Venezuela: la sfida della nuova criptovaluta

Di Ticino Live , il - 7 commenti

 

Tra pochi giorni ci sarà il lancio ufficiale in Venezuela della nuova criptovaluta chiamata Petro voluta dal presidente Nicolas Maduro garantita da 5 miliardi di barili provenienti dalle immense riserve petrolifere situate ad est del paese sudamericano. Il suo valore sarà pari a quello di un barile di petrolio, ovvero a circa 59 dollari.

Annunciato con grande entusiasmo, il presidente stesso ha tenuto a precisare che la nuova criptovaluta è stata concepita per sconfiggere la tirannia del dollaro. Infatti spera con questo di realizzare transazioni finanziare per riprendere le operazioni commerciali aggirando il blocco finanziario imposto con le sanzioni USA e soprattutto di far uscire il paese imprigionato da una profonda crisi che rischia concretamente di portare alla guerra civile. L’inflazione è oggi a +2’616%. La moneta venezuelana Bolivar è diventata carta straccia svalutata dall’inflazione galoppante.

Legato al petrolio, il Petro ha un mercato potenziale di circa 270 Miliardi. 20 in più rispetto a quello del Bitcoin.

Ma i più autorevoli investitori non credono che Petro possa essere un successo. Il Venezuela, isolato dalle sanzioni internazionali per via della forte corruzione del suo regime, è un paese che non riesce più a pagare i suoi debiti in una situazione giudicata dalle agenzie di rating di default selettivo, cioè il livello più basso dopo quello di spazzatura che rappresenta l’ultimo gradino di valutazione precedente al fallimento.

Pur ottenendo il 95% del fatturato con le esportazioni di petrolio il Venezuela è un paese sul lastrico e non è certamente considerato un paese credibile.

Non è ancora chiaro oltretutto quali piattaforme di scambio siano pronte per poter operare con la nuova criptovaluta.

È difficile fidarsi di un governo che deve milioni di dollari in obbligazioni della compagnia petrolifera andate in fumo quando poi le citate riserve petrolifere sono già state date come collaterale a garanzia della valuta venezuelana e dei bond venezuelani.

Anche se funzionasse, sono purtroppo in molti che ritengono che il paese non potrà salvarsi con questa criptovaluta in quanto ha oramai imboccato la strada dell’iperinflazione portando a far precipitare sempre più il potere di acquisto dei venezuelani. Tant’è vero che l’80% della popolazione è in stato di povertà.

 

L’articolo Venezuela: la sfida della nuova criptovaluta sembra essere il primo su Ticinolive.

Shares
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • cipperimerlo

    Questa potrebbe essere la prima che Maduro imbrocca.

    • Hari Seldon

      Me come sarà il Petro? Un Token su ETH? Una blockchain nativa? POW o POS?

      • Leo Fabiani

        Essendo statale sarà merda

      • cipperimerlo

        Non conta; è importante che la valuta possa fluttuare rispetto al dollaro.

  • Blas

    Il Venezuela non é isolato dalle sanzioni. É isolato perché non paga e non puó pagare.

  • Albert Nextein

    Scappa con la cassa.

  • Peppino Prisco

    più che altro i PETRO in circolazione dovrammo essere pari ai barili di petrolio delle riserve. nè uno di più ne uno di meno.

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi