Archivi per categoria: PETROLIO

L’era delle guerre commerciali

di Alasdair Macleod È iniziata una guerra commerciale. Il presidente Trump ha sparato il primo colpo mettendo in moto una promessa fatta in campagna elettorale, parte della sua impresa nel Make America Great Again. È un duro colpo sferrato contro la Cina. I retroscena sembrano essere molto più profondi di quanto suggerirebbero i dazi su acciaio e alluminio. Tutto ciò arriva dopo un periodo prolungato di colpi su colpi tra l’America da un lato e Russia e Cina dall’altro.... Continua a leggere

Quando arriverà la prossima crisi creditizia?

di Alasdair Macleod La tempistica di qualsiasi crisi creditizia è stabilita dal ritmo al quale il ciclo del credito progredisce. Le persone non pensano in termini di ciclo del credito, credendo erroneamente che si tratti di un ciclo economico. La distinzione è importante, perché un ciclo economico si suppone che nasca dal mondo degli affari. In altre parole, il ciclo di crescita e recessione sembra dovuto all’instabilità nel settore privato e questo viene generalmente sostenuto dai... Continua a leggere

Il canto del cigno delle banche centrali, Ultima Parte

di David Stockman Il rapporto sulla produzione industriale di gennaio ha riproposto l’ennesimo promemoria sul fatto che la FED non ha stimolato nulla dal punto di vista del suo duplice mandato. Infatti, mentre celebra una “missione compiuta” riguardo una presunta ripresa dell’occupazione e si prepara fiduciosamente a portare avanti il suo QT (quantitative tightening), i nostri banchieri centrali keynesiani sono rimasti assolutamente muti su un fatto: non c’è... Continua a leggere

Russia – Svizzera: Carbone e Petrolio, Privatizzazioni Prezzi e aumenti

Di Ticino Live , il - Replica

Valeriy Vaisberg, Responsabile della Divisione Ricerche di GK Region; Urbano  Clerici, Deputy Chairman & CEO Coeclerici Commodities SPA; e Petr Reschikov, CEO Cetractore Energy Gmbh; e Marco Passalia, General Secretary Lugano Commodity Trainer, dissertano di petrolio, carbone, materie prime e aumento di prezzi. 57 dollari al barile. Questo l’aumento del petrolio nei prossimi mesi. La Russia ha sostenuto le quote perché la diminuzione die valori nominali compenserebbe i valori... Continua a leggere

Cosa potrebbero significare per il dollaro uno yuan coperto dall’oro e le criptovalute

Di Francesco Simoncelli , il - 23 commenti

di Doug French Nonostante le criptovalute abbiano rubato tutte le attenzioni sulla scena finanziaria, c’era una notizia intrigante apparsa il primo settembre sul Nikkei Asian Review. Scrivendo da Denpasar, Indonesia, Damon Evans riportava che “la Cina è prossima ad inaugurare contratti futures sul petrolio greggio prezzati in yuan e convertibili in oro, in quello che gli analisti descrivono come un cambiamento epocale nel settore”. Non coperti dal bitcoin, non coperti da... Continua a leggere

Non sono i prezzi in ascesa del petrolio che causano l’inflazione

Di Francesco Simoncelli , il - 5 commenti

Prima di affrontare la lettura dell’articolo di oggi è bene ricordare un concetto che spesso viene ancora travisato. Soprattutto dai media mainstream. Lo scopo di una definizione, infatti, è quello di presentare la caratteristica essenziale della cosa che si vuole identificare. Nel nostro caso in particolare, l’inflazione: un aumento dello stock monetario. Attenzione, però, perché gli Austriaci a differenza dei monetaristi non dicono che un aumento dell’offerta di denaro... Continua a leggere

L’uragano incombente sulla perfezione eterna del casinò

di David Stockman Non esiste altro modo per dirlo: il mercato è follemente sopravvalutato in questo momento. La cosiddetta ripresa economica è già durata 96 mesi. È la ripresa più lunga della storia. È anche la più debole, ma non lo vedrete mai dal mercato azionario. Adesso l’indice S&P è trattato a circa il 24X dei suoi utili. Questa è quella che chiamerei una sezione della storia davvero folle. E non è assolutamente giustificata dall’economia di base. Quello che il... Continua a leggere

La strategia della guerra finanziaria dell’America

di Alasdair Macleod Il rinnovato desiderio dell’America d’intensificare le tensioni militari incarna la strategia statunitense di una guerra finanziaria infinita, questa volta diretta verso la Corea del Nord, la Siria e forse l’Iran. Questo è il parere dei consulenti strategici della Cina. Analizzando dal punto di vista della Cina la geopolitica e l’economia dietro la strategia di guerra dell’America, possiamo concludere che sta entrando nella sua fase finale. La... Continua a leggere

Della Serie, Picco del Petrolio….

Di FunnyKing , il - 16 commenti

Sempre per la serie “picco del petrolio”: La produzione americana continua a tornarsene verso i 10 milioni di barili al giorno mentre i vari paesi produttori dell’Opec (più Russia)  litigano su chi taglia di più produzioni che di per se sono sovra abbondanti. L’industria petrolifera americana sta godendo dello stesso trattamento di Uber, Tesla o altre aziende strategiche (cioè di Stato attraverso l’accesso a fondi illimitati stampati dalla FED), e dunque le... Continua a leggere

Inflazione non significa prezzi in ascesa

di Frank Shostak Esiste una certa unanimità tra gli economisti ed i vari commentatori economici: l’inflazione vuol dire un aumento generale dei prezzi di beni e servizi. Da questo si è stabilito che tutto ciò che contribuisce all’aumento dei prezzi, innesca inflazione. Un calo della disoccupazione, o un aumento dell’attività economica, vengono visti come potenziali inneschi inflazionistici. Anche altri fattori, come gli aumenti dei prezzi delle materie prime o dei salari... Continua a leggere

Isolare la Russia è una perdita di tempo e denaro

Di Francesco Simoncelli , il - 21 commenti

di James Rickards Il presidente Obama ha condotto la politica estera più deleteria rispetto a qualsiasi altro presidente degli Stati Uniti dai tempi di Woodrow Wilson. Ciò non è dovuto solo ad un ambasciatore morto per le strade di Bengasi, ad una falsa linea rossa in Siria che ha portato a 400,000 morti, 2 milioni di feriti e due milioni di profughi, a perdere l’Egitto nei confronti dei radicali islamici, o ad aver dato potere ad un regime terrorista in Iran. Solo questi sviluppi... Continua a leggere

Petrolio, il “Nuovo Normale” è a Basso Costo

Di FunnyKing , il - 46 commenti

Dunque a parte il fatto che di petrolio facilmente raggiungibile nel vasto mondo ce ne è a sufficienza per affogarci tutti nei prossimi 10 anni, gli ultimi mesi hanno messo in evidenza un’altra verità. Ovvero che lo shale oil americano si tira su sotto i 60$ al barile: E’ da settembre che le trivelle attive in USA sono tornate a salire e la produzione di petrolio è ripartita alla grandissima, con prezzi che non hanno mai toccato i 60$, è anche vero che le compagnie petrolifere... Continua a leggere

Petro-DSP: l’ascesa della nuova moneta mondiale

Di Francesco Simoncelli , il - 9 commenti

di James Rickards La risposta agli sforzi degli Stati Uniti per svalutare il dollaro nel 2010-2011 non s’è fatta attendere. Ed è arrivata da quattro direzioni — FMI, Russia, Cina e Arabia Saudita. Ecco la nuova moneta mondiale: Petro-DSP. Meno di un anno dopo che Obama ha dichiarato una nuova guerra tra valute, il FMI ha pubblicato un documento in c’è un progetto per la realizzazione di una nuova valuta di riserva globale chiamata Diritti Speciale di Prelievo (DSP), o moneta... Continua a leggere

Petro-DSP: l’ascesa della nuova moneta mondiale

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di James Rickards La risposta agli sforzi degli Stati Uniti per svalutare il dollaro nel 2010-2011 non s’è fatta attendere. Ed è arrivata da quattro direzioni — FMI, Russia, Cina e Arabia Saudita. Ecco la nuova moneta mondiale: Petro-DSP. Meno di un anno dopo che Obama ha dichiarato una nuova guerra tra valute, il FMI ha pubblicato un documento in c’è un progetto per la realizzazione di una nuova valuta di riserva globale chiamata Diritti Speciale di Prelievo (DSP), o moneta... Continua a leggere

Dov’è la domanda? I prezzi del petrolio scendono di nuovo

Di Francesco Simoncelli , il - 13 commenti

di Ryan McMaken L’ultima settimana ha visto il prezzo medio del petrolio arrivare a $45 al barile, secondo la misura West Texas Intermediate, e ieri il prezzo del petrolio è sceso del 3% a causa della contrazione della domanda. Ciò significa che i prezzi del petrolio non si sono spostati di molto sin dall’aprile scorso, quando il prezzo medio settimanale era compreso tra i $40 ed i $44 al barile. Lo scorso aprile, l’OPEC e molti nel mondo degli investimenti prevedevano... Continua a leggere

Dov’è la domanda? I prezzi del petrolio scendono di nuovo

Di Francesco Simoncelli , il - Replica

di Ryan McMaken L’ultima settimana ha visto il prezzo medio del petrolio arrivare a $45 al barile, secondo la misura West Texas Intermediate, e ieri il prezzo del petrolio è sceso del 3% a causa della contrazione della domanda. Ciò significa che i prezzi del petrolio non si sono spostati di molto sin dall’aprile scorso, quando il prezzo medio settimanale era compreso tra i $40 ed i $44 al barile. Lo scorso aprile, l’OPEC e molti nel mondo degli investimenti prevedevano... Continua a leggere

Rapporti tra Russia e Stati Uniti: un nuovo disgelo?

Di Francesco Simoncelli , il - 30 commenti

di James Rickards Negli ultimi dieci anni i rapporti degli Stati Uniti con la Russia sono stati ondulatori. L’intelligence mostra che tali rapporti stanno passando attraverso una nuova transizione, verso un nuovo disgelo. Nel marzo 2009, poco dopo che l’amministrazione Obama andò in carica, Hillary Clinton incontrò il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov a Ginevra. Era il suo primo incontro con Lavrov sin da quando era diventata segretario di stato. I rapporti tra la Russia... Continua a leggere

No Trump, non è una “guerra mondiale”

Di Francesco Simoncelli , il - 19 commenti

di David Stockman Nel 1991 la terra si mosse… La guerra fredda si concluse e svanì la spada di Damocle della minaccia nucleare. Scomparve la minaccia totalitaria dell’Unione Sovietica e il suo vasto establishment militare venne smobilitato. Per Washington era il momento di fare lo stesso. Cioè, sciogliere la NATO — la cui unica giustificazione era il contenimento di una minaccia sovietica sul fronte dell’Europa centrale — e smobilitare la sua macchina da guerra sparsa... Continua a leggere

Il collasso economico meritato del Venezuela

Di Francesco Simoncelli , il - 82 commenti

di Gary North La maggioranza degli elettori del Venezuela è rappresentata da ladri. Hanno cercato di votare per ottenere una prosperità attraverso lo stato sociale. Questa preferenza per il furto mediante le urne è esplosa loro in faccia. Bene. Immaginare che il furto possa produrre un qualsiasi altro risultato significa immaginare che: la disonestà è la politica migliore; i ladri vincono nel lungo periodo; la proprietà privata è un furto. I venezuelani hanno eletto e ri-eletto il... Continua a leggere

Tassi d’interesse e oro

Ormai, in gran parte del mondo sviluppato, i tassi d’interesse negativi sono una realtà ben radicata. Basti pensare ai tassi decennali del Tesoro tedesco, oppure a quelli svizzeri, o, addirittura a quelli giapponesi. Uno dei governi più insolventi del mondo riesce a vendere cartaccia obbligazionaria a rendimenti negativi. Inutile dire che c’è qualcosa che non va in un’economia del genere. Infatti le cose iniziano a farsi più chiare se, evitando le sciocchezze dei... Continua a leggere

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi