WATERGATE, SNOWDEN E IL MONDO AL CONTRARIO DELLO STATALISMO

Di Leonardo , il - Replica

di GIOVANNI BIRINDELLI

Il Corriere della Sera definisce il Watergate “il caso politico più clamoroso di tutti i tempi”. Io non so quale sia stato il “caso politico” più “clamoroso” di tutti i tempi. In realtà non so nemmeno cosa il giornalista intenda coi termini “politico” e “clamoroso”.

Quello che so, è che il fatto che la macchina coercitiva statale saboti i computer/telefoni e spii sistematicamente e legalmente le comunicazioni di ogni singolo individuo lo trovo molto più grave del fatto che un partito politico spii e saboti l’attività di un altro partito politico.

Anzi, per essere più precisi, mentre, da un lato, lo spionaggio sistematico delle persone da parte della macchina coercitiva statale è non solo un crimine (cioè una violazione del principio di non aggressione), ma un crimine su scala globale e di massa, che ha preparato (e continua a potenziare) una bella stanza dei bottoni per forme di totalitarismo molto più esplicite della presente, dall’altro lo spionaggio e il sabotaggio di un partito politico a danno di un altro è più simile a una guerra fra bande all’interno della democrazia (che, come noto nel senso di logicamente deducibile, rendendo di fatto illimitato il potere coercitivo di una maggioranza eventualmente qualificata su una minoranza e soprattutto sull’individuo, è un sistema politico totalitario).

Il fatto che il Datagate (la rivelazione dell’attività sistematica di spionaggio e sabotaggio dello stato contro ogni singola persona resa possibile dal coraggio eroico di Edward Snowden), non sia stato un caso politico “clamoroso”, cioè che non gli sia stato dato sufficiente “clamore” dalla stampa mainstream, ha diverse ragioni. Fra queste, c’è la confusione intellettuale che rende possibile la tassazione e il monopolio statale (attraverso le banche centrali) della moneta:

– Lo stato è un Dio: esso (chi lo controlla) può commettere legalmente nei confronti delle persone azioni che, se fossero commesse da chiunque altro, sarebbero considerate dei crimini;
– Ergo, aggredire (p. es. spiare e sabotare) chi fa parte dell’apparato statale è molto più grave che spiare coloro che da questo sono oppressi. Anzi, nel nome di un nonsenso logico come “il bene comune”, l’oppressione delle persone diventa addirittura legale.

Lo statalismo, ovvero il mondo all’incontrario.

The post WATERGATE, SNOWDEN E IL MONDO AL CONTRARIO DELLO STATALISMO appeared first on MiglioVerde.

Condivisioni
Grazie per avere votato! Ora dillo a tutto il mondo via Twitter!
Come ti senti dopo avere letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato

Donazioni (Solo in Bitcoin)

Vuoi Ringraziare "come si deve" Rischio Calcolato. Fatti un favore, impara a usare il Bitcoin, procuratelo e dona un frazione (anche multipli non ci offendiamo) a questo indirizzo:
1CHpkA1Xma61Q2JZZ8tpo6pDNAiD81SNAE

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi