Archivi per tag: Isis

Capisco l’amarezza di FunnyKing ma meglio tesi vergognose che i panopticon dei vari Severgnini

Di Mauro Bottarelli , il - 115 commenti

Ho letto e riletto il post molto risentito e sdegnato pubblicato ieri da FunnyKing riguardo la Catalogna. Non ho intenzione di introdurmi nel dibattito molto acceso che ha generato, sia perché sul tema mi sono già espresso (e non ho cambiato idea), sia perché trovo che sia altra la questione importante che quelle parole, a tratti molto amare, hanno sollevato: l’atmosfera da Guelfi e Ghibellini che questo mondo ormai ci impone. Al dialogo e al confronto sono subentrati lo scontro e... Continua a leggere

Ma se i media russi erano così pericolosi, perché Twitter offriva loro gli spazi con il 15% di sconto?

Di Mauro Bottarelli , il - 16 commenti

Dunque, un dipendente incazzato di Twitter ha disattivato per 11 minuti l’account di Donald Trump.. Occorrerebbe premiarlo. Già, perché se normalmente il presidente USA è un grafomane social da competizione, dopo l’attacco a Manhattan la patologia è peggiorata. E di molto. Come d’altronde la piega dell’approccio statunitense alla questione. Dopo l’attacco alla green card tramite lotteria, ecco che il presidente si è lanciato nella rivendicazione di fatto... Continua a leggere

L’americano medio si preoccupa di avere un tetto sulla testa. Per questo serve la paura permanente

Di Mauro Bottarelli , il - 62 commenti

Ho accuratamente evitato di seguire i dibattiti dei talk-show sull’attacco a Manhattan oggi ma so che erano ovunque, grazie a un rapido zapping. Analisti strategici dappertutto, come se piovesse: ormai la difficoltà è trovare un idraulico bravo, non uno che ti dice come l’ISIS sia ancora una minaccia enorme, soprattutto i suoi imprevedibili lupi solitari (in effetti ci vogliono laurea e master per dichiarare che un radicalizzato fuori di testa è un po’ complicato da... Continua a leggere

Torna ISIS, torna Rita Katz, torna la paura: occorre deprimere ancora un po’ la democrazia negli USA

Di Mauro Bottarelli , il - 64 commenti

I dati di fatto sono quattro. Primo, torna ad essere colpita Manhattan, dopo l’11 settembre. Secondo, gli analisti già parlano di un salto di qualità, definendo l’attacco di ieri su “modello europeo”, ovvero un pazzo o radicalizzato che si lancia sulla folla con un mezzo di trasporto in un giorno di festa e non più un uomo che si mette a sparare con armi pesanti, di fatto una risposta diretta all’appello dell’ISIS a colpire i civili, utilizzando armi non... Continua a leggere

Trump si gioca la carta della fuffa su Kennedy: forse la quiete prima della tempesta sta finendo

Di Mauro Bottarelli , il - 111 commenti

“Pur essendo soggetto a ricevere ulteriori informazioni, consentirò, come presidente, la divulgazione dei documenti su JFK a lungo bloccati e classificati”: Donald Trump ha annunciato su Twitter la sua intenzione di rendere pubblici migliaia di documenti sulla morte di John Fitzgerald Kennedy, uno dei più grandi misteri d’America, a pochi giorni dalla scadenza che lo obbliga a decidere sul mantenimento o meno della segretezza degli atti. Il 26 ottobre scade infatti il... Continua a leggere

Las Vegas è stata una false flag ad uso interno: privatizzare la sicurezza contro i troppi Paddock

Di Mauro Bottarelli , il - 115 commenti

Ormai la notizia è passata in cavalleria, quasi non se ne parla più: motivo in più per dubitare della versione ufficiale. Parliamoci chiaro: la sparatoria di Las Vegas, la peggior strage con armi da fuoco della storia USA, è stata un’enorme false flag di stile hollywoodiano ma, rispetto al passato, per la prima volta è stata unicamente ad uso interno, per questo sta spiazzando tutte le narrative cronachistiche fuori dagli States. Non la capiamo e continuiamo ad arrovellarci attorno... Continua a leggere

Oro, Catalogna, Balcani e Siria: tutti i silenziosi messaggi della Russia. Che converrebbe ascoltare

Di Mauro Bottarelli , il - 98 commenti

Scuserete la divagazione iniziale sul tema dell’articolo ma ne vale la pena. Alcuni sviluppi sul caso Las Vegas. Il primo fa riferimento al piccolo dubbio che ho avanzato nel mio articolo di stamattina: Stephen Paddock, l’autore della strage, aveva con sé al Mandalay Bay Hotel qualcosa come 23 tra fucili e pistole contenuti in 10 valige. Nessuno si è accorto di nulla, nemmeno un sospetto. Questo nonostante l’uomo fosse arrivato in albergo giovedì, tre giorni prima della... Continua a leggere

L’Isis è superato, ora occorre trasformare in realtà l’incubo mediatico del mostro della porta accanto

Di Mauro Bottarelli , il - 63 commenti

Per essere stata la peggior strage con armi da fuoco della storia americana, diciamo che la copertura mediatica è stata un po’ leggerina. Tutti i talk del mattino, infatti, hanno incentrato la loro attenzione sullo sciopero generale in Catalogna, il mercato del lavoro e la strisciante campagna destabilizzatrice sui quesiti per l’autonomia di Lombardia e Veneto, da qualche giorni declinati ovunque in contrapposizione Nord-Sud. Forse 59 morti e 527 feriti non sono più sufficienti a... Continua a leggere

Il franchising del terrore offre di tutto, dall’Isis alla “pura malvagità”. Abbiate paura e niente domande

Di Mauro Bottarelli , il - 123 commenti

Hanno corso i titoli delle aziende produttrici di armi oggi a Wall Street. I 58 morti e 515 feriti dello shhot-out di Las Vegas hanno messo le ali ai primi beneficiari del Secondo Emendamento e di una delle principali battaglie incastonate nella campagna elettorale di Donald Trump, la libertà di possedere armi da fuoco. E rialzi del genere, nell’era Obama, avevano un senso: a ogni strage, il presidente prometteva un giro di vite. Quindi, le gente si fiondava a comprare pistole e fucili... Continua a leggere

Catalogna for dummies: senza caos in UE, come può la BCE comprare questa merda a fine corsa?

Di Mauro Bottarelli , il - 60 commenti

E’ inutile che stia a farvi resoconti di quanto accaduto in Catalogna ieri, visto che tg e giornali non parlano d’altro. Sono quattro i numeri che contano: 42, 90, 800 e 40. Ovvero, avrebbe votato il 42% degli aventi diritto, il “Sì” avrebbe prevalso con il 90% circa, oltre 800 sarebbero i feriti negli scontri e una quarantina quelli che sarebbero ricorsi alle cure sanitarie, ovvero ospedalizzati. Insomma, quattro numeri che ci dicono tutto e il contrario di tutto. Nel... Continua a leggere

Pianeta Terra chiama Mentana e Goracci: i soldati USA nelle aree di Al-Nusra non sono una notizia?

Di Mauro Bottarelli , il - 155 commenti

Più passa il tempo e più sento il richiamo del bosco, citando la sintesi del principio di ribellione di Ernst Junger. Sopporto sempre meno, indulgo sempre meno. Non mi ritrovo in un mondo che sembra non voler vedere quanto stia realmente accadendo e, per quieto vivere o ignoranza (e non so cosa sia peggio), si beve come un alcolizzato bugie sparse a profusione e con stragistica magnitudo dalla cosiddetta “stampa autorevole”. Un ultimo esempio, innocuo ma esemplificativo. Tutti i... Continua a leggere

Abbiamo un nuovo, rassicurante volto della paura e i soldati per le strade. Per un bidone in fiamme

Di Mauro Bottarelli , il - 231 commenti

Quando il 3 giugno scorso, un furgone bianco si scagliò sulla folla del sabato sera a Tower Bridge, prima di certificare che si trattasse di un atto di terrorismo, Scotland Yard attese che l’azione si spostasse a Borough Market. Minuti e minuti. Questo, nonostante la dinamica dell’accaduto e i testimoni che parlarono fin da subito di un commando armato di coltelli sceso dal van dopo l’impatto e intento a menar fendenti sui passanti, inneggiando ad Allah. Ieri, sono bastati... Continua a leggere

Metà della popolazione mondiale vive in Stati con più agenti privati che polizia: vi sentite garantiti?

Di Mauro Bottarelli , il - 45 commenti

Quando si parla di controllo sociale, si fa presto a scadere nel complottismo. E, spesso, a spacciare per vere delle sesquipedali idiozie che squalificano, in automatico, qualsiasi lettura alternativa di fenomeni come, ad esempio, l’allarme terroristico che ha mutato sottotraccia molte dinamiche sociali e politiche in Europa. Grazie alla proroga fino al 1 novembre dello stato di emergenza, ad esempio, Emmanuel Macron potrà far passare la sua draconiana legge sul lavoro senza scioperi di... Continua a leggere

SuperCiuk molla l’Ucraina e apre a Putin, proprio mentre Mosca salva la sua MPS. Botto in vista?

Di Mauro Bottarelli , il - 212 commenti

“Vorrei riflettessimo su migliori relazioni con la Russia. Questo dipende dalla Russia e da noi. Ma non c’è sicurezza europea, per il secolo a venire, senza Mosca. Occorrerà, senza rinunciare ai nostri valori e ai nostri principi, che si ritrovi con la Russia un dialogo più adeguato all’avvenire che ci sta davanti”. Chi ha detto queste parole, l’altro giorno? Jean-Claude Juncker, numero uno della Commissione UE. Ma non basta. “Pochi giorni fa ho sentito... Continua a leggere

Nuova campagna siriana per ONU e Amnesty ma la pace Qatar-Iran dice che qualcosa è cambiato

Di Mauro Bottarelli , il - 32 commenti

Della Siria, si sa, non frega più un cazzo a nessuno. Sparita dai tg, sparita dalle intemerate di sedicenti giornalisti e intellettuali. Se la gioca a livello di interesse generale con lo Yemen, quindi siamo alle soglie del feticismo estremo. D’altronde, quando la tua narrativa perde colpi di fronte all’avanzare della realtà, ci sono due alternative: alzare la posta della scommessa o abbandonare il tavolo da gioco. La mordacchia mediatica è la versione moderna e vigliacca della... Continua a leggere

Sbarchi? Spariti. Morbillo? Sparito. Crisi in Qatar? Sparita. Si vive di emergenza politica, non di realtà

Di Mauro Bottarelli , il - 217 commenti

A volte, ciò che ci manca è davvero è un minimo di prospettiva. Prendete la questione terrorismo, tanto in voga in questi giorni e sempre in prima pagina sui quotidiani. Mentre ieri pomeriggio tutti gli occhi erano indirizzati verso un vigneto nella provincia profonda di Barcellona, da Mosca facevano sapere che l’intera provincia di Aleppo era stata liberata completamente dall’Isis. Libera. L’aeronautica militare russa ha compiuto 316 raid negli ultimi cinque giorni, in... Continua a leggere

Barcellona e la Overton Window: devi temere l’Isis, non un’Italia dove si muore a 23 anni per una TAC

Di Mauro Bottarelli , il - 262 commenti

La notizia è freschissima, di poche ore fa e l’ha comunicata il capo della polizia catalana in persona, José Luis Trapero: sulla rambla ha agito un’unica persona. Quindi, addio al commando. E a un sacco di altre cazzate che ci hanno venduto nelle ultime 24 ore, talmente pregne di conferme e smentite da tramutare l’azione dell’amministrazione Trump in un moloch di coerenza sovietica. Andiamo un po’ così, alla rinfusa: questo collage è stato diffuso dalla... Continua a leggere

A Barcellona manca solo un idraulico moldavo, poi il cast è al completo. Ma il segnale è arrivato

Di Mauro Bottarelli , il - 201 commenti

C’è una sola cosa che mi sento di dirvi senza timore di smentita: anche dopo la peggior notte di bisboccia, il mattino dopo ho sempre fornito versioni dell’accaduto più lineari e credibili di quelle degli inquirenti spagnoli. Sempre. Magari sbiascicando ma mai inondando di cazzate il mio interlocutore come il fiume in piena di non-sense che arriva a getto continuo dalla Catalogna. Riassumo, per quanto sia riuscito a capirci qualcosa, per sommi capi. Attorno alle 5 del pomeriggio... Continua a leggere

Invocate Lepanto per il velo della Mogherini ma chiedete agli stranieri di conformarsi: io vi amo

Di Mauro Bottarelli , il - 19 commenti

Tutto mi sarei aspettato nella vita ma non di dover difendere Federica Mogherini. Ben inteso, continuo a ritenerla una miracolata senza alcun qualità, finita a fare la ministro degli Esteri europea per pure lotte di potere all’interno del PD e quindi totalmente fuori luogo ma trovo assurda la polemica, soprattutto social, scatenatasi dietro la sua scelta di presentarsi a capo coperto alla cerimonia di insediamento di Hassan Rohani in Iran. Ne ho sentite di tutti i colori: tradisce lo... Continua a leggere

Che idea i visti a tempo! Vienna chiude tutto e la Francia, in stato di emergenza, ci si pulisce il culo

Di Mauro Bottarelli , il - 112 commenti

Non c’è limite al peggio. Sembrava impossibile ma, parlando di questione migranti, siamo passati dallo schiaffo preventivo stile Tallinn all’auto-schiaffone, tanto per non perdere tempo. Ovvero, pestiamo la merda appena fatta da soli, così per abbreviare l’attesa della figuraccia di turno. Perché una cosa è essere sfanculati da cinque o sei ministri dell’Interno UE, un’altra è essere smentiti da Angelino Alfano: a quel punto, anche il residuo di dignità... Continua a leggere

RC Facebook

RC Twitter

RC Video

Licenza

Creative Commons License Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione 2.5. In particolare la pubblicazione degli articoli e l'utilizzo delle stessi è possibile solo indicando con link attivo l'indirizzo di questo blog (www.rischiocalcolato.it) oppure il link attivo dieretto all'articolo utilizzato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi