Archivi per tag: Africa

L’era delle guerre commerciali

di Alasdair Macleod È iniziata una guerra commerciale. Il presidente Trump ha sparato il primo colpo mettendo in moto una promessa fatta in campagna elettorale, parte della sua impresa nel Make America Great Again. È un duro colpo sferrato contro la Cina. I retroscena sembrano essere molto più profondi di quanto suggerirebbero i dazi su acciaio e alluminio. Tutto ciò arriva dopo un periodo prolungato di colpi su colpi tra l’America da un lato e Russia e Cina dall’altro.... Continua a leggere

Tramadolo, la “droga”perfetta: come mai un anestetico diventa virale in tutta l’Africa

Di Nuke The Whales , il - 63 commenti

Riprendo l’articolo di Funnyking sull’epidemia di decessi negli Usa causata dal Fentanyl (1) Il Fentanyl è una brutta bestia, uno tsunami che ti spazza via il cervello, e è prescrivibile dietro ricetta medica di medici compiacenti. Basta polverizzare un paio di pasticche sublinguali e si va in orbita.  Una droga che è anche un “aspirapolvere sociale”, che spazza via disoccupati, depressi e indesiderabili in silenzio ed in modo pulito.... Continua a leggere

Come l’Africa è stata lasciata indietro

Di Francesco Simoncelli , il - 68 commenti

Prima di affrontare l’articolo di oggi vorrei puntualizzare un fatto: non tutte le colpe sono da addossarsi all’Africa per quanto riguarda le sue sfortune economiche. Sebbene l’articolo di oggi metta in evidenza tutto ciò, c’è da dire che anche i Paesi occidentali hanno abbandonato ormai gli stessi principi che l’Africa s’è ritrovata ad ignorare: libero scambio, principio di legalità, diritti di proprietà. Infatti, oltre alla pratica già nota di... Continua a leggere

Torna ISIS, torna Rita Katz, torna la paura: occorre deprimere ancora un po’ la democrazia negli USA

Di Mauro Bottarelli , il - 64 commenti

I dati di fatto sono quattro. Primo, torna ad essere colpita Manhattan, dopo l’11 settembre. Secondo, gli analisti già parlano di un salto di qualità, definendo l’attacco di ieri su “modello europeo”, ovvero un pazzo o radicalizzato che si lancia sulla folla con un mezzo di trasporto in un giorno di festa e non più un uomo che si mette a sparare con armi pesanti, di fatto una risposta diretta all’appello dell’ISIS a colpire i civili, utilizzando armi non... Continua a leggere

Crisi e legittimità: il bivio

di Gary North Remnant Review Quelli di noi che sono noti come storici della cospirazione sostengono che il Council on Foreign Relations, la Commissione Trilaterale e varie altre società d’élite di alto livello, rappresentano il cuore della leadership a livello nazionale negli Stati Uniti. In altre parole, pensiamo che il sistema sia truccato. Allo stesso tempo siamo ben consapevoli del fatto che il popolo è convinto che non ci siano problemi significativi dal punto di vista politico,... Continua a leggere

L’accoglienza è un principio etico, non un diritto. E chi marcia oggi, lo fa per l’etica dello sfruttamento

Di Mauro Bottarelli , il - 175 commenti

Oggi a Milano si tiene il corteo pro-migranti, “20 maggio senza muri” l’hanno chiamato. Un serpentone da Porta Venezia al Castello Sforzesco, luogo scelto per l’arrivo: un castello, massima espressione della fortificazione e della difesa, divenuto luogo di centramento per apolidi di ogni risma. Capite da soli, di cosa stiamo parlando. Sono oltre mille le associazioni che hanno aderito e, in testa al corteo, sfilerà la crème della crème del buonismo in cachemire: da... Continua a leggere

Perché la guerra è un’illusione così attraente?

di Jeffrey A. Tucker Gli Stati Uniti sembrano sull’orlo di dichiarare l’ennesima guerra in base all’indignazione su ciò che sta accadendo in Siria, e presumibilmente per il bene dei diritti umani, con un senso del tutto ingiustificato di certezza che la guerra produrrà un risultato migliore rispetto alla diplomazia, al commercio e alla cautela. Il 6 aprile di 100 anni fa gli Stati Uniti entravano nella Grande Guerra, la guerra per porre fine a tutte le guerre, una guerra... Continua a leggere

L’ultimo delirio di Juncker scoperchia il vaso di Pandora. Ma sui migranti potrebbe essere tardi

Di Mauro Bottarelli , il - 34 commenti

Intervenendo stamattina alla plenaria del CESE, Superciuk Juncker, ha rivolto il suo pensiero a Italia, Grecia e Malta e ha lodato il loro “virtuoso lavoro nel contrasto dell’immigrazione clandestina”. Ora, capisco che sarà già stato al quinto bianchino ma fino all’altro giorno non erano migranti da accogliere? Non c’era l’obbligo di dare rifugio a chi scappava dalla guerra e dalla fame? Inoltre, sempre il simpatico etilista ha detto che “se... Continua a leggere

No Trump, non è una “guerra mondiale”

Di Francesco Simoncelli , il - 19 commenti

di David Stockman Nel 1991 la terra si mosse… La guerra fredda si concluse e svanì la spada di Damocle della minaccia nucleare. Scomparve la minaccia totalitaria dell’Unione Sovietica e il suo vasto establishment militare venne smobilitato. Per Washington era il momento di fare lo stesso. Cioè, sciogliere la NATO — la cui unica giustificazione era il contenimento di una minaccia sovietica sul fronte dell’Europa centrale — e smobilitare la sua macchina da guerra sparsa... Continua a leggere

Il mondo è sopravvissuto al rialzo dei tassi (per ora) ma resta una domanda: perché proprio adesso?

Di Mauro Bottarelli , il - 9 commenti

Dunque, il mondo non è finito con l’aumento dei tassi da parte della Fed e i mercati non sono crollati. Tutto bene, quindi. Per ora. Andiamo infatti a dare un’occhiata all’ambiente macro e finanziario dentro il quale Janet Yellen ha incastrato il primo, storico rialzo da nove anni questa parte. Partendo da qui, ovvero dal fatto che venerdì scorso il comparto obbligazionario è stato venduto in massa sul mercato, mentre questi due grafici ci mostrano come da un lato il... Continua a leggere

Immigrazione, Svezia e Islam: qualche cifra per ragionare e capire

Di Mauro Bottarelli , il - 97 commenti

Il tema dell’immigrazione non cessa di riempire le pagine dei giornali e i servizi dei telegiornali e, in effetti, la sua proporzione e il suo impatto sono di quelli storici, tanto che oggi a Bruxelles si terrà l’ennesimo – inutile – vertice europeo di emergenza (talmente urgente che è stato indetto una settimana fa). Al di là delle ideologie e delle convinzioni di ognuno, un tema così va affrontato con freddezza e razionalità ma anche scevri da buonismi emotivi,... Continua a leggere

L’immigrazione è solo un’agenda geopolitica ed economica. Non un’emergenza

Di Mauro Bottarelli , il - 8 commenti

Prima di tutto, una precisazione. Quanto leggerete, sono mie ipotesi, congetture, letture sottotraccia della realtà: non sono la verità e non voglio certo spacciarvela come tale, anzi vi chiedo fin d’ora scusa per l’inusuale lunghezza ma certi temi, se non argomentati a dovere, rischiano di perire per pressapochismo. Ma unendo i punti come nella “Settimana enigmistica”, troppe cose attorno all’emergenza immigrazione, soprattutto i profughi siriani divenuti... Continua a leggere

Anno 2060: Ritorno al Futuro! Previsione sulle tendenze e cambiamenti geopolitici mondiali

Di Gpg Imperatrice , il - 24 commenti

Faccio il RELOAD di questo articolo che postai circa 1 anno fa qui su Rischio Calcolato, visto che lo considero ancora del tutto attuale. Buona lettura.     Vorrei fare 2 premesse:a) C’e’ una correlazione tra andamento demografico e forza economica complessiva di un paese o di un continente; tale correlazione, si estende con un certo ritardo anche alla forza politicab) In un mondo globalizzato, abbiamo visto che le differenze (nella produzione e nel PIL) tra paesi vengono... Continua a leggere

IL TEATRINO DELLE OVVIETA’

Di romix , il - Replica

Ogni anno è un Sanremo diverso, questo si sa. Non si sapeva, invece, quello che sarebbe successo sul palco con l’arrivo di Adriano Celentano. Nelle settimane scorse ci si è divisi sul compenso che la Rai gli ha messo a disposizione e ci si è divisi sulla preferenza se fosse stato più giusto vederlo cantare o parlare. Bene il risultato che forse metterà d’accordo tutti è che Adriano Celentano ha soltanto farneticato. Ha sparato a salve contro la Chiesa, Famiglia Cristiana, Avvenire,... Continua a leggere

GOVERNANCE SENZA LEADER

Di romix , il - Replica

L’economia mondiale sta entrando in una fase nuova in cui la cooperazione globale sarà ancor più difficile. Gli Stati Uniti e l’Unione europea, al momento oppresse dal debito elevato e da una crescita lenta e quindi focalizzate su preoccupanti questioni interne, non sono più in grado di dettare le regole globali e si aspettano che gli altri paesi si adeguino. A peggiorare questa tendenza ci sono le due potenze in ascesa, Cina ed India, che danno grande importanza alla sovranità... Continua a leggere

Italia mostly unfree

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica L’Italia continua a precipitare nell’Index of Economic Freedom, l’indice della libertà economica nel mondo, elaborato ogni anno da Heritage Foundation e Wall Street Journal. Un vero e proprio tracollo dal 42° posto nel 2006 al 92° di quest’anno su 179 Paesi esaminati (60° nel 2007, 64° nel 2008, 76° nel 2009, 74° nel 2010 e 87° nel 2011). Ma la notizia del 2012 è che per la prima volta il nostro Paese compare nella fascia dei Paesi... Continua a leggere

CON TRENITALIA IN PUGLIA OLTRE AL DANNO, LA BEFFA

Di romix , il - Replica

Ma quanto costa viaggiare da Bari a Milano, o magari da Lecce a Torino con le nuove tariffe di Trenitalia? Insomma a quanto ammonta la beffa della maggiorazione del biglietto, dopo aver già subito il danno della cancellazione dei treni notturni? La domanda è d’obbligo visto che insieme all’orario ferroviario invernale (che prevede l’imperdonabile soppressione dei collegamenti diretti notturni tra Puglia e Nord Italia) è stata introdotta (nottetempo) anche una maggiorazione delle... Continua a leggere

ANALOGIE E DIVERSITA’ DI UN ANNO STORICO

Di romix , il - Replica

E’ indubbio che il 2011 sia da considerare, per certi versi, un anno di svolta nelle nostre vite. Intanto vengono in mente subito delle analogie con anni passati, altrettanto cruciali. Nel 1989 è crollato il comunismo e si è usciti dal bipolarismo mondiale iniziato dopo la fine della seconda guerra mondiale. Quest’anno sono crollate molte dittature arabe. Oggi, come allora, il mondo si trova di fronte ad una opportunità immensa. Nell’89 accaddero tante cose positive, altre un po’... Continua a leggere

CLIMA : ANNO DISASTROSO IL 2011

Di romix , il - Replica

Il 2011 è stato un anno duro per l’ambiente, il gas serra è salito a livelli record, lo scioglimento dei ghiacciai dell’artico è arrivato quasi ai livelli del 2007 (altro ‘annus horribilis’) mentre la temperatura ha toccato i livelli più alti mai registrati. In Europa ed in Africa si è raggiunto un numero record di catastrofi naturali mentre negli Stati Uniti sono state registrate temperature massime e minime da record. Sempre nel 2011 la popolazione mondiale ha... Continua a leggere

Etichette: , ,

RC Twitter

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi