"Argento Tibetano", Peltro ed altre più o meno pericolose patacche

Di Er , il - Replica

Bedware ci segnala un interessante guidina di eBay sul cosidetto “argentone” o “argento Tibetano” che spesso si trova in vendita su eBay appunto ed altri siti di vendita insieme ad ogni altro genere di patacche. L’originale inglese della guida lo trovate cliccando quì. Eccovene una traduzione:

eBay Guides – Tibetan Silver. A Buyer’s Advisory

Scritto dalla ditta TierraCast, California

Test metallurgici condotti su dodici oggetti messi in vendita su eBay come “Argento Tibetano” indicano che questi articoli spesso non contengono nessuna percentuale di argento. Inoltre, i risultati dei primi test nel 2007 hanno rivelato che possono essere presenti alti livelli di metalli pericolosi per la salute come il piombo e l’arsenico.

Data la loro bellezza, non è una sorpresa che i gioielli venduti come “Argento Tibetano” siano apparsi in vendita in un numero crescente di pubblicazioni commerciali e su Internet.
La descrizione “Argento Tibetano” sta diventando molto popolare, ma i prodotti offerti sotto questo nome sembrano non avere nulla a che fare con l’antica giojelleria tibetana e anzi pare che provengano da coni contemporanei di bassa qualità e di dubbia provenienza. Come acquirente rischi di essere fuorviato sia in termini di antichità che di metalli utilizzati ed origine geografica. Se pensi che l’”Argento Tibetano” contenga quantità decenti di argento leggiti queste informazioni che seguono.
L’Argento Tibetano autentico è spesso a base di argento massiccio molto simile al 92,5 per cento dell’argento Sterling inglese. Per il restante 7,5% della lega può essere usato qualsiasi metallo ma per lo più viene usato il rame. Ma la gran parte dell’”argento Tibetano” che troverete in asta è ben lontano dal somigliare all’argento Sterling. Il contenuto effettivo di argento di oggetti venduti come “Tibetan Silver” può essere così basso da essere quasi trascurabile, addirittura solo un 1-2%, mentre l’oggetto sarà fondamentalmente fatto di stagno, zinco, rame o leghe di nichel o altre leghe.
Difatti, come parte di una più vasta indagine su prodotto venduti su ebay che infrangevano il copyright sul design, la TierraCast Inc, un produttore di design originali do oggetti in peltro senza piombo con sede in California, ha portato ad analizzare nell’aprile 2007 ai Metallurgical Laboratories Inc. di Concord, California, sette oggetti comprati da 6 diversi venditori ebay (va notato che quest’operazione è partita per questioni legate al design e che in realtà sono ben più numerosi gli oggetti venduti in giro per il mondo come “Argento Tibetano”. Tutti gli oggetti analizzati erano riconducibili a manifatture overseas, solo due venivano spediti direttamente dalla Cina, altri partivano dal Regno Unito, dall’Australia e dagli Stati Uniti.

Su tutti gli esemplari analizzati non è stato rintracciato nessuna percentuale. Su 6 campioni gli elementi dominanti erano nichel, rame e zinco (individuati dalla XRF, la fluorescenza ai raggi X). Il settimo oggetto, spedito da Hong Kong, conteneva addirittura un 1,3% di
arsenico, un veleno potente e cancerogeno, e non bastasse anche un allarmante contenuto di piombo al 54%. Copie dei risultati delle prove certificate sono disponibili su richiesta presso la TierraCast, Inc.
Ulteriori test sono stati condotti nel mese di aprile 2009 utilizzando 5 diversi oggetti acquistati a caso da 3 venditori di eBay che offrono diversi ninnoli in “Argento Tibetano”. I Laboratori metallurgici hanno testato anche questi articoli utilizzando l’analisi XRF e hanno trovato i seguenti risultati per i metalli più comuni, espressi in percentuale. (Si noti che solo il campione # 5 conteneva almeno un 1% di argento!)

Vedete come erano tutti a basa di leghe di rame e zinco o di rame e nickel.
Le quantità residue di metallo di queste leghe erano rappresentate da cromo, alluminio, stagno, oro e piombo. A differenza dei test del 2007, in quelli del 2009 i campioni ha mostrato di non contenere quantità significative di piombo, tutti si sono rivelati al di sotto del limite di 600 ppm (parti per milione) di recente imposto dal governo federale per “gioielli di metallo per bambini”.

(Gli oggetti 1, 2, 3 e 4 dei test del 2009 sono copie contraffatte di disegni TierraCast protetti da copyright.)

La mancanza di quantità pericolose di piombo in questi campioni è incoraggiante in quanto gli adulti esposti al piombo possono soffrire di aumento della pressione sanguigna, avere problemi di fertilità, disturbi nervosi, dolori muscolari e articolari, irritabilità e perdita di memoria. I bambini sono ancora più sensibili agli effetti dell’esposizione al piombo anche e livelli anche molto bassi di esposizione possono portare a difficoltà nell’apprendimento, disturbi da deficit di attenzione e problemi comportamentali, problemi di rallentamento e riduzione della crescita, sordità e danni renali.
Livelli più elevati di esposizione possono causare danni permanenti a livello di trauma mentale, stati vegetativi o comatosi e anche la morte. I bambini sotto i sei anni di età sono particolarmente vulnerabili agli effetti nocivi del piombo perché il loro cervello e sistema nervoso centrale sono ancora in formazione. Una recente tragedia in Minnesota ha messo in evidenza questo problema.

Dopo la morte di un bambino di quattro anni nel marzo del 2006, il contenuto in piombo nel cosidetto “metallo bianco” e nel “peltro” è stato oggetto di recenti richiami di milioni di oggetti microfusi di piccole dimensioni da parte della US Consumer Products Safety Commission (CPSC). Il bambino è morto a causa di avvelenamento da piombo per ingestione di un piccolo oggetto metallico, un “charm”, che è stato distribuito come parte di un omaggio da parte della Reebok (!!). Prodotti da un contractor in Cina, i braccialetti con charms regalati dalla Reebok si sono poi rivelati essere al 99% di piombo.
Eventi come questo hanno spinto lo Stato della California a fissare norme di sicurezza che sono ora legalmente attive verso tutti i produttori di giojelli per bambini, per adulti per il piercing e per qualsiasi oggetto destinato al contatto col corpo, fra cui gli oggetti in pewter (lo scrivo anche in inglese così lo sapete se vedete un asta di oggetti con questa parola. NdEr), in peltro (chi può mettere un freno al capitalismo selvaggio se non uno stato? Un Er sempre polemico)
Anche se tutti gli oggetti di peltro contengono sempre tracce di piombo, il termine “peltro senza piombo” è ora usato per descrivere il peltro che soddisfa i limiti massimi della Food and Drug Administration (FDA) americana.
Il Peltro è definito dalla Federal Trade Commission (FTC) e dalla Gilda Americana del Peltro come un “prodotto in lega metallica la cui composizione non deve avere meno del 90% di stagno di grado A, con il resto composto da metalli appropriati per l’uso nel peltro.” (un po’ vaghino! NdEr). Stagno, antimonio e rame (Tin, antimony and copper) vengono raffinati da depositi di minerali minerari di base che possono contenere altri metalli, tra cui il piombo. Nonostante i moderni processi chimici per la rimozione del Peltro, tracce di Piombo restano sempre, anche se a livelli di ppm.


Che ne dite ora, per esempio, di questa asta (ma c’è solo l’imbarazzo della scelta):

10 x 6 cm e 4 mm di spessore, peso dato per 136,2 grammi  …. avrà fatto un affare il compratore? O l’affare l’ha fatto il venditore?

da Argento Fisico

Shares

Incoming search terms:

  • argento tibetano
  • peltro valore
  • quotazione peltro
  • valore peltro al kg
  • valore peltro 95%
  • braccialetti in peltro:valore?
  • cosè largento tibetano
  • peltro 95
  • peltro 95%
  • peltro prezzo al kg
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi