IN ITALIA C’È LA RIPRESA, C’È LA RIPRESA!!! SI… SI, GUARDATE I GRAFICI

Di Leonardo , il - 7 commenti

di FRANCESCO SIMONCELLI

Oggi è risuonata in tutti i media mainstream la notizia secondo cui l’Italia sarebbe in ripresa, annunciata da un cadavere ambulante (Vedi qui).

Ora che abbiamo appreso che anche i morti hanno un’opinione passiamo al vaglio delle nostre immagini, le quali riassumono in modo succinto il perché l’economia italiana non è affatto fuori dalla correzione.

Negli ultimi dieci anni il tasso dei risparmi s’è più che dimezzato, mentre l’economia di Main Street non ha affatto percorso il sentiero di deleveraging necessario a ripulire i passati errori economici. Allora perché i pianificatori centrali si vantano del fatto d’aver abolito il ciclo economico?

Perché, come notiamo nel terzo grafico, le banche centrali sono andate all-in per quanto riguarda le loro politiche monetarie. Se non fosse stato per l’espansione monetaria di Trichet nel 2003-2007 e l’ukase dello zio Mario del 2012 a quest’ora staremmo rivivendo il panico del 1995, ma con problemi ben più critici a causa della sedimentazione degli errori economici passati.

Quello di oggi è il semi-boom spiegato dalla teoria Austriaca, quando i pianificatori monetari centrali applicano politiche anti-cicliche nell’illusione di poter bandire la fase di correzione. Quest’ultima sarà invece inarrestabile quanto più la si rimanderà nel tempo.

GRAFICO 1

GRAFICO 2

GRAFICO 3

The post IN ITALIA C’È LA RIPRESA, C’È LA RIPRESA!!! SI… SI, GUARDATE I GRAFICI appeared first on MiglioVerde.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • land 110

    come dissero i politici in tv
    GLI ITALIANI SONO PIENI DI SOLDI
    nel senso che li prenderanno

    • Massimo

      campano ancora di rendita statale
      che fa risultare ricco chiunque abbia un rudere sopra la testa.

  • gianluca pointo

    saranno cazzi, noin ci sono dubbi, quanto ai morti, beh sono gli unici che possano fare da pupazzi di facciata, infatti siamo pieni, sono lieto che ci sia qualcun’altro a dirlo, io lo dico da anni, queste sono mummie, cadaveri, morti e sepolti ma deambulanti, se si sdraia e chiude gli occhi un attimo si sente pure la puzza, puah, che schifo

  • Massimo

    crescita che nessuno vede
    lavoratori semi-fantasma con guadagni bassi
    consumi al palo
    aziende che chiudono per fine ricchezza privata
    chi puo’ non investe per manifesta presa per il culo
    futuri pensionati poveri, dopo anni di lavoro. e relativi figli ridotti alla fame

    come scrissi
    se un 50enne inizia a vendere e risparmiare…per salvare il proprio futuro
    fa crollare tutto: consumi-lavoro e mutui
    il sistema poggia su questa balla. classe media che continua a consumare senza capire che sara’ classe povera/issima.

    siamo agli sgoccioli
    alzando i tassi d’interesse, le curve dei rendimenti si stanno appiattendo
    storicamente ha sempre portato la recessione dopo pochi mesi.
    aspettiamo i prossimi 2 rate hike, il primo gia’ il 13/12

    il disastro vero
    sara’ sotto il profilo sociale e familiare
    salta per aria tutto
    a debito tutti i matrimoni e fidanzamenti degli ultimi 20 anni

  • Max Hurr

    Per quel che penso io guardando i numeri e la vita della gente , in Italia sarebbe ripresa (modesta) vera con un PIL al +3 ,+4% .Così è solo il frutto di tassi bassi, QE, materie prime basse , Euro alto e incremento delle esportazioni (che da sole no potranno mai fare PIL “vero”, neanche se triplicassero).
    E’ come se un malato terminale venisse posto in coma indotto, dato che ormai non v’è più nulla da fare, e intanto gli si somministrano cure per farlo tirare avanti ancora un pò ,giorno dopo giorno, con i parenti a bordo letto che si illudono che la situazione possa volgere al meglio. Ma la sorte del malato è ormai decisa e immutabile.

    Questa non è ripresa , è accanimento terapeutico , che in alcuni casi si può anche considerare tortura….

    In realtà già da due ,tre anni sarebbe stato il momento di staccare la spina dichiarando “fallimento” : sarebbe stata una liberazione perchè ,comunque, nel 2018 -2019 i farmaci di cui sopra finiranno.

    Ah già ! , nel 2018 ci sono le elezioni….

    • Massimo

      altrimenti non si spiegherebbe perche’ questo ciclo di bull market e’ duraturo quanto quello che ha portato il ’29
      per quali risultati? miseri in relazione alle risorse utilizzate. risorse drenate al medio periodo con fondi pensione tutti sottocapitalizzati e pensioni da fame gia’ entro qualche anno.

      come ho gia’ scritto
      l’accanimento terapeutico per mantenere un tessuto sociale ridicolo, matrimoni e fidanzamenti ridicoli, una vita occidentale consumistica ed edonistica
      esasperera’ la miseria
      quello che per decenni e’ stato considerato, in maniera demagogica, inaccettabile e retrogrado…sara’ LUSSO.

      sara’ brutto
      ma in certi periodi storici, dopo decenni di benessere a cazzo
      giustizia non fa piu’ rima con benessere.

  • eusebio

    Perfino Giannelli sul Corriere ieri pigliava per i fondelli Mattarella che nella sua vignetta guarda al microscopio e dice “la ripresa c’è!”
    Vuol dire che ormai il PD ed il suo governo sono considerati spacciati e puntano tutto su Berlusconi (quindi chi può scappi all’estero).

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi