LE NAZIONI POSSO ESSERE RIFORMATE?

Di GG , il - Replica

(tratto da Celebrazioni della Riforma con Vishal Mangalwadi )

 

Il fatalismo, il pessimismo e l’evasione dalla realtà hanno paralizzato molte culture, mentre la chiave del sorprendente progresso dell’Occidente è stato il suo ottimismo. Ma da dove è arrivato questo ottimismo?

Il filosofo ateo Thomas Hobbes descrisse la vita come “solitaria, misera, sgradevole, brutale e breve” (Hobbes, Leviatano) e Gautam Buddha, il più famoso e influente guru indiano credeva che “la vita è sofferenza” e l’unico modo di scampare ai suoi dolori è di fuggire da essa nel Nulla del Nirvana.

Ma l’occidente divenne differente perché qualcosa lo ispirò a cantare “Gioia nel mondo, il Signore è venuto!

Qual era il segreto di quell’ottimismo?

Questo 2017 che volge al termine segna il centesimo anniversario della Rivoluzione Russa, ma nonostante l’immensa influenza che ha avuto, oggi è improbabile trovare qualcuno che la celebri ancora. Le sue rovinose ripercussioni continuano ancora oggi, provocando devastazione in molti paesi. Prima del comunismo ci fu la Rivoluzione Francese, con i suoi grandi ideali di Fraternità, Libertà e Uguaglianza. Essa rimpiazzò Dio con la dea della ragione umana, ma presto degenerò nel regno del Terrore prima di capitolare nella dittatura di Napoleone Bonaparte.

Le rivoluzioni francese e russa furono l’inesorabile approdo della cieca fede dell’Illuminismo nell’uomo, e ci ricordano solennemente che quando l’uomo cerca di diventare il messia egli si trasforma invece in un mostro.

Un decennio prima della Rivoluzione Francese, gli Americani cominciarono la loro Guerra d’Indipendenza nel 1776, e riuscirono ad edificare una delle nazioni più libere e fiorenti della storia. Più di un secolo prima della Rivoluzione Americana la Guerra Civile inglese riuscì nell’impresa di cambiare profondamente l’Inghilterra.

Lo storico Jacques Barzun ha fatto notare che le rivoluzioni inglese e americana rappresentarono l’onda lunga della Riforma del sedicesimo secolo, ricordando che questa fu il più influente movimento rivoluzionario dello scorso millennio, riformando intere nazioni e creando il mondo moderno con le sue libertà e il suo progresso.

Le rivoluzioni tedesca, inglese e americana ebbero successo perché nacquero come movimenti spirituali. I riformatori prima di tentare di riformare le loro nazioni ricercarono invece la purezza dei loro cuori. La loro non era una battaglia per la conquista del potere o per guadagnare posizioni di prestigio personale, ma per dei principi, per la verità.

I comunisti hanno chiamato la religione l’oppio dei popoli, ma è un fatto storico che la speranza cristiana del Cielo non era una semplice futura consolazione per le ristrettezze di questa vita, ma costituiva quella fonte di energia che sosteneva i Cristiani nell’affrontare e superare le difficoltà qui e adesso.

Dato che Cristo aveva donato loro la vita eterna, essi non temevano la morte, e questo diede loro il coraggio di affrontare e resistere i tiranni. Dei dodici apostoli di Cristo, undici divennero martiri per quella che la Riforma vide come la “libertà di credere”. Per la stessa ragione ancora oggi i Cristiani in molte nazioni vanno incontro a una coraggiosa morte.

Ideologie come il comunismo, il fascismo e il socialismo, che ripongono la loro speranza nell’uomo, si rivelano infine delle grandi delusioni. Ma i Riformatori riposero la loro fede in Cristo, perché egli sconfisse il peccato e conquistò la morte, essi non combatterono perché volevano dominare questo mondo, ma perché così pregarono:

Venga il tuo regno. Sia fatta la tua volontà in terra come in cielo”

La volontà di Dio doveva adempiersi nei cuori dei credenti, ma anche portare guarigione in ogni sfera della vita.

Uno dei lasciti della Riforma è che anche le nazioni tra le più corrotte, povere e crudeli possono essere riformate, liberate dall’intolleranza, dalla superstizione e dall’oppressione.

E sì, i Riformatori sarebbero stati d’accordo nel chiamare la religione l’oppio dei popoli, perché è la fede in un Dio vivente che produce una autentica speranza.


Tratto dall’episodio 10 dei primi dieci video per la celebrazione del cinquecentesimo anniversario della Riforma – la scaturigine del moderno miracolo economico.


Vishal Mangalwadi è autore del libro The Book that Made Your World, How The Bible Created the Soul of Western Civilization.  Altri articoli di Mangalwadi:


Perché in Occidente c’è ancora meno corruzione che nel resto del mondo

Come i monaci hanno creato la tecnologia

L’istruzione universale: l’apertura della mente occidentale.

Quando la Democrazia ha davvero funzionato

La Dignità Umana, il Grande Segreto dell’Occidente

Come l’Occidente ha Sfruttato la Sua Energia Sessuale

Perché le persone migrano in Occidente?

La Donna Dietro il successo economico dell’Occidente

Ma la Bibbia opprime le donne?

I Dieci Comandamenti: il Carattere di una Nazione

La Religione può Fare la Differenza?


[1] Vishal Mangalwadi è autore del libro The Book that Made Your World, How The Bible Created the Soul of Western Civilization.

 

 

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi