SVIZZERA, SCACCO ALLE BANCHE PRIVATE: REFERENDUM SULLA MONETA INTERA

Di Leonardo , il - 13 commenti

di RIVO CORTONESI*

Entro la fine di questo mese è probabile che conosceremo quando andremo votare sull’iniziativa Moneta Intera (Vollgeld Iniziative).

Riassumo qui di seguito le ragioni dell’iniziativa che dovrebbe porre la parola fine all’attività dei burattinai delle banche private. Questa è la ragione principale per la quale appoggerò l’iniziativa e invito tutti i libertari duri e puri (come me) a fare altrettanto, pur condividendo le loro perplessità sul persistere del monopolio monetario della BNS previsto dall’iniziativa. Accontentiamoci, in caso di successo dell’iniziativa, di poter tagliare i fili dei burattinai delle banche private!

1-IL PROBLEMA

La legge consente al sistema bancario privato di creare in forma elettronica circa il 90% del denaro oggi in circolazione. La cosa può sembrare inverosimile essendo stati educati a pensare che il denaro digitale, quello che vediamo, ma non tocchiamo, movimentato nei nostri conti, sia solo una forma di scambio della stessa moneta: quella in forma cartacea o metallica emessa dalla Banca nazionale svizzera. Ma non è così. Il sistema bancario privato crea il denaro elettronico nel momento in cui eroga un credito al fine di lucrare sugli interessi che saranno pagati da chi lo riceve. Esso vive di credito. O, se si preferisce, di debito altrui.

2-LE CONSEGUENZE

Perché il debito possa essere ripagato occorre però che il sistema economico crei sufficiente ricchezza per consentire di farlo. Oltre un certo limite di debito accade infatti che alla fase iniziale di espansione subentri una fase di forte contrazione dell’economia, la cosiddetta “esplosione della bolla finanziaria”, gonfiata artificialmente con il denaro creato dal sistema bancario privato per erogare crediti oltre il limite onorabile dal sistema economico e produttivo. Le conseguenze negative dell’esplosione delle bolle economiche sono a tutti note: disoccupazione, insolvenze, fallimenti, perdita dei propri risparmi, tragedie familiari, suicidi, aumento del debito pubblico degli Stati, chiamati a soccorrere le vittime della crisi.

3-LA SOLUZIONE E I SUOI VANTAGGI

Votando SÌ all’iniziativa Moneta Intera il sistema bancario privato non potrà più creare denaro. Sarà così rimossa la causa prima dell’esplosione delle bolle economiche. Inoltre:

– I crediti potranno continuare ad essere erogati dalle banche, ma non oltre il limite del risparmio disponibile, dovendo avvenire con il consenso esplicito e a rischio conclamato di quei risparmiatori, che intenderanno investire in prestiti il proprio denaro, alle banche stesse o a terzi, magari con l’intermediazione delle banche, alle quali riconosceranno una provvigione sugli affari andati a buon fine

– Il denaro sui conti correnti di coloro che preferiranno non prestare a nessuno, banche comprese, il proprio denaro, saranno al sicuro, anche in caso di fallimento della propria banca, perché esclusi per legge dalla massa fallimentare della stessa

– Solo la Banca nazionale svizzera sarà autorizzata ad emettere tutto il denaro in franchi svizzeri; quindi anche il denaro sui nostri conti sarà denaro emesso dalla Banca nazionale

– La Banca nazionale potrà accompagnare la crescita moderata del paese attraverso l’erogazione di denaro esente da debito a Confederazione e Cantoni

– L’eliminazione della crescita economica forzata attraverso la rimozione della sua causa principale, costituita dalla creazione di denaro da parte del sistema bancario privato consentirà, tra le altre cose, un’economia sostenibile rispettosa dell’ambiente.

*Fondatore dei Liberisti Ticinesi

The post SVIZZERA, SCACCO ALLE BANCHE PRIVATE: REFERENDUM SULLA MONETA INTERA appeared first on MiglioVerde.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Peppino Prisco

    ma poi gli svizzeri voteranno SI per la moneta intera?

    • SUPERCAZZOLAPREMATURATA

      Lo scopriremo solo vivendo, ma basterà ventilare ai votanti che ogni piccolo risparmiatore potrà così diventare un mini capitalista guadagnando utili da qualunque progetto approvato da un consiglio di amministrazione di cui farà, OVVIAMENTE, parte, ed il risultato sarà scontato.

      • Ronf Ronf

        E secondo te i mass media informeranno gli elettori di quello che dici tu?

        • Stemby

          C’è anche da dire che il cittadino medio svizzero è infinitamente più maturo di uno italico, e ben più abituato a pensare con la propria testa. Ha secoli di esperienza responsabilizzante: vota su tutto, e quando sbaglia paga.

      • Pareggiamoiconti

        Sisi… e poi c’è uno scoiattolo che incarta la cioccolata…

  • Giulio Ciardi

    Sarebbe,più o meno,una specie di eliminazione della riserva frazionaria,a vantaggio della “riserva intera” …oppure ho capito male ???

    • cipperimerlo

      Sì, esatto.

  • Fabrizio de Paoli

    …Non saprei…,
    Io mi considero un austriaco “duro e puro” ma mi chiedo: se togliere un privilegio alle banche private per consegnarlo in toto ad una nazionale significa togliere fiducia (potere) a qualcuno per consegnarlo a qualcun’altro, vuol dire che viene eliminata la concorrenza tra poteri in favore di un monopolio.
    La cosa potrebbe avere un senso austriaco se la banca svizzera si impegnasse a NON emettere più moneta.

    • Stemby

      No, verrebbe solo tolta una grossa componente di incertezza: invece di dipendere da quel che fanno n banche, basterebbe controllare quanto fatto da una sola banca (quella centrale). Se si mette a svalutare la valuta diventa un attimo passare ad un’altra, o a una moneta-merce (oro, criptovalute, ecc.).

      • Fabrizio de Paoli

        Ok, hai ragione, ma chi controlla la BC?
        Se gli svizzeri possono stabilirne le sorti con un’altro referendum allora sono avanti anni luce.
        Ma questo onestamente non lo so, per mia ignoranza, non per mio dubbio.

  • marcoferro

    Nel settembre 2011, senza preavviso, la Swiss National Bank (SNB) svalutò il franco svizzero di circa il 12% rispetto all’euro per proteggere la propria economia. Questa è stata una bastardata per usare un francesismo, visto che nessuno dei paesi uniti nell’eurozona ha la libertà di rivalutare o svalutare la propria moneta, come ritenuto necessario dalle loro economie. Nonostante la Svizzera non sia membro diretto dell’UE, è legata all’Unione Europea da più di 120 trattati bilaterali, de fatto è come se fosse un membro. Durante i tre anni in cui il tasso di cambio tra franco svizzero ed euro è stato fissato e mantenuto fisso ad almeno 1,20 per euro, la SNB ha accumulato più di 500 miliardi di franchi in surplus di moneta estera, la maggior parte in euro. Questo importo equivale all’incirca al 150% del debito pubblico attuale greco. a parole sono tutti precisi e ligi alle regole poi nei fatti ognuno fa il furbo e porta acqua al suo mulino, per cui la svizzera può andare tranquillamente a fare in kulo…

  • Stemby

    Se passa, ammirazione infinita da parte mia (già oggi molto molto alta) nei confronti dei cittadini elvetici.

  • Pareggiamoiconti

    Dovesse passare, sarebbe un vero spettacolo

    Terrificante, ma grandioso

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi