OROLOGI ROTTI E NEMICI DEI CONTANTI

Di Leonardo , il - 6 commenti

di MATTEO CORSINI

Qualche giorno fa, tra le tante esternazioni per lo più estemporanee e dettate dall’esigenza di raccogliere un applauso (era davanti a una platea di commercianti), Matteo Salvini ha detto che vorrebbe abolire il limite all’utilizzo del contante. Ciò conferma che è vero che anche un orologio rotto segna l’ora corretta una o due volte al giorno (a seconda del formato in cui è espresso l’orario).

Ovviamente l’affermazione di Salvini ha attirato le critiche dei sacerdoti della lotta al contante. Uno di costoro è Angelo Cremonese, che sul Sole 24Ore ha scritto:Non è facile cercare di analizzare correttamente i possibili effetti della limitazione all’uso del contante nell’azione di contrasto all’evasione fiscale. Il rischio è quello di partire dalla mancanza di evidenze empiriche circa l’efficacia di questo strumento nella battaglia contro l’erosione del gettito e arrivare a conclusioni che indichino l’inutilità di questa restrizione della libertà dei cittadini”.

A mio parere, quando c’è di mezzo la libertà delle persone la valutazione su un provvedimento dello Stato non dovrebbe concentrarsi sulla efficacia o meno dello stesso nel raggiungere l’obiettivo prefissato. Ciò nondimeno, Cremonese pare ammettere che anche l’evidenza empirica non fornisca un buon supporto alla tesi di coloro che vorrebbero che in contanti non si potesse pagare neanche il caffè al bar o il giornale all’edicola.

Cremonese non demorde, però: Se da un lato non bisogna illudersi che la legge sul contante risolva da sola il problema, dall’altro non si deve sottovalutare il ruolo che questa limitazione può avere in un quadro d’insieme, composto da incrocio delle banche dati, possibili segnalazioni alle autorità di vigilanza, fatturazione elettronica e progressiva digitalizzazione fiscale”.

L’utilizzo di mezzi di pagamento alternativi al contante dovrebbe essere una libera scelta, non un obbligo. Trattare tutti come sospetti criminali e pretendere di sapere vita, morte e miracoli di ogni individuo è tipico degli stati di polizia.

Né ritengo accettabile la posizione di chi appoggia questi provvedimenti sostenendo che se uno non ha nulla da nascondere non ha neppure nulla da temere. Solo avendo una visione angelica dello Stato si può non essere inquietati da affermazioni del genere. Chi può garantire che il controllo totale delle persone, che potenzialmente può portare a disporre di tutto ciò che appartiene loro, non sia utilizzato prima o poi per privarle di ogni proprietà? Finanziariamente parlando, nello scenario caro ai nemici del contante lo Stato disporrebbe di un’opzione call con strike price pari a zero su tutto ciò che appartiene a ogni persona, senza aver pagato quell’opzione (che, per inciso, avrebbe un valore teorico pressoché pari al malloppo in questione).

Paradossalmente Cremonese chiude l’articolo con queste parole: L’evasione fiscale è anzitutto un fenomeno sociale che va contrastato con la credibilità delle istituzioni, la chiarezza delle leggi, la semplificazione e, soprattutto, aumentando il grado di equità del sistema tributario”.

Anche prescindendo dalle posizioni libertarie in merito e limitandosi alle “evidenze empiriche”, quale persona dotata di buon senso dovrebbe associare il termine “credibilità” alle istituzioni e al fisco italiani?

The post OROLOGI ROTTI E NEMICI DEI CONTANTI appeared first on MiglioVerde.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi