COME L’OCCIDENTE HA SFRUTTATO LA SUA ENERGIA SESSUALE

Di GG , il - 9 commenti

(tratto da Celebrazioni della Riforma con Vishal Mangalwadi – 3)

Cos’è che ha reso in grado una piccola isola come l’Inghilterra di colonizzare il sub-continente indiano?
Intorno agli anni 50 del XIX secolo i pensatori indiani giunsero a una stupefacente conclusione: uno dei segreti del successo dell’Occidente era il sesso, l’efficiente imbrigliamento dell’energia sessuale per costruire famiglie stabili.


Permettetemi di spiegarmi.

Anni fa ho avuto modo di insegnare in Giamaica. Appresi allora che in quel paese l’85% dei bambini erano nati da donne che non ne hanno mai sposato i padri. Allora la rivoluzione sessuale americana era appena agli inizi quindi… come è che la Giamaica fosse già così all’avanguardia rispetto alle elite culturali americane?

La rivoluzione sessuale in Giamaica era stata una politica promossa dagli schiavisti inglesi. Nel 1807, William Wilberforce riuscì nell’impresa di abolire la tratta degli schiavi, cosa che creò un problema ai proprietari di piantagioni inglesi nei Caraibi. I loro affari necessitavano di schiavi.

Non potendone più importare dall’Africa, quei proprietari decisero di produrseli direttamente in casa. Fu così che dissuasero gli schiavi maschi dallo sposarsi. Come stalloni da monta, avrebbero dovuto ingravidare le donne senza però assumersene la responsabilità. Una madre non sposata potrà accudire il neonato per pochi mesi, ma presto si ritroverà nel bisogno di cercarsi un lavoro. E non passerà molto tempo prima di ritrovarsi nuovamente incinta, impossibilitata così a prendersi cura del primo figlio. E un bambino senza una famiglia che si prenda cura di lui non avrà altra alternativa che crescere per diventare uno schiavo.

Saltiamo avanti nel tempo fino al 2008. Un giovane uomo prestante di bell’aspetto ci aveva aiutato a traslocare da Hollywood a Pasadena, in California. Dopo otto ore di duro lavoro, mentre sorseggiavamo una tazza di caffè nella nostra nuova casa, egli si mise a raccontarci della sua vita. A un certo punto sbottò:

– “Odio le donne americane!”
– “Perché?” , gli chiesi.
– “Oh, ne ho amate parecchie. Ho anche avuto un figlio da tre di loro. Ma ognuna di loro vuole che faccia da baby-sitter tre giorni alla settimana. Ma come faccio a essere impegnato per nove giorni su sette? E tutte e tre pretendono il mantenimento di figli… Quand’anche riuscissi a fare il baby-sitter sette giorni e sette notti alla settimana, non potrei comunque fare quello che mi chiedono. Sto diventando matto, quasi quasi meglio il suicidio… anche se forse con una fidanzata indiana le cose potrebbero andare meglio”.

Per quanto fosse un tipo brillante e simpatico ho dovuto essere franco con lui:

– “Tu hai già condannato tre donne, tre bambini e te stesso alla povertà. Perché non hai potuto amare una sola donna e avere i tre figli da lei? Così voi due insieme vi sareste presi cura di loro, e più avanti, nella vostra vecchiaia, essi si sarebbero presi cura di voi.”

Il giovane uomo mi guardò come se avesse visto un alieno.


“Non mi starai forse proponendo il matrimonio monogamo? Ma quella è un idea bigotta inventata dai preti per impedire alla gente di godersi la vita!”

Per tutta la sua vita a questo mio amico gli è stato insegnato di essere una scimmia. Le scimmie non si sposano, e agiscono appunto da scimmie. Quello era stato il  comportamento suo  e quello delle sue fidanzate.

Il Matrimonio è davvero un’idea divina. Il riformatore tedesco Martin Lutero, sviluppò la peculiare idea biblica del matrimonio in libri come “I Discorsi a Tavola”. Dio Trino creò l’uomo a sua immagine, maschio e femmina, per essere uno, in una esclusiva relazione durevole tutta la vita.

I due raffinano ancor più l’immagine di Dio in loro quando hanno un figlio e diventano tre. E nel prendersi cura di quel figlio cominciano così a comprendere il cuore paterno e materno di Dio.

La Cristianità Occidentale Pre-Riforma esaltava il celibato e il nubilato a discapito del matrimonio. Essa vedeva il sesso, il matrimonio e la famiglia come concessioni a cristiani di seconda classe. I Riformatori ristabilirono la sacralità del matrimonio e della famiglia e la diffusione della Bibbia rese di questa la definizione standard del matrimonio. I riformatori indiani ben compresero questo segreto del successo dell’Occidente, e pertanto abolirono la poligamia nel 1955.

La rivoluzione sessuale disperde l’energia sessuale, ed è la strada verso la schiavitù. Al contrario il matrimonio incanala l’energia sessuale per costruire famiglie e formare il carattere. La famiglia biblica costruisce grandi economie e potenti nazioni, ed è il percorso verso il dominio dell’uomo sopra la terra.

Tratto dall’episodio 3 dei primi dieci video per la celebrazione del cinquecentesimo anniversario della Riforma – la scaturigine del moderno miracolo economico. 


Vishal Mangalwadi è autore del libro The Book that Made Your World, How The Bible Created the Soul of Western Civilization.  Altri articoli di Mangalwadi:

Ma la Bibbia opprime le donne?
I Dieci Comandamenti: il Carattere di una Nazione
La Religione può Fare la Differenza?

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi