CONFINDUSTRIA E LE PROPOSTE PER IL “BENE DEL PAESE”

Di Leonardo , il - 2 commenti

di MATTEO CORSINI

Di recente Confindustria ha lanciato alcune proposte che ruotano tutte quante attorno all’idea di andare avanti aumentando il debito, sperando in una sua parziale mutualizzazione via eurobond. Una serie di proposte che, a fronte del finanziamento a debito dei mitologici “investimenti in beni pubblici europei” (o formule simili), porterebbe a una crescita del Pil e a una riduzione del debito in rapporto al Pil di 20 punti in 5 anni.

Gli eurobond dovrebbero ammontare al 3% del bilancio dell’eurozona, e dalle parti di Confindustria sostengono che si tratti di una proposta caratterizzata da “prudenza e realismo”.

Quanto alle tasse, ecco cosa afferma il direttore generale Marcella Panucci:Quel che funziona di più è una riduzione della pressione fiscale non generalizzata ma selettiva, che premi comportamenti virtuosi delle imprese: quindi l’azzeramento del cuneo fiscale per l’assunzione stabile di giovani e i benefici per chi investe in ricerca, innovazione e industria 4.0”.

Ovviamente in ogni discorso che si rispetti non può mancare un riferimento a “industria 4.0”. Il succo del discorso, comunque, è che le tasse vadano ridotte solo alle imprese. Considerando che la spesa non calerebbe di un euro (anzi), dove prendere i soldi? Secondo Confindustria, mediante una “contribuzione progressiva sui servizi pubblici, per sanità e istruzione in prima battuta”.

Come se oggi quei servizi, finanziati prevalentemente mediante l’Irpef, non fossero già, di fatto, soggetti a contribuzione progressiva. Almeno avessero la decenza di non spacciare un punto di vista puramente lobbistico per il “bene del Paese”.

The post CONFINDUSTRIA E LE PROPOSTE PER IL “BENE DEL PAESE” appeared first on MiglioVerde.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi