Archivi per tag: Destabilizzazione

Le molestie a Westminster, Russiagate in spolvero e la mafia del Berlusca. Tutto ora, tutto insieme…

Di Mauro Bottarelli , il - 36 commenti

Sicuramente mi sbaglio, ossessionato come sono dalla teoria del complotto. Però, c’è qualcosa di strano nel timing che ha visto emergere, contemporaneamente, tre fronti destabilizzanti per altrettanti scenari politici. Al netto della querelle catalana, ormai sprofondata nel farsesco, mi pare davvero strano quanto sta accadendo. Ricorderete che la settimana scorso scrissi di come alcune strane usciti dal fronte UE mi lasciassero prefigurare un accerchiamento di Theresa May finalizzato a... Continua a leggere

L’Isis è superato, ora occorre trasformare in realtà l’incubo mediatico del mostro della porta accanto

Di Mauro Bottarelli , il - 63 commenti

Per essere stata la peggior strage con armi da fuoco della storia americana, diciamo che la copertura mediatica è stata un po’ leggerina. Tutti i talk del mattino, infatti, hanno incentrato la loro attenzione sullo sciopero generale in Catalogna, il mercato del lavoro e la strisciante campagna destabilizzatrice sui quesiti per l’autonomia di Lombardia e Veneto, da qualche giorni declinati ovunque in contrapposizione Nord-Sud. Forse 59 morti e 527 feriti non sono più sufficienti a... Continua a leggere

La stupidità di Rajoy ha trasformato un fallimento annunciato in uno spartiacque. Cui prodest, però?

Di Mauro Bottarelli , il - 166 commenti

Queste righe potrebbero diventare vecchie e inutili nel momento in cui le starete leggendole, sono i rischi di scrivere su argomenti in divenire come il voto catalano di oggi. Al netto della cronaca, sono due le notizie degne di nota: in tutto il Paese, i Mossos d’Esquadra non sono intervenuti per sgomberare i seggi, hanno fatto finta di niente e girato i tacchi tra gli applausi della gente. Secondo, a Girona, nel seggio in ci avrebbe dovuto votare il presidente catalano, Carles... Continua a leggere

Irma è stata dolce ma ora torna lo spauracchio coreano o crolla tutto. E attenzione a Bitcoin..

Di Mauro Bottarelli , il - 116 commenti

Al netto dei danni materiali, ingenti ma ancora da quantificare nella loro entità reale e mettendo le situazioni in prospettiva, l’uragano Irma si è rivelato la proverbiale tempesta in un bicchiere d’acqua: ad oggi, i morti negli USA sono 11 (7 in Florida, 3 in Georgia e 1 nel South Carolina), mentre a Livorno, per un nubifragio, se ne contano 8. I toni utilizzati, dai media come dalle autorità statunitensi, negli ultimi giorni sono stati realmente apocalittici, addirittura con... Continua a leggere

Metà della popolazione mondiale vive in Stati con più agenti privati che polizia: vi sentite garantiti?

Di Mauro Bottarelli , il - 45 commenti

Quando si parla di controllo sociale, si fa presto a scadere nel complottismo. E, spesso, a spacciare per vere delle sesquipedali idiozie che squalificano, in automatico, qualsiasi lettura alternativa di fenomeni come, ad esempio, l’allarme terroristico che ha mutato sottotraccia molte dinamiche sociali e politiche in Europa. Grazie alla proroga fino al 1 novembre dello stato di emergenza, ad esempio, Emmanuel Macron potrà far passare la sua draconiana legge sul lavoro senza scioperi di... Continua a leggere

A Barcellona manca solo un idraulico moldavo, poi il cast è al completo. Ma il segnale è arrivato

Di Mauro Bottarelli , il - 201 commenti

C’è una sola cosa che mi sento di dirvi senza timore di smentita: anche dopo la peggior notte di bisboccia, il mattino dopo ho sempre fornito versioni dell’accaduto più lineari e credibili di quelle degli inquirenti spagnoli. Sempre. Magari sbiascicando ma mai inondando di cazzate il mio interlocutore come il fiume in piena di non-sense che arriva a getto continuo dalla Catalogna. Riassumo, per quanto sia riuscito a capirci qualcosa, per sommi capi. Attorno alle 5 del pomeriggio... Continua a leggere

E ora scaricano tutte le responsabilità sulle ONG. Solo per nascondere cosa faremo davvero in Libia

Di Mauro Bottarelli , il - 68 commenti

Evito di ripetervi per l’ennesima volta il mio parere sulle ONG e sul terzo settore in generale, mi limito a ricordare come – di fatto – il suo sviluppo esponenziale in parallelo al globalismo anni Novanta ne faccia uno strumento dello stesso, oltretutto piegato alla peggiore logica di dumping sociale: privatizzare, de facto, l’assistenza che lo Stato dovrebbe offrire ai suoi cittadini-contribuenti attraverso la logica del senso di colpa e delle donazioni private come... Continua a leggere

Fra Trump e Congresso è un gioco di specchi: qualcuno ha in mano il timone dell’America?

Di Mauro Bottarelli , il - 33 commenti

Verrebbe da dire che il mondo è impazzito, invece ci stanno solamente prendendo per il culo. E senza nemmeno degnarsi di usare un minimo di strategia, di stile, di riguardo verso la nostra intelligenza. Gli USA, ad esempio. Per l’esattezza questo, Our relationship with Russia is at an all-time & very dangerous low. You can thank Congress, the same people that can't even give us HCare! — Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 3 agosto 2017 ovvero l’ennesimo tweet di... Continua a leggere

La guerra tra mondialismo e identità deflagra in Vaticano: sui migranti si sceglie l’ordine o il caos

Di Mauro Bottarelli , il - 85 commenti

Alle 12.45 di un caldo martedì di metà agosto, mentre l’Italia brucia tra roghi e polemiche, ecco che l’ANSA spara una notizia flash: “BERLINO, 18 LUG – Sono almeno 547 i bambini che, nel corso di decenni, hanno subito violenze nel coro del Duomo di Ratisbona. E’ il risultato emerso dal rapporto finale presentato dall’avvocato Ulrich Weber, e divulgato dai media tedeschi. Stando al documento, 500 bambini hanno subito violenze corporali, e 67 anche violenze... Continua a leggere

L’indignazione del “chissà dove andremo a finire” genera mostri. Il governo Gentiloni ne è la riprova

Di Mauro Bottarelli , il - 38 commenti

Immagino che tutti voi abbiate visto quel capolavoro assoluto del cinema che è “Amici miei”, quindi se vi cito lo scherzo del vasino del Necchi non cascherete dalla nuvole. E come chiosò quell’atto di goliardia, il Perozzi? Chiedendosi retoricamente, cosa sia il genio e rispondendosi così: “E’ fantasia, intuizione, decisione e velocità di esecuzione”. In quel caso, fu riempire di cacca da adulto un vasino per bambini, gettando nel panico i genitori per... Continua a leggere

Amburgo è stata la “tempesta perfetta” del caos. Mentre qui va in scena l’antifascismo da arenile

Di Mauro Bottarelli , il - 39 commenti

I nodi vengono al pettine. E lo fanno velocemente. Nel mio articolo di ieri sottolineavo come Amburgo non potesse aver subito una tale devastazione da parte dei Black bloc, se non per una deliberata scelta di qualcuno di lasciare che questi ultimi scatenassero il caos. E non tanto per inviare un messaggio al grandi riuniti al G20 o per testare la reazione delle forze dell’ordine, quanto per mettere sotto pressione i cittadini: quanto sono in grado di accettare a livello di violenza e di... Continua a leggere

E’ un pazzo isolato! No, è un suprematista bianco! Sicuramente ha oscurato il caos NATO nel Baltico

Di Mauro Bottarelli , il - 76 commenti

Non so voi ma la quantità di stronzate che ho dovuto sentire nelle ultime due ore superano per intensità un’intera stagione di “Piazza pulita”. Nel giorno in cui iniziano i negoziati sulla Brexit, con il governo inglese più debole che mai dopo l’esito delle urne e la tragedia di Grenfell Tower e a soli tre giorni dall’anniversario dell’uccisione della deputata laburista, Jo Cox (16 giugno), per mano di un nazionalista anti-UE (del cui destino, come... Continua a leggere

Con voto bipartisan, il Senato USA dichiara guerra alla Russia. E ora Trump è indagato. Coincidenza?

Di Mauro Bottarelli , il - 91 commenti

Sono bastate poche ore, affinché i dubbi che ho espresso nell’articolo di ieri sera le prime, solide conferme. Mentre le condizioni del coordinatore repubblicano, Steve Scalise, si sono aggravate, passando da stabili a critiche dopo un lungo intervento chirurgico, ecco che il Deep State è partito al contrattacco: Donald Trump è indagato per ostruzione alla giustizia. La notizia è arrivata poco dopo le sei del pomeriggio di Washington (mezzanotte passata in Italia) e, nemmeno a dirlo,... Continua a leggere

Si fottano Amnesty, gli USA e Sky: Putin fa bene a reprimere. Fra dissenso e golpe, esiste differenza

Di Mauro Bottarelli , il - 96 commenti

Ve lo avevo detto la scorsa settimana: attenzione al 12 giugno e alle manifestazioni anti-corruzione che l’infiltrato di Soros in Russia, Alexei Navalny, ha organizzato in concomitanza con la festa nazionale, oltretutto premettendo che le stesse si sarebbero svolte anche senza il via libera delle autorità. Di fatto, già così – in base alle legge russa sulle manifestazioni pubbliche – il pasionario globalista poteva essere posto in stato di fermo, se la Russia fosse il... Continua a leggere

Non credete al Muppet Show degli USA. Dietro a fumo e specchi, c’è sempre una Siria senza Assad

Di Mauro Bottarelli , il - 36 commenti

Dunque, per cominciare facciamo il punto sullo stato di salute della politica americana, quella che da più parti viene indicata come il faro di democrazia cui l’Occidente dovrebbe tendere e guardare con ossequioso rispetto e deferente invidia. Il presidente Donald Trump, con stile vagamente irrituale, ieri ha definito l’ex capo dell’FBI, da lui licenziato il 9 maggio scorso, una “gola profonda” e un “bugiardo”, anticipando alla stampa – con... Continua a leggere

Comunque vada, sarà un disastro. Corbyn giura fedeltà a Merkel, la May vuole la “cura Ludovico”

Di Mauro Bottarelli , il - 36 commenti

Il giorno è arrivato. Mentre state leggendo questo articolo, i cittadini britannici stanno scegliendo il prossimo primo ministro, dopo la decisione di Theresa May dello scorso 19 aprile di indire elezioni anticipate, pur avendo soltanto 17 deputati di maggioranza. All’epoca il calcolo fu facile: i sondaggi davano i Tories con 22 punti di vantaggio sul Labour di Jeremy Corbyn, quindi l’alibi della necessità di avere un governo legittimato dalle urne e con una maggioranza stabile... Continua a leggere

Iran, un “inside job” post-elezioni? Una risposta al caos, forse, ce la daranno Turchia e Qatar. Presto

Di Mauro Bottarelli , il - 53 commenti

Attentatori sfuggiti ai controlli perché vestiti da donna e capaci di penetrare così nelle aree più protette della già ultra-cotrollata Teheran, ovvero il Parlamento e il mausoleo di Khomeini. Confusione totale su quanto stesse accadendo ma con le agenzie di stampa che trovavano fonti a bizzeffe per far filtrare che i deputati bloccati in aula, durante l’attacco, stessero cantando slogan contro l’America e l’Arabia Saudita. Uno dei membri del commando che, invece di... Continua a leggere

Manila è la nuova frontiera: attentato à la carte, scegli tu dinamica e finale. E rivendi(Katz)ione

Di Mauro Bottarelli , il - 39 commenti

Pensavo di averle viste e sentite tutte relativamente a “terrorismo” e sue espressioni ma da ieri abbiamo anche l’attentato à la carte. Un po’ come al ristorante, dove si sceglie ciò che si vuole mangiare dal menù, l’assalto al resort di Manila ci consente di scegliere varie opzioni: motivazione, rivendicazione, dinamica, epilogo, conseguenze e mandanti. Se fate caso alle informazioni che sono state diffuse, c’è di tutto: l’attentatore prima aveva... Continua a leggere

Cosa avete perso, mentre commentavate questa cagata? Forse, anche un pezzo di verità su Regeni

Di Mauro Bottarelli , il - 47 commenti

A volte ti rendi conto di come soltanto la freddezza riesce a salvarti dall’impazzimento generale. La giornata di ieri è stata caratterizzata da uno dei più brutali attentati dell’Isis (o chi per lei) in Afghanistan: un camion di quelli addetti agli spurghi delle fogne, stracarico di tritolo, è stato fatto esplodere nel quartiere delle ambasciate, controllatissimo. L’ultimo bilancio parla di 90 morti e oltre 300 feriti. Roba da apertura dei tg, in tempi di “allarme... Continua a leggere

Priorità è sabotare l’incontro Trump-Putin al G20. E da New York, arriva l’avviso all’Italia. Stile 2011

Di Mauro Bottarelli , il - 34 commenti

“Donald Trump ha forti relazioni con Angela Merkel, vanno d’accordo. Anzi, il loro rapporto è alquanto incredibile”. Parola del portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer, rispondendo ad una domanda sulle presunte frizioni tra i due leader. Di più, il presidente USA “vede non solo la Germania ma anche il resto dell’Europa come un importante alleato americano”. Distensione, dopo gli attacchi incrociati degli ultimi giorni? Chissà, di certo c’è che se... Continua a leggere

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi