REFERENDUM SVIZZERO: LA MONETA INTERA NON È AFFATTO LA SOLUZIONE

Di Leonardo , il - Replica

di GIOVANNI BIRINDELLI

Domani in Svizzera si vota per un referendum importante: se vincesse il “Si” (pare improbabile, purtroppo), in tutta la Svizzera verrebbe impedito alle banche commerciali di creare denaro dal nulla attraverso la riserva frazionaria. In altre parole, verrebbe loro impedito di prestare denaro depositato (sul quale cioè le persone mantengono la piena disponibilità). Questo sarebbe un primo passo nella direzione dei “tradizionali principi legali che governano il deposito di denaro” (*).

Tuttavia, rimarrebbero la banca centrale e la sua capacità di creare dal nulla, in regime di monopolio legale, denaro fiat di stato: “I sostenitori del referendum vogliono che le banche tengano il cento per cento dei depositi come riserva e che dunque cessino di creare denaro, compito quest’ultimo — dicono — esclusivo della Banca Nazionale Svizzera” (corriere.it).

L’improbabile approvazione di questa riforma sarebbe quindi come una riedizione, all’inverso, dell’errore commesso dalla “legge di Peel” in Inghilterra 1844. Col “Peel Act”, infatti, da un lato fu vietato al sistema bancario inglese di emettere banconote che non fossero coperte da oro (e quindi di creare denaro dal nulla per questa via); dall’altro, tuttavia, non fu vietato alle banche commerciali di creare denaro dal nulla attraverso la riserva frazionaria, col risultato che il processo inflazionistico non fu arrestato e quindi non furono impedite le crisi cicliche, che infatti continuarono.

Se al referendum svizzero dopodomani vincesse il “Si”, sarebbe naturalmente una buona notizia. Come intuisce chi ha un po’ di buon senso e come sa chi conosce la Scuola Austriaca di economia, la riserva frazionaria è parte (ma solo parte) del processo inflazionistico che nel lungo periodo produce necessariamente crisi economiche cicliche (quella del 2008 è solo l’ultima in ordine di tempo). Tuttavia, questa riforma sarebbe largamente insufficiente a (ri)portare il libero mercato nel settore del denaro e del credito, che è la condizione minima e necessaria per la sostenibilità nel tempo del processo economico e, in particolare, per non avere crisi economiche cicliche (mettersi al riparo da queste è l’obiettivo esplicito dei promotori del referendum).

Il prestito del denaro depositato dai correntisti pone le banche commerciali automaticamente in uno stato di bancarotta intrinseca: in caso di corsa agli sportelli (tanto più probabile quanto maggiore è l’interventismo monetario e più in generale economico), ogni banca che avesse praticato la riserva frazionaria collasserebbe. Per questa ragione il sistema della riserva frazionaria di fatto non potrebbe esistere senza la banca centrale come rete di protezione, cioè come “prestatrice di ultima istanza” (e stampatrice) di denaro fiat di stato che essa può creare letteralmente dal nulla (inflazione monetaria). Ne segue che una via più efficace e migliore (sia sul piano della legittimità che economico) del divieto burocratico a ricorrere alla riserva frazionaria sarebbe quella dell’abolizione di quell’invenzione recente e catastrofica che sono le banche centrali, che invece il referendum svizzero non tocca.

Tuttavia, a sua volta, la banca centrale di fatto non può esistere senza il privilegio del monopolio legale del denaro fiat di stato. Se infatti le persone avessero la possibilità di scegliere liberamente il denaro che preferiscono usare così come oggi possono ancora fare (più o meno) nel caso dell’automobile che vogliono guidare, una moneta che perdesse il suo potere d’acquisto nel tempo come fa il denaro fiat di stato andrebbe immediatamente fuori mercato (allo stesso modo in cui, in condizioni di concorrenza, andrebbe immediatamente fuori mercato una marca di automobili a cui ogni anno la casa produttrice togliesse circa il 2,5% dei componenti).

Dati gli obiettivi espliciti dei promotori del referendum svizzero, la loro proposta di riforma è quindi non solo largamente insufficiente ma sbagliata alla base. Infatti, come nel caso della “legge di Peel” (ma all’inverso) non coglie il fatto che:

  1. riserva frazionaria,
  2. banca centrale e
  3. denaro fiat di stato a corso legale

sono tre versanti della stessa montagna. In altre parole, come il Peel Act del 1844, non coglie il fatto che il problema è l’inflazione monetaria (e quindi la creazione di denaro dal nulla) nel suo insiemein quanto tale.

Chiudere un rubinetto mentre l’altro non solo è tenuto aperto ma può essere infinitamente potenziato per compensare il mancato apporto del primo, migliora la situazione (soprattutto in relazione alla sicurezza dei depositi e quindi alle crisi bancarie) ma non impedisce all’acqua di allagare la stanza (fuori di metafora, il ciclo economico).

In chiusura, un paio di osservazioni sulla neolingua usata nell’articolo del corriere.it citato in apertura.

  • Il presidente della banca centrale svizzera definisce il divieto della riserva frazionaria un “esperimento pericoloso“. Come se, mutatis mutandis, uno chiamasse “esperimento pericoloso” il divieto del proprietario di un parcheggio di affittare a terzi l’auto che Tizio vi ha parcheggiato e sulla quale egli mantiene la piena disponibilità. Si tratta, naturalmente, di un’affermazione propagandistica e di parte che inverte la realtà. Questo fatto, che può essere facilmente dedotto per via logica, può essere anche osservato storicamente. La Banca di Amsterdam fu creata nel 1609 con l’obiettivo di mantenere il 100% di riserva (obiettivo che riuscì a rispettare per quasi due secoli). Essa fu creata “dopo un periodo di grande caos monetario e attività bancaria fraudolenta (cioè basata sulla riserva frazionaria)” (**) sulla base delle stesse ragioni che muovono oggi i promotori del referendum svizzero: quelle di creare un rifugio sicuro per il denaro dei correntisti. Il fatto di avere il 100% di riserva “permise alla Banca di Amsterdam, durante tutte le crisi economiche, di soddisfare ogni singola richiesta di ritiro di denaro contante depositato. Questo fu il caso anche nel 1672, quando il panico causato dalla minaccia francese di dare il via a un massiccio ritiro di denaro dalle banche olandesi, la maggior parte delle quali [a causa di questo fatto, n.d.r.] fu costretta a sospendere il ritiro dei depositi […]. La Banca di Amsterdam fu l’eccezione e ovviamente non ebbe alcun problema a restituire i depositi” (***); e continuò a fare profitti onestamente, come qualunque altra azienda che opera sul mercato. L’affermazione del presidente della banca centrale svizzera secondo la quale il divieto per le banche commerciali di fare riserva frazionaria sarebbe un “esperimento pericoloso” è quindi, in termini tecnici, una grande cazzata.
  • Nell’articolo viene affermato che il referendum è promosso, fra gli altri, anche dalla “destra libertaria”. Questa naturalmente è una contraddizione in termini. Se è di “destra” (ma anche di “centro”, di “sinistra”, “populista” o altro) non è libertario. Nell’appropriato termine di Ortega y Gasset è semplicemente “imbecille” (nel campo delle scienze sociali).

NOTE

(*) Huerta de Soto J., 2009, Money, Bank Credit and Economic Cycles (Mises Institute, Auburn), p. 102, traduzione mia.

(**) Huerta de Soto J., Op. cit., p. 98, traduzione mia.

(***) Huerta de Soto J., Op. cit., p. 99, traduzione mia.

The post REFERENDUM SVIZZERO: LA MONETA INTERA NON È AFFATTO LA SOLUZIONE appeared first on MiglioVerde.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi