CI MANCAVA SOLO L’INDICE DEL BENESSERE EQUO E SOLIDALE

Di Leonardo , il - 1 commento

di MATTEO CORSINI

Non riuscendo a esibire numeri soddisfacenti per i tradizionali indicatori economici e di finanza pubblica, il governo italiano e la maggioranza che lo sostiene hanno avuto la (non) brillante idea di rendere obbligatorio, a far tempo dalla legge di bilancio del 2019, l’indice di Benessere equo e solidale (Bes).

Ideato dall’allora presidente dell’Istat Enrico Giovannini – che non riuscì, però, a fare un’analisi che comparasse i costi per i pagatori di tasse di un parlamentare italiano rispetto a quelli di altri Paesi europei – l’indice Bes si baserà su 12 parametri: reddito medio disponibile aggiustato pro capite; indice di diseguaglianza del reddito disponibile; indice di povertà assoluta; speranza di vita in buona salute alla nascita; eccesso di peso; uscita precoce dal sistema di istruzione e formazione; tasso di mancata partecipazione al lavoro; rapporto tra tasso di occupazione delle donne di 25-49 anni con figli in età prescolare e delle donne senza figli; indice di criminalità predatoria; indice di efficienza della giustizia civile; emissioni di CO2 e altri gas clima alteranti; indice di abusivismo edilizio.

La relazione che accompagna il decreto si premura di precisare che, scientificamente, è obeso chi ha un Indicatore di massa corporea (IMC) superiore a 30, mentre tra 25 e 30 si è sovrappeso. L’IMC si calcola rapportando il peso in Kg al quadrato dell’altezza in metri.

Tanti indicatori, tra i quali ne manca uno fondamentale: quello relativo alla tassazione. Certamente lo Stato italiano risulterebbe fiscalmente obeso.

The post CI MANCAVA SOLO L’INDICE DEL BENESSERE EQUO E SOLIDALE appeared first on MiglioVerde.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • marcoferro

    certo che di kazzate ne stanno tirando fuori a getto continuo a livello industriale. tutto questo per non dire che stiamo nella merda, comunque quel patetico ex-direttore dell’istat Giovannini me lo ricordo qualche anno fa quando doveva verificare se gli stipendi dei parassiti nel nostro parlamento fossero superiori a quelli degli altri parassiti europei. ebbene dopo circa 6 mesi se ne venne bello bello con quella faccia di kulo per dire che non era stato in grado di scoprirlo. ah questo campione è stato pure ministro del lavoro ora si spiegano tante cose, ma con poletti siamo caduti dalla padella a alla brace.

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi