EUROZONA, SE QUESTA È LA RAGIONEVOLEZZA… MEGLIO LA FOLLIA!

Di Leonardo , il - 5 commenti

di MATTEO CORSINI

Nel dibattito in corso sul Sole 24Ore in merito ai pro e contro della permanenza dell’Italia nell’eurozona, i contributi di matrice keynesiana abbondano. Tra di essi, uno a firma di Jérôme Creel e Francesco Saraceno, entrambi docenti a Parigi (Saraceno anche alla LUISS di Roma).

L’analisi parte deprecando, come sempre, la mancanza di sostegno alla domanda aggregata a livello europeo: “La zona euro cresce meno degli Usa fin dagli anni 90. Tra le molte ragioni di questa performance a dir poco deludente si dimentica spesso l’inerzia della politica economica, che ha le sue radici in un mandato restrittivo per la banca centrale, e in una regola fiscale che non consente politiche di sostegno della domanda”.

Mandato restrittivo? Ma sono sicuri di parlare della BCE? Non è forse quella banca centrale che sta praticando tassi negativi sulla deposit facility (-0.40%) e che ha accumulato titoli acquistati creando base monetaria portando le dimensioni del suo attivo di bilancio a una cifra che sfiora il 40% del Pil aggregato dell’eurozona? Non oso immaginare se il mandato fosse stato espansivo…

Dire che abbandonare l’euro sarebbe complicato e costoso, tuttavia, non basta. Crediamo che un argomento ben più solido risieda nel rifiuto dell’equivalenza tra l’euro e le politiche neoliberali. Certo, le istituzioni europee sono state concepite per essere coerenti con un quadro dottrinale liberista. Ma il passato non vincola necessariamente il presente, e ancor meno il futuro”. Un quadro dottrinale liberista? Ma di quale continente stanno parlando? Di quello che regolamenta anche il modo di respirare delle persone? Se questo è liberismo, la Corea del Nord è solo lievemente socialdemocratica? Mah…

Noi abbiamo lavorato, e non siamo i soli, a due possibili riforme che aumenterebbero la capacità di reazione della politica economica: l’introduzione di un doppio mandato per la Bce, sulla falsariga della Fed americana, e una regola fiscale che consenta di scorporare gli investimenti pubblici dal deficit (la “regola d’oro”). Ma se ne possono citare altre, come gli eurobond e il sussidio di disoccupazione europeo. Le proposte ragionevoli non mancano. Quello che manca è la volontà politica di trasformarle in realtà”. Proposte ragionevoli? Quelle che prevedono di risolvere i problemi aumentando il debito in un’area economica che in media ha un debito pubblico pari al 96% del Pil? Auspicando poi che a incrementare maggiormente il debito (facendo finta contabilmente che non lo sia) siano i Paesi che già oggi alzano abbondantemente la media?

Se questa è la ragionevolezza, ben venga la follia.

The post EUROZONA, SE QUESTA È LA RAGIONEVOLEZZA… MEGLIO LA FOLLIA! appeared first on MiglioVerde.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Questi sono docenti…cioé insegnano…con molteplici cattedre. E rovinano generazioni di futuri economisti e dirigenti.

    • AnonimoSchedato

      “Chi sa fare fa. Chi non sa fare insegna”.
      Non so perchè, ma mi e venuto in mente mentre leggevo l’articolo.
      Strane associazioni che fa la mente 🙂

    • Ronf Ronf

      Chi controlla l’insegnamento, controlla i giovani. Chi controlla i giovani, controlla il futuro. Non a caso, infatti, i Filippo Taddei chi avevano come prof? I vari 68ttini

  • Mister Libertarian

    Cialtroni in cattedra.

    Che pena.

  • NON si vuole capire che l’eu è un dogma di fede, quindi bisogna escludere a PRIORI la possibilità di modificarla.
    Uscirne è l’unica via, non ci sono alternative

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi