LA CHIESA: IL VENEZUELA È UNA DITTATURA. LIBERATO L’OPPOSITORE LOPEZ

Di Leonardo , il - 7 commenti

di REDAZIONE

L’oppositore venezuelano Leopoldo López è stato scarcerato e si trova adesso nella sua casa di Caracas, dopo che gli sono stati concessi gli arresti domiciliari per problemi di salute. Lo riferisce la Corte suprema, ma la famiglia non ha precisato di che problemi si tratti. López, 46 anni, ha lasciato il carcere militare di Ramo Verde prima dell’alba e ha potuto riabbracciare la moglie e i due figli. Ha già scontato tre anni in prigione per avere guidato proteste anti-governative e la sua scarcerazione giunge in un periodo in cui il Venezuela è nuovamente attraversato da proteste contro il presidente populista Nicolas Maduro.

Da tempo l’opposizione definiva López un prigioniero politico e diversi leader mondiali, fra cui il presidente Usa Donald Trump, avevano fatto pressioni per il suo rilascio. A margine del vertice del G20, i leader di Spagna, Argentina, Messico e Brasile, Mariano Rajoy, Mauricio Macri, Enrique Peña Nieto e Michel Temer, hanno chiesto “la liberazione di tutti i prigionieri politici e l’organizzazione di elezioni libere e democratiche” in Venezuela.

Intanto, anche La Chiesa cattolica venezuelana – che per conto di Papa Francesco ha tentato lo scorso anno una mediazione tra l’opposizione ed il governo naufragata nel nulla – ha attaccato senza remore il governo del presidente Nicolas Maduro, accusandolo con le sue riforme costituzionali di voler instaurare una “dittatura”. 

Il piano “sarà imposto con la forza e porterà al risultato che sarà data statura costituzionale ad una dittatura, militare, socialista, marxista e comunista” ha dichiarato il capo della Conferenza episcopale venezuelana, Diego Padron. L’intervento dei vescovi venezuelani giunge ad oltre tre mesi dall’inizio delle violenze che hanno causato quasi 100 vittime tra l’opposizione a Maduro e le forze di sicurezza.

Tutto è iniziato con l’intenzione di Maduro di sciogliere – tra mite il Tribunale Supremo – il Parlamento controllato dall’opposizione e di dare vita ad un’Assemblea Costituente, che secondo l’opposizione, sarà formata solo da persone vicine al controverso presidente, erede di Hugo Chavez. Il voto per i membri dell’Assemblea è previsto per il 30 luglio ma l’opposizione, riunita sotto la sigla/ombrello Mud (Mesa de la Unidad Democrática), pensa di tenere un suo voto contro la Costituente di Maduro il 16.

Il Venezuela, con un’inflazione difficile da calcolare ma superiore all’800%, soffre la crisi dei corsi petroliferi (il Paese ha le scorte accertate di greggio più grandi del mondo) e quelle politiche di sostegno alla fascia di popolazione più’ povera, possibili ai tempi di Chavez con il greggio oltre i 100 dollari al barile, ora che l’oro nero stenta a restare tra i 45 ed i 50 dollari, non sono più possibili. L’unica cosa che fa stare Maduro ancora in sella è il sostegno dei militari. Anche se Maduro ha detto lo scorso mese che intende cambiarne i vertici.

E domenica prossima grande evento dell’opposizione: “Il 16 luglio sarà l’ora zero per la democrazia in Venezuela”. Dirigente di quel partito Voluntad Popular cui appartiene anche il detenuto politico simbolo Leopoldo López, deputato per lo Stato di Lara, presidente della Commissione Esteri dell’Assemblea Nazionale venezuelana, Luis Florido risponde al Foglio al telefono nel corso di una manifestazione. “La chiamiamo Plantón”: il “Piantone”, quasi una sentinella di massa in difesa della libertà.

The post LA CHIESA: IL VENEZUELA È UNA DITTATURA. LIBERATO L’OPPOSITORE LOPEZ appeared first on MiglioVerde.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • marcoferro

    questo gentiluomo, López coadiuvato da Henrique Capriles Radonski – governatore dello stato Miranda e capo del partito Primero Justicia – fu filmato mentre assaltava l’Ambasciata cubana sequestrando i diplomatici con le loro famiglie
    inoltre sono stati più volte denunciati e provati i collegamenti di López e dei suoi più stretti collaboratori con i gli ambienti più reazionari degli Stati Uniti che provvedono anche a fornire lauti finanziamenti al partito Voluntad Popular. l’agenzia Usaid veicola ingenti somme di denaro al partito di estrema destra venezuelano, che vengono utilizzate per ingaggiare manovalanza proveniente dalle fila della criminalità organizzata.

    • Ronf Ronf

      In compenso in Italia la destra è senza soldi: da noi gli USA mai ci investono!

      • alex

        Vero, come italiani, siamo inaffidabili anche come fascisti.

      • marcoferro

        ah ah vero…

      • Massimo Stefoni

        In Italia la CIA ha investito su Renzi.

  • cipperimerlo

    Dirigente di quel partito Voluntad Popular cui appartiene anche il detenuto politico simbolo Leopoldo López, deputato per lo Stato di Lara, presidente della Commissione Esteri dell’Assemblea Nazionale venezuelana, Luis Florido risponde al Foglio al telefono nel corso di una manifestazione.

    Beh, se lo intervista Giuliano Ferrara, è una garanzia.

    • Lila

      non hanno piu dignità : )

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi