Archivi per tag: euro

L’indipendenza catalana e il suo Badoglio sono già finiti. Ora parliamo di cose serie, per favore?

Di Mauro Bottarelli , il - 132 commenti

Probabilmente verrà ricordata come la secessione interruptus. Sicuramente, come il caso di indipendenza sovrana più rapida del mondo. Roba da Guinness dei primati. La Repubblica catalana, proclamata giovedì scorso, è già finita. E il suo artefice scappato come un Badoglio qualsiasi in Belgio alla ricerca di esilio politico per evitare la galera: Bobby Sands sarebbe davvero fiero di lui e del suo coraggio. Quale esempio di sacrificio davanti all’ideale di un popolo! Oddio, proprio... Continua a leggere

Tutti autonomisti oggi, Braveheart ci fa una pippa! Ma saranno l’euro e le elites a disgregare gli Stati

Di Mauro Bottarelli , il - 65 commenti

Al bar, stamattina, nessuna sorpresa: mentre sorseggiavo il caffè e aspettavo che si liberasse un tavolino all’esterno per fumarmi una sigaretta in pace, gli argomenti erano solo due. L’arrocco vincente di Spalletti a Napoli e il crucifige di Montella e Bonucci, in base alle fazioni rossonere in campo. Dell’autonomia non fregava un beato cazzo a nessuno. In compenso, tornato a casa e acceso quell’infernale marchingegno chiamato tv, ecco che un mondo nuovo mi assaliva e... Continua a leggere

Auguri, buon cinquantamillesimo migrante a tutti! Ma tranquilli, in autunno salta il banco. Speriamo

Di Mauro Bottarelli , il - 104 commenti

Evviva! E poi dicono che l’Italia non ha i numeri. Stappate stasera, aprite lo champagne che tenete in frigo per le celebrazioni calcistiche o per le lauree di qualche congiunto, fate volar via il tappo della più prosaica birra o bevetevi un grappino alla salute dei 50mila migranti sbarcati sulle coste del nostro Paese da inizio anno. Anzi, per la precisione, 50.041. Sono soddisfazioni, non c’è che dire. E stavolta a confermare le cifre non è Frontex, quantomeno ballerino nelle... Continua a leggere

In attesa del verdetto, mi chiedo: se l’UE teme il “nazismo”, perché sta spianandogli il cammino?

Di Mauro Bottarelli , il - 55 commenti

Mentre scrivo, le urne sono ancora aperte in Francia per il ballottaggio delle presidenziali e il dato dell’affluenza delle 12 sembra giocare a favore di Emmanuel Macron. Ma non sono qui per fare previsioni, né tantomeno dietrologie sul misterioso Macronleaks scoppiato ad orologeria alla vigilia del voto. Questo articolo è un divertissement, come dicono i francesi, senza alcun rigore scientifico, né storico, né storiografico: è una serie di iperboli, di suggestioni per riflettere... Continua a leggere

Paesi Bassi. Inizia la stesura del rapporto per uscire dalla Zona euro

Di Ticino Live , il - 8 commenti

dal portale www.blognews24ore.com I Paesi Bassi starebbero pensando di abbandonare la Zona euro. Un gruppo di deputati olandesi ha chiesto la preparazione di un rapporto sul futuro della moneta unica, prima di un dibattito in Parlamento sull’opportunità di uscire dalla Zona euro. I lavori sono stati avviati a seguito di preoccupazioni riguardanti la politica dei tassi bassi attuata dalla Banca centrale europea e il suo impatto sui risparmiatori olandesi. Il rapporto dovrà anche immaginare... Continua a leggere

Theo Waigel: se uscite dall’Euro, la Germania crollerà!

Di Ticino Live , il - 10 commenti

da it.sputniknews.com Theo Waigel è stato per dieci anni Ministro delle Finanze di Helmut Kohl. Il 21 giugno scorso ha rilasciato un’intervista a T-Online. Questo è un estratto significativo delle sue dichiarazioni. Nota. Nell’intervista Waigel fa riferimento in primis all’Italia, ma le sue considerazioni restano valide anche in relazione ad altri paesi dell’UE. * * * Intervistatore: “I sondaggi sull’uscita dalla UE mostrano che se si chiedesse ai francesi e... Continua a leggere

Lo scontro Schaeuble-Draghi sul QE nasconde la verità. E’ solo un salvataggio del mal-investment

Di Mauro Bottarelli , il - 5 commenti

E’ guerra, tutt’altro che sotterranea, tra Germania e Mario Draghi. Per l’esattezza, il conflitto è tra la “pancia” dei due partiti di centrodestra – CDU e CSU – capeggiati dal ministro delle Finanze, Wolfgang Schaeuble e il governatore della Bce. I primi attaccano le politiche espansive dell’Eurotower, soprattutto la scelta dei tassi negativi che a loro dire sta colpendo i risparmiatori tedeschi ma soprattutto la profittabilità delle potenti... Continua a leggere

Se la retorica europeista sfrutta il terrore per coprire i suoi fallimenti. E la fine che ci attende

Di Mauro Bottarelli , il - 29 commenti

Non so voi ma mi ha fatto impressione il modo in cui tutti i mezzi di informazione italiani, televisioni in testa, hanno trattato la vicenda delle sette studentesse morte in un incidente stradale in Spagna. Persino Enrico Mentana, uno che dal suo tg ha statutariamente (e giustamente, visto che altri tg sembrano “Chi l’ha visto” o la D’Urso) eliminato la cronaca, ha dedicato i primi 17 minuti (su 30 totali) del telegiornale di lunedì sera al fatto. Di più, Bruno Vespa... Continua a leggere

L’agenda Davos contro il contante attende l’all-in di Draghi. L’unica speranza resta la Bundesbank

Ancora due giorni e il Consiglio direttivo della Bce sarà chiamato a dare risposte concrete al ritorno della deflazione nell’eurozona, come certificato la scorsa settimana dall’Eurostat. Si amplierà la platea degli assets eligibili per il QE, includendo muni-bond e magari anche sofferenze bancarie o debito subordinato? Si scenderà ulteriormente in negativo sui tassi di deposito, arrivando a -0,40%? Nell’attesa di scoprire le mosse di Mario Draghi, mettiamo un attimo in... Continua a leggere

La farsa è finita, il Re della ripresa Usa è nudo. E con le Borse a picco, ora si rischia davvero il botto

Di Mauro Bottarelli , il - 35 commenti

James Bullard questa volta non è bastato. Il mini-rally avviato giovedì dalla sua scoperta dell’acqua calda (“Prima o poi il petrolio arriverà a un bottom”) è durato solo un giorno e ieri i mercati si sono letteralmente schiantati al suolo dopo che, come vi avevo anticipato, la quasi certezza del via libera all’export iraniano ha affossato ancora il prezzo del greggio e fatto toccare agli spread dei junk bond energetici il massimo storico, come ci mostra questo... Continua a leggere

L’ultima del Governo Renzi: se per un caffè devo usare il bancomat

Di Davide Mura , il - 19 commenti

Che questo fosse un Governo simpatizzante delle banche e della virtualizzazione della moneta (con tutte le implicazioni che ciò comporta), è un dato ormai assodato. E certo non basta innalzare il tetto dell’uso dei contanti (di appena 2000 euro), se poi si obbligano baristi e giornalai a installare un POS perché i consumatori possano utilizzare il bancomat per pagare il caffè e il giornale. Il motivo ufficiale è dare ulteriori strumenti di pagamento ai cittadini per i beni di... Continua a leggere

Quello che non ci dicono. Costituzione e Trattati Europei sono insanabilmente in contrasto.

Di Davide Mura , il - Replica

Propongo uno stralcio del documento dell’Associazione Riconquistare la Sovranità (ARS) che evidenzia un aspetto poco conosciuto dei rapporti tra l’Italia e l’Unione Europea: l’incompatibilità tra la nostra Costituzione e i trattati europei ai quali l’Italia ha (troppo spesso) acriticamente aderito, limitando la propria sovranità economica e monetaria. Il modello di disciplina dei rapporti economici prefigurato dai Trattati Europei è irrimediabilmente in... Continua a leggere

Etichette: , , ,

Le ragioni dell’Europa sull’accoglienza dei migranti: sono una risorsa

Di Davide Mura , il - Replica

Juncker, il Commissario Europeo, davanti al Parlamento UE, ha fatto un discorso sullo stato dell’Unione iniziato con le toccanti parole dell’emotivismo. Bisogna accogliere i migranti – ha detto – perché tutti siamo stati, nella storia, dei rifugiati in Europa. E poi, aggiunge: “abbiamo i mezzi e gli strumenti per aiutare chi fugge da guerra e oppressione… L’Europa nonostante le divergenze interne tra gli Stati è il continente più stabile e ricco... Continua a leggere

Le manovre cinesi sull’oro (fisico) e sul debito Usa. Qualcosa si muove

Di Mauro Bottarelli , il - 37 commenti

Ohibò, chi è quel simpaticone che ieri mattina a mercati pressoché chiusi a livello globale ha scaricato un nozionale di 2,7 miliardi di dollari su futures aurei, portando a un flash crash sostanziatosi in un calo del 4,2% a quota 1086 dollari l’oncia, il livello più basso dal marzo 2010 e trasportando in ribasso tutti i metalli preziosi? E, altra coincidenza, quando Wall Street aveva chiuso da pochi minuti, ecco altri 550 milioni di nozionale scaricati da una manina misteriosa e... Continua a leggere

Stoccolma, abbiamo un problema! E’ fallito il QE

Di Mauro Bottarelli , il - 10 commenti

Era l’11 febbraio scorso quando, nella sorpresa generale dei mercati, la Banca centrale svedese (Riksbank) tagliò i tassi di interesse sotto zero e lanciò il suo programma di QE per combattere la deflazione. Il tasso benchmark fu abbassato a -0,10% e fu annunciato un programma di acquisto di assets, cui se fosse stato necessario sarebbero seguite ulteriori azioni per evitare la trappola deflattiva in stile giapponese. Riksbank, la Banca centrale più antica del mondo, presentò la sua... Continua a leggere

Laffer e la Campionessa del Mondo (di Dimensioni Deretanali e Cattivo Gusto nel Vestire)

Di Marco Tizzi , il - 110 commenti

Gli studi di Laffer sulla tassazione e gli introiti dello Stato hanno le caratteristiche che preferisco quando si tratta di macroeconomia: – sono coerenti con quello che accade a livello microeconomico; – sono poggiati su basi logiche; – non sono numerici, non contengono cioé formule magiche; e sono molto semplici e facilmente comprensibili. I miei stuidi indipendenti e antiaccaddemici di economia politica mi hanno insegnato che quando qualcosa è troppo complicato significa... Continua a leggere

Il governatore della Banca di Francia minaccia di abbandonare il dollaro

Di Ticino Live , il - 2 commenti

La multa di 10 miliardi di dollari inflitta dagli Stati Uniti al colosso bancario francese BNP Paribas per presunta violazione dell’embargo economico americano in Iran, Sudan e Cuba, ha fatto reagire Christian Noyer, presidente del Consiglio di amministrazione della BIS (Bank of international settlements) e governatore della Banca di Francia. In un’intervista alla rivista economica francese “Investir” a Noyer era stata posta la domanda “Il ruolo del dollaro... Continua a leggere

Il Grande Gioco delle Previsioni 2014, girone d’andata

Di Marco Tizzi , il - 23 commenti

Ad inizio anno avevamo lanciato il Grande Gioco delle Previsioni 2014. E’ tempo di un primo bilancio, dopo un semestre (il semestre a Tizziland finisce il 4 giugno, ovvero quando mi ricordo che dovevo scrivere queste righe). Iniziamo col nostro ospite, che si era buttato in un vaticinio a tutto campo: POLITICA – vero, non siamo andati a votare per le politiche. E non ci andremo, ve lo preannuncio, per tutto l’anno. – non c’è stato nessun attacco della... Continua a leggere

Buongiorno Merde

Di Marco Tizzi , il - 112 commenti

Buongiorno merde, come va? Sì, dico a voi. A voi politici e a tutta la pletora di parassiti scrocconi che vi portate in giro con la lingua infilata su per il vostro ignobile culo. A voi che siete convinti di possedere il potere miracoloso di decidere come dobbiamo vivere la nostra vita. Come va questa mattina? Siete sicuramente lì a ragionare sui numeri che sono usciti dalle urne in quel ridicolo spettacolo che sono le elezioni, in particolare queste per eleggere un parlamento europeo che non... Continua a leggere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi