Archivi per tag: Belgio

L’indipendenza catalana e il suo Badoglio sono già finiti. Ora parliamo di cose serie, per favore?

Di Mauro Bottarelli , il - 132 commenti

Probabilmente verrà ricordata come la secessione interruptus. Sicuramente, come il caso di indipendenza sovrana più rapida del mondo. Roba da Guinness dei primati. La Repubblica catalana, proclamata giovedì scorso, è già finita. E il suo artefice scappato come un Badoglio qualsiasi in Belgio alla ricerca di esilio politico per evitare la galera: Bobby Sands sarebbe davvero fiero di lui e del suo coraggio. Quale esempio di sacrificio davanti all’ideale di un popolo! Oddio, proprio... Continua a leggere

Ossitocina per farci accettare i migranti? Nessun farmaco può estinguere l’istinto di sopravvivenza

Di Mauro Bottarelli , il - 146 commenti

Sono sincero, sulle prime mi pareva una bufala. Di quelle anche grosse. Tanto per capirci, una di quella che spaccia con estrema frivolezza sul web gente come Alessandro Meluzzi e destinata a rendere ancora più semplice la vita alle grancasse del potere stile Enrico Mentana, come se ne avessero bisogno, visto i mezzi di cui dispongono. Quindi ho cercato riscontri credibili in Rete, ho fatto dei confronti relativi e alle fonti e – seppur ridimensionata nell’allarme – la... Continua a leggere

L’Isis è l’abito blu della destabilizzazione globale. Va su tutto, copre tutto. E se si sciupa, lo butti via

Di Mauro Bottarelli , il - 39 commenti

Io direi che ormai i tempi siano maturi per un bel coming out: il Re è nudo, perché prolungare l’agonia? Perché continuare ancora a spacciare l’Isis per ciò che non è? Il cosiddetto Stato islamico o Daesh o Califfato che dir si voglia, altro non è che l’abito blu che ogni uomo ha nell’armadio e che toglie dall’imbarazzo quando non si sa cosa mettere per un certo appuntamento. Va su tutto, è sempre elegante, copre i difetti che magari un altro accostamento... Continua a leggere

Preoccupati dallo sbilanciamento di poteri turco? Date un’occhiata a chi sta comandando negli USA

Di Mauro Bottarelli , il - 140 commenti

Immagino che tutti sappiate come è andato a finire il referendum costituzionale in Turchia: il “Sì” alla svolta presidenzialista voluta fortemente dal presidente Erdogan ha avuto la meglio con il 51% a fronte di un’affluenza altissima, quasi l’86% degli aventi diritto. Molto polarizzata la distribuzione del voto: a valanga in favore del presidente l’Anatolia profonda e musulmana, in favore del “No” le grandi città come Ankara, Istanbul e Smirne.... Continua a leggere

Austria, lo Stato ammette (in segreto) il rischio caos. Patriot Act per il Belgio e Merkel nei guai

Di Mauro Bottarelli , il - 108 commenti

Come era prevedibile, Ankara alza la voce: se l’Unione europea non eliminerà entro ottobre i visti per i cittadini turchi, Ankara farà saltare l’accordo sui migranti stretto con Bruxelles pochi mesi fa. E non pensiate che il fatto che i turchi ci diano tempo fino all’inizio dell’autunno ci metta al riparo, visto che con la brutta stagione gli sbarchi diminuiscono molto. Il confine turco è quello che sta facendo da argine al passaggio di profughi via terra dalla Siria... Continua a leggere

Sono complottista? Ok, accettate la mia sfida. Leggete cosa accadde in Belgio e poi riflettete

Di Mauro Bottarelli , il - 95 commenti

Come avete notato non intervengo nei commenti ai miei articoli, per due motivi. Primo, RischioCalcolato mi offre la possibilità di dire la mia, quindi non trovo giusto invadere lo spazio dei lettori. Secondo, ritengo il confronto un vero balsamo della democrazia, quindi fin quando non si sfocia in insulti o attacchi personali, totale libertà di espressione. Ma li leggo i commenti, quasi sempre. Perché mi aiutano a capire dove ho sbagliato e dove la mia analisi è stata manchevole o... Continua a leggere

Prosegue senza sosta il festival degli unicorni, sia in Usa che in Europa. Mentre la già fallita Russia..

Di Mauro Bottarelli , il - 33 commenti

Dunque, a che punto siamo con la famosa ripresa economica? Occorre domandarselo seriamente, perché quando anche i media cosiddetti autorevoli prendono atto dei “deludenti dati Usa”, allora le scelte sono due: o si va contrarian o ci si mette il cuore in pace, prendendo atto che la faccenda sta diventando seria. Questo grafico ci mostra su quali solidissimi dati sottostanti si basi il rally di mercato, mentre quest’altro è ancora più inquietante: stando alla Fed, per il... Continua a leggere

Altro che Austria, qui è tutta Europa che alza muri e chiude confini. E la Germania si spinge oltre

Di Mauro Bottarelli , il - 58 commenti

Dunque, facciamo il punto sulla questione migranti. Dopo l’incontro tra il ministro dell’Interno, Angelino Alfano e il suo omologo austriaco, Wolfgang Sobotka, il dramma del muro al Brennero pare essersi formalmente ridimensionato. Il titolare del Viminale, infatti, ha prima promesso un rafforzamento dei controlli verso il confine con l’Austria (forse allora a Vienna non avevano tutti i torti) ma poi ha spavaldamente detto che “l’Italia non si fa spaventare da un... Continua a leggere

La ricetta di Soros per l’Europa: più immigrazione. Ma nell’ombra cresce l’area grigia del radicalismo

Di Mauro Bottarelli , il - 57 commenti

“In Libia ci sono un milione di potenziali migranti. Aiutando il Paese a ricostruire il tessuto economico, agricolo ed industriale, queste persone non avranno più ragione di muoversi”. Lo ha detto il generale Paolo Serra, consigliere militare dell’inviato speciale Onu in Libia, Martin Kobler, in audizione al Comitato Schengen, evidenziando un aumento delle partenze nel 2016 e come l’estrazione petrolifera in Libia sia scesa da 1,8 milioni a 300mila barili al giorno,... Continua a leggere

Attenti al colpo di coda del predatore ferito. Se Erdogan userà l’arma dei migranti, sarà la fine

Di Mauro Bottarelli , il - 35 commenti

Formalmente, è una bella notizia. Ieri sono stati infatti scarcerati Can Dundar ed Erdem Gul, direttore e caporedattore di Cumhuriyet, arrestati per un scoop su un presunto passaggio di camion di armi dalla Turchia alla Siria, dopo il quale Erdogan promise che avrebbero pagato un “caro prezzo”. Uscendo dal carcere, Dundar ha detto “ci dispiace avervi fatto aspettare tanto. Lo sapete, oggi è il compleanno del presidente Erdogan. Siamo felici di celebrarlo con questa... Continua a leggere

Allarmi radioattivi, petrolio e indipendenza curda. L’Iraq entra in pieno nel risiko mediorientale

Di Mauro Bottarelli , il - 9 commenti

Non so quanti di voi si ricordino del cartone animato di Superman e soprattutto del suo refrain: “E’ un uccello! E’ un aereo!, No, è Superman!”. Bene, quanto accaduto mercoledì in Turchia con l’attentato che ha reclamato quasi 30 morti in un complesso militare nel centro di Ankara è molto simile: è un bomba, no un’autobomba, no è un kamikaze. Casualmente, un profugo siriano. Il quale, pur essendo un attentatore suicida, aveva le mani curate come se... Continua a leggere

La Grecia torna d’attualità. Ma il vero Paese basato sul debito sono gli Usa

Di Mauro Bottarelli , il - 6 commenti

Syriza ha vinto nuovamente le elezioni in Grecia e quindi da oggi, dopo essere scomparsa dai radar dei media per settimane, Atene tornerà prepotentemente all’attenzione di tutti. E, con essa, il suo debito. Da un lato i cali dei rendimenti registrati nelle ultime tre settimane fanno pensare che qualcuno ritenga di nuovo quella ellenica una scommessa valida, dall’altro il nuovo piano di salvataggio deve ancora superare parecchi scogli formali con i creditori. Insomma, probabile... Continua a leggere

Il risiko e gli unicorni delle Banche centrali ci schianteranno. Ma Kuroda ride

Di Mauro Bottarelli , il - 8 commenti

Sulle Borse mondiali splende il sole da quando il capo della Fed di New York ha deciso di levare la maschera e dire chiaro e tondo che a settembre l’unica cosa che si alzerà saranno i bicchieri per brindare allo scampato pericolo di un ritorno al minimo sindacale di normalità monetaria. Peccato però che proprio ieri un qualcosa sembrava poter riportare l’argomento sul tavolo, vista la revisione del Pil Usa del secondo trimestre, salito dal 2,3% al 3,7%, superando il consensus... Continua a leggere

Le manovre cinesi sull’oro (fisico) e sul debito Usa. Qualcosa si muove

Di Mauro Bottarelli , il - 37 commenti

Ohibò, chi è quel simpaticone che ieri mattina a mercati pressoché chiusi a livello globale ha scaricato un nozionale di 2,7 miliardi di dollari su futures aurei, portando a un flash crash sostanziatosi in un calo del 4,2% a quota 1086 dollari l’oncia, il livello più basso dal marzo 2010 e trasportando in ribasso tutti i metalli preziosi? E, altra coincidenza, quando Wall Street aveva chiuso da pochi minuti, ecco altri 550 milioni di nozionale scaricati da una manina misteriosa e... Continua a leggere

Le grandi manovre cinesi sugli Usa. E un sospetto sulla bolla equity

Di Mauro Bottarelli , il - Replica

Attenzione, forse qualcosa si muove nel verso giusto nell’economia Usa. Nella fattispecie un comparto chiave, il real estate. Dopo il dato deludente del mese scorso di aprile riguardo le vendite di case già esistenti (-3,3%), come ci mostra questo grafico, nel mese di maggio è stato registrato un aumento del 5,1%, battendo le attese di un +4,4% e si è raggiunta quota 5,35 milioni, il tasso più alto di vendite dal novembre del 2009, al termine cioé del programma di salvataggio... Continua a leggere

Usa-Cina ai ferri corti. Ma, per ora, sottotraccia

Di Mauro Bottarelli , il - 2 commenti

Scomodare Sun-Tzu e “L’arte della guerra” questa volta non è eccessivo. Anche perché i conflitti più importanti, quelli davvero destinati a cambiare il corso del tempo, avvengono sempre sottotraccia, in silenzio. E quella in atto proprio ora tra Cina e Usa entra a pieno diritto nel novero delle dispute alla fine delle quali solo uno potrà proclamarsi vincitore, quasi certamente senza la necessità di sparare nessun colpo: la finanza è l’arma migliore. Per... Continua a leggere

Belgio: avanza la penetrazione islamista tra la disattenzione generale

Di lafayette70 , il - 3 commenti

La notizia è di quelle che dovrebbero far rabbrividire perfino un paese aduso a vantare le  proprie credenziali di padrino nobile dell’integrazione europea. Non una grande mercanzia di questi tempi, ammettiamolo. Ma guai a dirlo al belga medio, da un cinquantennio almeno, fautore della chimera federalista continentale e araldo del politicamente corretto in ogni sua declinazione. E così anche l’indiscrezione secondo la quale la foresta delle Ardenne, paradiso selvaggio del piccolo regno,... Continua a leggere

In Belgio disoccupazione per il 22.4% dei giovani

Di Ticino Live , il - Replica

Secondo gli ultimi dati dell’Ufficio Statistico dell’Unione Europea, in Belgio la disoccupazione giovanile è ancora in ascesa: attualmente il 22,4% dei minori di 25 anni non ha un lavoro. Il quotidiano belga De Morgen scrive che “la sorpresa è che l’aumento più sensibile riguarda le persone più qualificate e istruite. L’istruzione superiore non è più garanzia di lavoro. Nelle Fiandre l’aumento medio del tasso di disoccupazione è dell’8% e tra i laureati sale al... Continua a leggere

Belgio: l’agonia di un mostriciattolo istituzionale

Di lafayette70 , il - 1 commento

  In un’intervista concessa al quotidiano spagnolo “El Pais” il Primo Ministro belga, Elio Di Rupo, ha tessuto le lodi del nuovo arrivato all’Eliseo, il suo compare di fede socialista François Hollande. Lo ha fatto in maniera quasi misticheggiante come si trovasse innanzi ad una provvidenziale e salvifica epifanìa celeste venuta in terra “a miracol mostrare” e , soprattutto, a risolvere la crisi mortale del vecchio continente. Come noto il  criminale... Continua a leggere

Belgio: fine della crisi o inizio della fine?

Di lafayette70 , il - 2 commenti

Nota di Rischio Calcolato: Un grande ritorno sulle colonne di Rischio Calcolato…lafayette 70 E finalmente governo fu! Dopo oltre 570 giorni di crisi politico-istituzionale, infatti, il Belgio avrà, presumibilmente da lunedì, un esecutivo nuovo di zecca guidato da Elio di Rupo, esperto mestierante socialista, uscito indenne da una sciarada interminabile che avrebbe potuto abbattere chiunque. Non questo virtuoso della mediazione, capace di far accordare i principali partiti del paese su... Continua a leggere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi