie armate…

  • marcoferro

    “Abbiamo sempre saputo e sappiamo che l’avanzata delle classi lavoratrici e della democrazia sara’ contrastata con tutti i mezzi possibili dai gruppi sociali dominanti e dai loro apparati di potere. E sappiamo, come mostra ancora una volta la tragica esperienza cilena, che questa reazione antidemocratica tende a farsi più violenta e feroce quando le forze popolari cominciano a conquistare le leve fondamentali del potere nello Stato e nella società.” chi le ha dette queste cose ?……Berlinguer…

  • Lupis Tana

    forse è meglio la dittatura di Maduro alla democrazia di Usei, Fr, Gb, ecc. se questa; porta a fare guerre in tutto il mondo anche per interposta persona. t l

    • Sergio Andreani

      Esatto.
      A me la democrazia comincia a stare sui coglioni.

      W Maduro !

  • donato zeno
  • thomas

    I “Merighi”,sedano la loro popolazione con medicinali derivati da oppiacei per evitare rivoluzioni mentre il Venezuela viaggia “speedy” con la polverina,Sono le due facce di una medesima medaglia.

  • Austrian school

    Questa storia è l’ennesima conferma che il proibizionismo sulle droghe, con i sovraprofitti che genera, crea solo mostri e violenze a tutti i livelli.

  • Lupis Tana

    il corriere non s’e nè ancora accorto di essere una merda, eppure puzza da più di cent’anni… t l

  • steffano

    ahahahaha, siete delle vere sagome ….nemmeno vi accorgete di quanto son ridicoli certi vs post…..portare il cds come conforto alle vs tesi ahahahaha…..grazie di esistere

  • Carlo Robotti

    “..ha attaccato il senatore Marco Rubio”

    ah ok.
    Ho smesso di leggere il resto, mi basta, è sporcizia comune.

  • what you see is a fraud

    Bisogna fare competizione ai maggiori spacciatori di droga nel mondo …. gli USA .
    Quindi dov’e’ il problema ? Comprare la droga dai vaccari o sfruttare le risorse locali ?
    Meglio il rodotto locale no ?

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi