Archivi per tag: eni

Che irrispettosa indifferenza per le balle di Biden: magari, un “botto” in Austria rafforzerà il concetto

Di Mauro Bottarelli , il - 70 commenti

Sicuramente ci diranno che è stata colpa di un operaio tabagista che non è stato in grado di attendere la pausa per fumarsi una sigaretta. O magari il più classico dei cortocircuiti. O un piccione kamikaze. O una malfunzionante fiamma pilota come per il frigorifero di “Fight club”. Per ora, si parla di “problemi tecnici e nessuna indicazione di terrorismo”. Sia come sia, il più grande hub per il gas naturale austriaco è stato messo fuori uso da un’esplosione... Continua a leggere

Repubblica punta Londra, Al Sisi va lasciato stare: alleluja, il caso Regeni è forse diventato politico?

Di Mauro Bottarelli , il - 31 commenti

A volte, i miracoli accadono. Così, dalla sera alla mattina. Ti svegli, prepari il caffè e mentre attendi il sibilo della caffettiera già con la sigaretta in bocca, la rassegna stampa del tg ti spara in faccia questo, senza nemmeno un minimo di preavviso. Cazzo, Al-Sisi non è più l’unico mostro al mondo, “Repubblica” ha capito che se si vuole davvero la verità sulla morte del giovane ricercatore occorre guardare anche Oltremanica! Alleluja, alleluja! Poi, con quel... Continua a leggere

Dopo la Libia, un’altra debacle sulle sanzioni USA alla Russia? Ma l’importante è incularci coi vitalizi

Di Mauro Bottarelli , il - 158 commenti

Ringalluzzita dalla richiesta di Al-Sarraj di navi italiane in acque libiche per contrastare il traffico di uomini, l’Italia rischia ancora una volta di arrivare drammaticamente in ritardo su una materia di priorità massima di politica estera. Ma si sa, qui conta la forma (in vista delle elezioni) e non la sostanza, quindi avanti con il teatrino. Al-Sarraj, di fatto, ci ha trattato come i parenti poveri, quelli che stanno un po’ sul cazzo e che cucinano male, il giorno di Natale: ... Continua a leggere

ONG nei guai? Scatta la cura Soros: nuovo piano d’accoglienza e campagna mediatica su misura

Di Mauro Bottarelli , il - 92 commenti

“C’è una massa di denaro destinata all’accoglienza dei migranti che attira gli interessi delle organizzazioni mafiose e dico questo sulla base di alcune risultanze investigative”. Lo ha dichiarato il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, in audizione alla Commissione Antimafia, sottolineando comunque come “sia sbagliato ritenere che la mafia operi dovunque, perché così rischiamo di aumentare l’aurea di onnipotenza”. Sarà, per me l’unica... Continua a leggere

I vendicatori “educati all’estero” del Delta del Niger tornano in azione. E il petrolio va in rally

Di Mauro Bottarelli , il - 3 commenti

Mercoledì il terminale petrolifero della Chevron a Escravos, nel delta del Nigeria, è stato attaccato da un gruppo di miliziani. I danni sono stati tali da aver azzerato del tutto l’operatività del sito e Zebo Auston, un cittadino che vive nei dintorni e che è stato intervistato dalla Reuters, ha confermato che “abbiamo sentito una potente esplosione vicino alla pipeline l’altra notte, provocata da un gruppo di miliziani ancora da identificare”. Non è vero, si sa... Continua a leggere

Lo scontro Schaeuble-Draghi sul QE nasconde la verità. E’ solo un salvataggio del mal-investment

Di Mauro Bottarelli , il - 5 commenti

E’ guerra, tutt’altro che sotterranea, tra Germania e Mario Draghi. Per l’esattezza, il conflitto è tra la “pancia” dei due partiti di centrodestra – CDU e CSU – capeggiati dal ministro delle Finanze, Wolfgang Schaeuble e il governatore della Bce. I primi attaccano le politiche espansive dell’Eurotower, soprattutto la scelta dei tassi negativi che a loro dire sta colpendo i risparmiatori tedeschi ma soprattutto la profittabilità delle potenti... Continua a leggere

Giustizia for dummies: come non onorare Regeni e compromettere i propri interessi economici

Di Mauro Bottarelli , il - 29 commenti

“Il richiamo per consultazioni a Roma dell’ambasciatore italiano in Egitto è la misura immediata, la prima”, a seguito della mancata collaborazione delle autorità egiziane sulle indagini per chiarire la morte di Giulio Regeni e, sugli altri passi, “ci lavoreremo nei prossimi giorni”. Parole e musica del ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, a Tokyo per partecipare al G7 di Hiroshima: “Ricordo sempre gli aggettivi che ho usato e cioè che adotteremo... Continua a leggere

Tutti chiedono verità per Giulio Regeni. Ma siamo proprio sicuri di volerla sapere? E a quale prezzo?

Di Mauro Bottarelli , il - 55 commenti

Era l’8 febbraio di quest’anno quando il New York Times rilanciava la notizia in base alla quale il caso Regeni sarebbe stato al centro degli incontri di alto livello, a Washington e a Il Cairo, tra esponenti dell’amministrazione Usa e del governo egiziano. “I colloqui diplomatici a Il Cairo e Washington questa settimana probabilmente contribuiranno a concentrare l’attenzione internazionale sulla morte del dottorando italiano il cui corpo, con segni di pesanti... Continua a leggere

Il Capodanno di Colonia come il vaso di Pandora: in Germania società e politica vanno in pezzi

Di Mauro Bottarelli , il - 24 commenti

Questa notizia non avrà le prime pagine dei giornali ma le meriterebbe ampiamente: domani, infatti, il primo ministro bavarese, Horst Seehofer, volerà a Mosca per incontrare Vladimir Putin in quello che viene visto come un viaggio di primo disgelo e la prova che Berlino ha bisogno di mantenere vivi i rapporti con la Russia. Horst Seehofer come Franz Josef Strauss, il quale nel 1987 volò nella capitale russa per incontrare Mikhail Gorbachev e ribadire l’importanza di creare un dialogo... Continua a leggere

Eni, Enel e Finmeccanica in vendita per risanare il debito dell’Italia

Di Ticino Live , il - 2 commenti

Per abbattere il debito pubblico, lo Stato italiano potrebbe mettere in vendita quote azionarie nelle proprie partecipate, incluse Eni, Enel e Finmeccanica. Lo ha rivelato il ministro italiano dell’Economia Fabrizio Saccomanni in un’intervista all’emittente Bloomberg Tv. “Ci stiamo pensando – ha dichiarato Saccomanni da Mosca, dove si trova per il G20 – Queste società sono redditizie e stanno fruttando dividendi a bilancio, pertanto dobbiamo valutare la... Continua a leggere

Toh! Le liberalizzazioni si fermano sul portone di banche e assicurazioni

Di Il Jester , il - Replica

Dopo averci massacrato con i balzelli e aver approntato un sistema di polizia fiscale degno della polizia segreta della Germania dell’Est di comunista memoria (Sallusti docet), ecco che arriva la sorpresa: le liberalizzazioni sono finite. Il governo ha colpito i notai, i tassisti, gli avvocati, i farmacisti e i loro presunti privilegi, e ora si ferma. Basta. Niente più liberalizzazioni. Non ce n’è più bisogno. Quanto si è potuto fare si è fatto. E non importa che siano state le... Continua a leggere

Un 6- alle liberalizzazioni di Monti

Di Federico Punzi , il - Replica

Anche su Notapolitica Ad una attenta lettura, al netto delle prime impressioni – influenzate positivamente dalla sua ampiezza e dal vantaggio comunicativo di cui ha goduto essendo licenziato nella serata di venerdì, per cui la copertura mediatica è stata fin da subito sapientemente orientata dalla conferenza stampa al termine del Cdm e dalle apparizioni di Monti in tv (8 e mezzo e In Mezz’ora) – il dl liberalizzazioni ottiene a stento la sufficienza (un 6-), cui arriva grazie allo... Continua a leggere

Eni: peloso di uno cane

Di Paolo Fiore , il - Replica

Per azzoppare un cane a sei zampe ce ne vuole. Tre mazzate così, però, l’Eni non le prendeva da tempo. E, in più, le ha beccate in appena due giorni, tra il 21 e il 22 giugno. Ieri Moody’s ha messo sotto osservazione il rating delle più grandi società italiane a partecipazione pubblica. Poco male: è un passo dovuto dopo la minaccia di declassare l’Italia. È vero: le agenzie di rating stanno perdendo di credibilità e sono spesso smentite. Non è una tragedia, ma è un segno. ... Continua a leggere

Etichette: , ,

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi