Archivi per tag: baltic dry index

Manifattura che crolla, commercio globale fermo e i servizi che languono. Insomma, va tutto bene

Di Mauro Bottarelli , il - 6 commenti

Mi sono preso anche troppo tempo di pausa dalla descrizione della straordinaria ripresa dell’economia globale, trascinata dagli scintillanti Stati Uniti. E quella di ieri è stata proprio una giornata da segnare sul calendario, visto che ci ha regalato una messe di dati come non se ne vedeva da tempo. Partiamo da qui, ovvero dal fatto che Caterpillar è riuscita a bruciare ogni record negativo a livello di vendite nel mondo. Per quanto riguarda il mercato Usa, CAT ha segnato in dicembre... Continua a leggere

I mercati cercano il loro Mister Wolf per uscire dai guai. Sarà Draghi? O forse sarà Ash Carter..

Di Mauro Bottarelli , il - 21 commenti

Vi ricordate la metafora che utilizzai qualche giorno fa, quella dei mercati che si reggono come ubriachi che cercano di arrivare a casa barcollando? Bene, ormai è prassi globale. La conferenza stampa di Mario Draghi di ieri, infatti, ha innescato il circolo virtuoso, tenendo positiva Wall Street e mandando addirittura in euforia da sake il Giappone, con il Nikkei che chiudeva a +6%. L’Europa, poi, si è accodata: gli unicorni sono tornati, niente nuvole ma solo placidi laghi alpini,... Continua a leggere

La farsa è finita, il Re della ripresa Usa è nudo. E con le Borse a picco, ora si rischia davvero il botto

Di Mauro Bottarelli , il - 35 commenti

James Bullard questa volta non è bastato. Il mini-rally avviato giovedì dalla sua scoperta dell’acqua calda (“Prima o poi il petrolio arriverà a un bottom”) è durato solo un giorno e ieri i mercati si sono letteralmente schiantati al suolo dopo che, come vi avevo anticipato, la quasi certezza del via libera all’export iraniano ha affossato ancora il prezzo del greggio e fatto toccare agli spread dei junk bond energetici il massimo storico, come ci mostra questo... Continua a leggere

La vendetta della Scuola austriaca è servita: l’economia sta morendo di mal-investment

Di Mauro Bottarelli , il - 26 commenti

Mai come in questo periodo i mercati sembrano due ubriachi che si sorreggono l’uno con l’altro nel goffo tentativo di restare in piedi senza cadere e raggiungere casa. Per farlo, devono però inventarsi a turno un bell’unicorno da vendere agli investitori in modo da offuscare per un giorno o due la realtà di mercato e sostenere gli indici, sperando che a forza di calciare il barattolo in avanti, una soluzione si palesi da sola. Ieri è stato il turno della Cina, la quale è... Continua a leggere

La pantomima è completa: la Fed alza i tassi per poterli abbassare. Mercati e dati macro lo confermano

Di Mauro Bottarelli , il - 9 commenti

Alla fine, l’hanno fatto. La Federal Reserve, con decisione unanime dei membri del comitato monetario (FOMC), ha alzato i tassi di interesse americani per la prima volta in un decennio, una mossa di un quarto di punto che ha portato il costo del denaro in una fascia compresa tra lo 0,25%-0,50% dallo 0-0,25% precedente. E ha riaffermato che la prevista futura stretta sul costo del denaro sarà graduale. “La fine di un’era straordinaria”, come ha detto la stessa Janet Yellen... Continua a leggere

Il commercio globale crolla, le commodities pure e anche il CapEx non sta benissimo

Di Mauro Bottarelli , il - 6 commenti

Il commercio globale parla e vuole dirci qualcosa: per l’esattezza che siamo al disastro e che i prezzi in calo continuo delle tariffe di noleggio non fanno che riflettere questa realtà. Di più, ci dice anche che si sta configurando una riedizione perfetta del 2008, un qualcosa che dovrebbe far riflettere parecchio, visto che almeno nel breve termine non paiono palesarsi segnali di vita sul mercato. Cominciamo da questo grafico, il quale non mi pare abbia bisogno di spiegazioni,... Continua a leggere

Il commercio globale si è schiantato. E l’export di deflazione spiana la strada alla nuova recessione

Di Mauro Bottarelli , il - 26 commenti

Presi come siamo a cercare di capire cosa farà la Fed tra poco più di un mese, rischiamo di non renderci conto di un qualcosa che è già nei fatti: una seconda recessione globale. Partiamo da questo grafico, il quale ci mostra come l’esportazione di deflazione a livello mondiale stia proseguendo, visto che i prezzi dell’import Usa sono scesi dello 0,5% su base mensile a ottobre, la settima delusione delle aspettative da inizio anno. Ma questo secondo grafico ci dice... Continua a leggere

Lo stop della Cina ci porta di nuovo in recessione. Ma le sfide per Pechino sono anche altre

Di Mauro Bottarelli , il - 8 commenti

La crisi della Cina non accenna a terminare. Anzi, mese dopo mese i dati macro parlano chiaramente di un rallentamento che si sta trasformando in stallo e di una debolezza che sta ampliandosi ed espandendosi a tutti i dati macro, come ci mostra questo grafico relativo al mese di settembre. Ma mettiamo in fila alcuni dati. Lo scorso settembre le esportazioni espresse in dollari sono scese del 3,7% rispetto a un anno prima (-1,1% in yuan), dopo il calo del 5,5% (-6,1% in yuan) ad agosto, mentre... Continua a leggere

Il “Corriere” sgonfia la ripresa Usa. Ssh, non ditegli però che siamo già in recessione

Di Mauro Bottarelli , il - 11 commenti

Sarà crollo generalizzato anche oggi? O i magheggi delle Banche centrali garantiranno il rimbalzo del gatto morto, dopo il più classico dei weekend di paura? Stando alla performance dei mercati del Golfo di ieri, ci sarebbe poco da stare allegri: Arabia Saudita -7%, Qatar -5,25%, Emirati Arabi -7% e Bahrain -5%. Poco cambia, il mercato è rotto nei suoi fondamentali e per quanto si metta rossetto su un maiale, come dicono gli anglosassoni, non cambia la sua natura, né lo rende Marilyn... Continua a leggere

La Fed torna falco, Wall Street la ignora ma i dati macro gridano recessione

Di Mauro Bottarelli , il - 8 commenti

Ieri pomeriggio, quando a Wall Street aprivano le contrattazioni, il membro con diritto di voto del Comitato monetario (FOMC) della Fed, Jerome Powell, ha sentito il bisogno di lanciare un paio di bombe a grappolo, seguite da una catena di barzellette degne del “Drive in” dei tempi d’oro. Cosa ha detto? “Un aumento dei tassi a settembre ora è al 50% di possibilità. La Fed potrebbe voler testare un aumento già tra due mesi”. E ancora: “Se l’economia... Continua a leggere

L’economia mondiale è ferma. In compenso, il debito scoppia di salute

Di Mauro Bottarelli , il - 16 commenti

Che gli Stati Uniti siano tutto tranne che economicamente in salute, ormai è assodato (a parte per qualche mente illuminata che dovrebbe spiegarmi come mai ieri il Treasury a 30 anni Usa ha sfondato quota di yield 3% se la sell-off obbligazionaria di giovedì scorso era solo un una tantum legato alle parole della Yellen), il problema è: chi farà da driver alla ripresa mondiale? La Cina con il suo Pil in continuo calo (qualcuno parla di una crescita reale che non va oltre il 4,3%, contro il... Continua a leggere

Baltic Dry Index: Ritorno negli abissi/2 (a 61 punti dai Minimi Storici)

Di FunnyKing , il - 3 commenti

Ricominciamo a guardare l’andamento del Baltic Dry Index a causa di un continuo (e inaspettato) crollo dei prezzi dei noli, per ora non traiamo alcuna conclusione da quanto sta accadendo, anche perchè negli ultimi 3 anni il BDI non è stato un predittore affidabile per l’andamento dell’economia mondiale. Ci sono troppe navi cargo in giro perchè molti armatori che hanno avuto accesso a “soldi facili” dalle banche hanno esagerato nel costruire navi porta... Continua a leggere

Etichette:

Baltic Dry Index: Ritorno negli abissi

Di FunnyKing , il - 1 commento

Ricominciamo a guardare l’andamento del Baltic Dry Index a causa di un continuo (e inaspettato) crollo dei prezzi dei noli, per ora non traiamo alcuna conclusione da quanto sta accadendo, anche perchè negli ultimi 3 anni il BDI non è stato un predittore affidabile per l’andamento dell’economia mondiale. Ci sono troppe navi cargo in giro perchè molti armatori che hanno avuto accesso a “soldi facili” dalle banche hanno esagerato nel costruire navi porta... Continua a leggere

Etichette:

Baltic Dry Index: Verso I Minimi di Tutti i Tempi/2 (647pti)

Di FunnyKing , il - 3 commenti

Dai che forse ci siamo, il BDI al fine è arrivato al suo minimo (di tutti i tempi in termini reali). Oggi perde solo lo 0,64% un vero lusso Baltic Dry Index del 03/02/2012 647 -4 pti (-0,64%) ora siamo a  -67.1% in 52 giorni (dai 1980pti del 12 Dicembre 2011, ultimo massimo relativo)  Il minimo del decennio (nel pieno della crisi post Lehman) è a  672pti  Il minimo di tutti i tempi del 31 luglio 1986 è a 554pti. L’indice Bunkerworld che misura il costo medio del carburante per... Continua a leggere

Etichette:

Baltic Dry Index: Verso I Minimi di Tutti i Tempi (651pti)

Di FunnyKing , il - 1 commento

Sbriciolato il minimo dell decennio siamo curiosi di vedere se verrà infranto anche il minimo di tutti i tempi a 554pti , targato 31 luglio 1986 (grazie Gigi_Basket). In termini reali siamo già ai minimi di sempre (dal ’86 a oggi corre almeno un 40% di inflazione).  Baltic Dry Index del 02/02/2012 651 -11 pti (-1,16%) ora siamo a  -66.9% in 51 giorni (dai 1980pti del 12 Dicembre 2011, ultimo massimo relativo)  Il minimo del decennio (nel pieno della crisi post Lehman) è a... Continua a leggere

Etichette:

Baltic Dry Index: Minimo del Decennio (662pti)

Di FunnyKing , il - 1 commento

Si celebra oggi il minimo decennale del Baltic Dry Index, non ho serie storiche per andre più indietro (e non so neppure se oltre 10 anni fa questo indice esisteva, probabilmente si). Ho comunque il fondato sospetto che in termini reali il BDI sia ai minimi di tutti i tempi. Ricordiamoci che il Baltic Dry Index è una media ponderata fra 3 diversi tipi di trasporti navali espressi in dollari. Dunque l’inflazione conta, eccome se conta. Baltic Dry Index del 01/02/2012 662 -18 pti... Continua a leggere

Etichette:

Baltic Dry Index: Il Collasso Continua/2 (680pti)

Di FunnyKing , il - 17 commenti

Diamo il dato senza parole. Una prece per gli armatori,  (e per le banche creditrici…) Baltic Dry Index del 31/01/2012 680 -22 pti (-3,13%) ora siamo a  -65.6% in 49 giorni (dai 1980pti del 12 Dicembre 2011, ultimo massimo relativo)  Il minimo assoluto (nel pieno della crisi post Lehman) è a  672pti  Si mantiene su massimi relativi  l’indice Bunkerworld che misura il costo medio del carburante per le navi a 1595pts  .  ?   Link dei dati ritardati di un giorno... Continua a leggere

Etichette:

Baltic Dry Index: Alcune Banche Europee potrebbero Perdere 100 miliardi di $ in Crediti Tossici verso gli Armatori (NYT)

Di FunnyKing , il - 8 commenti

Il Baltic Dry Index è una media dei prezzi dei noli. Come tale per essere interpretato va aggiustato all’inflazione. L’ultimo minimo storico fatto, aggiustato per l’inflazione,  è stato a 672 punti (o 666 come appare in altre serie storiche) alla fine del 2008. Ebbene oggi siamo a livelli ancora inferiori, il BDI tolto un 10% (almeno) di inflazione vale circa i 650 punti del 2008. Probabilmente dal punto di vista degli armatori tale inflazione è anche superiore, biosgna... Continua a leggere

Etichette:

Baltic Dry Index: Il Crollo non Si ferma Più (754pti)

Di FunnyKing , il - 4 commenti

Ormai sembra una barzelletta, comunque, tanto per aggiungere qualche dato, un livello di 750 non copre neppure la differenza di costo fra fare stare le navi in rada (e pagare i marinai) e farle navigare. A questo punto non resta che affondarle e sperare in un risracimento. Baltic Dry Index del 26/01/2012 754 -31 pti (-3,95%) ora siamo a  -61.9% in 44 giorni (dai 1980pti del 12 Dicembre 2011, ultimo massimo relativo)  Il minimo assoluto (nel pieno della crisi post Lehman) è a  672pti  Si... Continua a leggere

Etichette:

Baltic Dry Index: Solo un Altro Giorno di ordinario Crollo/3 (784pti… siamo alla frutta)

Di FunnyKing , il - 2 commenti

Il Baltic Dry Index ci sta URLANDO che qualcosa non va nella zona chiave dell’economia mondiale. Baltic Dry Index del 25/01/2012 784 -23 pti (-2,85%) ora siamo a  -60.4% in 43 giorni (dai 1980pti del 12 Dicembre 2011, ultimo massimo relativo)  Il minimo assoluto (nel pieno della crisi post Lehman) è a  672pti  Si mantiene su massimi relativi  l’indice Bunkerworld che misura il costo medio del carburante per le navi a 1585pts  .  Link dei dati ritardati di un giorno... Continua a leggere

Etichette:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi