VORREBBERO DIFENDERE I CONSUMATORI PIANIFICANDO I PREZZI

Di Leonardo , il - 3 commenti

di MATTEO CORSINI

“Gli autori avanzano la tesi preoccupante che i venditori cerchino in continuazione modi per gabbare i clienti facendoli pagare più di quanto dovrebbero, e che questi sforzi abbiano sempre almeno parzialmente successo. Per Akerlof e Shiller i mercati non si limitano ogni tanto a fallire – sono intrinsecamente soggetti a imbrogli ed errori”. Noah Smith ritiene che molti prezzi siano superiori al loro livello corretto perché i compratori non hanno informazioni adeguate e tendono a essere gabbati dai venditori.

Smith sposa la tesi contenuta nel libro “Phishing for Phools” di George Akerlof e Robert Shiller, entrambi premi Nobel per l’economia (il primo è marito del presidente della Fed, Janet Yellen). Del libro in questione mi occupai a settembre 2015, commentando alcune affermazioni di Shiller. Smith prende spunto dal libro di Akerlof e Shiller per invocare l’intervento dello Stato a tutela dei consumatori in un modo che va ben oltre la difesa del principio di non aggressione (il quale, peraltro, è violato sistematicamente proprio da parte dello Stato).

Che ci siano una moltitudine di venditori che fregano o tentano di fregare i compratori è innegabile, ma dal punto di vista di Akerlof, Shiller e simili pare che non dovrebbe esserci alcuna asimmetria informativa tra venditore e compratore. Occorre poi considerare che, anche nel caso in cui le informazioni fossero le stesse per entrambe le parti, questi signori definiscono solitamente “irrazionali” coloro i quali si comportano diversamente da come loro stessi ritengono dovrebbero comportarsi.

Ora, se tutti quanti ragionassero allo stesso modo e avessero lo stesso punto di vista, non potrebbero esservi differenti valutazioni relativamente a un dato bene o servizio, il che comporterebbe l’assenza di scambi, ossia la scomparsa del mercato. Infatti, solo se le parti attribuiscono a ciò che ricevono nello scambio un valore superiore a ciò che cedono ha luogo una compravendita su base volontaria.

La pretesa che sia lo Stato (o un soggetto da esso delegato) a stabilire il livello “corretto” dei prezzi è tipica di ogni pianificatore; una pretesa che non è stata scalfita neppure dai ripetuti fallimenti degli esperimenti socialisti. La soluzione caldeggiata consiste per lo più nell’obbligare chi offre un bene o servizio a fornire al potenziale acquirente, tra le altre informazioni, anche l’indicazione del profitto che otterrebbe concludendo il contratto al prezzo proposto. Nel caso ciò non sia sufficiente a “correggere” il mercato, allora si dovrebbe passare a veri e propri limiti di prezzo.

Lo ripeto: il principio di non aggressione va fatto rispettare, ma la pretesa di considerare frutto di imbroglio ogni profitto ritenuto soggettivamente eccessivo, tanto cara agli interventisti, non correggerebbe il mercato: lo sostituirebbe con la pianificazione. Meglio di no.

The post VORREBBERO DIFENDERE I CONSUMATORI PIANIFICANDO I PREZZI appeared first on MiglioVerde.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

  • Lucio

    Lo Stato dovrebbe vigilare sulla corretta concorrenza e sulla presenza di interferenze dovute all’illegalità (mafia ad esempio).
    Poi è il mercato che crea equilibrio. Anzi, vedo alterazione di questo principio dove vi è oligopolio e dove vi è intervento dello Stato con le tasse. Esempi? Compagnie telefoniche, Elettricità, autostrade, prezzi carburanti, prodotti ortofrutticoli. In questo piccolo elenco vi sono esempi di monopoli-oligopoli, di tassazione ridicola, di presenze mafiose.

    • Ronf Ronf

      Semplicemente quegli oligopoli sono anche i padroni dei giornali che possono o distruggere o aiutare un politico a seconda di come si comporta con gli oligopoli

    • AnonimoSchedato

      Tre degli esempi citati sono monopoli naturali. Non ha senso economico, purtroppo, avere reti telefoniche, di distribuzione elettrica, o austradali multiple. I costi sarebbero così alti da vanificare tutti i vantaggi della concorrenza. Nel caso di fibre ottiche e cavi elettrici bisognerebbe abolire il servizio universale, e otterremmo solo aree distaccate dalle reti (anche se a mio parere molte meno delle “aree a fallimento di mercato” sbandierare, ci sarebbero molte soluzioni innovative da parte di piccoli imprenditori pronti ad accontentarsi, e soluzioni consortili tra consumatori determinati). In tutti e tre i casi ci sarebbe poi il problema dei diritti di passaggio. IMHO.

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi