Archivi per tag: Gladio

Dal Nürburgring a Londra, passando per Torino: prove tecniche di paura permanente. E di regime

Di Mauro Bottarelli , il - 58 commenti

C’è un filo rosso che unisce quanto accaduto a Londra l’altra notte con gli avvenimenti di Piazza San Carlo a Torino: la paura. Uno stato mentale, prima che un allarme concreto. Se infatti nella capitale britannica la paura aveva il volto reale di un furgone bianco sulla folla del London Bridge e di tre uomini vestiti di nero – “Sembravano drogati, colpivano a caso e dicevano che era per Allah”, racconta un superstite – che menavano fendenti con coltellacci... Continua a leggere

Domenica questa fotografia compirà 40 anni. Ne scatteremo presto di simili con lo smartphone?

Di Mauro Bottarelli , il - 66 commenti

Oggi ricorrono 40 anni dall’uccisione della studentessa Giorgiana Masi, freddata da un colpo di pistola alle spalle nel corso dei violenti scorsi scoppiati tra polizia e manifestanti dopo il divieto nei confronti di una manifestazione del Partito Radicale. Quel giorno di quaranta anni fa esatti, la Repubblica dopo aver perso la verginità con le stragi di Milano e dell’Italicus, perse anche l’anima. Non era più solo strategia della tensione, era una strategia di controllo... Continua a leggere

La Cia spia tutti? Francamente ho più paura di una diciottenne in reggiseno per rivendicare i “diritti”

La notizia è nota: WikiLeaks ha reso noto l’1% della sua nuova inchiesta denominata “Anno Zero” e ribattezzata “Vault 7”, un dossier dal quale abbiamo ottenuto alcune conferme, soprattutto alla luce del “no comment” opposto dall’agenzia Usa alla pubblicazione. Primo, con il programma Weeping Angel, elaborato dagli americani insieme ai britannici, le tv Samsung collegate alla Rete sono messe in posizione “spenta” e diventano sistemi... Continua a leggere

Sono complottista? Ok, accettate la mia sfida. Leggete cosa accadde in Belgio e poi riflettete

Di Mauro Bottarelli , il - 95 commenti

Come avete notato non intervengo nei commenti ai miei articoli, per due motivi. Primo, RischioCalcolato mi offre la possibilità di dire la mia, quindi non trovo giusto invadere lo spazio dei lettori. Secondo, ritengo il confronto un vero balsamo della democrazia, quindi fin quando non si sfocia in insulti o attacchi personali, totale libertà di espressione. Ma li leggo i commenti, quasi sempre. Perché mi aiutano a capire dove ho sbagliato e dove la mia analisi è stata manchevole o... Continua a leggere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi