PERCHÉ IN OCCIDENTE C’È ANCORA MENO CORRUZIONE CHE NEL RESTO DEL MONDO

Di GG , il - 4 commenti

(tratto da Celebrazioni della Riforma con Vishal Mangalwadi )

La corruzione costa al mondo circa mille miliardi di dollari all’anno e trasferisce ricchezza dai deboli ai potenti. Un popolo corrotto non può riporre fiducia nella propria società. Anche se, globalmente, la corruzione costituisce la norma, sono rimasto piuttosto sorpreso di scoprire come alcune culture ne abbiano invece trovato una cura. La mia prima esperienza con una cultura di reciproca fiducia avvenne in Olanda, quando il mio ospite mi portò in un caseificio artigiano per acquistare del latte. Non avevo mai sentito di macchine che mungono le vacche, e non vi era in quel luogo nessuno a vendere il latte. Il mio amico semplicemente aprì un rubinetto e riempì la sua bottiglia, poi afferrò il barattolo pieno di denaro  vi ripose una banconota da 20 fiorini, si prese il resto e si mise sulla via del ritorno con il suo latte. Rimasi sbalordito, e gli dissi: “Lo sai, se tu fossi stato indiano, ti saresti portato via il latte e il denaro!”. Scoppiò a ridere.

Ma in un attimo compresi una causa fondamentale della povertà della mia nazione. Se i clienti si portano via latte e denaro, il proprietario del caseificio dovrà assumere una commessa. Ma se il cliente è corrotto, perché mai il venditore dovrebbe essere onesto? Allungherà pertanto il latte con dell’acqua per aumentarne la quantità. Frustrato dal latte annacquato, il consumatore chiederà allora allo Stato di nominare degli Ispettori per il Latte. Ma anche loro, perché mai dovrebbero agire onestamente? Potranno riscuotere delle mazzette e permettere la vendita del latte adulterato. Così il consumatore dovrà farsi carico del costo del latte, dell’acqua, della commessa, dell’Ispettore e della tangente, nessuna delle quali cose aggiunge alcun valore al latte. Nel pagare queste spese, il consumatore semplicemente paga per il suo peccato. Sobbarcarsi questi costi significa che non rimane denaro per acquistare prodotti che hanno vero valore aggiunto, come il latte trasformato in gelato, o in burro, o in formaggio.

Ma come ha fatto l’Olanda a creare una cultura di una tale integrità?

L’Europa medievale era corrotta tanto quanto lo è l’India oggi ma la riforma dell’Olanda ebbe inizio nell’anima di un monaco tedesco chiamato Martin Lutero. Egli aveva lottato per trovare la purezza del cuore, aveva seguito tutti i rituali religiosi della sua Chiesa. Digiunava, pregava, andava in pellegrinaggio, confessava qualunque peccato potesse aver commesso. Ma nulla di tutto questo dava a Lutero quella certezza che tutti i suoi peccati fossero perdonati o che fosse accettato da Dio.

Ma la luce si levò su Lutero quando si mise a leggere lo scrittore Neotestamentario Paolo Apostolo.

Anche Paolo aveva tentato di diventare giusto seguendo i precetti della sua setta del Giudaismo. Ma in seguito apprese che le nostre opere religiose (o il buon karma) non ci rendono giusti davanti a Dio, possono però benissimo renderci dei bigotti religiosi. La Bibbia rivela un Dio molto differente da quegli dèi che richiedono oblazioni in cambio di benedizioni. Dio sacrificò suo Figlio per salvarci, e i nostri sforzi non possono guadagnarci la salvezza, perché questa è un dono che si riceve per fede.

Quando il Cristo risorto venne a vivere nel suo cuore, le tenebre interiori di Lutero furono diradate dalla luce. Fu questo a metterlo in grado di opporsi alla corruzione della sua Chiesa a rischio della propria vita. Lutero era sì un “protestante”, ma sapeva bene che la sola protesta non sradica la corruzione. Trasformare una nazione richiedere la coltivazione del carattere, e per questo scopo Dio ci ha dato le Scritture. Paolo Apostolo scrisse Tutta la Scrittura infatti è ispirata da Dio e utile per insegnare, convincere, correggere e formare alla giustizia, perché l’uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona” (2 Timoteo 3:16-17)

Il desiderio di riformare la sua nazione spinse Lutero a tradurre la Bibbia in tedesco e promuovere un sistema di istruzione nazionale fondato sul Verbo di Dio.

La povertà non è causa della corruzione, è piuttosto la corruzione a provocare la povertà. Per combatterle entrambe, le nostre nazioni hanno bisogno ben più di assistenzialismo, di investimenti o di proteste.

Hanno invece di bisogno, un disperato bisogno di cuori e menti trasformate.

Tratto dall’episodio 9 dei primi dieci video per la celebrazione del cinquecentesimo anniversario della Riforma – la scaturigine del moderno miracolo economico.


Vishal Mangalwadi è autore del libro The Book that Made Your World, How The Bible Created the Soul of Western Civilization.  Altri articoli di Mangalwadi:

 

Ma la Bibbia opprime le donne?
I Dieci Comandamenti: il Carattere di una Nazione
La Religione può Fare la Differenza?

 


[1] Vishal Mangalwadi è autore del libro The Book that Made Your World, How The Bible Created the Soul of Western Civilization.
Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Luigi Zambotti

    Ma in un attimo compresi una causa fondamentale della povertà della mia nazione.

    Ma che dice costui? evidentemente non gli hanno mai raccontato la storiella del bastardo e sporco bianco che con la colonizzazione ha impedito lo sviluppo del suo Paese.
    E non ha mai sentito l’Asdrubale-Annibale II, detto papa, chiedere scusa per questo.

    Occidente rincoglionito!

    • Ronf Ronf

      “No, è un atto di sessismo omofobico” (citazione famosa di Laura Boldrini)

  • Luigi Zambotti

    How The Bible Created the Soul of Western Civilization

    Patetico, semplicemente patetico.

  • Luigi Zambotti

    Come i monaci hanno creato la tecnologia

    L’istruzione universale: l’apertura della mente occidentale.

    Quando la Democrazia ha davvero funzionato
    L

    Bla,bla, bla ……
    Come l’Occidente rinacque riscoprendo il Diritto romano, no eh?

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi