Archivi per tag: Bruxelles

Mentre guardavamo a Bruxelles, Trump trionfava in Georgia. E a Ryad scattava il ribaltone pro-Putin

Di Mauro Bottarelli , il - 98 commenti

Immagino che tutti voi abbiate fatto in tempo, prima di andare a dormire ieri sera, ad apprendere la notizia dell’attacco alla stazione centrale di Bruxelles, il cui esito – fortunatamente – è stato analogo a quello di Parigi: è morto solo l’attentatore. Anzi, è stato ucciso. Nei primi, concitati momenti del fatto, si sapevano soltanto due cose: l’uomo in questione avrebbe indossato una cintura esplosiva e l’area circostante la stazione era in lockdown... Continua a leggere

Zona euro : rischio di non conformita’ per il bilancio di otto paesi

Di Ticino Live , il - 1 commento

La Commissione europea ritiene che otto paesi della Zona euro presentano un rischio di non conformità con il patto di stabilità e di crescita dell’UE. Mercoledì 16 novembre, la Commissione europea ha respinto le previsioni di bilancio per il 2017 presentate da Italia, Spagna, Portogallo, Belgio, Finlandia, Slovenia, Cipro e Lituania. Secondo Bruxelles, questi bilanci potrebbero portare a uno scarto significativo con gli obiettivi del patto di stabilità e di crescita europeo. Per... Continua a leggere

Imposte per le imprese al 10 % . La carta vincente di Theresa May

Di Ticino Live , il - Replica

Il primo ministro britannico Theresa May lavora a un piano per ridurre della metà le imposte a carico delle società e farle passare dal 20% al 10%, scrive il Sunday Times. In questo modo, malgrado il Brexit, le imprese sarebbero ancora interessate a stabilirsi o a rimanere nel Regno Unito, anche se i vertici dell’Unione europea mantengono le minacce di un Brexit Hard, cioè di una separazione che obbligherebbe il paese a un commercio con l’UE secondo le regole... Continua a leggere

Nizza, Parigi, Bruxelles: i veri kamikaze

Di JLS , il - 46 commenti

“MES CHERS COMPATRIOTS……” aveva esordito il galletto valle spluga dell’eliseo, in occasione delle stragi di Parigi. I suoi burocrati staranno scrivendo in queste ore concitate, il nuovo appello alla legalitè, libertè, fraternitè e nto culo attè, per Nizza. Quello che non è cambiato è il galletto valle spluga. I veri kamikaze sono in tutta europa, e non stanno nelle periferie disagiate e neppure nelle moschee e neppure sui tir o nei bataclan. I veri kamikaze,... Continua a leggere

Mentre la Polonia invoca la Nato contro Mosca, Budapest emette debito in yuan e cerca Putin

Di Mauro Bottarelli , il - 12 commenti

Era l’11 aprile scorso, quando il Comitato europeo dei diritti sociali, un organismo del Consiglio d’Europa, rendeva nota una nuova pronuncia sull’applicazione della Legge 194 sull’interruzione volontaria di gravidanza. Il Comitato ha stabilito che l’Italia “viola il diritto alla salute delle donne” che vogliono abortire, poiché esse incontrano “notevoli difficoltà” nell’accesso ai servizi, anche per l’alto numero di medici... Continua a leggere

A Bruxelles e Parigi, all’opera il Grande Illusionista

Di Maurizio Blondet , il - 86 commenti

Almeno sappiamo che Mason Wells non è un “crisis actor”. I media ci hanno detto che questo  mormone di 19 anni rimasto ferito all’aeroporto di Bruxelles, era anche a Boston il giorno dell’attentato alla maratona, ed era a Parigi il novembre scorso, nel giorno dei mega attentati  al Bataclan e Café Voltaire.  Sì, a Boston c’era con la famiglia nel 2013, era andato a vedere la mamma che faceva la maratona, poi ci fu l’esplosione,  in una via vicina (dice il papà). Ma a Parigi... Continua a leggere

Se la retorica europeista sfrutta il terrore per coprire i suoi fallimenti. E la fine che ci attende

Di Mauro Bottarelli , il - 29 commenti

Non so voi ma mi ha fatto impressione il modo in cui tutti i mezzi di informazione italiani, televisioni in testa, hanno trattato la vicenda delle sette studentesse morte in un incidente stradale in Spagna. Persino Enrico Mentana, uno che dal suo tg ha statutariamente (e giustamente, visto che altri tg sembrano “Chi l’ha visto” o la D’Urso) eliminato la cronaca, ha dedicato i primi 17 minuti (su 30 totali) del telegiornale di lunedì sera al fatto. Di più, Bruno Vespa... Continua a leggere

Il nemico del mio nemico è mio amico. Una legge che, in Siria come in Yemen, crea soltanto mostri

Di Mauro Bottarelli , il - 3 commenti

“Oggi le comiche” non è niente di fronte alla palese incapacità del potere statunitense di nascondere le proprie operazioni speciali nelle aree più calde del mondo. Non so se sapete che lo scorso settembre di fronte al Congresso si tenne l’audizione del generale Lloyd Austin, capo del Central Command (CENTCOM) e del sottosegretario alla Difesa, Christine Wormuth, riguardo al famigerato programma “Train and equip” per i ribelli siriani e al suo stato di... Continua a leggere

Qualche cifra e qualche domanda sul “terrorismo”. Mentre cantiamo la Marsigliese

Di Mauro Bottarelli , il - 8 commenti

Penso che per mettere in prospettiva l’intera situazione esplosa con gli attacchi terroristici a Parigi (con il cotè di panico generalizzato in tutta Europa, l’allarme ad Hannover, l’assedio e il coprifuoco a Bruxelles e l’assalto all’hotel in Mali) basterebbe questo grafico, il quale sintetizza l’intera follia del momento. Oddio, follia mica tanto, perché se gli indici azionari corrono lo fanno per un motivo: e le guerre sono quasi meglio degli unicorni... Continua a leggere

Immigrazione, Svezia e Islam: qualche cifra per ragionare e capire

Di Mauro Bottarelli , il - 97 commenti

Il tema dell’immigrazione non cessa di riempire le pagine dei giornali e i servizi dei telegiornali e, in effetti, la sua proporzione e il suo impatto sono di quelli storici, tanto che oggi a Bruxelles si terrà l’ennesimo – inutile – vertice europeo di emergenza (talmente urgente che è stato indetto una settimana fa). Al di là delle ideologie e delle convinzioni di ognuno, un tema così va affrontato con freddezza e razionalità ma anche scevri da buonismi emotivi,... Continua a leggere

Belgio: avanza la penetrazione islamista tra la disattenzione generale

Di lafayette70 , il - 3 commenti

La notizia è di quelle che dovrebbero far rabbrividire perfino un paese aduso a vantare le  proprie credenziali di padrino nobile dell’integrazione europea. Non una grande mercanzia di questi tempi, ammettiamolo. Ma guai a dirlo al belga medio, da un cinquantennio almeno, fautore della chimera federalista continentale e araldo del politicamente corretto in ogni sua declinazione. E così anche l’indiscrezione secondo la quale la foresta delle Ardenne, paradiso selvaggio del piccolo regno,... Continua a leggere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi