Archivi per tag: Fascismo

Catalogna: out. Rosatellum: out. Ora pensiamo alle cose serie: chi vince il derby domenica sera?

Di Mauro Bottarelli , il - 102 commenti

Quando ci sono momenti come quello che stiamo vivendo, gravidi di pochi appuntamenti ma capaci di catalizzare l’attenzione di media e opinione pubblica, utilizzo il mio termometro sociale personale, ovvero il bar. Se vuoi capire che aria tira, nel mondo anglosassone dicono di chiedere ai taxisti. Io ascolto i discorsi al bancone del bar. E stamattina, vi assicuro, del Rosatellum-bis non fregava un cazzo nemmeno allo spremiagrumi. Il “Corriere della Sera” era gettonato solo... Continua a leggere

Ma i difensori delle donne sono ancora in ferie o aspettano il primo stupro compiuto da un italiano?

Di Mauro Bottarelli , il - 118 commenti

Ma quanto cazzo è grande il diametro del cerchio che si sta stringendo attorno al branco di Rimini? Parecchio pare, visto che gli inquirenti sembrano in possesso di tutto: identificazione del trans peruviano (me ne fotto se il politically correct dice che va declinato al femminile, ha il cazzo quindi per me è maschile), novero ristretto di ricercati, persino identità visto che la stampa parla di soggetti regolari, cresciuti addirittura nella cittadina romagnola e noti per attività... Continua a leggere

Avrei tante cose da dire a quelli de “L’Espresso” ma una le sintetizza tutte: vi serve un esorcista

Di Mauro Bottarelli , il - 74 commenti

Attenzione gente, proseguite la lettura di questo articolo a vostro rischio e pericolo. Qui non stiamo parlando di far annullare un torneo di calcetto di beneficienza perché “nazista” o far denunciare un mitomane di imprenditore balneare (garantendogli contestualmente di triplicare la clientela), quella di cui parliamo oggi è roba forte, un allarme civile di prima grandezza. Oggi parliamo di questo, ovvero del numero de “L’Espresso” che sarà in edicola domani... Continua a leggere

Non lamentiamoci di Macron, se perdiamo tempo a caccia di fascisti e fake news o a censurare libri

Di Mauro Bottarelli , il - 75 commenti

Stamattina, guardando le prime pagine di tre dei principali quotidiani italiani, non si rischia di perdersi in un dedalo di interpretazioni: la Francia di Emmanuel Macron ci ha umiliati sulla questione libica e il risentimento del governo è palpabile. Tanto più che, come non bastasse l’intesa parigina, è di ieri anche la notizia dell’ultima, colossale presa per il culo dell’UE verso il nostro Paese: in onore alla politica del contentino, ecco infatti che il presidente... Continua a leggere

Altri 7mila migranti in arrivo in un Paese con 4,7 milioni di poveri. Allora ve lo cercate, il fascismo?

Di Mauro Bottarelli , il - 166 commenti

Dlin dlon, bollettino dei naviganti. O meglio, cronache di un’invasione annunciata. Dall’ANSA di oggi: “La nave Vos Prudence di Medici senza Frontiere, con 935 migranti a bordo, e’ attraccata questa mattina intorno alle sette al Molo Manfredi di Salerno. Ultimate le operazioni di questo 21esimo sbarco sulle coste salernitane, si procederà al trasferimento dei migranti tenuto conto del Piano Nazionale di Riparto. Centocinquanta verranno accolti in struttura della... Continua a leggere

Alla Digos era sfuggita una spiaggia fascista, l’ha scovata “Repubblica”. A seguire, il nazi-calzolaio?

Di Mauro Bottarelli , il - 129 commenti

Ci sono giorni in cui il Dio del giornalismo svela al mondo la sua grandezza e onnipotenza, sfoderando la sua spada di verità e giustizia e facendola scintillare al sole. Ieri è stato uno di quei giorni. Grazie a “La Repubblica” e al suo filone di inchieste sul neofascismo in Italia – capace finora di svelare un casale del Varesotto dove (in una ventina) idolatrano il Terzo Reich, tentare di far sospendere un torneo di calcetto per raccogliere fondi contro la pedofilia e... Continua a leggere

Lista fascista al 10% nel Mantovano: Repubblica e Boldrini li staneranno tutti e 334. Come Brad Pitt

Di Mauro Bottarelli , il - 110 commenti

Altro che tracollo dei Cinque Stelle. Altro che scintille tra Berlusconi e Salvini per stabilire chi c’è l’ha più lungo e merita la candidatura a premier. Altro che il bipolarismo (inteso come comportamento e disturbo della personalità) di Matteo Renzi, il quale nell’arco di una notte è passato dall’inciucio sul tedeschellum con Berlusconi al corteggiamento verso Pisapia, praticamente come definirsi vegano, mentre si prepara il fucile per andare a caccia. In Italia,... Continua a leggere

I guai del Paese? La maglia di Piola e il calendario di Mussolini. Servirebbe il 118 ma arriverà il 113

Di Mauro Bottarelli , il - 52 commenti

Ormai è un’ossessione. No, non mi riferisco a quella presunta di Ferruccio De Bortoli verso Matteo Renzi ma a quella di sempre più ampi di settori della politica e della cosiddetta società civile verso qualsiasi riferimento al fascismo. Di colpo, ci sono fascisti ovunque: ogni albero, ogni automobile parcheggiata, ogni panchina del parco nasconde manipoli di camicie nere. Di più, se per caso non sposi la narrativa dell’accoglienza, sei da mettere al bando in nome... Continua a leggere

Domenica questa fotografia compirà 40 anni. Ne scatteremo presto di simili con lo smartphone?

Di Mauro Bottarelli , il - 66 commenti

Oggi ricorrono 40 anni dall’uccisione della studentessa Giorgiana Masi, freddata da un colpo di pistola alle spalle nel corso dei violenti scorsi scoppiati tra polizia e manifestanti dopo il divieto nei confronti di una manifestazione del Partito Radicale. Quel giorno di quaranta anni fa esatti, la Repubblica dopo aver perso la verginità con le stragi di Milano e dell’Italicus, perse anche l’anima. Non era più solo strategia della tensione, era una strategia di controllo... Continua a leggere

Partigiani per Juncker, Boldrini che stalkerizza Zuckerberg e altre amenità: viva il 25 aprile!

Di Mauro Bottarelli , il - 101 commenti

Della serie, italiani che con il loro acume danno lustro al Paese. Ospite a La7, il giurista e già ministro della Giustizia del governo Prodi, Giovanni Maria Flick, ieri mattina ha così commentato un servizio sull’adunata della Lega Nord a Verona a sostegno dell’istituto della legittima difesa: “Forse Salvini ha scelto il palazzetto e non le celebrazioni in piazza del 25 aprile, perché non poteva festeggiare la vittoria della Le Pen”. Quindi, a parere di Flick,... Continua a leggere

Lo psicodramma del 25 aprile come metafora di un Paese che usa il passato. Per paura dell’oggi

Di Mauro Bottarelli , il - 42 commenti

Da domani la Francia occuperà, come è giusto che sia, la gran parte delle analisi politiche e non solo, alla luce del risultato del primo turno delle presidenziali. Per questo mi sono ritagliato un po’ di tempo in attesa del verdetto per riflettere, il più possibile a sangue freddo e pacatamente, su quanto sta accadendo nella mia città – ma anche a Roma – alla vigilia del 25 aprile. Non so voi ma ritengo questa data non l’emblema dell’unità del Paese ma della... Continua a leggere

La signorina Silvani del politically correct, alias Laura Boldrini, scrive a Facebook. E sogna la DDR

Di Mauro Bottarelli , il - 34 commenti

Immagino che tutti voi conosciate la signorina Silvani, il personaggio della saga di Fantozzi interpretato da Anna Mazzamauro. La Silvani è il grande amore – non ricambiato – del tragicomico ragioniere, il quale è totalmente soggiogato dal suo fascino ed è prono ad ogni sua richiesta. Ma anche gli altri colleghi della megaditta sbavano per lei, tanto che sposerà il geometra Calboni. La Silvani è, a mio modo di vedere, l’archetipo della mediocrità che la serie di film... Continua a leggere

Sky licenzia il fascista Di Canio. In compenso, educa l’Italia con l’edificante esempio di Gomorra

Di Mauro Bottarelli , il - 271 commenti

Vi chiedo scusa anticipatamente per questo post, perché sono conscio che viviamo in un mondo che sta andando letteralmente a rotoli e quindi occorre darsi delle priorità nel trattare le tematiche. Ma è più forte di me, la vicenda che ha visto protagonista Paolo Di Canio è talmente paradossale e ipocrita che merita di essere discussa, rivelandosi di fatto come la metafora perfetta di questo Paese. Come anche le pietre sanno, l’ex calciatore di Lazio e West Ham ha simpatie di estrema... Continua a leggere

Riflessioni sparse su fascismo, nazionalismo e sovranismo

Di Davide Mura , il - Replica

In Italia è facile confondere nazionalismo e fascismo. Si potrebbe dire che nel dopoguerra, i due termini sono diventati interscambiabili. Chi propugna e sostiene idee e tesi nazionaliste, automaticamente viene definito (tutt’oggi) fascista. Ma la realtà è ben più complessa: non esiste identità fra i due significati. Si può semmai asserire, senza ombra di dubbio, che il fascismo, quale esperienza storico-politica, ha presentato una forte caratterizzazione nazionalista e... Continua a leggere

Etichette: ,

Pisapia “ignora” i caduti delle RSI. Neanche Moratti e Albertini arrivarono a tanto. Ora aspettiamo le Foibe

Di Il Jester , il - Replica

L’ideologia comunista – si sa – è una brutta bestia da sconfiggere, soprattutto quando uno ci è immerso fino al collo. E questo è appunto il caso del Sindaco meneghino, Giuliano Pisapia, che dopo aver aperto le porte di Milano ad abusivi e immigrati clandestini, il 4 novembre scorso (giorno della commemorazione del milite ignoto e delle forze armate) si è recato nel cimitero milanese per onorare il sangue dei vincitori (i partigiani e chi lottò per liberare l’Italia dal nazismo),... Continua a leggere

Le bugie e le mezze verità dei libri di scuola italiani sulla storia del mondo… e dell’Italia

Di Il Jester , il - Replica

A pensar male si fa peccato, ma troppo spesso ci si azzecca. Poi se si tratta di storia travisata, con ampie e allegre omissioni, frasi criptiche, narrazioni storiche che diventano verità etiche, beh, allora si può benissimo affermare che il peccato è davvero grosso, grasso e rosso. Rosso come il campo in cui svetta la falce e il martello, che in Italia – sappiamo – ha «okkupato» la cultura e la formazione, come i romani un tempo occuparono mezza Europa. Perché questo post. La verità... Continua a leggere

Fascismo: il convitato di pietra

Di lafayette70 , il - Replica

La letteratura storica sul fascismo ha raggiunto dimensioni colossali e si può dire che tutti gli aspetti di questo fenomeno  siano stati analizzati con acribia dal fior fiore degli studiosi di scienze sociali.  Naturalmente le interpretazioni divergono spesso in maniera eclatante, variando dalla demonizzazione all’apologia. Non è certamente questa la sede adatta a riprendere gli infiniti esiti della ricerca ed i riverberi che gli stessi hanno avuto sulla polemica politica, sin dal primo... Continua a leggere