Le 10 più grosse miniere d’oro al mondo (2011)

Di Er , il - 4 commenti


Vi presentiamo una lista delle
dieci più grosse miniere d’oro al mondo nel 2011 secondo i dati raccolti ed elaborati
dalla Australian Mining (con piccoli aggiustamenti editoriali da
parte del sito Mineweb e
traduzione in italiano e sostanziosi ampliamenti a cura di ErMonnezza).
Cole
Latimer, Monday , 13 Aug 2012
 

Fra le principali compagnie minerarie d’oro, quelle che gestiscono le miniere più importanti sono la Freeport, ma soprattutto la Barrick Gold, la AngloGold Ashanti e la
Newmont

Al di là di “chi ce l’ha più grossa”, ecco qualche altro nome:



A mo’ di paragone ricordiamo che le riserve
aurifere della Banca d’Italia ammontano (ammonterebbero visto che.. fattelo
ridare tutto il nostro oro ”conservato” dalla FED di New York!) a circa 2.450,000
tonnellate
, quarta riserva al mondo.
1. Grasberg Mine
(Indonesia)
La più grande miniera d’oro al
mondo, per dimensione ed output, si trova nella parte indonesiana dell’isola di
Papua, alla rispettabile quota di 4.000 metri sopra il livello del mare, e ha prodotto 1.444.000 once d’oro puro nel 2011 (44,912 tonnellate). E’ anche la
terza miniera al mondo per produzione di rame e conta quasi 20.000 dipendenti.
Le prime indagini geologiche nell’area, all’epoca parte delle Indie Orientali
Olandesi, risalgono agli anni ’30. Le vene principali sono state esaurite negli
anni ’80 e la parte odierna è a qualche km dagli scavi originali. E’ gestita,
attraverso una sussidiaria in cui il governo indonesiano detiene il 9,36%,
dalla Freeport-McMoran, meglio nota come Freeport (Link al suo sito e che ne dice Wiki), attualmente con sede a Phoenix,
Arizona, che è quindi attualmente la più grossa compagnia produttrice d’oro al
mondo (oltre che uno dei più grossi produttori mondiali di rame e molibdeno). 

“Its production reached a peak of 93 tonnes (2.6 million ounces) in 1999.
Affected by the 90-day strike which started in September, the mine
produced about 40 tonnes (1.4 million ounces) of gold in 2011, down from
51 tonnes (1.8 million ounces) in 2010”
… La produzione ha segnato il picco nel 1999, 93 tonnellate… scioperi importanti (3 mesi!), oltre al naturale esaurimento, ne hanno recentemente limitato la produzione.

 

Quì vi riporto un pajo di Link a cosa dice Wikipedia della miniera di Grasberg, in italianoin inglese.

2. Cortez
(Nevada, U.S.A.)
E’ la più grossa miniera d’oro della Barrick Gold (ecco il Link al suo sito e a che ne dice Wiki), e si trova in Nevada, negli States.
Nel 2011 ha segnato una produzione d’oro di 1.421.000 once (44,192 tonnellate
di oro puro).
Consiste nei depositi cosi detti “Pipeline”
e “South Pipeline” e quelli delle Cortez Hills. La Pipeline e la South Pipeline
sono miniere a cielo aperto, mentre i depositi delle colline Cortez,
attualmente in costruzione, consisteranno di sia una miniera classica che di
una parte a cielo aperto.



La miniera d’oro di Cortez è la più
antica miniera del Nevada ancora operativa, essendo sfruttata sin dal 1862, dai
tempi della guerra civile americana.

Una pepitina da 389 once (un po’ più di una dozzina di kili… ad oggi mezzo milioni di euro in oro), detta “lo scarpone di Cortez”.


Lingottino premio alla sicurezza in cantiere? Al centro, stilizzato, lo stato dello Nevada (lo stesso di Las Vegas…).

3.
Yanacocha (Perù)
Il Perù entra nella lista grazie alla
miniera di Yanacocha, della Newmont,(Link al suo sito e a che ne dice Wiki), che si trova nella provincia di Cajamarca.
Ha prodotto più di 7 miliardi di dollari equivalenti in oro, sino ad oggi. 
Nel
2011 ha avuto un output di 1.293.000 once d’oro puro (40,216 tonnellate).
Da Wikipedia USA impariamo però che la
sua produzione è in calo sensibile, saremmo arrivati alla metà della produzione
record del 2005:
In 2005, Yanacocha aimed its production peak
with 3,316,933 ounces (103,200 kg) of gold (INEI). Since then, production
has fallen to less than half:
3.3 million ounces (2005)
2.6 million ounces (2006)
1.6 million ounces (2007)
1.8 million ounces (2008)
2.1 million ounces (2009)
1.5 million ounces (2010)
1.3 million ounces (2011)
According to Newmont Mining annual reports,
from 2005 to 2011 production was not hindered by local protests apart from a
short production stop in 2006 due to a road blockade.

4. Goldstrike (Nevada , U.S.A.)
La seconda miniera statunitense ad
entrare nella lista. Gestita anche lei, come la Cortez, dalla Barrick Gold, si trova poco lontano,
sempre in Nevada, ed ha avuto una produzione di 1.088.000 once nel 2011 (33,840
tonnellate
di oro puro).
Come la prima miniera degli States, la
Cortez, si trova sul cosi detto Carlin Trend, il più produttivo distretto
minerario dell’emisfero occidentale.


La Goldstrike comprende la parte a cielo aperto chiamata “Betze-Post”
e le miniere sotterranee “Meikle” e “Rodeo”, che si trovano poco a nord della
buca di Betze-Post, ma sempre lungo lo stesso “filone”.
Che ne dice Wiki della Goldstrike mine e le immagini satellitari.

5.
Veladero (Argentina)
Anche questa gestita dalla Barrick Gold, come Cortez e Goldstrike
nel Nevada. La miniera di Veladero si trova vicino a San Juan, in Argentina,
immediatamente a sud della zona dove attualmente, sempre la Barrick, sta
sviluppando il progetto della miniera di Pascua-Lama.

Si tratta di una classica open cut operation (a cielo aperto). Siamo nel bel mezzo
delle Ande, a  4.300 metri di altitudine
(!), al confine fra Argentina e Cile, e qui l’oro è stato scoperto solo nel
1997. Tanto disagevole che si producono l’energia da soli con delle turbine eoliche.

L’anno scorso (2011) ha prodotto 957.000 once d’oro puro (29,765
tonnellate
), e si stima abbia riserve per 10,6 milioni di once (330
tonnellate).
Tutta da ridere però la questione altitudine, ghiacciai e confine
(conteso?) fra Cile e Argentina:
Non da ridere anche la questione sfruttamento risorse di altri popoli, che magari non la prendono bene a farsi prendere l’oro in cambio di 4 soldi e qualche bell’avvelenamento da cianuro:



6. Vaal
River (South Africa)
Solo a questo punto della lista arriviamo in quella che per tanto
tempo è stata la terra per antonomasia dell’oro: il Sud Africa.
Vaal River è una miniera sotterranea gestita dalla Anglogold Ashanti, nata nel 2004 dalla
fusione della AngloGold e della Ashanti Goldfield Corporation. Il loro sito e che ne dice Wiki della Anglogold Ashanti. Questa compagnia mineraria negli ultimi anni ha prodotto circa 5 milioni di once
d’oro puro all’anno da 21 miniere in 4 continenti.
La miniera comprende gli shafts, i pozzi, chiamati Great Noligwa,
Kopanang, e Moab Khotsong, più varie operazioni di superficie.

La miniera di Vaal River ha prodotto, nel 2011, 831.000 once d’oro
puro (25,847
tonnellate
).

7. The Super Pit ( Kalgoorlie-Boulder, WA, Australia)
Questo massiccio open cut, ciè miniera a
cielo aperto, è ormai diventata una delle attrazioni principali del Kalgoorlie, cittadina vicino a Perth (sede, come
sappiamo, della famosa mint, la zecca nazionale) nell’Australia occidentale. 
Dal 1989 la miniera ha aperto una voragine sempre più larga e profonda appena
fuori il centro abitato.

La miniera è gestita dalla Kalgoorlie Consolidated Gold Mines (una
joint venture posseduta per lo più dalla Newmont
e dalla Barrick) e produce
all’incirca 850.000 once di oro puro ogni anno. 

E’ la più grande miniera a
cielo aperto australiana. Nel 2011 l’output d’oro è stato di 794.000 once (24,696
tonnellate
).

 

Quanto costerà fare il pieno… a questo bestione ?! :

8. West
Wits (South Africa)
Anche questa miniera sud africana, West Wits, è gestita, come la miniera di Vaal River,
dalla Anglogold Ashanti, e come quella è una miniera classica, sotterranea,
anzi, la più profonda miniera al mondo (era anche conosciuta come Western Deep
Levels in passato).

Si trova nella regione a ovest di Johannesburg e consiste nella
miniera di TauTona (alias Western Deep No.3 Shaft, pozzo profondo occidentale numero
3) e nei pozzi di Mponeng e di Savuka.
Dal collegamento a Wiki vediamo con che rapidità si sta esaurendo,
per esempio, il pozzo di TauTona:
Year  –   Production       –   Grade
  – 
Cost per ounce
2003 
  646,000 ounces –   12.09 g/t –
US$ 171
2004  –  
568,000 ounces –   10.88 g/t – US$ 245
2005  –   502,000
ounces –    9.62 g/t – US$ 256
2006  –   474,000
ounces –  10.18 g/t – US$ 269
2007  –   409,000 ounces –    9.67 g/t – US$ 317
2008  –   314,000 ounces –    8.66 g/t – US$ 374
2009  –   218,000 ounces –    7.29 g/t – US$ 559
Nel 2011 ha prodotto (complessivamente) 792.000 once di oro puro (24,634
tonnellate
).
9. Lagunas
Norte (Perù)
Altra operazione della Barrick (sito). Altra miniera che si trova alle modeste quote di 4000-4260 metri sul livello del mare (un po’ come a scalare il monte Bianco!).

Nel 2011 ha prodotto 763.000 once di oro puro (23,732
tonnellate)
e sta per essere ampliata. Si prevede che la produzione comincerà a salire per
il 2016.

Immagini satellitari.

10.
Boddington mine (Boddington, WA, Australia)
Anche questa gestita dalla Newmont,
la miniera d’oro di Boddington, è una delle miniere d’oro d’impianto più recente in Australia,
avendo iniziato la produzione solo nel 2009.
Alla fine del 2010 le sue riserve
erano stimate in 20 milioni di once d’oro e 2,4 miliardi di pound di rame.
Nel 2011 ha sfornato 741.000 once
d’oro (23,048
tonnellate
).
Proviamo a fare la somma della
produzione di tutti questi mostri: le prime dieci più grosse miniere d’oro
hanno prodotto nel 2011 un totale di circa 315 tonnellate. Visto che le riserve della
Banca d’Italia conterebbero circa 2450 tonnellate in lingotti d’oro, ci vorrebbe
il lavoro di tutte queste miniere per 7-8 anni per metter su un’impilata d’oro
pari alle “nostre” riserve … in realtà le nostre riserve sono pari a circa la produzione
mondiale di oro di un anno. Ognuna delle miniere che abbiamo visto produce al
massimo un 1-2% della produzione mondiale attuale.
Mi resta però un dubbio, dopo
questa carrellata. Mi risulta che la Cina sia ormai il primo produttore
mondiale d’oro…. come mai non ce n’è traccia in questa classifica?!

Se volete lasciare l’argomento “minere più grosse”, che può essere fuorviante, e concentrarvi sulle quantità globali prodotte, paese per paese, dal 1970 ad oggi: GoldSheetLinks. L’ultimo dato riportato in questo
sito dava la Cina produttrice (con tutte le sue miniere messe insieme) di 311 tonnellate
(metric tonnes) d’oro nel 2009 ….

Bellina anche questa infografica
di China.org.cn sui primi dieci paesi produttori d’oro al mondo nel 2011.

Vi lascio però con una chart dell’andamento della produzione mondiale complessiva di oro dal 1974 al 2010 (forse ne potrete trovare altre che danno meno la sensazione di “peak gold”, con le produzioni 2010, 2011 in risalita e le projezioni per il 2012 come anno record o quasi… sfido, coi prezzi raddoppiati dal 2009 ad oggi!):

Meditate gente, meditate!

Shares

Incoming search terms:

  • miniere doro
  • miniere d\oro
  • miniere oro
  • miniere d\oro nel mondo
  • miniera d\oro
  • miniera doro
  • miniere di oro
  • le miniere doro nel mondo
  • giacimenti doro
  • terreni ricchi d oro
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi