Prevenzione di frode fiscale. Il Credit Suisse blocca dei conti americani

Di Ticino Live , il - Replica

Il colosso bancario svizzero Credit Suisse ha bloccato decine di conti di cittadini americani, non sapendo se questi depositi siano serviti a evadere il fisco degli Stati Uniti. Lo scrive l’agenzia Bloomberg citando fonti all’interno della banca.

Con questa decisione, la banca svizzera vuole mostrare la sua buona fede alle autorità fiscali statunitensi. Il timore è quello di trovarsi nuovamente davanti alla giustizia americana. Nel maggio 2014, il Credit Suisse aveva dovuto pagare una multa di 2.6 miliardi di dollari, per aver incitato cittadini americani a aprire conti segreti in Svizzera.

L’istituto ha lanciato procedimenti interni per identificare i clienti in questione. Un gruppo sarebbe stato istituito per autorizzare ogni attività dei clienti su questi conti. Il Credit Suisse non ha ancora commentato la notizia.

Da qualche giorno, la banca è oggetto di attenzione per non aver informato le autorità fiscali americane dell’esistenza di attivi per 200 milioni di dollari detenuti da un cittadino americano. Dan Horsky, un professore di economia dell’università newyorchese di Rochester, ora in pensione, aveva ammesso la propria colpevolezza all’inizio di novembre.

Il tutto è capitato mentre il Credit Suisse cercava di sbarazzarsi della tutela di Neil Barofsky, istituita nell’ambito dell’accordo del maggio 2014.
L’avvocato insediato dal Department of Financial Services di New York, che avrebbe dovuto lasciare gli uffici di Zurigo entro l’autunno, si è visto prolungare il mandato.

L’articolo Prevenzione di frode fiscale. Il Credit Suisse blocca dei conti americani sembra essere il primo su Ticinolive.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi