MADRID LI PROCESSA E INTIMIDISCE, MA I CATALANI VANNO AVANTI

Di Leonardo , il - 1 commento

di REDAZIONE 

Nessun dialogo, è sempre di più muro contro muro fra Madrid e Barcellona sull’indipendenza della Catalogna: la Corte costituzionale spagnola ha dichiarato oggi incostituzionale che un referendum sull’autodeterminazione sia convocato in settembre, come previsto dal ‘Govern’ catalano del presidente Carles Puigdemont, che ha replicato annunciando che andrà avanti comunque.

Per la stampa spagnola “il conto alla rovescia” verso lo “scontro di treni” finale, dalle conseguenze imprevedibili, ora è iniziato. Le due parti non danno alcun segno di cedimento. La settimana scorsa c’è stato il processo per ‘disobbedienza’ contro l’ex-presidente catalano Artur Mas per avere convocato nel 2014 un referendum consultivo. Mas ha già fatto sapere che, se sarà condannato, farà ricorso alla Corte di Strasburgo.

La Consulta di Madrid ha fatto salire ancora di più la tensione dichiarando incostituzionale la mozione con la quale nell’ottobre scorso il parlamento di Barcellona ha dato mandato al presidente Puigdemont di organizzare un referendum ‘vero’ sulla secessione entro settembre.

La Corte costituzionale spagnola ha ordinato a Puigdemont, al suo governo e alla presidente del ‘Parlament’ Carme Forcadell di non applicare la risoluzione e li ha diffidati dal continuare a promuovere il referendum. Pena, ha avvertito, sanzioni penali.

Come Mas, anche Forcadell già incriminata per ‘disobbedienza’ – rischia la destituzione – per avere messo ai voti l’anno scorso una risoluzione sull’avvio del processo di secessione. Il fronte indipendentista ha la maggioranza assoluta nel Parlamento di Barcellona. Fonti vicine al premier spagnolo Mariano Rajoy hanno fatto sapere che è pronto a usare la forza per impedire il referendum e la secessione della Catalogna.

Il nuovo altolà della Consulta di Madrid non sembra aver avuto grande effetto su Puigdemont. La ministra portavoce Neus Monté ha replicato che Barcellona non intende fare un passo indietro: “La pretesa della corte costituzionale di annullare” le risoluzioni del Parlamento “non cambia in nulla la volontà inequivoca del Govern di celebrare un referendum nel 2017”.

Puigdemont ha più volte proposto di negoziare con Madrid termini e condizioni del referendum. Finora il premier spagnolo Mariano Rajoy ha respinto ogni possibile trattativa in nome della costituzione adottata nel 1978 durante la transizione fra dittatura e democrazia. ‘L’integrità territoriale dello stato spagnolo non si tocca’, ripete, granitico. “Il solo dialogo che ci propone Madrid è con i tribunali” denuncia Forcadell. “Stiamo parlando di risoluzioni approvate da deputati nell’esercizio delle loro funzioni tutelati dalla libertà di espressione” ha attaccato Monté, criticando la “giudizializzazione” in corso del processo catalano e la “bunkerizzazione” delle posizioni di Madrid. Per ora nessuno dei due treni, in corsa verso lo schianto finale, sembra voler usare il freno.

TRATTO DA Corriere del Ticino

 

The post MADRID LI PROCESSA E INTIMIDISCE, MA I CATALANI VANNO AVANTI appeared first on MiglioVerde.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Maximus

    Come in Italia anche negli Usa, Inghilterra e Spagna sono sempre dei giudici massoni a mettersi contro il popolo.

    Vorrei vederne impiccati qualcuno prima di morire.

    E penso che i miei desideri saranno presto esauditi.

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi