Credit Suisse e UBS nella Top Ten delle multe miliardarie degli Stati Uniti

Di Ticino Live , il - Replica

Oltre alla multa di 8.9 miliardi di dollari inflitta al gruppo bancario francese BNP Paribs per violazione delle sanzioni economiche statunitensi, le autorità di Washington hanno già imposto diverse multe elevate alle grandi banche. Credit Suisse e UBS figurano fra gli istituti colpiti.

Le multe riguardano le pratiche delle banche nel commercio di petrolio e gas (violazione di embargo), nel settore immobiliare (subprime, pignoramenti), nelle manipolazioni dei tassi bancari e nella complicità in riciclaggio di denaro.

Sono state imposte da diverse autorità : il dipartimento americano di giustizia, la Federal Reserve, il dipartimento dei servizi finanziari di New York, le agenzie governative, organismi pubblici e regolatori dei mercati.

La classifica delle multe più pesanti

1. 25 miliardi di dollari – Wells Fargo, JPMorgan Chase, Citigroup, Bank of America, Ally Financial. Nel febbraio 2012 queste banche accettano collettivamente di pagare la somma per evitare un processo per pignoramenti immobiliari abusivi.

2. 13 miliardi di dollari – JPMorgan Chase. Nel novembre 2013 la banca chiude una serie di litigi legati a strumenti finanziari relativi a prestiti ipotecari a rischio “subprime”.

3. 11,6 miliardi di dollari – Bank of America. Si tratta della banca che ha pagato il tributo maggiore nella crisi dei subprime. Nel gennaio 2013 ha pagato questa somma a Fannie Mae, organismo di rifinanziamento dei prestiti ipotecari, a cui aveva venduto crediti immobiliari tossici.

4. 9,5 miliardi di dollari – Bank of America. Nel marzo 2013 la banca accetta di pagare questa multa per evitare un procedimento giudiziario dell’Agenzia federale di finanziamento dell’alloggio, il regolatore del settore e supervisore delle agenzie di rifinanziamento ipotecario Fannie Mae e Freddie Mac.

5. 8,9 miliardi di dollari – BNP Paribas. Il 29 giugno 2014 il dipartimento di giustizia americano e il regolatore bancario di New York, Benjamin Lawsky, impongono alla banca francese il pagamento di questa somma per aver condotto transazioni commerciali in Iran, Sudan e Cuba fra il 2002 e il 2009. Questi paesi erano colpiti da sanzioni economiche da parte degli Stati Uniti. Con il pagamento della multa BNP evita di andare a processo.

6. 8,5 miliardi di dollari – Bank of America. Nel giugno 2011 il colosso bancario accetta di risarcire un gruppo d’investimento che si ritiene danneggiato dalle pratiche dell’istituto finanziario nel settore immobiliare.

7. 2,6 miliardi di dollari – Credit Suisse. Nel maggio 2014 la banca elvetica ammette di aver aiutato i suoi clienti americani a evadere il fisco statunitense.

8. 1,92 miliardi di dollari – HSBC. La banca britannica accetta di versare questa somma nel dicembre 2012 e evita un procedimento giudiziario per complicità in attività di riciclaggio di denaro.

9. 1,7 miliardi di dollari – JPMorgan Chase. Lo scorso gennaio la banca accetta di pagare la multa e evita un processo per aver ignorato le pratiche dell’ex finanziere di Wall Street Bernard Madoff.

10. 1,53 miliardi di dollari – UBS. Nel dicembre 2012 la banca elvetica paga questa somma per chiudere un procedimento legato alla presunta manipolazione del tasso interbancario Libor.

(Fonte : Le Matin.ch)

L’articolo Credit Suisse e UBS nella Top Ten delle multe miliardarie degli Stati Uniti sembra essere il primo su Ticinolive.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi