ECCO IL 154° SEGNALE DELLA RIPRESA: NON LO PAGAVANO, IMPRENDITORE SI SUICIDA

Di Leonardo , il - 10 commenti

suicidio sanguedi LUIGI CORTINOVIS

Anche se di fatti come questo ne accadono in continuazione, preferiamo rilanciarne uno ogni tanto, non foss’altro che per una questione di rispetto verso le vittime di questa crisi di matrice statale.

“Un imprenditore di 43 anni si è ucciso nella mattinata di sabato 20 giugno 2015, nell’ufficio della sua azienda a Lariano. L’uomo, titolare della Siet, azienda che si occupa di impianti elettrici industriali, si è sparato un colpo di pistola in testa ed è stato trovato verso le 8:30 dalla sua segretaria che ha chiamato immediatamente i soccorsi. Il ricovero all’Ospedale San Camillo di Roma è stato immediato e ora l’imprenditore si trova in fin di vita. Prima di arrivare nella Capitale, l’imprenditore era stato trasportato d’urgenza a Velletri, ma poi si è deciso di sfruttare l’eliambulanza. Non ha mai ripreso conoscenza e la prognosi non è positiva. L’ipotesi più concreta è quella del tentativo di suicidio a causa dell’azienda in crisi: la compagna del 43 enne, inoltre, aspetta un figlio. I problemi della Siet erano stati affrontati insieme ad alcuni dipendenti: in particolare, diverse ditte non potevano pagare i lavori e l’uomo si è trovato privo di liquidità, come raccontato da Il Messaggero. L’impossibilità di pagare i prossimi stipendi avrebbe maturato in lui l’idea del suicidio”.

No comment.

The post ECCO IL 154° SEGNALE DELLA RIPRESA: NON LO PAGAVANO, IMPRENDITORE SI SUICIDA appeared first on MiglioVerde.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Massimo Casali

    E il cazzaro ride.

  • Massimo

    umanamente mi dispiace.

    questi sono martiri
    perchè si sarebbero salvati, avrebbero anche prosperato, se 10-15 anni fa fossero emigrati.
    sono rimasti quì per cosa? pagare tasse e benessere per altri..

    • Mister Libertarian

      Verrà il giorno in cui questi martiri saranno vendicati.

  • Mister Libertarian

    .

  • Che tragedia.
    Non ci possono essere persone così disperate tanto da suicidarsi per la vergogna auto-indotta per il mancato pagamento degli stipendi, tutto questo causato dalla situazione generale in idaglia, ma non è colpa dei poveri imprenditori, figuriamoci!

    Prego per loro.

  • Massimo

    http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2015/06/23/crisi-madre-di-due-2-bambini-si-impicca_48d9ee64-2563-42f1-9eb6-9e71a4200ebc.html

    e in tv tutti a parlare di “crescita”
    tutti quei giornalisti piddini che da 3 anni a questa parte straparlano di default scampato.

  • ForzaKarolina

    Quando leggo queste notizie mi va il sangue al cervello e mi viene una rabbia cieca che mi porterebbe a spaccare tutto! La sola cosa che può calmarmi è la certezza che i parassiti che hanno causato questa situazione presto o tardi la pagheranno cara!

    • M Korollar

      Purtroppo prima di pagarla faranno ancora tante vittime….E’ orrendo!!!

  • Alfercap

    Purtroppo è una scia di tragedie ….leggo oggi che:

    Si è tolto la vita sparandosi un colpo di fucile al petto all’interno della sua azienda l’imprenditore Egidio Maschio, 73 anni. Era il fondatore, col fratello Giorgio, del gruppo Maschio Gaspardo, azienda leader nella produzione di macchine agricole. E’ successo alle 6.30, poco dopo il suo arrivo negli uffici del gruppo, a Campodarsego (Padova). Pare che all’origine del gesto ci siano i grossi debiti che gravavano sull’azienda.
    Ancora più rabbia mi ha fatto il suicidio di una signora a Bologna ,in difficoltà economiche, madre di due bambini.
    Pare che, dopo due tentati sfratti, le avessero tagliato anche il gas…..assassini!
    e i Clandestini giocano negli alberghi a spese nostre!!!

  • Mister Libertarian

    Secondo gli scribacchini mainstream la strage continua di imprenditori suicidi sarebbe dovuta al loro abbandono da parte delle istituzioni.
    La realtà è che se le istituzioni li avessero davvero abbandonati invece di taglieggiarli ogni anno con richieste sempre più esose, sarebbero ancora tutti vivi e al lavoro per il benessere delle loro famiglie e delle famiglie dei loro dipendenti.

    (C. Lazzarini)

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi