BREXIT, NEI NEGOZIATI LA QUESTIONE IRLANDESE HA MASSIMA PRIORITÀ

Di Leonardo , il - 4 commenti

di GRETA BITANTE

Cosa ne sarà del confine tra Irlanda e Irlanda del nord dopo la Brexit? Nessuno sembra saperlo esattamente e dal governo di Londra non arrivano proposte concrete per risolvere uno dei problemi più spinosi legati al divorzio dl Regno Unito dall’Unione europea. Nei negoziati la questione irlandese ha la massima priorità, e lo ha ribadito ieri il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk nel suo incontro con il primo ministro irlandese Leo Varadkar.

Il polacco ha spiegato che è chiaro ormai che il governo britannico non accetterà un “confine doganale regolamentare sulle coste del mare d’Irlanda”, così come l’inclusione dell’Irlanda del Nord nel mercato singolo europeo, perché questo per gli unionisti significherebbe una separazione de facto dal Regno Unito.  Bisogna tuttavia rispettare le posizioni di entrambe le parti, ma nel frattempo, ha dichiarato Tusk a Dublino, “ci aspettiamo che il Regno Unito proponga una soluzione realistica e concreta per evitare un ‘hard border’ ”, o non ci sarà nessun progresso nelle negoziazioni della Brexit.

Durante l’incontro con il presidente del Consiglio europeo, Varadkar ha dichiarato che stava aspettando “ulteriori dettagli” da parte del primo ministro inglese Theresa May.

Il mese prossimo sarà il ventesimo anniversario dell’accordo del venerdì santo (Good Friday Agreement), il più importante accordo di pace tra il governo del Regno Unito e quello d’Irlanda. “Bisogna rispettare la decisione democratica presa dalla Gran Bretagna di lasciare l’Unione europea nel 2016, così come bisogna rispettare la decisione democratica dell’Irlanda presa nel 1998, con tutte le sue conseguenze”, afferma Tusk secondo cui “il rischio di destabilizzare la fragile pace deve essere evitato ad ogni costo.”

Questa settimana Tusk ha presentato agli Stati membri le linee guida per le relazioni e i rapporti futuri e il testo dovrà essere approvato al prossimo Consiglio europeo previsto per il 22 e 23 marzo. “Sicuramente non potremmo essere d’accordo su tutto. Ma in situazioni problematiche, gli amici si supportano a vicenda. Per i 27 Paesi membri, ciò è particolarmente vero quando si parla di Brexit” per Tusk secondo cui  “qualsiasi passo indietro rispetto agli impegni presi fin’ora comporterebbe un concreto rischio nel progresso delle negoziazioni”.

The post BREXIT, NEI NEGOZIATI LA QUESTIONE IRLANDESE HA MASSIMA PRIORITÀ appeared first on MiglioVerde.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Tags:

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi