IL 66% DEGLI ITALIANI VIVE ALLE SPALLE DI UN 33% CHE PRODUCE

Di Leonardo , il - 15 commenti

di ASTERIO TUBALDI*

Analisi spietata di Leonardo Facco sulla situazione politica ed economica dell’Italia. “Non vedo alternative, dice nell’intervista rilasciata a Radio Erre, che tassare chi produce per far fronte al reddito di cittadinanza e mantenere integra questa burocrazia”.

Facco non è pessimista, traccia una realtà tragica ma realista.

Il paese si avvia, secondo lui, verso il default perché non ha cultura liberale e non fa quindi l’unica cosa che potrebbe salvarlo: tagliare la spesa pubblica parassitaria. Il 66% degli italiani vive alle spalle del 33% che produce ricchezza.  I parassiti devono cercarsi un lavoro e devono smetterla di vivere a sbafo.  Ecco perché il debito pubblico in Italia è impagabile.

Questo ed altro nell’audio-video che pubblichiamo.

*RadioErre

Leonado Facco Italia in default

The post IL 66% DEGLI ITALIANI VIVE ALLE SPALLE DI UN 33% CHE PRODUCE appeared first on MiglioVerde.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi